Settembre 2005

Il Parlamento cubano rende tributo alle vittime di Katrina
1.9 - Il Parlamento cubano ha iniziato il suo quinto periodo di sessioni della sesta legislatura con l'approvazione di una dichiarazione di solidarietà con le vittime che l'uragano Katrina ha provocato nel sud degli Stati Uniti. E' stato questo il primo punto del giorno della riunione, presieduta dal Presidente Fidel Castro. La dichiarazione di solidarietà con il popolo degli Stati Uniti e con le autorità degli stati di Louisiana, Mississippi e Alabama è stata approvata con un minuto di silenzio in omaggio alle vittime. Il mondo intero deve sentire questa tragedia come propria, afferma il testo.

Cuba intraprende un vasto programma di costruzione delle abitazioni
1.9 - Cuba intraprende un vasto programma di costruzione delle abitazioni per recuperare i danni di ripetuti uragani e per rispondere al deficit delle abitazioni nell'isola, ha reso noto il Vicepresidente cubano Carlos Lage Dávila. L'alto funzionario è intervenuto al plenario dell'Assemblea Nazionale del Poder Popular. Ha segnalato che tra quello che resta dell'attuale anno e il 2006 saranno costruite 150.000 abitazioni ed eseguite 380.000 interventi per la conservazione e il ripristino di immobili. Questo programma richiede un ampio piano di investimenti e di risorse sia in moneta nazionale sia in valuta, per recuperare e ampliare la produzione di materiali da costruzione e il loro trasporto.

Ricatto di un terrorista alla giustizia nordamericana
1.9 - Il terrorista Luis Posada Carriles è ricorso al ricatto per evitare la possibilità di essere estradato dagli Stati Uniti. Durante un'udienza davanti al giudice dell'immigrazione William Lee Abbott, Posada ha ritirato una richiesta di asilo negli Stati Uniti e si è appellato all'Accordo Internazionale di Protezione contro la Tortura. L'avvocato difensore Matthew J. Archambeault ha comunicato al magistrato Lee Abbott che il suo difeso non desiderava continuare a testimoniare per "evitare di pregiudicare temi sensibili di sicurezza degli Stati Uniti e di altri paesi". In una conferenza stampa l'avvocato ha affermato che il terrorista "sa molto e se parla potrebbe essere dannoso per l'FBI, la CIA e il Governo nordamericano in generale".

Cuba insignita con l'Ordine della Democrazia
1.9 – A Bogotà, la Camera dei Rappresentanti della Colombia ha insignito la Repubblica di Cuba con l'Ordine della Democrazia Simón Bolívar nel grado di Gran Croce, per la collaborazione prestata nella formazione accademica di centinaia di giovani colombiani. Il presidente di questa corporazione del Congresso colombiano, Julio Gallardo, ha consegnato l'alta distinzione all'Ambasciatore di Cuba a Bogotà, Luis Hernández, che in questi giorni conclude la sua missione diplomatica in questa nazione andina. "Questo è uno dei modi per avvicinare colombiani e cubani e per stringere legami tra i nostri popoli, che tanto si ammirano e si rispettano", ha evidenziato Gallardo.

Fidel Castro: Cuba disposta a inviare aiuto medico immediato agli Stati Uniti
2.9 - Il Presidente Fidel Castro ha offerto agli Stati Uniti l'invio immediato di 1.100 medici di grande esperienza internazionale e medicinali e apparecchiature per diagnosi necessarie per aiutare le vittime dell'uragano Katrina. Il Capo di Stato ha partecipato questo pomeriggio al programma della televisione cubana Tavola Rotonda Informativa, dedicata alla drammatica situazione in vari stati degli Stati Uniti a causa del passaggio di un devastante uragano. Fidel Castro ha detto che il 30 agosto scorso, alle ore 11.32 della mattina, ora locale, ha dato istruzioni al Ministro degli Esteri, Felipe Pérez Roque, di trasmettere al Governo statunitense le condoglianze per le perdite umane provocate dal ciclone. In quel momento, ha precisato, si ignorava ancora la catastrofe umana e materiale in Louisiana, Mississipi e Alabama. Il messaggio, trasmesso quello stesso giorno sia dal Ministero degli Esteri di La Habana, sia dall'Ufficio di Interessi di Cuba a Washington, alle autorità statunitensi, indicava la disposizione di inviare in quegli stati i medici e il personale sanitario necessari, come pure tre ospedali da campo e il personale per il loro funzionamento.

Gli Stati Uniti devono far finire la farsa ed estradare il terrorista
2.9 - L'avvocato statunitense di origine cubana José Pertierra ha affermato che gli Stati Uniti devono rispettare gli accordi internazionali ed estradare il noto terrorista Luis Posada Carriles in Venezuela. In un'intervista telefonica per il programma informativo cubano Tavola Rotonda, Pertierra ha precisato che l'unico testimone apparso nell'udienza di Posada a El Paso, in Texas, è stato Joaquín Chaffardet. Costui era segretario generale della Direzione dei Servizi di Intelligence e Protezione (DISIP), la polizia di sicurezza del Venezuela, in epoca quando Posada lavorò lì. Pertierra ha spiegato che è facile controbattere la testimonianza del vecchio torturatore Chaffardet, se esistesse la minima volontà di farlo. Sulla richiesta di estradizione per Posada Carriles, Pertierra ha sottolineato il fatto che gli Stati Uniti devono procedere a estradarlo in Venezuela e sospendere immediatamente la farsa del processo immigratorio.

L'offerta di aiuto agli Stati Uniti riflette l'umanità di Cuba
3.9 – L'offerta di aiuto medico immediato agli Stati Uniti per le vittime dell'uragano Katrina, fa parte dei principi umani della Rivoluzione cubana. Offrendo al Governo degli Stati Uniti l'invio di 1.100 medici nei prossimi due giorni, come aiuto umanitario per la tragedia causata negli Stati Uniti dal potente fenomeno meteorologico, il Presidente Fidel Castro ha ricordato la rapida risposta solidale di Cuba alle nazioni che ne hanno avuto bisogno. La Rivoluzione cubana ha l'umanità e la pratica della solidarietà tra i principi fondamentali della sua opera creativa, e nonostante le controversie politiche e ideologiche ha mantenuto una posizione comune di fronte ai diversi eventi successi nel mondo. Il Capo di Stato ha partecipato ieri al programma della televisione cubana Tavola Rotonda Informativa, dedicato alla drammatica situazione in vari stati degli Stati Uniti per il passaggio dell'uragano Katrina.

Cuba pronta a iniziare l'anno scolastico
3.9 - Cuba è pronta a iniziare il prossimo lunedì l'anno scolastico 2005-2006, con un'iscrizione generale di 2.914.000 alunni. I centri docenti del paese sono stati riparati, perfino quelli danneggiati dall'uragano Dennis, e si stanno dando anche i tocchi finali ai collegi, la base materiale dello studio, ai pannelli solari, ai computer, ai televisori e ai video. Nell'orientale Santiago di Cuba sono pronte 1.061 scuole elementari, quelle che riceveranno da lunedì oltre 78.000 bambini. Quel giorno apriranno lì le loro porte 76 asili infantili, 48 scuole dell'educazione speciale e 3 per bambini con particolari problemi. Al centro-sud di Cuba, a Cienfuegos, oltre 80.000 alunni dal pre-scolastico fino all'educazione degli adulti sono pronti per cominciare il periodo di lezione.

Fidel Castro a Montego Bay per il Vertice di Petrocaribe
5.9 - Il Presidente di Cuba, Fidel Castro, è arrivato oggi a Montego Bay, città balneare della Giamaica, per partecipare al primo Vertice di Petrocaribe, meccanismo di integrazione promosso dal Presidente venezuelano, Hugo Chávez. Il Presidente cubano è arrivato alle 16:16, ora locale, all'aeroporto internazionale Donald Sangster ed è stato ricevuto dal Ministro di Stato Wykeham McNeill. La delegazione di Cuba è composta dal Vicepresidente Carlos Lage, dal Ministro degli Esteri Felipe Pérez Roque, dal direttore della Banca Centrale di Cuba, Francisco Soberón, e dal Ministro di Governo Ricardo Cabrisas. Il primo Vertice di Petrocaribe avrà luogo questo martedì all'hotel Ritz Carlton, di questa città, situata a circa 180 chilometri a nord-ovest di Kingston, la capitale. Durante la costituzione di questo meccanismo di integrazione, a Puerto La Cruz, in Venezuela, Fidel Castro aveva affermato di sentirsi ottimista su come si stia avanzando verso un'integrazione comprendendo fattori differenti, ma – ha affermato - sono sicuro del successo.

Cuba ribadisce l'offerta di aiuto medico agli Stati Uniti
5.9 - Il Presidente Fidel Castro ha ribadito la disposizione di Cuba ad aiutare le vittime dell'uragano Katrina, nonostante le autorità di Washington continuino a non rispondere all'offerta dell'isola. Fidel Castro si è riunito ieri sera con 1.586 medici che avevano zaini con medicine e strumenti essenziali per esercitare il loro lavoro in condizioni di emergenza, come quelle che vi sono nei territori colpiti dall'uragano negli Stati Uniti. Ha indicato che Cuba sta compiendo il suo impegno, confermato dalla rapida costituzione della forza medica per dare aiuto ai danneggiati da Katrina negli stati di Louisiana, Mississippi e Alabama. Ha precisato che per la sua vicinanza ai territori colpiti, Cuba era in grado di inviare 1.100 medici per salvare vite in pericolo, anche se il numero della lista è poi cresciuto fino a 1.586. Sono passate 48 ore e non abbiamo ricevuto alcuna risposta alla nostra offerta. Aspetteremo pazientemente i giorni che saranno necessari, ha precisato.

Chiamata 'Henry Reeve' la brigata medica di aiuto agli Stati Uniti
5.9 - Il Presidente cubano, Fidel Castro, ha dato il nome di 'Henry Reeve' alla brigata medica approntata per aiutare le vittime dell'uragano Katrina negli stati nordamericani di Lousiana, Mississippi e Alabama. Henry Reeve è stato un patriota statunitense che ha combattuto nelle file dell'esercito di liberazione cubano durante la guerra di indipendenza contro la Spagna nel secolo XIX, e che si è distinto per il suo valore. Quasi invalido per le ferite riportate in combattimento, l'internazionalista nordamericano morì a Yaguarama, nella provincia centro-meridionale cubana di Cienfuegos.

Negato il visto ad Alarcón per partecipare alla riunione dell'Unione Interparlamentare
5.9 – Il Governo degli Stati Uniti ha rifiutato la concessione del visto al Presidente del Parlamento cubano, Ricardo Alarcón, per partecipare alla riunione dell'Unione Interparlamentare (UIP), che inizia oggi a New York. In un'intervista, pubblicata a La Habana, Alarcón ha affermato che è un insulto all'Organizzazione delle Nazioni Unite e all'UIP il comportamento delle autorità statunitensi. Nelle sue dichiarazioni ha definito questo gesto grossolano, di mala fede e del carattere reazionario dell'Amministrazione di George W. Bush. Ha commentato che questo sembra essere uno dei primi contributi contro Cuba di John Bolton, che sta già operando come Ambasciatore degli Stati Uniti all'ONU. Alarcón, secondo il quotidiano, ha riferito che venerdì scorso il Dipartimento di Stato ha comunicato ufficialmente il suo rifiuto a farlo entrare negli Stati Uniti in qualità di Presidente dell'Assemblea Nazionale del Poder Popular, adesso per la seconda volta per partecipare a un dibattito simile.

Patterson elogia l'umanità di Fidel Castro
6.9 – Il Primo Ministro della Giamaica, Percival Patterson, ha elogiato il Presidente di Cuba, Fidel Castro, per la sua storia di generosità umana nonostante le enormi sfide. Inaugurando il Vertice di Petrocaribe, a Montego Bay, in Giamaica, Patterson ha lasciato da parte il protocollo e ha interrotto il suo discorso in inglese per continuarlo in spagnolo, esprimendo al Presidente cubano la gratitudine per quello che Cuba fa per il resto delle nazioni. Non ci sono parole per esprimere la gratitudine, è un onore riceverlo qui in Giamaica, ha detto in spagnolo il Primo Ministro interrompendo un discorso scritto. Permettetemi di elogiare, ha aggiunto, il Presidente Fidel Castro, la cui storia di generosità umana non è mai diminuita nonostante le grandi sfide che ha affrontato il suo Governo e il suo popolo negli ultimi cinquant'anni. Allo stesso tempo, ha fatto riferimento al programma che permetterà a Cuba, con la sua avanzata capacità nel settore della salute, di prestare in Giamaica un trattamento speciale alle persone con poche risorse.

Il Presidente del Parlamento cubano denuncia la violazione degli Stati Uniti
6.9 - Il Presidente del Parlamento cubano, Ricardo Alarcón, ha segnalato che gli Stati Uniti violano obblighi contratti come sede dell'ONU, impedendo la partecipazione cubana alla Seconda Conferenza Mondiale dei Presidenti dei Parlamenti, prevista questa settimana a New York. Un'altra volta il Governo di Washington viola gli obblighi contratti come sede delle Nazioni Unite e insulta l'Unione Interparlamentare (UIP) e l'ONU, ha denunciato Alarcón in una lettera diretta al segretario generale dell'UIP, Anders Johnsson, ripresa oggi dalla stampa cubana. La storia si ripete, esprime nella lettera. La Prima Conferenza ha avuto luogo a New York nel settembre del 2000, e allora, come ora, è stata impedita la partecipazione della rappresentanza cubana a causa dell'arbitraria decisione degli Stati Uniti.

Cuba protesta all'ONU per il rifiuto dei visti alla delegazione parlamentare
6.9 - Cuba ha protestato alle Nazioni Unite per il rifiuto del Governo degli Stati Uniti a concedere visti a una delegazione cubana che avrebbe dovuto partecipare alla Seconda Conferenza Mondiale dei Presidenti dei Parlamento. "La Missione di Cuba presso le Nazioni Unite desidera esprimere la sua energica protesta per questa arbitraria decisione e il suo totale disaccordo con i pretesti che vengono addotti", esprime una dichiarazione consegnata alla missione degli Stati Uniti presso l'ONU. La riunione interparlamentare è prevista alle Nazioni Unite dal 7 al 9 settembre per dare seguito alla prima conferenza di questo tipo, che si è svolta a New York nell'anno 2000 insieme all'Assemblea del Millennio.

Un quotidiano spagnolo si domanda se l'ONU sia di proprietà degli Stati Uniti
6.9 - L'ONU è proprietà del Governo degli Stati Uniti?, si domanda il quotidiano 'La Verità', di Alicante, commentando il rifiuto di Washington di concedere il visto al Presidente del Parlamento cubano, Ricardo Alarcón. Al dirigente cubano è stato impedito di partecipare a una riunione interparlamentare che doveva iniziare questo martedì nella sede delle Nazioni Unite a New York, perché il Dipartimento di Stato statunitense gli ha negato il visto. La politica antidemocratica nordamericana, segnala il quotidiano di Alicante, non dovrebbe colpire il funzionamento dell'ONU, perché questo organismo internazionale, al quale appartengono oltre 200 paesi di tutto il mondo, benché sia ubicato in territorio statunitense, non è patrimonio degli Stati Uniti.

Cuba è in anticipo sul compimento degli Obiettivi del Millennio
6.9 - Cuba mostra solidi progressi nel compimento degli Obiettivi del Millennio, che comunicherà la prossima settimana a New York al plenario dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il Ministro per l'Investimento Estero e la Collaborazione Economica, Marta Lomas, è stata incaricata di presentare alla stampa e agli organismi competenti la relazione di Cuba, che comprende il processo partecipativo ai miglioramenti sociali nel paese, con mete pienamente raggiunte. Tra queste appaiono l'universalità della scuola elementare, con l'iscrizione del 99.4 % dei bambini, come progressi nell'uguaglianza delle donne, che rappresentano il 66 % dei professionisti e dei tecnici del paese e che occupano oltre il 35 % dei seggi del Parlamento nazionale. La funzionaria dell'Istituto Nazionale di Ricerche Economiche Ángela Ferriol ha aggiunto che, nonostante l'ostilità e il blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti a Cuba, questa può esibire alti indici di vaccinazione contro le malattie prevenibili.

Cuba adempie al protocollo di Montreal
6.9 - Cuba adempie ai suoi impegni con la comunità internazionale per eliminare le sostanze dannose all'ozono (SAO), ha reso noto Nelson Espinosa, direttore dell'Ufficio Tecnico dell'Ozono (OTOZ), in una conferenza stampa effettuata a La Habana. Tra le linee principali del paese, vi sono i progetti per eliminare l'utilizzo del bromuro di metile (BrMe), dei clorofluorocarbonati (CFC) e la riconversione con tecnologie libere dai CFC, ha indicato. Cuba prevede quest'anno di ridurre il consumo dei clorofluorocarboni del 50 %, quello del bromuro di metile del 20 %, quello del tetlacloruro di carbonio dell'85 %, quello del metilcloroformio del 30 % e di non consumare alogeni. Cuba è firmataria dell'Accordo di Vienna, di Montreal e di tutti i loro emendamenti, ha precisato Espinosa, durante la giornata nazionale per la riduzione della cappa di ozono, la cui Giornata Mondiale verrà celebrata il prossimo 16 settembre.

Messa in rilievo nel parlamento uruguayano la solidarietà di Cuba
6.9 - Il deputato uruguayano Carlos Varela ha evidenziato al Parlamento dell'Uruguay la solidarietà di Cuba con il mondo e con i figli dei poveri. Come ha detto Varela, in questi giorni stanno ritornando in Uruguay una buona parte "dei 43 giovani, uomini e donne, che si sono laureati medici alla Scuola Latinoamericana di Medicina (ELAM) della Repubblica di Cuba". Questa istituzione –ha aggiunto - è una vera città universitaria, situata in quella che era una vecchia base navale vicina a La Habana.

Crescono le vendite mondiali del rum 'Havana Club'
6.9 - Il rum cubano 'Havana Club' ha incrementato le sue vendite mondiali del 17 % nel primo semestre di quest'anno, ha indicato a La Habana una notizia del Museo del Ron. La relazione riporta che questo prodotto è stato una delle bevande di maggiore crescita nel gruppo francese Pernod Ricard, che ha un contratto di commercializzazione con l'azienda di produzione Cuba Ron (Havana Club International). La fonte afferma che le vendite a Cuba di questo liquore hanno avuto un aumento del 25 %. Ogni anno, si è saputo, vengono vendute nel mondo due milioni di scatole da 12 bottiglie di rum di questo tipo.

Petrocaribe avanza verso un'integrazione matura
7.9 – A Montego Bay, in Giamaica, Petrocaribe inizia l'avanzamento verso la maturità dopo l'impegno degli stati membri di consolidare i meccanismi di integrazione per ottenere la soluzione dei problemi economici e sociali. Il presidente venezuelano, Hugo Chávez, ha chiesto ai dignitari presenti all'appuntamento di Montego Bay di lavorare per una realtà diversa nei prossimi 10 anni, affermando che la storia ci offre l'opportunità di modificare la rotta verso dove indicava Simón Bolívar. Il Presidente venezuelano ha definito un successo il Vertice affermando che purché si avanzi di un millimetro nella direzione corretta è una cosa buona per il futuro dei popoli latinoamericani e caraibici. Chávez ha chiesto un riconoscimento speciale a Cuba, per il gesto umanitario e per lo sforzo nell'aver offerto la possibilità di restituire la vista a persone latinoamericane e caraibiche. Questa operazione – ha detto – chiamata dal Presidente Fidel Castro 'Missione Miracolo' assisterà sei milioni di persone nel prossimo decennio. Il Vertice si è concluso alcune ore fa con una Dichiarazione Finale che contiene l'impegno dei firmatari di dare impulso all'integrazione energetica, come base per le trasformazioni sociali dei popoli.

Cuba ha la più bassa mortalità infantile dell'America Latina
7.9 - Cuba presenta la più bassa mortalità infantile dell'America Latina e si pone al livello dei paesi sviluppati, secondo la relazione sul compimento degli obiettivi di sviluppo del millennio reso noto a La Habana. Il tasso di mortalità infantile a Cuba è stato nel 2004 di 5.8 per ogni mille nati vivi, il più basso dell'America Latina e al livello dei paesi sviluppati, indica il testo. Con questo indice, Cuba considera compiuto questo obiettivo di sviluppo del millennio, impegno preso davanti all'Organizzazione delle Nazioni Unite. In questo modo La Habana lo presenterà alla prossima Assemblea Generale dell'ONU, che si svolgerà dal 14 al 16 settembre nella sua sede di New York.

Cuba tra i paesi ad alto sviluppo umano
7.9 - Cuba si trova tra i 57 paesi elencati dal Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (PNUD) come quelli ad alto sviluppo umano, secondo una relazione divulgata alle Nazioni Unite. "Relazione sullo Sviluppo Umano 2005 - La cooperazione internazionale di fronte a una crocevia: aiuto allo sviluppo, al commercio e alla sicurezza in un mondo disuguale" è il titolo del voluminoso documento. Uno dei suoi allegati, contiene la relazione sugli stati ad alto, medio e basso sviluppo umano, sulla base di aspettativa di vita, sull'educazione ottenuta e sulle entrate reali. Questa relazione chiarisce che i dati che hanno determinato questa distribuzione tra paesi ad alto, medio e basso sviluppo umano si riferiscono al 2003 e sono relativi a 175 paesi membri dell'ONU, insieme al territorio cinese di Hong Kong e ai territori occupati della Palestina.

Cuba conferma la garanzia dell'educazione gratuita
7.9 - I bambini nati a Cuba hanno garantito il loro transito per tutti i livelli di insegnamento, compresa l'università, ha affermato il Ministro dell'Educazione, Luis Ignacio Gómez, all'inizio dell'anno scolastico 2005-2006. Da lunedì entreranno nelle aule in tutta l'Isola, per iniziare o per continuare i loro studi, quasi tre milioni di studenti, come è tradizione di ogni anno e a differenza degli oltre 120 milioni di ragazzi che nel mondo non hanno insegnanti e ancora meno un futuro. Il Ministro dell'Educazione ha ricordato davanti a dirigenti dello Stato e del Governo cubano, a professori, a maestri e a studenti dei vari programmi di formazione che, nonostante i danni dell'uragano Dennis nel luglio scorso, niente ha impedito che fossero pronti i centri scolastici.

I cattolici honduregni sostengono la missione dei medici cubani
7.9 – A Tegucigalpa, la chiesa cattolica dell'Honduras ha definito solidarietà umana il lavoro realizzato dai medici cubani in questo paese e ha esortato gli honduregni a imitare questo gesto. Il sacerdote Jesús Mora ha espresso il suo apprezzamento per il lavoro umanitario dei medici cubani. Ha anche indicato che il loro sostegno è incondizionato e disinteressato e aiuta a risolvere problemi tanto gravi come la mortalità infantile. Noi siamo molto contenti e sosteniamo il lavoro dei medici cubani, ha detto Mora. D'altra parte, decine di giovani di questo paese si recano ogni anno a Cuba per formarsi come medici. Quest'anno si è laureato il primo gruppo di oltre 1.500, tra loro 250 honduregni. La maggior parte, di umile origine, ha realizzato il suo sogno dopo sei anni di studio nell'isola caraibica.

Cuba esprime solidarietà alle vittime dell'uragano Katrina
8.9 - Cuba ha espresso alle Nazioni Unite la sua solidarietà al popolo statunitense che soffre ancora per le conseguenze dell'uragano Katrina, alla II Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti che ha luogo in questa sede. Queste dimostrazioni di appoggio sono state espresse in un discorso del Presidente del Parlamento cubano, Ricardo Alarcón, letto dall'Ambasciatore di Cuba presso le Nazioni Unite, Orlando Requeijo. Ad Alarcón e al suo gruppo è stato rifiutato il visto di entrata negli Stati Uniti per partecipare a questo incontro dei capi parlamentari. "Innanzitutto vada la nostra solidarietà al popolo nordamericano, che ancora sta soffrendo per gli effetti dell'uragano Katrina", esprime il messaggio di Alarcón.

La cubana Yurisel Laborde vince l'oro ai mondiali di judo
8.9 - La cubana Yurisel Laborde ha vinto la medaglia d'oro nella categoria dei 78 chilogrammi, al XXIV Campionato Mondiale di judo, a Il Cairo. Una prestazione eccellente, con quattro vittorie per ippon (l'equivalente del K.O. nel pugilato), ha garantito alla nota judoka di Santiago de Cuba di salire sul gradino più alto del podio, dopo avere vinto diverse medaglie d'argento nelle edizioni di Munich'2001 e Osaka'2003. L'allieva del professor Ronaldo Veitía ha sconfitto per ippon la giapponese Sae Nakasawa, alla quarta azione.

Alle Nazioni Unita circola una dichiarazione sui Cinque
9.9 - Una dichiarazione del Parlamento cubano sui cinque eroi ingiustamente detenuti negli Stati Uniti, è circolata alle Nazioni Unite come documento del tema 148 dell'ONU, riferito al tema 'Misure per Eliminare il Terrorismo Internazionale'. Il pronunciamento promosso dall'Assemblea Nazionale del Poder Popular di Cuba è stato inviato dalla missione cubana al Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan. Insieme alla dichiarazione, l'Ambasciatore di Cuba, Orlando Requeijo, ha allegato una lettera che spiega il caso di questi uomini prigionieri nelle carceri nordamericane. Il documento inviato all'Assemblea Generale e al Consiglio di Sicurezza dell'ONU dice che Gerardo Hernández, Ramón Labañino, Antonio Guerrero, Fernando González e René González sono vittime di una colossale ingiustizia.

Quasi un milione di cubani hanno frequentato studi informatici
9.9 – Circa un milione di cubani hanno frequentato studi di informatica nei Club per Giovani di Informatica, centri creati nel paese per l'apprendistato e la diffusione di massa dell'uso delle nuove tecnologie dell'informazione. In occasione del 18° anniversario di questi centri, celebrato ieri nella località montuosa di Buey Arriba, nella provincia di Granma, 154 nuovi centri si sono uniti alla rete nazionale di questo tipo di installazioni.

Juan Formell: rimaniamo a Cuba perché siamo cubani
9.9 – "Rimarremo sempre a Cuba perché siamo cubani", ha detto Juan Formell, direttore dei Los Van Van, rispondendo a una domanda sull'integrità della sua orchestra. "Siamo cubani e siamo soddisfatti", ha precisato in modo deciso il compositore di 'Anda, ven y muévete', alla domanda sulla permanente unicità della sua orchestra di fronte al feroce e sistematico reclutamento del commercialismo e della mafia di Miami per ottenere la defezione di artisti cubani. Formell ha capeggiato la conferenza stampa dei Los Van Van, offerta a La Habana, sul tour concluso da poco attraverso vari paesi europei e asiatici.

Cuba lavora per frenare e ridurre la propagazione dell'AIDS
10.9 – Il contenimento e la riduzione dei livelli di contagio dell'HIV-AIDS per il 2015 costituisce una delle mete fondamentali degli Obiettivi del Millennio per le quali Cuba sta lavorando per ottenere il loro compimento. Considerato uno dei paesi del mondo con i più bassi livelli (0,05 % nella popolazione dai 15 ai 24 anni), a Cuba vengono sviluppati e consolidati programmi di promozione e di educazione, prodotto dell'alta priorità che questa malattia riceve dal Governo. La principale via di trasmissione dell'HIV a Cuba è quella sessuale, specialmente tra gli uomini che fanno sesso con altri uomini, afferma la Relazione su Sviluppo Umano 2004, che sarà presentata la prossima settimana alla riunione plenaria dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

I colombiani ringraziano per la formazione medica a Cuba
10.9 – A Bogotà, i genitori e gli 80 medici colombiani che si sono laureati quest'anno a Cuba hanno ringraziato il popolo e il Governo dell'Isola per l'opportunità ineguagliabile che hanno avuto di frequentare gli studi nella Scuola Latinoamericana di Medicina (ELAM). Durante una cerimonia simbolica (già ne era sta fatta una il 20 agosto a La Habana), Robin Sandariaga, presidente dell'Associazione dei Genitori delle Famiglie degli Studenti Colombiani a Cuba (ASPECOC), ha evidenziato che Cuba ha accolto 102 dei loro figli sei anni fa e li ha restituiti come medici (80) o come laureati in Educazione Fisica (22). Sandariaga ha espresso la gratitudine dei genitori colombiani per avere fatto realtà i sogni dei loro figli, qualcosa che – ha detto - sfortunatamente nel nostro paese non sarebbe stato possibile realizzare.

Gli antiterroristi cubani compiono oggi sette anni di carcere
12.9 – Nonostante la decisione della Corte d'Appello dell'Undicesimo Circuito di Atlanta che revoca le loro condanne, i cinque cubani lottatori antiterroristi hanno compiuto sette anni di carcere negli Stati Uniti. Sette anni sono trascorsi da quando all'alba del 12 settembre 1998 agenti dell'Ufficio Federale di Indagini (FBI) hanno arrestato nei loro domicili René González, Antonio Guerrero, Fernando González, Ramón Labañino e Gerardo Hernández. L'arresto dei Cinque che cercavano di ottenere informazioni sui gruppi terroristi di Miami per prevenire le loro azioni violente e salvare vite cubane e nordamericane, è stata la risposta dell'FBI alle informazioni e alle prove fornite dal Governo cubano a quello nordamericano sulle azioni terroristiche. I Cinque sono mantenuti ancora illegalmente rinchiusi in prigioni di massima sicurezza nordamericane, nonostante le condanne non esistano più, poiché sono state annullate da un tribunale superiore.

Cuba ha vinto il titolo continentale giovanile di baseball
12.9 – La selezione giovanile di baseball di Cuba ha vinto oggi il titolo continentale nella città messicana di Villahermosa, battendo gli Stati Uniti nella partita di finale per 2-1. I cubani si sono imposti agli statunitensi con una grande prestazione del destro Juan Yasser Serrano, che in questo modo ha ottenuto il suo terzo trionfo nella competizione, in cui è stato considerato il miglior giocatore. Gli attuali campioni torneranno a Cuba il prossimo 16 settembre, però prima giocheranno alcune partite amichevoli con squadre messicane.

Cuba crea un contingente medico per situazioni di disastro
13.9 - Cuba ha annunciato oggi la creazione di un contingente internazionale di medici specializzati in situazioni di disastro e di gravi epidemie, indica una nota ufficiale. Secondo quanto si è appreso, questo contingente sarà costituito il prossimo lunedì durante l'abilitazione del corso 2004-2005 di medici cubani e prenderà il posto della forza creata in aiuto al popolo degli Stati Uniti dopo il disastro di Katrina, e che ha continuato ad addestrarsi intensamente in attesa di una risposta delle autorità statunitensi. L'obiettivo del nuovo contingente non sarà solo quello di aiutare una determinata nazione, bensì quello di cooperare immediatamente, con personale addestrato in modo specifico, in un paese qualsiasi che abbia subito una simile catastrofe, in particolar modo nei paesi dove vi sono grandi danni per uragani, inondazioni o altri gravi fenomeni naturali.

La maggior parte degli statunitensi accetta l'aiuto medico cubano
13.9 – La stragrande maggioranza degli statunitensi considera oggi che il loro paese deve accettare l'aiuto medico offerto da Cuba di fronte alla tragedia dell'uragano Katrina. Secondo un'inchiesta effettuata dal network NBC attraverso il suo sito digitale, il 74 % dei partecipanti è d'accordo sul fatto di ricevere l'assistenza, offerta da Cuba immediatamente dopo la catastrofe che ha colpito i territori di Louisiana, Mississippi e Alabama. Di fronte alla tragedia, il Presidente cubano Fidel Castro ha offerto l'invio di un contingente di 1.586 medici, equipaggiati con strumenti di diagnosi e medicine, ma il Governo del Presidente George W. Bush è ricorso al silenzio come risposta. Il Presidente cubano ha invitato le autorità nordamericane a mettere da parte in queste circostanze il conflitto bilaterale e ad aprire le porte ai medici cubani.

Arrivato a New York il presidente della delegazione cubana al Vertice dell'ONU
14.9 - Il Presidente del Parlamento cubano, Ricardo Alarcón, è arrivato questo pomeriggio a New York a capo della delegazione del suo paese al Vertice delle Nazioni Unite che è stato inaugurato oggi in questa sede mondiale. Il tardivo arrivo in questa città dell'alto funzionario di Cuba è stato causato dalla consegna in ritardo, da parte delle autorità statunitensi, del visto che gli permette di entrare nel territorio degli Stati Uniti. Il permesso è stato ricevuto dalla delegazione cubana nel pomeriggio di ieri, fatto che è stato denunciato ieri sera all'Assemblea Generale dal Viceministro delle Relazioni Estere Abelardo Moreno. Questo ritardo ha fatto sì che Alarcón non fosse presente alla cerimonia di ricevimento ufficiale offerta dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, e all'apertura del Vertice. Non ha potuto anche essere presente alla riunione separata sul finanziamento allo sviluppo, che alla mattina ha visto la partecipazione e i discorsi di circa 40 delegazioni. Allo stesso modo, il Presidente dell'Assemblea Nazionale del Poder Popular di Cuba non appare nella foto ufficiale scattata oggi come testimonianza della partecipazione delle delegazioni a questo appuntamento, che contraddistingue il 60° anniversario dell'ONU. La decisione statunitense di ritardare fino all'ultimo momento il visto ad Alarcón gli ha pure impedito di partecipare questo pomeriggio a una tavola rotonda sugli interventi contro la fame e la povertà.

Messa in rilievo la crescita dei movimenti di solidarietà con Cuba
14.9 – A Panama, il presidente dell'Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli (ICAP), Sergio Corrieri, ha sottolineato la crescita dei movimenti di solidarietà con Cuba. In un'intervista a Prensa Latina, Corrieri ha annunciato che venerdì e sabato nella città panamense di Colón verrà realizzato il VI Incontro Nazionale di solidarietà con Cuba, al quale partecipano circa 120 delegati di tutto il paese centroamericano. "Questa è la quarta volta che vengo a Panama per l'importanza che l'ICAP dà alle costanti dimostrazioni di amicizia e di affetto di questa nazione con il popolo cubano, che sono un aspetto generalizzato in America Latina", ha commentato. Il presidente dell'ICAP ha evidenziato che in questi momenti esistono 1.814 movimenti o gruppi di solidarietà con Cuba in 133 paesi, un fatto senza precedenti nella storia che parla da solo dell'ammirazione per Cuba nonostante le continue pressioni degli Stati Uniti.

Cuba amplia la solidarietà con il Terzo Mondo
14.9 - Cuba mantiene oggi relazioni di collaborazione con 155 paesi, nonostante la politica di isolamento praticata dagli Stati Uniti contro l'isola, che colpisce anche i suoi vincoli con paesi terzi. Appena quattro anni dopo il trionfo della Rivoluzione nel gennaio 1959 è iniziata la collaborazione internazionalista con l'invio di una brigata medica in Algeria. Dal 1963 fino al 2004 la cooperazione all'estero ha visto la partecipazione di 223.280 cubani. Attualmente circa 37.000 professionisti della salute, dello sport e dell'educazione offrono cooperazione in 108 nazioni del Terzo Mondo, aspetto che eleva il prestigio di Cuba in questi settori, secondo il Viceministro per l'Investimento Estero e la Collaborazione Economica, Ricardo Guerrero.

Cuba batte gli Stati Uniti ai Mondiali di baseball
14.9 – A Rotterdam, in Olanda, la selezione di baseball di Cuba è giunta alle semifinali della XXXVI Coppa Mondiale di baseball, battendo nello stadio Neptunus Familiestadion gli Stati Uniti per 11-3. Questa è stata la 23° vittoria di Cuba sugli Stati Uniti, in 25 partite disputate durante le Coppe Mondiali.

Il Vertice dell'ONU è stato un fallimento
15.9 - Il Ministro degli Esteri cubano, Felipe Pérez Roque, ha affermato a New York che il Vertice convocato dalle Nazioni Unite per valutare le cosiddette Mete del Millennio ha perso la rotta ed è naufragato per le forti pressioni e per i ricatti degli Stati Uniti. Pérez Roque ha detto che è stato un incontro opaco e che il documento finale non è espressione dei reali problemi del mondo, né delle sue soluzioni. Ha detto che la riunione si svolge in un ambiente ambiguo, perché alcuni come Cuba espongono le loro opinioni in modo aperto e deciso, mentre altri riconoscono nei corridoi il suo fallimento per l'ipocrisia di un piccolo gruppo di Governi, capeggiati da Washington. Riferendosi al discorso pronunciato dal Presidente George W Bush, ha detto che è stato accolto con notevole freddezza, per la sua retorica, per le minacce e per la prepotenza.

Mezzo milione di cubani all'Università
15.9 - Mezzo milione di cubani frequenterà l'università in questo anno scolastico, e di questi 360.000 lo faranno grazie alle agevolazioni offerte dal programma di universalizzazione dell'insegnamento nel paese. Il Viceministro dell'Insegnamento Superiore a Cuba, Francisco Benítez, ha spiegato all'Agenzia di Informazione Nazionale che 130.000 studenti si sono aggiunti a questo nuovo programma, che conta oltre mille sedi in tutti i municipi di Cuba. Ha precisato che circa 95.500 professori saranno coinvolti nel programma, oltre a un altro gruppo di studenti-aiutanti, aspetto che garantirà un successo del piano di studi.

Frequenteranno gli studi nelle università di Cuba 65 giovani guyanesi
15.9 - Un gruppo di 65 giovani della Guyana frequenterà gli studi nelle università cubane, come parte del Programma Speciale di Borse di Studio vigente tra i due paesi, ha reso noto una nota ufficiale. In un incontro con gli alunni a Georgetown, il Presidente guyanese, Bharrat Jadgeo, ha rimarcato l'importanza di approfittare dell'opportunità offerta da Cuba agli stati caraibici. Siamo ancora un territorio povero e vi sono molte difficoltà da superare, per questo motivo abbiamo bisogno ogni giorno di più personale qualificato, ha detto il dignitario. Intanto nel Belize viene sottolineata l'offerta da parte di Cuba di 33 nuove borse di studio affinché giovani di questo paese centroamericano inizino gli studi nella Scuola Latinoamericana di Medicina.

Il Governo statunitense impedisce un viaggio di artisti a Cuba
15.9 - Il Governo di George W. Bush ha rifiutato il permesso di viaggio a Cuba al gruppo statunitense Rainbow Theatre, che intendeva partecipare al XII Festival Internazionale del Teatro che inizia oggi a La Habana. In un messaggio inviato agli organizzatori della riunione artistica, Carlos Barón, direttore di questo gruppo, ha espresso "il suo dispiacere e il suo fastidio", perché il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha impedito loro di recarsi a Cuba per incontrarsi con i cubani. Formato da studenti, professori, tecnici e professionisti di questa manifestazione artistica, molti di loro ex-alunni della San Francisco State University, il Rainbow Theatre aveva risposto all'invito dei colleghi dell'isola bloccata.

Cuba denuncia che l'obiettivo del Vertice dell'ONU è stato bloccato
16.9 - Il Presidente del Parlamento cubano, Ricardo Alarcón, ha denunciato oggi alle Nazioni Unite che l'obiettivo del Vertice dell'ONU è stato bloccato in mezzo a tortuose manipolazioni e ha affermato che "ci troviamo di fronte a una frode imperdonabile". In un discorso davanti al plenario di alto livello del 60° periodo di sessioni dell'Assemblea Generale dell'ONU, Alarcón ha ricordato che l'essenza di questo vertice era quella di esaminare "i progressi ottenuti nel compimento degli impegni contratti nella Dichiarazione del Millennio". Si sarebbero dovuti esaminare anche i progressi derivati dalle grandi conferenze e vertici delle Nazioni Unite. "A questo fine è stata tolta completamente la sostanza", ha sottolineato.

Cuba sviluppa progetti per proteggere la cappa di ozono
16.9 - Cuba sviluppa progetti per eliminare l'utilizzo di sostanze che danneggiano l'ozono, obiettivi stabiliti dagli Accordi di Vienna e di Montreal, dei quali è firmataria anche di tutti i loro emendamenti. Bruno Moro, Rappresentante Residente delle Nazioni Unite a Cuba, ha evidenziato in occasione della Giornata Mondiale per la Protezione della Cappa di Ozono, il fatto che l'Isola ha lavorato per il compimento delle mete internazionali a tal fine. I progetti esistenti e messi in pratica sono una dimostrazione che Cuba adempie agli accordi internazionali, ha sottolineato.

Cuba critica il documento finale del Vertice dell'ONU
17.9 – Alle Nazioni Unite, il Ministro cubano degli Esteri, Felipe Pérez Roque, ha denunciato "le gravi omissioni" nel documento finale del Vertice dell'ONU, che ha indicato come il risultato "delle grossolane irregolarità del processo dei negoziati". "La mia delegazione non crede che dobbiamo congratularci per i risultati di questa riunione e molto meno per il contenuto del suo documento finale", ha detto il Ministro degli Esteri cubano nella dichiarazione di voto dopo l'adozione di questo documento. Pérez Roque ha segnalato che in questo testo non si è voluto inserire almeno un riferimento al disarmo nucleare e al disarmo generale e completo, "aspirazioni della maggior parte della comunità internazionale negli ultimi quarant'anni".

Un industria nazionale si fa carico del programma di costruzione delle abitazioni
17.9 – Oltre il 50 % degli articoli richiesti dal programma di costruzione di 150.000 nuovi alloggi, da adesso fino alla fine del 2006, sarà garantito dall'industria siderurgica cubana, hanno reso noto fonti di questo settore. Come è stato annunciato nell'ultima sessione del Parlamento, in futuro Cuba promuoverà l'edificazione di 100.000 immobili all'anno, al fine di risolvere uno dei problemi più gravi accumulati dalla società, dove si calcola un deficit di mezzo milione di abitazioni. Autorità del Ministero dell'Industria Siderurgica e del Riciclaggio, hanno assicurato la produzione di acciaio e dei suoi derivati, la lavorazione dell'alluminio e la produzione di articoli di carpenteria a partire da questo metallo.

Cuba si riconferma campione del mondo di baseball
19.9 – La squadra nazionale di baseball di Cuba ha vinto per la venticinquesima volta il titolo mondiale di baseball. Questo nuovo prestigioso successo si aggiunge alle tre medaglie d'oro e a una d'argento nelle ultime quattro edizioni delle Olimpiadi.

Oltre 1.500 medici laureati oggi a La Habana
19.9 - La costituzione del Contingente Internazionale dei Medici Specializzati in Situazioni di Disastri e di Gravi Epidemie 'Henry Reeves', ha coinciso con la cerimonia di laurea dei medici usciti dal corso 2004-2005, alla quale ha partecipato il Presidente Fidel Castro. Oltre 1.500 medici cubani compongono la brigata che si era costituita immediatamente dopo il devastante passaggio dell'uragano Katrina attraverso il sud-est degli Stati Uniti. La cerimonia della costituzione ha avuto luogo nella Città Sportiva di La Habana e al contingente partecipano 1.905 medici usciti dalle diverse facoltà e istituti superiori di scienze mediche del paese. I professionisti cubani, che in futuro saranno disposti a dare il loro solidale contributo in qualunque paese del mondo che abbia bisogno dei loro servizi, hanno ricevuto durante la cerimonia un diploma di riconoscimento.

Il Ministro degli Esteri cubano: il Vertice dell'ONU, una pietosa contraffazione
19.9 - Il Ministro degli Esteri cubano Felipe Pérez Roque ha detto alle Nazioni Unite che il Vertice dell'ONU ha finito con l'essere una pietosa contraffazione di quello che avrebbe dovuto essere un dibattito serio e di impegno verso i gravi problemi che l'umanità patisce. In un discorso nel dibattito generale del 60° periodo ordinario di sessioni dell'Assemblea Generale dell'ONU, il Ministro delle Relazioni Estere ha affermato che il Vertice da poco concluso – svolto dal 14 al 16 settembre – è stato una farsa completa. "Non interessava (il Vertice) ai potenti. I loro interessi egoisti ed egemonici sono contrari all'aspirazione a un mondo più giusto e migliore per tutti", ha aggiunto. Dopo avere ribadito il fatto che non esistono motivi per celebrare i 60 anni dell'ONU, Pérez Roque ha ricordato che da quando si è concluso il Vertice del Millennio, nell'anno 2000, fino a oggi sono morti nel mondo di malattie prevenibili più bambini che tutte le vittime della Seconda Guerra Mondiale.

Le province cubane minacciate si preparano di fronte all'avvicinarsi di un uragano
20.9 - Preservare la vita della popolazione è il principale obiettivo delle misure che sono applicate nelle province cubane minacciate da Rita, tempesta tropicale molto vicina a trasformarsi in uragano. I territori da Ciego de Ávila fino a Pinar del Río sono informati costantemente dal Centro di Prognosi dell'Istituto di Meteorologia sull'evoluzione e sulla traiettoria di questo fenomeno tropicale, il 18° dell'attuale stagione ciclonica nella regione Atlantico, Caraibi e Golfo del Messico. Nella capitale, il Centro di Direzione per la Situazione di Catastrofe ha attivato le strutture dei Consigli di Difesa e ha valutato la possibile evacuazione di circa 126.000 persone per la quale sono stati preparati oltre 600 rifugi provvisori e sono stati attivati 284 centri di elaborazione di alimenti.

Cuba occupa un posto prominente nella lotta contro l'AIDS
20.9 - Nella prevenzione e nella lotta contro l'AIDS, Cuba occupa un posto prominente nel mondo, ha evidenziato il Presidente Fidel Castro, durante la cerimonia di laurea dei medici del corso 2004-2005. Quando nazioni intere e perfino estese aree di regioni continentali minacciano di sparire, a Cuba la prevalenza della malattia è dello 0.07 %, cioè 8.6 volte meno del paese più vicino ai suoi valori, ha indicato. I medici, gli scienziati e i chimico-farmaceutici dell'isola, e in particolar modo i membri del contingente internazionale dei Medici Specializzati in Situazioni di Disastro e Gravi Epidemie 'Henry Reeves', da poco costituito, devono conoscere il massimo possibile sull'AIDS, ha manifestato.

L'uragano si allontana da Cuba senza provocare perdite umane
21.9 - Dopo aver causato intense piogge nella regione occidentale e centrale di Cuba, e l'evacuazione di 230.000 persone, l'uragano Rita si allontana gradatamente dall'Isola senza aver causato perdite di vite umane. Dati preliminari della Difesa Civile di Cuba indicano che del numero di sfollati a livello nazionale circa 19.000 si trovano in rifugi statali e il resto in case di parenti, amici e vicini. Il dottor José Rubiera, capo del Centro di Previsioni dell'Istituto di Meteorologia di Cuba, ha precisato che nel suo passaggio sul mare al nord e alla parte centrale e occidentale del paese, Rita ha provocato significative piogge, come i 210 millimetri riportati in sole due ore nel municipio di Bauta, alla periferia di La Habana.

Il Senato colombiano ringrazia per l'aiuto educativo di Cuba
21.9 - Il Senato colombiano ha ringraziato il popolo e il Governo cubano per l'aiuto prestato nell'educazione permettendo a centinaia di giovani colombiani di frequentare attualmente corsi universitari a Cuba completamente gratis. Luis Hernández, Ambasciatore di Cuba in Colombia, ha ricevuto il ringraziamento formulato dalla presidentessa di questa parte del Congresso colombiano, Claudia Blum, dal Primo Vicepresidente, Carlos Albornoz, e dal senatore Carlos Gaviria, che ha fatto la proposta. Gaviria ha rilevato che questo riconoscimento costituisce un atto di profonda gratitudine del Senato, come istituzione rappresentativa del popolo colombiano, al popolo e al Governo cubano per l'efficiente collaborazione nella formazione professionale di centinaia dei nostri giovani di scarse risorse economiche.

Cuba confuta l'allegato della Repubblica Ceca sui diritti umani
22.9 – Alle Nazioni Unite, Cuba ha raccomandato alla Repubblica Ceca di preoccuparsi dei suoi gravi problemi politici, economici e sociali, invece di mantenersi come portavoce delle grandi potenze, in particolare degli Stati Uniti, per attaccarla. In una replica durante l'Assemblea Generale, la delegazione cubana ha confutato la citazione fatta dal Ministro degli Esteri ceco sulla non collaborazione di Cuba con la Commissione dei Diritti Umani (CDH). Ha definito un miserabile show, quello che ogni anno viene montato dalla Repubblica Ceca contro Cuba nelle sale di conferenza della sede della CDH a Ginevra, come portavoce degli Stati Uniti e come alleata dell'estrema destra cubana residente a Miami. La CDH deve essere rifondata per eliminare gli squallidi spettacoli circensi che delegazioni come quella della Repubblica Ceca montano ogni anno, ha indicato Jorge Cumberbactch, funzionario della missione cubana all'ONU.

Gli Stati Uniti negano i permessi a scienziati per recarsi a Cuba
23.9 – A sei validi specialisti in terapia intensiva degli Stati Uniti è stato impedito di recarsi a Cuba per partecipare a un evento scientifico internazionale, non avendo questi ricevuto i relativi permessi. Provenienti dalle Università di Washington, Texas, Pittsburg e Loyola, gli esperti avrebbero dovuto partecipare a Ventilación 2005, un incontro rivolto al tema della ventilazione meccanica e ai gas sanguinei, che si svolge nella città di Santa Clara, al quale partecipano oltre 300 medici di una decina di paesi. I prestigiosi scienziati, che sono protagonisti di nuovo capitolo dell'ingiusto blocco economico e intellettuale a Cuba, hanno informato gli organizzatori della riunione dello scontento causato da questo arbitrio.

Cercheranno di rompere il silenzio sugli antiterroristi cubani
24.9 - Il Comitato Nazionale statunitense a favore della Libertà dei cinque antiterroristi cubani condannati ingiustamente da Washington, ha iniziato una campagna internazionale per dare risalto al caso sulla grande stampa. Il Comitato, che già è riuscito a far pubblicare un annuncio a pagamento a pagina intera sulla situazione del gruppo sul quotidiano 'The New York Times', cerca di rieditare il fatto, in quanto la reclusione è illegale dopo che una corte d'appello ha annullato le loro condanne. Lo scorso 3 marzo 2004 è stato pubblicato su questo quotidiano di New York un primo annuncio a pagina completa il cui titolo era: "Una persona può essere incarcerata negli Stati Uniti per essersi opposta al terrorismo?... Sì, se uno si oppone al terrorismo a Miami". Andrés Gómez, attivista del Comitato, rileva oggi nel sito web Antiterroristas.cu che questa è stata un'idea intelligente che ha aperto una breccia incalcolabile nel silenzio su questo torbido processo mantenuto fino allora da parte della grande stampa, specialmente negli Stati Uniti.

Mortalità infantile zero nelle montagne di Cuba
24.9 - Il tasso di mortalità infantile e materna quest'anno è di zero nelle montagne della provincia cubana di Granma, a circa 750 chilometri a est di La Habana. La stampa locale rileva che la popolazione di questo territorio montuoso è assistita da medici e da infermiere in oltre un centinaio di ambulatori medici e in un ospedale rurale. Allo stesso modo, grazie alla diffusione dell'attenzione medica, le malattie contagiose mostrano lì un calo considerevole.

Washington riconferma la doppia morale della sua politica antiterrorista
26.9 - Le autorità nordamericane hanno riconfermato oggi la doppia morale della loro politica antiterrorista non replicando alle affermazioni del terrorista Luis Posada Carriles che ha detto che potrebbe essere sottoposto a maltrattamenti se venisse estradato in Venezuela. Posada Carriles ha un ampio curriculum di azioni terroristiche che comprende la sua partecipazione a un complotto che distrusse nel 1976 un aeroplano della compagnia Cubana de Aviación in pieno volo, attentato in cui morirono 73 persone. Tuttavia, è sotto processo negli Stati Uniti solo per essere entrato in modo illegale nel paese e un giudice dell'immigrazione sta cercando di determinare se procedere alla sua estradizione in un altro paese. Durante l'udienza di oggi, gli avvocati del Governo non hanno presentato né testimoni né prove, fatto che secondo gli analisti mette in dubbio la strombazzata politica antiterrorista della Casa Bianca.

Cuba definisce genocida il blocco imposto dagli Stati Uniti
27.9 – Oggi, il Viceministro degli Esteri cubano Bruno Rodríguez ha definito genocida il blocco imposto dagli Stati Uniti contro Cuba, in virtù della Convenzione di Ginevra per la prevenzione e la punizione del delitto di Genocidio, del 1948. Rodríguez ha affermato che l'assedio contro il suo paese è parte essenziale della politica di ostilità di ripetute amministrazioni nordamericane, oggi reso più duro sotto il Governo repubblicano del Presidente George W. Bush. In un'affollata conferenza stampa nella sede del Ministero a La Habana, il Viceministro ha presentato la relazione di Cuba sulla risoluzione 59/11 dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Questo testo, di 63 pagine, raccoglie le considerazioni di La Habana rispetto alle cause, agli obiettivi e ai risultati del blocco economico, commerciale e finanziario decretato da Washington e mantenuto per 45 anni.

Un Premio Nobel denuncia il terrorismo economico contro i popoli
27.9 - Il Premio Nobel della Pace, Rodolfo Pérez Esquivel, ha denunciato il terrorismo economico contro i popoli, dato che "uccide più delle guerre e lancia sull'umanità effetti mortali superiori alle bombe di Hiroshima e Nagasaki". Partecipando all'Assemblea Mondiale del Giubileo Sud, movimento contro il debito estero, Pérez Esquivel ha parlato con l'agenzia Prensa Latina sui pericoli e sulla profonda crisi che vive il mondo, compresi i grandi centri istituzionali come le Nazioni Unite. Ha precisato che di fronte alla situazione politica internazionale con guerre, conflitti e aggressioni, non si può respingere solo il terrorismo di Stato, ma anche ciò che provoca ogni anno la morte per fame di oltre 35.000 bambini nel mondo.

Si prevede un arresto indefinito e vantaggioso per un terrorista negli Stati Uniti
27.9 - Il terrorista Luis Posada Carriles potrebbe permanere sotto arresto indefinito negli Stati Uniti ed evitare l'estradizione in Venezuela, commenta oggi il quotidiano nordamericano in lingua spagnola 'El Nuevo Herald'. Benché la conclusione sul suo caso di immigrazione dovrà aspettare almeno altre due settimane, si sta già creando un ambiente il quale fa pensare che la giustizia statunitense abbia una benda sui suoi occhi, secondo la valutazione degli analisti. Ieri si è conclusa un'udienza in un tribunale di El Paso, nel Texas, per determinare se Posada sarà estradato per entrata illegale negli Stati Uniti. Il giudice William Lee Abbott ha detto che ci sono elementi sufficienti per considerare la sua permanenza nel territorio statunitense, e ha detto che emetterà il suo verdetto nelle prossime due settimane.

Un giurista italiano chiede l'immediata libertà per i Cinque
27.9 - I cinque cubani lottatori antiterroristi sono vittime della politica degli Stati Uniti contro il loro paese e devono essere liberati immediatamente, ha chiesto oggi a La Habana l'avvocato italiano Fabio Marcelli. A nome dell'Associazione Internazionale dei Giuristi Democratici, Marcelli ha detto a Prensa Latina che solo i condizionamenti politici alla Casa Bianca da parte di organizzazioni anticubane di Miami spiegano il fatto che i Cinque rimangano dietro le sbarre. In qualunque paese civile sarebbero già in libertà dopo l'annullamento del processo e dopo sette anni di prigione, ha indicato.

All'ONU si prepara una nuova battaglia contro il blocco a Cuba
28.9 - La direzione dell'ONU ha cominciato la raccolta di notizie sul blocco economico imposto dagli Stati Uniti contro Cuba, in preparazione di una nuova giornata di condanna a questa politica ostile, è stato reso noto oggi alle Nazioni Unite. I dati e le prove d'accusa contenuti in queste relazioni, presentati da Stati membri e da organismi dell'ONU, serviranno come base per l'elaborazione di una relazione generale su questo tema a carico del segretario generale, Kofi Annan. La relazione di Annan che sarà sottoposta a dibattito in questo 60° periodo di sessioni dell'Assemblea Generale, comincerà a circolare alle Nazioni Unite all'inizio del prossimo ottobre, come hanno indicato funzionari diplomatici consultati da Prensa Latina.

Le cubane possono contare su un ampio spazio politico
28.9 - Il 36 % del Parlamento cubano è formato da donne, ha affermato Sonia Beretervide, della Segreteria Nazionale della Federazione delle Donne Cubane, invitata a partecipare ad Asunción, in Paraguay, a una riunione continentale di donne. "Noi diciamo sempre che le donne che arrivano a ricoprire incarichi pubblici se lo devono meritare con una grande lotta allo stesso modo degli uomini, e non perché siano state date loro opportunità in quanto donne", ha commentato in un dibattito con gruppi politici e con Organizzazioni Non Governative. La Beretervide partecipa da oggi fino a venerdì alla XIII Conferenza di Prime Donne, Mogli e Rappresentanti dei Capi di Stato e di Governo delle Americhe, che ha come sedi l'Hotel Sheraton della capitale paraguayana.

Cuba accusa gli Stati Uniti di ipocrisia contro il terrorismo
29.9 - Cuba ha accusato oggi il Governo degli Stati Uniti di falsità e di ipocrisia nella sua pretesa crociata antiterrorista, dopo la decisione di proteggere Luis Posada Carriles, mentre prolunga l'ingiusta reclusione dei cinque cubani che hanno lottato contro questo male. Con il titolo "Infamia a El Paso. Vendetta a Miami", l'organo ufficiale del Partito Comunista, in un editoriale mette in contrasto il comportamento dell'attuale amministrazione nordamericana sui due casi. Il testo ricorda che due giorni fa a El Paso, in Texas, una portavoce dell'Ufficio di Immigrazione e Controllo della Dogana degli Stati Uniti ha annunciato la decisione emessa dal giudice William L. Abbott di non estradare il terrorista Luis Posada Carriles né in Venezuela né a Cuba. In un'altra bravata, denuncia il testo, ieri in Florida la procura federale nordamericana ha richiesto la revisione della sentenza della Corte d'Appello di Atlanta, che il 9 agosto ha revocato le condanne e che ha ordinato un nuovo processo ai Cinque, come sono noti internazionalmente. Il testo afferma che si tratta di un'altra manovra per perpetuare il sequestro di questi lottatori antiterroristi. Pertanto il Governo nordamericano chiede ora che il plenum della Corte di Atlanta, di 12 giudici, si pronunci sul giudizio unanime di tre di loro. Le due notizie riflettono in tutta la loro grandezza il cinismo e la sfrontatezza che accompagnano l'agire dall'Amministrazione nordamericana e la falsità e l'ipocrisia di una sua pretesa crociata antiterrorista, afferma il quotidiano.

Rinnovato l'organismo esecutivo dell'OIEA: entrano Cuba, Bielorussia e Siria
29.9 – L'Organizzazione Internazionale dell'Energia Atomica (OIEA) ha rinnovato quasi di un terzo il suo organismo esecutivo, la Giunta dei Governatori, con l'entrata di 10 nuovi membri. La sostituzione è stata approvata nella 49° Conferenza Generale di questa agenzia specializzata delle Nazioni Unite che riunisce a Vienna i suoi 137 paesi membri una volta all'anno in settembre. Tra i 10 nuovi entrati nella Giunta (di 35 membri) vi sono Bielorussia, Cuba e Siria. L'assemblea ha ieri rieletto l'egiziano Mohamed El-Baradei come direttore generale dell'organismo per un terzo mandato.

Evidenziato lo sviluppo di Cuba nelle specialità di Ortopedia
30.9 - Cuba dispone di un notevole sviluppo nella specialità di Ortopedia, ha affermato oggi il famoso professore Rodrigo Álvarez Cambras, durante la chiusura di un congresso internazionale sulla materia. Álvarez Cambras ha messo in risalto che Cuba dispone attualmente di oltre 1.100 specialisti in questi servizi della salute e ne sta preparando altri 350, come riporta l'Agenzia di Informazione Nazionale. I contributi di Cuba all'Ortopedia vengono applicati con successo in numerosi paesi, con benefici per molte persone.