novembre 2005

Grandi aspettative alla Fiera Internazionale di La Habana
1.11 - La XXIII Fiera Internazionale di La Habana ha iniziato il suo secondo giorno di attività, con 1.900 imprenditori di 43 paesi partecipanti, con grandi attese di giungere ad accordi commerciali. Questo martedì verrà celebrata la giornata nazionale del Messico, tra le altre importanti attività previste nella giornata. A giudizio di imprenditori, professionisti e uomini di commercio, questa borsa costituisce un importante anello nello sviluppo del commercio di Cuba con le nazioni con le quali mantiene relazioni. Alla fiera partecipano delegazioni ufficiali di 11 paesi e un'importante rappresentanza di imprenditori di 31 stati nordamericani.

Cuba incrementa lo scambio commerciale
1.11 - Lo scambio commerciale di Cuba è stato incrementato del 22 % fino al settembre scorso, a paragone con lo stesso periodo del 2004, ha informato oggi una fonte del Ministero del Commercio Esterno (MINCEX). Questo fatto è dovuto, fondamentalmente, all'aumento delle importazioni, ha precisato il Viceministro di questo dicastero Antonio Luis Carricarte, in un'intervista diffusa alla Fiera Internazionale di La Habana. Le esportazioni mostrano un certa diminuzione, dovuta principalmente al calo delle vendite dello zucchero e dei suoi derivati e alla discesa dei prezzi del nichel nel mercato internazionale, ha indicato il funzionario. Ha spiegato che questo ribasso è stato registrato nonostante una crescita del 12 % delle vendite all'estero sia di tabacco sia di prodotti non tradizionali.

All'ONU, Cuba accusa gli Stati Uniti e l'Unione Europea
2.11 – Alle Nazioni Unite, gli Stati Uniti e l'Unione Europea sono state accusati da Cuba di doppia morale e di ipocrisia in tema di diritti umani e di tenere assenti, nella loro messa a fuoco sul tema, principi obiettivi, imparziali e non selettivi. L'Ambasciatore Orlando Requeijo ha affermato che il dibattito sul tema dei diritti umani ripete la storia che "i colonizzatori di allora sono ora le guide della loro promozione e protezione". Ha denunciato il fatto che "coloro che accumulano lauti guadagni con la guerra o in maniera sottomessa, sono incapaci di fermare le aggressioni della superpotenza contro civili innocenti, e vengono qui come inquisitori medievali a giudicare gli altri". In un discorso alla Terza Commissione dell'Assemblea Generale, il diplomatico ha ribadito il fatto che per Cuba la difesa della sovranità e del rispetto al diritto di libera determinazione dei popoli deve essere "la pietra angolare delle nostre azioni".

La corte d'appello rivedrà la sentenza sugli antiterroristi cubani
2.11 - La Corte d'Appello dell'Undicesimo Circuito di Atlanta ha accettato di valutare l'appello della Procura di Miami in relazione alla sospensione delle condanne ai cinque antiterroristi cubani ingiustamente detenuti negli Stati Uniti. Questa istanza di giudizio ha approvato per maggioranza di riconsiderare il caso con il plenum dei suoi 12 magistrati in attività, ha reso noto il sito digitale antiterroristas.cu. Il 9 agosto scorso, un gruppo di tre giudici dello stesso Circuito aveva stabilito all'unanimità che il processo realizzato contro Gerardo Hernández, Fernando González, Antonio Guerrero, Ramón Labañino e René González, era stato viziato da questioni processuali da parte della Procura. La nuova azione della Procura ha il proposito di dilatare la situazione illegale di sequestro patita dagli imputati, che rimangono nelle carceri di massima sicurezza con molto poche opportunità di avere contatti con gli avvocati che li rappresentano.

Cuba firma contratti con aziende statunitensi
2.11 - L'azienda cubana di importazioni Alimport e imprenditori nordamericani dello stato del Nebraska, hanno firmato vari contratti e una lettera di intenti per un importo di 27 milioni di dollari in prodotti alimentari. Le transazioni sono state firmate da Pedro Álvarez, presidente di Alimport, dal governatore del Nebraska, Dave Heineman, dal segretario dell'Agricoltura di quello stato, Gregori Ibach, e da produttori statunitensi di grano, fagioli, soia e di altri prodotti, inseriti negli accordi. La seconda giornata della XXIII Fiera Internazionale di La Habana, FIHAV 2005, scenario dell'accordo tra ente cubano e aziende degli Stati Uniti, ha avuto la partecipazione di una delegazione di oltre 25 imprenditori statunitensi.

Cuba denuncia il fatto che gli Stati Uniti prolungano la carcerazione dei Cinque
3.11 – Oggi Cuba ha considerato che la decisione di una corte d'appello degli Stati Uniti rende torbida la strada alla giustizia di fronte al processo arbitrario al quale sono stati sottoposti cinque cubani messi in prigione per avere combattuto il terrorismo. Un editoriale pubblicato dal quotidiano Granma commenta al riguardo l'accettazione dell'appello della procura contro una decisione di un gruppo di giudici di quella istanza, da parte della Corte d'Appello dell'Undicesimo Circuito di Atlanta. Si tratta della sentenza dello scorso 9 agosto adottata da tre giudici di questa corte che ha revocato tutte le condanne ai Cinque, come sono noti internazionalmente, e ha ordinato lo svolgimento di un nuovo processo. I rappresentanti del Governo statunitense hanno richiesto che il plenum dei giudici che compongono questo circuito prendessero in esame la sentenza precedente, cosa che è stata ora accettata con una votazione a maggioranza, benché non unanime, sottolinea il testo. Tale posizione "propizia un allungamento del processo, negando la possibilità che venga faccia giustizia immediatamente e che i lottatori antiterroristi possano ritornare in patria", scrive l'editoriale.

Cuba denuncia i piani degli Stati Uniti contro la giustizia
3.11 - Cuba ha definito oggi un atto vergognoso il comportamento delle autorità statunitensi, che hanno lasciato scadere il termine per fare ricorso al ridicolo e simulato processo migratorio contro il terrorista Luis Posada Carriles. Un editoriale pubblicato dal quotidiano ufficiale Granma, denuncia i piani dell'attuale amministrazione nordamericana per impedire l'azione della giustizia e compiacere la mafia cubano-americana che controlla i destini del sud della Florida. Questo risponde, afferma, al fatto che deve a questo gruppo di controrivoluzionari, tra gli altri cari favori, il fraudolento arrivo al potere di George W. Bush nel 2000. Tale atteggiamento conferma le denunce di Cuba, perché il 26 ottobre i rappresentanti del Dipartimento di Sicurezza Territoriale (DHS) hanno lasciato scadere il termine per ricorrere contro la sentenza, che non ha indagato su quali sono stati i mezzi per l'entrata di Posada Carriles negli Stati Uniti.

Cuba critica duramente la presenza di Bush al vertice continentale
4.11 – A Mar del Plata, in Argentina, il Presidente del Parlamento cubano, Ricardo Alarcón, ha accusato oggi George W. Bush, di non avere morale per parlare al IV Vertice delle Americhe a nome di un popolo che non rappresenta. Durante la chiusura del III Vertice dei Popoli a Mar del Plata, Alarcón ha precisato che Bush sequestra e incarcera quelli che lottano contro il terrorismo, mentre protegge nel suo territorio quelli che hanno commesso i peggiori crimini contro i latinoamericani. Chi agisce così non ha argomenti per stare qui a parlare di un popolo che lui non rappresenta, ha insistito il leader parlamentare riferendosi alla presenza del governante degli Stati Uniti al forum continentale, con sede in questa famosa località balneare.

Contratti milionari alla fiera internazionale cubana
4.11 - Contratti per oltre 300 milioni di dollari sono stati stabiliti fino a oggi alla XXIII Fiera Internazionale di La Habana (FIHAV 2005), che si concluderà sabato, ha informato il presidente del Comitato Organizzatore, Abraham Maciques. In questa borsa commerciale di carattere generale, la maggiore di Cuba e una delle più importanti della regione, la Spagna e il Canada sono risultati i paesi più rappresentati. Questa ultima nazione ha ricevuto anche il premio per avere presentato il migliore padiglione dell'esposizione, a cui hanno partecipato 1.800 imprenditori di 43 nazioni. Maciques ha rilevato che sono state incrementate le possibilità di commercio e delle relazioni di Cuba con le rimanenti nazioni partecipanti, come pure dei contratti, delle lettere di intenti e della qualità di questo scambio.

L'Angola non dimenticherà mai l'impegno internazionalista di Cuba
4.11 L'Angola avrà sempre un messaggio di gratitudine e di fratellanza per gli internazionalisti cubani che hanno dato anche la loro vita per la nostra indipendenza, ha affermato a Luanda il Ministro della Difesa Kundi Paihama. In occasione dei 30 anni dell'Operazione Carlota, attraverso la quale circa 300.000 cubani hanno contribuito alla difesa dell'integrità territoriale della Repubblica Popolare dell'Angola, il generale Paihama ha parlato in esclusiva con Prensa Latina. Non potremo mai dimenticare l'impegno di amore e di bontà di Cuba. La nostra vittoria e la nostra allegria sono anche dei cubani, perché ci hanno aiutato a portare la libertà e l'indipendenza, ha detto nel suo ufficio di questa capitale.

Washington rafforza l'aggressione radioelettronica contro Cuba
4.11 - L'aggressione radioelettronica alla quale è oggi sottoposta Cuba da parte degli Stati Uniti, ha registrato in settembre un totale di 2.267 ore settimanali in onda corta, media, modulazione di frequenza e la impropriamente detta 'televisione Martí'. Secondo Carlos Martínez Albuerne, direttore generale dell'Agenzia di Controllo e Supervisione del Ministero dell'Informatica e delle Comunicazioni, l'emissione verso Cuba di informazione sovversiva attraverso la radio e la televisione aumenta ogni giorno. Queste trasmissioni, che interferiscono frequenze e canali, violano il regolamento dell'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT) e altri accordi di importanza mondiale, ha denunciato il dirigente.

Alla FIHAV 2005 presentata una birra cubana
4.11 - Una nuova birra cubana, chiamata Cubay, sarà a disposizione degli appassionati di questa bevanda, dopo una degustazione offerta alla XXIII Fiera Internazionale di La Habana (FIHAV), che si conclude domani. L'addetta alle esportazioni e al turismo dell'azienda Tínima, Neisy Canino, ha spiegato che il luppolo è molto cubano con il 5.2 % di alcool, e con un sapore molto gradevole e un gusto amaro ben equilibrato. In particolare, il prodotto è stato elaborato per il mercato tedesco, con la caratteristica di andare a competere con un paese molto birraio, dove regnano decine di marche di eccellente qualità. Tínima è un'azienda cubana con sede nella provincia di Camagüey. Questa azienda si dedica alla produzione di birre e di malti di qualità.

Linea aerea italiana inaugura una rotta turistica
4.11 - La linea aerea italiano Neos ha inaugurato la rotta Milano-La Habana, che questo inverno comincerà un programma di quattro voli settimanali, comprese le destinazioni di Varadero, Santiago de Cuba, Holguín e Cayo Largo. In una conferenza, il suo direttore commerciale, Carlo Stradiotti, ha detto che la compagnia è apparsa sul mercato nel 2002 e ha voli per Giamaica, Maldive, Zanzibar e Kenya, tra gli altri. In questo primo volo alla capitale cubana e insieme a 250 turisti italiani è arrivato il gruppo musicale 'I Nomadi', che si presenterà domani con il gruppo 'Moncada' sulla scalinata dell'Università di La Habana.

Cuba cresce nel commercio dei sigari
5.11 - Il tabacco cubano continua con i primi passi del sigaro tipo Premium, ha affermato alla FIHAV 2005 il vicepresidente dell'azienda Habanos S.A., Evis Placeres. I sigari cubani continuano a essere la principale attrattiva dei fumatori, dato che nel 2004 l'azienda ha prodotto l'86 % di sigari tipo Premium, il 13 % di altri tipi e l'1 % di altre specialità. La Fiera Internazionale di La Habana (FIHAV) costituisce la principale borsa commerciale cubana e celebra la sua XXIII edizione con la partecipazione di oltre 40 paesi.

Il Vertice dei Popoli ha segnato una svolta, afferma Alarcón
7.11 - Il Presidente dell'Assemblea Nazionale del Poder Popular (Parlamento) di Cuba, Ricardo Alarcón, ha oggi affermato che il Vertice dei Popoli di Mar del Plata ha segnato una svolta nella storia e ha dimostrato che si stanno vivendo tempi diversi in America Latina. L'incontro è stato un riflesso del fatto che l'America Latina è all'erta e non sarà mai vinta, ha detto Alarcón in dichiarazioni a Prensa Latina, al suo ritorno dall'Argentina. Lì è stato dato un duro colpo agli Stati Uniti, ha espresso il Presidente del Parlamento cubano, che di seguito ha affermato che il momento è di totale indipendenza. Sono stati analizzati e discussi i veri problemi dell'umanità e, in particolare, della regione, ha spiegato, sottolineando il discorso pronunciato dal Presidente venezuelano, Hugo Chávez.


Il Ministro degli Esteri cubano è giunto all'ONU
7.11 - Il Ministro degli Esteri cubano, Felipe Pérez Roque, è arrivato oggi a New York per condurre alle Nazioni Unite una nuova battaglia diplomatica di Cuba contro il blocco economico imposto dagli Stati Uniti. I dibattiti sul tema "Necessità di porre fine al blocco economico, finanziario e commerciale imposto dagli Stati Uniti contro Cuba" sono previsti per la mattina di domani della 60° Assemblea Generale dell'ONU. Fonti diplomatiche di questa sede danno per certo che i risultati di questi dibattiti saranno un nuovo sorso amaro per il Governo statunitense. Dalla prima votazione all'ONU sul tema del blocco a Cuba, la comunità mondiale si è pronunciata negli ultimi 13 anni consecutivi contro questa politica con cui Washington pretende di soffocare la Rivoluzione cubana.

Affermato che Cuba vive il momento di maggiore solidarietà internazionale
7.11 - Cuba vive il momento di più alto sostegno alla sua Rivoluzione, ha affermato oggi il presidente dell'Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli (ICAP), Sergio Corrieri, per un incontro di solidarietà con Cuba. Abbiamo relazioni con 1.850 associazioni o gruppi di amicizia di 133 paesi, ha informato Corrieri, durante l’incontro con i membri della brigata 45° Anniversario dell'ICAP, composta da oltre 100 membri di 24 nazioni differenti. Il dirigente ha fatto riferimento all'importanza dell'appoggio solidale degli amici di Cuba all'estero, perché questo rappresenta – ha precisato – l’opinione pubblica, una risorsa molto difficile da sconfiggere.

Il Presidente uruguayano ringrazia Cuba per l’Operazione Miracolo
7.11 – A Montevideo, il Presidente uruguayano, Tabaré Vázquez, ha oggi ringraziato il Governo di Cuba per l'assistenza gratuita, compresa quella chirurgica, che viene data ai cittadini poveri di questo paese con malattie alla vista. Il Presidente uruguayano ha espresso questa opinione sulla cosiddetta Operazione Miracolo durante un incontro con l'Ambasciatrice cubana, Marielena Ruiz Capote, che oggi ha consegnato le credenziali. La Ruiz Capote ha detto che nel colloquio con il Presidente uruguayano è stata enfatizzata la volontà dei due paesi nell’approfondire i legami bilaterali in tutti gli ambiti. Per Cuba, ha aggiunto, il ristabilimento delle relazioni diplomatiche è un fatto storico, che si basa sull'unità dei popoli uruguayano e cubano.

Schiacciante appoggio a Cuba alle Nazioni Unite
8.11 - La comunità internazionale ha appoggiato oggi Cuba quasi all'unanimità sulla richiesta per la fine del blocco economico imposto dagli Stati Uniti a questo stato caraibico con una votazione di 182 a favore, 4 contro e 1 astenuto. La risoluzione dal titolo "Necessità di porre fine al blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti d'America contro Cuba" è la quattordicesima consecutiva che condanna alle Nazioni Unite questa politica di Washington. L'anno scorso una proposta simile aveva avuto l'appoggio di 179 stati, per cui in questa occasione Cuba ha ottenuto quello che è stato definito un record olimpico. Gli unici quattro paesi che si sono opposti sono Stati Uniti, Israele, Isole Marshall e Palau, mentre la Micronesia si è astenuta. Più di una ventina di paesi si sono apertamente pronunciati a favore della fine del blocco in questa sessione dell'Assemblea Generale, durante la quale sono stati dibattuti il progetto presentato da Cuba e la relazione sul tema preparata del Segretario Generale, Kofi Annan.

Cuba difende il popolo degli Stati Uniti quando reclama la fine blocco
8.11 - Il Ministro cubano delle Relazioni Estere, Felipe Pérez Roque, ha affermato oggi alle Nazioni Unite che il suo paese difende il popolo degli Stati Uniti quando reclama la fine del blocco imposto dal Governo di Washington contro Cuba. Intervenendo all'Assemblea Generale sulla risoluzione "Necessità di porre fine al blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti contro Cuba", il Ministro degli Esteri ha segnalato che queste misure colpiscono anche gli statunitensi. Ha fatto riferimento a un recente studio dell'Università del Sud dell'Alabama, secondo il quale l'eliminazione del blocco potrebbe generare 100.000 nuovi posti di lavoro ed entrate addizionali per 6.000 milioni di dollari all'economia statunitense. Il Ministro ha criticato duramente gli Stati Uniti per non avere partecipato al dibattito sulla risoluzione e per aver partecipato solo nella spiegazione di voto, cosa che ha detto rappresenta la mancanza di elementi morali ed etici per difendere la loro posizione.

L'Ambasciatrice cubana replica duramente agli argomenti degli Stati Uniti
8.11 – Oggi alle Nazioni Unite, l'Ambasciatrice cubana Ileana Núñez ha replicò duramente agli argomenti presentati dall'Unione Europea e dagli Stati Uniti per difendere il blocco contro Cuba, che le Nazioni Unite hanno oggi respinto con una schiacciante maggioranza. La rappresentante permanente alterna di Cuba alle Nazioni Unite ha condannato l'Unione Europea per avere tentato di occultare dietro un complicato gioco di parole il fatto che gli Stati Uniti hanno lanciato una guerra economica contro il suo paese. La peggior fallacia, ha detto la diplomatica, è quella di cercare di suggerire che ce lo meritiamo. "Dà l'impressione che, purché non si colpiscano i suoi interessi economici, l'Unione Europea si mostrerà indifferente, o peggio ancora, allineata, se l'impero decide di applicare sanzioni contrarie al diritto internazionale contro un paese degno e indomabile", ha aggiunto. In quanto all'intervento della delegazione statunitense, l'Ambasciatrice ha detto che "niente ci sorprende". Gli interventi che abbiamo ascoltato, ha aggiunto, rivelano la doppia morale e l'ipocrisia con cui l'Unione Europea e gli Stati Uniti intendono giudicare gli altri.

La votazione all'ONU riflette l'isolamento della politica statunitense
9.11 - Il Ministro cubano delle Relazioni Estere, Felipe Pérez Roque, ha affermato che la categorica votazione a favore dell'eliminazione del blocco riflette l'enorme rifiuto mondiale a questa politica degli Stati Uniti contro Cuba. "È stato un risultato schiacciante, espressione dell'enorme rifiuto che il blocco contro Cuba suscita nel mondo e prova inequivocabile di sostegno alla lotta del popolo cubano contro il blocco e contro l'aggressione esterna", ha aggiunto. In un'intervista concessa a Prensa Latina dopo la votazione all'Assemblea Generale, per il 14° anno consecutivo, di una risoluzione di condanna al blocco, Pérez Roque ha espresso la speranza che il Governo statunitense "ascolti questo segnale della comunità internazionale".

L'Ambasciatore Bolton assente alla votazione contro il blocco a Cuba
9.11 - L'Ambasciatore degli Stati Uniti all'ONU, John Bolton, ha eluso ieri una travolgente votazione internazionale contro il blocco imposto a Cuba da Washington, in un gesto considerato alle Nazioni Unite come sintomatico. Bolton è rimasto assente durante la sessione dell'Assemblea Generale dedicata a dibattere un tema di notevole importanza per l'amministrazione del Presidente George W. Bush, come è il blocco economico imposto a Cuba da oltre 45 anni. Secondo quanto confermato oggi, Bolton ha preferito partecipare a una riunione di routine del Consiglio di Sicurezza sull'Iraq, piuttosto che sopportare nell'Assemblea Generale la virtuale ondata di ripudio internazionale a questa ostile misura.

I familiari dei Cinque sperano che ad Atlanta trionfi la giustizia
10.11 - Magali Llort Ruiz, madre di Fernando González, uno dei cinque cubani ingiustamente detenuti negli Stati Uniti per avere combattuto il terrorismo, aspetta oggi il trionfo della giustizia nella Corte d'Appello dell'XI Circuito di Atlanta. In un colloquio con i rappresentanti di una ventina di paesi di Europa, America Latina e Oceania, membri di una brigata solidale con Cuba, la Llort ha denunciato la punizione imposta ai Cinque e in particolar modo a René González, privato da anni della possibilità di vedere sua figlia Ivette e sua moglie Olga Salanueva. Le autorità nordamericane riservano un trattamento simile a Gerardo Hernández, anche lui nell'impossibilità di vedere sua moglie Adriana Pérez O'Connor. La Llort ha detto che di avere fiducia nella forza della sentenza unanime presentata da una giuria di tre magistrati della Corte d'Appello di Atlanta che ha revocato le condanne contro i Cinque, come sono noti Gerardo Hernández, Ramón Labañino, Antonio Guerrero, René González e Fernando González.

Gli Stati Uniti accusati per la proliferazione delle basi militari
10.11 – Lo svolgimento a Cuba di una Conferenza Internazionale contro le Basi Militari Straniere ha messo sotto accusa gli Stati Uniti per la proliferazione di queste installazioni, a causa della loro strategia di egemonia e di ingerenza nei confronti dei popoli. Esperti e personalità dei movimenti sociali e per la pace di Germania, Austria, Belgio, Nordamerica, Spagna, Giappone, Filippine, Grecia, Italia, Brasile, Congo e Cuba si sono trovati d'accordo sul fatto che questo fenomeno sia di alta priorità e attualità per il pericolo che rappresenta per il mondo. Il dottor Luis M. Cuñarro, vicepresidente del Centro di Studi e Ricerche della Difesa, ha spiegato a Prensa Latina che le basi militari nel contesto militare attuale svolgono un importante ruolo nel sistema di relazioni internazionali, anche se queste sono cambiate.

Il Presidente del Guatemala ringrazia per l'aiuto medico di Cuba
10.11 - Il Presidente del Guatemala, Óscar Berger, ha sottolineato il lavoro realizzato in Guatemala dal 1998 dai medici di Cuba, durante una cerimonia nella quale ha ricevuto le credenziali del nuovo Ambasciatore cubano, Omar Morales. Morales, che è arrivato nel paese all'inizio dello scorso ottobre, è stato ricevuto con una cerimonia solenne da Berger al Palazzo Nazionale della Cultura, vecchia sede del Governo, situata nel centro storico della capitale. In dichiarazioni a Prensa Latina, il diplomatico ha commentato che il capo di Stato "in primo luogo, ha molto ringraziato per la presenza di una brigata medica cubana che si trova da vari anni nel paese".

Pazienti uruguaiani elogiano l'assistenza medica ricevuta a Cuba
10.11 - Il primo gruppo di uruguayani che si è recato a Cuba come parte dell'Operazione Miracolo (per l'attenzione delle malattie della vista) è stato operato con successo, hanno evidenziato i mezzi di comunicazione uruguayani. "Sono rinato. Questo è meraviglioso. Io vorrei che visitiate Cuba per conoscere", ha detto Horacio Añón, che risiede nel quartiere Colón, nel colloquio durato quasi 40 minuti durante il tragitto da La Habana a Montevideo. L'Operazione Miracolo è un'iniziativa congiunta dei Governi di Venezuela e Cuba, fa parte dell'Alternativa Bolivariana per le Americhe, e consiste in interventi chirurgici oftalmologici gratuiti a persone povere dell'America del Sud.

Fidel Castro si congratula con i lavoratori della Televisione Cubana
11.11 - Il Presidente Fidel Castro ha inviato un attestato ai lavoratori, agli artisti e ai dirigenti della Televisione Cubana, per i 55 anni di questo mezzo di comunicazione, inaugurato il 24 ottobre 1950. Riconoscimento per il suo lavoro rivolto a insegnare, a informare e a trasmettere conoscenze scientifiche, culturali e ricreative che esercitano una nobile funzione sullo spirito e nell'anima del nostro popolo, afferma il testo contenuto nell'attestato. Il diploma è stato consegnato da Esteban Lazo, membro del Burò Politico del Partito Comunista, a Ernesto López, presidente dell'Istituto Cubano di Radio e Televisione (ICRT), durante una cerimonia al teatro del Memorial José Martí. López ha descritto lo sviluppo e il contributo della televisione in tutti questi anni, in particolar modo durante il periodo rivoluzionario, e ha citato le complesse sfide a cui l'organismo ha fatto fronte.

Cuba difende il controllo internazionale di Internet
11.11 - Cuba sostiene l'interesse affinché nessun paese abbia un ruolo prominente nella gestione di Internet, ha detto Ignacio González, Ministro dell'Informatica e delle Comunicazioni di Cuba. A tutte le nazioni del mondo spetta di partecipare al regolamento delle risorse offerte dalla rete, ha sottolineato oggi González durante un forum che si è tenuto al Ministero degli Esteri cubano, come parte del dibattito internazionale riguardo al Vertice Mondiale sulla Società dell'Informazione. La posizione degli Stati Uniti è contraria a quella proposta dalla maggior parte delle nazioni, ha aggiunto, ma speriamo che all'importante riunione, che si terrà a Tunisi dal 16 al 18 novembre prossimi, si possa arrivare a qualche accordo, ha manifestato.

Il censimento della popolazione conferma i risultati sociali cubani
11.11 - I risultati sociali della Rivoluzione cubana sono stati convalidati in modo statistico dai dati del Censimento Nazionale della Popolazione e delle Abitazioni, realizzato nel 2002, la cui relazione è stata presentata ufficialmente oggi. Questa è la ricerca statistica più importante effettuata nel paese, che riflette informazioni sulla realtà dell'isola agli organismi internazionali delle Nazioni Unite, ed è di grande utilità per i programmi di sviluppo dell'Isola. Secondo i risultati dell'indagine la popolazione cubana ammonta a 11.177.743 persone, con il 14.7 % dei suoi cittadini con oltre 60 anni e un'età media di 35.1 anni. Allo stesso modo si è saputo che la densità di popolazione è di 101.7 abitanti per chilometro quadrato.

Cuba è preparata ad affrontare l'influenza aviaria responsabile di vari focolai in Asia
12.11 - Mentre a Cuba le autorità sanitarie hanno affermato di essere preparate di fronte all'espansione mondiale dell'influenza aviaria, in Asia appaiono nuovi focolai della malattia, che può essere mortale per l'uomo. Secondo la dottoressa Lidia Tablada, direttrice del Centro Nazionale di Sanità Agro-zootecnica di Cuba, l'isola conta su un programma per il rapido rilevamento e il controllo della malattia, sia nella sfera veterinaria e sia nella salute umana.

Soddisfazione per la vittoria di un attore cubano a Trieste
12.11 – A La Habana vi è stata una grande soddisfazione per la vittoria dell'attore cubano Manuel Porto, che ha vinto il premio per la migliore interpretazione maschile al Festival del Cinema di Trieste, in Italia, da poco concluso. La giuria che ha premiato il lavoro dell'attore ha espresso nella sua motivazione: "Riceve il premio per il suo ruolo in cui dà vita a un personaggio fuori da tutti gli schemi, sopportando la responsabilità del film dall'inizio alla fine senza un cliché di interpretazione".

Scienziato cubano denuncia il rifiuto del visto per gli Stati Uniti
12.11 - Lo specialista cubano creatore del vaccino contro la Haemophilus influenzae tipo B, Vicente Vérez Bencomo, ha definito un'offesa il rifiuto del Governo degli Stati Uniti a concedergli il visto per recarsi in quel paese. Gli Stati Uniti hanno argomentato che la sua presenza lì sarebbe stata una minaccia agli interessi della nazione, ha detto il direttore del Centro di Studi degli Antigeni Sintetici della Facoltà di Chimica dell'Università di La Habana, in dichiarazioni diffuse oggi dal quotidiano Granma.

Cuba appoggia una società dell'informazione giusta
14.11 – Cuba cercherà decisioni che permettano di rendere universali i vantaggi della cosiddetta Società dell'Informazione, come parte dei negoziati iniziati ieri a Tunisi che precedono il Vertice Mondiale sul tema, hanno affermato fonti ufficiali. Jorge Luis Perdomo, Viceministro di Informatica e Comunicazioni della nazione caraibica, ha detto alla stampa che il divario informatico esistente tra paesi ricchi e quelli in via di sviluppo può essere annullato avendo solamente come principi di base i concetti di giustizia sociale, di partecipazione popolare, di equità e di solidarietà.

Denunciate violazioni ai diritti di cinque famiglie cubane
15.11 - Il Presidente del Parlamento di Cuba, Ricardo Alarcón, ha denunciato oggi a La Habana il brutale comportamento degli Stati Uniti nel caso dei cinque antiterroristi cubani che mantiene ingiustamente incarcerati, separandoli da sette anni alle loro famiglie. Si tratta di una tortura crudele e immorale contro il gruppo e i loro familiari, privati di mantenere periodicamente contatti, ha indicato Alarcón all'apertura del V Incontro Internazionale sulla Protezione Giuridica dei Diritti della Famiglia e dei Minori, che sessiona da questo martedì al Palazzo delle Convenzioni, di La Habana.

I medici cubani hanno salvato oltre mille vite in Guatemala
15.11 - La cooperazione medica di Cuba con il Guatemala ha permesso di salvare, in un solo mese, 1.0167 vite di persone colpite dalla tempesta tropicale Stan, mentre fino a oggi 260 persone con malattie oculari hanno ricevuto assistenza nell'isola. Autorità della Brigata Medica di Cuba (BMC) in Guatemala, hanno detto a Prensa Latina che il numero di persone salvate dalla morte si riferisce solo al lavoro dei 600 membri del Contingente Specializzato in Disastri e Grandi Epidemie 'Henry Reeve'. I brigatisti, ha indicato il medico ed epidemiologo della BMC Orlando Páez, operano in modo parallelo al lavoro permanente dei 233 medici della citata brigata, che dal 1998 si trovano in questa nazione subito dopo le devastazioni dell'uragano Mitch.

Circola come documento nell'Assemblea Generale la protesta di Cuba
16.11 - La protesta di Cuba per la permanenza nel territorio statunitense del terrorista Luis Posada Carriles e per l'ostruzione da parte della giustizia nel caso dei Cinque, circola oggi alle Nazioni Unite. Il documento presentato da Cuba è iscritto nel tema 108 dell'Assemblea Generale, che tratta sulle 'Misure per eliminare il terrorismo internazionale'. Nella sua nota, la rappresentanza permanente di Cuba all'ONU relaziona sulla situazione di Posada Carriles sotto il titolo "Tacere la verità è un crimine imperdonabile".

Cuba chiede una Società di Informazione senza esclusioni
16.11 - Cuba ha sottolineato oggi a Tunisi che andare verso la Società dell'Informazione richiede innanzitutto un mondo libero dalla fame, dalla mancanza di cultura, dalla mancanza di salute, dalla discriminazione e dalla esclusione. Ignacio González Planas, Ministro cubano di Informatica e Comunicazioni, ha enfatizzato il fatto che gli affamati, i malati, gli analfabeti, gli esclusi, non potranno mai capire l'uso delle nuove tecnologie. Intervenendo alla prima sessione plenaria del Vertice Mondiale sulla Società dell'Informazione (CMSI), che si svolge nella capitale di questo paese nordafricano, González Planas ha presentato un riassunto delle posizioni e delle proposte di Cuba.

Cuba favorisce come un diritto inalienabile l'educazione dei bambini sordi
16.11 - Il Ministro dell'Educazione di Cuba, Luis Ignacio Gómez, ha sottolineato a La Habana le trasformazioni nell'insegnamento ai bambini sordi dell'isola, a favore della loro integrazione e del loro riconoscimento sociale. Intervenendo all'VIII Congresso Latinoamericano di Educazione Bilingue per sordi, che si svolge nella capitale cubana alla presenza di oltre 200 delegati di 17 paesi, Gómez ha citato l'accettazione del linguaggio dei segni come prima lingua dei bambini sordi. Il Ministro ha pure sottolineato l'estensione educativa con l'appoggio di interpreti, l'abilitazione di professori nel linguaggio dei segni e l'approvazione di un progetto di ricerca per costruire un modello cubano di educazione bilingue per sordi. I bambini sordi transitano a Cuba attraverso lo stesso percorso degli udenti, l'unica differenza è che vi accedono attraverso una lingua differente (il linguaggio dei segni), ha precisato.

Il Presidente Fidel Castro riceve rappresentanti della Chiesa Cattolica
17.11 - Il Presidente Fidel Castro ha ricevuto il Nunzio Apostolico, Monsignor Luigi Bonazzi, rappresentante della Santa Sede a La Habana, in occasione del 70° anniversario delle relazioni diplomatiche ininterrotte tra Cuba e la Chiesa Cattolica. Accompagnato da altri dirigenti del Partito Comunista di Cuba e del Governo, il leader massimo cubano ha ricevuto anche membri della Conferenza dei Vescovi Cattolici di Cuba, capeggiati dal Cardinale Jaime Ortega Alamino, Arcivescovo di La Habana, ha pubblicato oggi la stampa cubana. Erano presenti anche altre personalità della Chiesa Cattolica di Cuba a questo incontro, che è avvenuto in un ambiente costruttivo e amichevole.

Cuba privilegia il trattamento dei bambini handicappati
17.11 - Cuba privilegia i bambini portatori di handicap dell'isola, ai quali oggi assicura salute, riabilitazione e previdenza sociale, benefici conferiti dalla Convenzione dei Diritti dal Bambino. Qualunque bambino cubano portatore di handicap ha diritto ad attenzioni speciali, assistenza personalizzata, accesso totale all'educazione e ai servizi di salute, al fine di ottenere la sua piena integrazione alla società e il suo completo sviluppo spirituale. Nell'isola caraibica non solo vengono curati i casi esistenti, ma lo Stato realizza pure il rilevamento precoce delle anomalie congenite e i rischi alla concezione per la loro prevenzione.

Passi di Cuba nella socializzazione delle Tecnologie di Informazione
17.11 - Cuba ha avuto oggi a Tunisi numerose dimostrazioni di riconoscenza per i suoi risultati nell'uso sociale delle nuove Tecnologie dell'Informazione e delle Comunicazioni (TICs) da parte di un auditorium specializzato. La sala Hammamet, una di quelle destinate al Vertice sulla Società dell'Informazione (CMSI) per presentazioni speciali, è risultata piccola per coloro che sono accorsi per conoscere il programma di questa Isola. Convocata sotto il titolo "Socializzazione delle TICs: Sfide e Prospettive", l'esposizione ha contato sulla presenza del Ministro cubano di Informatica e Comunicazioni, Ignacio González Planas. La guatemalteca María Bulux Mejía, dell'organizzazione non governativa Enlace Quiche, premiata dalla CMSI per i suoi programmi di estensione delle TICs, ha elogiato l'utilizzo cubano dell'informatica e dei mezzi audiovisivi ai differenti livelli di insegnamento, in modo universale, gratuito e senza distinzione di genere o di età.

Argentina, Messico, Colombia e Cuba, vincitori del Premio José Martí
18.11 – Gli argentini Pamela Damia ed Emiliano Guido, e la messicana Gloria Muñoz, hanno vinto ex-aequo il XIII Premio Latinoamericano di Giornalismo José Martí, ha annunciato oggi a La Habana la giuria in una solenne cerimonia. Damia e Guido, dell'Agenzia Giornalistica del Mercosur (APM), hanno concorso con la serie 'Gli Stati Uniti vogliono prendersi l'Amazzonia', "un avvertimento continentale, proposto in modo documentato e obiettivo", secondo la motivazione. Cronista del quotidiano messicano La Jornada, la Muñoz ha partecipato con un'altra serie: 'Chiapas, la resistenza', che "rivela la complessità politica e sociale di un movimento di autonomia indigena –l'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale - nell'America attuale". All'unanimità, i membri della giuria hanno assegnato il secondo posto, a pari merito, al colombiano Gustavo Ramírez, del quotidiano El Colombiano (di Medellin, Colombia) e al messicano Edgar González, collaboratore della rete Voltaire.net. Ai cubani Dixie Edith e Ariel Terrero, della rivista Bohemia, è andato il terzo posto per il loro reportage "Calcoli in camice bianco, "inquadratura precisa tra il valore sociale della gratuità dei servizi di salute a Cuba e il costo finanziario reale che questi rappresentano". Allo stesso modo, la giuria ha deciso di conferire una prima menzione condivisa a Daniel Mapelli, della rivista argentina 'La pulseada', e a Darwin Pinto, del quotidiano 'El deber' (di Santa Cruz de la Sierra, Bolivia) rispettivamente per i loro reportage "La miniera della morte" ed "El Alto: città del freddo, della forza e della furia". In riconoscimento all'intelligenza, alla creatività e al rigore giornalistico è stata concessa una menzione speciale per i temi culturali a Roberto Ponce, della rivista Proceso (Messico), a Nelson Freddy Padilla, della rivista Cromos (Colombia) e a Mariana Fossati, dell'Agenzia APM (Argentina).

Fidel Castro: buona salute e lavoro più che mai
18.11 - Il Presidente Fidel Castro ha affermato di godere buona salute e di lavorare più che mai, nonostante le presunte notizie dell'Agenzia Centrale di Intelligence (CIA) sul fatto che soffra di Parkinson. Quelli che mi hanno ammazzato tante volte, hanno patito delusioni su delusioni, ha affermato il Presidente. Il Capo di Stato, di 79 anni, ha parlato in piedi, per varie ore davanti a dirigenti della Federazione Studentesca Universitaria, studenti e professori, un anno dopo una caduta accidentale che gli ha provocato fratture multiple alla rotula e un'incrinatura al braccio destro. Ha riferito particolari sull'intervento chirurgico dal quale ha detto di essersi perfettamente ristabilito.

Fidel Castro: l'umanità vive un momento critico
18.11 - Una particolareggiata analisi del momento critico che vive l'umanità ha caratterizzato il discorso del Presidente Fidel Castro, agli studenti e ai giovani dirigenti nel 60° Anniversario della sua entrata all'Università di La Habana. Per quasi cinque ore il Capo di Stato ha parlato delle sfide che ha davanti a sé il mondo e ha previsto che verrà dimostrata la crisi delle teorie del sistema capitalista, dei suoi blocchi e delle sue destabilizzazioni. Ha affermato che la prima difesa è l'assenza della paura affinché l'impero si demoralizzi, e ha portato come esempio che Cuba difenderà in tutte le tribune il diritto dei popoli a produrre energia nucleare. Sono finiti gli abusi della forza e del terrore, che sparisce di fronte all'assenza totale di paura, perché sono sempre più i popoli che si manifestano e gli Stati Uniti non potranno sostenere la loro politica. Ha detto che più presto che tardi questo impero si disintegrerà e così il popolo statunitense avrà più libertà e giustizia che mai, potrà utilizzare la scienza e la tecnica a proprio beneficio e a beneficio dell'umanità e unirsi a quelli che lottano per la sopravvivenza della specie e per un'opportunità per l'umanità. Per questo motivo, è giusto usare tutta l'energia, tutti gli sforzi e tutto il tempo per potere dire, vale la pena di essere nati e di avere vissuto, ha affermato.

I medici cubani si guadagnano l'ammirazione in Pakistan
18.11 - La brigata medica cubana che presta servizio in Pakistan dopo il terremoto dello scorso 8 ottobre, ha oggi l'ammirazione e il rispetto di questo popolo, per la sua professionalità e per l'eccellente trattamento verso le vittime del cataclisma. I cubani mi amano molto, mi curano, mi cambiano il letto, non voglio che se ne vadano via, ha detto al quotidiano Granma il bambino di otto anni Mohsin Jqbal, proveniente da Balakot, una città pakistana molto colpita dal sisma. Centinaia di medici cubani mantengono un'attiva assistenza alla popolazione delle zone colpite dalla scossa di 7.6 gradi della scala Richter che ha distrutto il nord di questa nazione asiatica.

Condannati a Cuba trafficanti internazionali di droga
19.11 – Dure condanne di privazione della libertà per il delitto di traffico internazionale di droga sono state comminate a Cuba contro i cittadini giamaicani Rudolph Allem Block, Malson Cambell e Robert Wallace, pubblica oggi il quotidiano Granma. Il Tribunale Popolare della provincia di Holguín, a 735 chilometri a est di La Habana, in un processo effettuato lo scorso 16 settembre, ha condannato a 20 anni di carcere a Malson Cambell, 18 a Rudolph Allem Block e 17 a Robert Wallace. Gli imputati erano entrati nelle acque cubane all'altezza di Cayo Burro, nel municipio di Frank País, in provincia di Holguín, il 9 novembre 2004, con merce di contrabbando di Cannabis Sativa Indica (più nota come marijuana). Le autorità cubane hanno sequestrato e poi distrutto, alla presenza della stampa nazionale e internazionale accreditata nel paese, un carico di 610.8 chilogrammi, in un'operazione nella provincia di Las Tunas, a 660 chilometri a est di La Habana.

Il Tribunale di Atlanta annuncia un'udienza sul caso dei Cinque
19.11 – Un'udienza per riconsiderare il caso dei Cinque da parte dei 12 giudici attivi della Corte d'Appello dell'XI Circuito di Atlanta, è stata annunciata per la settimana del 13 febbraio 2006. Il 9 agosto scorso, tre magistrati della citata Corte avevano deciso di annullare il processo effettuato a Miami e le pene comminate a questi combattenti antiterroristi cubani. Questa settimana, dopo avere indicato il calendario di presentazione degli argomenti, Rodolfo Dávalos, professore di Diritto dell'Università di La Habana, ha precisato che la difesa del caso di Gerardo Hernández, Ramón Labañino, Antonio Guerrero, René González e Fernando González dovrà presentare la documentazione il prossimo 15 dicembre.

Cuba indica temi irrisolti al Vertice sull'Informazione
21.11 – A Tunisi, Cuba ha riconosciuto i progressi ottenuti al Vertice Mondiale sulla Società dell'Informazione, da poco concluso, ma ha incolpato gli Stati Uniti di rifiutarsi di risolvere temi chiave per i paesi sottosviluppati. Poco prima di ritornare a La Habana, il Ministro cubano di Informatica e Comunicazioni, Ignacio González Planas, ha affermato in un'intervista con Prensa Latina che il Vertice di Tunisi "ha dato quello che poteva dare", riassumendo una valutazione critica dell'evento che ha riunito rappresentanti di 176 paesi. In realtà, ha detto, si è progredito molto in alcuni temi e si sono strette relazioni e conoscenze da parte delle nazioni partecipanti. Noi, ha aggiunto, mostriamo quello che si può fare con l'Informatica nonostante contiamo su risorse limitate, quando si lavora in maniera pragmatica, con l'interesse di risolvere i problemi delle persone, senza bramosia di lucro.

L'Operazione Miracolo beneficerà a Cuba i panamensi poveri
22.11 - Famiglie povere hanno accolto oggi con gioia ed emozione il lancio a Panama dell'Operazione Miracolo che permetterà l'attenzione oftalmologica gratuita a Cuba di oltre 48.000 persone a partire dalla prossima settimana. Il centro di salute del quartiere San Isidro, nella zona di San Miguelito a Panama, è stato lo scenario della cerimonia di presentazione dell'Operazione Miracolo, a carico della Prima Dama della Repubblica, Vivian Fernández de Torrijos. Sarà a beneficio dei settori più poveri della nostra popolazione con un servizio di prima qualità completamente gratuito, che permetterà l'intervento chirurgico di patologie come cateratta, strabismo, pterigio e ptosi palpebrale, ha evidenziato la Prima Dama.

Cuba amplia la possibilità di oltrepassare i 120 anni
22.11 - Salute e lunga vita sono le ampie possibilità che Cuba offre per vivere 120 anni con un'attività soddisfacente, secondo Eugenio Selman-Housein Abdo, presidente dell'Associazione Medica dei Caraibi (AMECA). Per lo scienziato cubano, che per vari decenni ha lavorato nell'assistenza e nella docenza medica, gli studi sull'origine e lo sviluppo evolutivo delle specie confermano questa prolungata esistenza, come ha dichiarato alla stampa cubana. Gli animali possono vivere cinque volte il tempo che impiegano per svilupparsi fino alla piena età adulta. Poiché l'Uomo per arrivarvi impiega circa 25 anni, una semplice operazione aritmetica indica che può oltrepassare i 120 anni, ha precisato.

In un dibattito la doppia morale degli Stati Uniti sul terrorismo
22.11 – Dopo l'arresto da parte di agenti federali statunitensi di Santiago Alvarez, complice del terrorista Luis Posada Carriles, Washington si trova oggi di fronte al dibattito della sua doppia morale nella lotta contro il terrorismo. Gli Stati Uniti devono cogliere l'occasione di avere arrestato Alvarez per verificare i particolari del viaggio dell'imbarcazione Santrina che ha portato Posada Carriles dalle Islas Mujeres fino a Miami, hanno detto oggi i giornalisti del popolare programma cubano Tavola Rotonda Informativa. Alvarez e un suo accompagnatore sono stati arrestati, sequestrando loro armi automatiche, granate, lanciagranate, silenziatori, migliaia di proiettili e documenti falsi. Gli esperti stimano che potrebbero essere formulate altre accuse, anche se finora le autorità tacciono sul suo lungo intrigo con Luis Posada Carriles.

Cuba annuncia nuove misure di riordinamento energetico
23.11 - Il Governo di Cuba ha annunciato oggi a La Habana un gruppo di misure su tariffe elettriche, incrementi salariali e sulla Sicurezza e l'Assistenza Sociale, pubblica il quotidiano Granma. Secondo il giornale, il documento, firmato dal Presidente del Consigli di Stato e dei Ministri, Fidel Castro, rende noto che le tariffe che si dovranno pagare per il consumo domestico di energia elettrica rimangono inalterate per la spesa mensile dei primi 100 kilowatt/ora. Le spese energetiche nell'isola sono decisamente sovvenzionate, perché lo Stato fa pagare solo nove centesimi per ogni kilowatt/ora, e il nuovo decreto proclama la prima misura legale nella vitale e decisiva lotta di Cuba per il risparmio di energia, aggiunge.

Decretati a Cuba nuovi aumenti salariali
23.11 – Oltre tre milioni di cubani saranno beneficiati da nuovi aumenti salariali resi noti oggi dal Governo, come continuazione di questa politica di beneficio sociale. Oggi un'informazione ufficiale diffusa indica che durante il processo di riforma salariale sono state riviste oltre 10.000 qualifiche che sono state ridefinite in 4.472 incarichi di ampio profilo. La decisione entrerà in vigore con i pagamenti dei salari di dicembre e beneficerà 2.214.213 lavoratori, con un costo annuale di 1.259.042.204 pesos e un incremento medio mensile di 43 pesos per lavoratore. In questo modo si continua il recupero salariale sotto il principio di "da ognuno secondo la sua capacità, a ognuno secondo il suo lavoro", indica il testo.

Primi alfabetizzati in Nicaragua con il metodo cubano
23.11 - I primi mille nicaraguensi alfabetizzati con il metodo cubano "Io sì posso" riceveranno i loro diplomi il prossimo sabato a Managua, ha annunciato oggi il capo del gruppo di consulenti cubani. In dichiarazioni a Prensa Latina, il professor Orlando Gutiérrez ha spiegato che questa prima abilitazione corrisponde alla fase pilota iniziata il 29 agosto scorso in nove municipi del paese. Prima della conclusione dell'anno, esattamente il 15 dicembre prossimo, riceveranno i loro diplomi altri mille nicaraguensi delle restanti sei municipalità dove è stato realizzato il piano pilota, ha aggiunto Gutiérrez.

Il terrorismo contro Cuba persiste da Miami
24.11 – Il sequestro di armi a lunga gittata al controrivoluzionario di origine cubana Santiago Alvarez, arrestato negli Stati Uniti, evidenzia il fatto che i gruppi di Miami continuano oggi a ricorrere al terrorismo. Così è stato denunciato ieri dal Presidente Fidel Castro, nel suo intervento al programma Tavola Rotonda Informativa trasmesso dalla radio e dalla televisione cubana. E' stata la prima reazione ufficiale conosciuta a Cuba dopo la cattura da parte delle autorità federali nordamericane di Alvarez, legato al terrorista Luis Posada Carriles, autore dell'attentato contro un'aeronave cubana costato la vita a 73 persone davanti alle coste di Barbados. Il Capo di Stato ha ricordato che Santiago Alvarez aveva organizzato e finanziato l'invio di mercenari a Cuba, con la missione di fare esplodere ordigni al cabaret Tropicana, frequentato da turisti stranieri. La Habana lo accusa anche di avere partecipato al tentativo di attentato contro il Presidente cubano in occasione del X Vertice Ibero-Americano a Panama. La polizia statunitense ha fermato Alvarez Magriñá lo scorso sabato e gli ha sequestrato armi a lunga gittata, granate, migliaia di munizioni e un passaporto falso. Il leader cubano si è chiesto a cosa servisse questo arsenale. "Chi andava ad attaccare, chi andava ad ammazzare, leader cubani, leader venezuelani?".

Fidel Castro valorizza i servizi sociali a Cuba
24.11 - Il Presidente Fidel Castro ha valorizzato i servizi sociali che riceve ogni cittadino cubano che, ad altre latitudini gravano per la maggior parte sul salario dei lavoratori. Il Presidente cubano ha respinto la versione errata che la stampa capitalista offre sugli stipendi a Cuba. Ha precisato che il tema del salario riceve una speciale attenzione a Cuba, paese che come nessun altro nel mondo ha potuto aumentarlo in così poco tempo, perché qui la cosa più importante è la vita e il benessere dell'essere umano. Ha fatto riferimento ai prezzi irrisori per i servizi sociali e per il godimento degli spettacoli culturali e sportivi, a paragone con quelli del mondo sviluppato. Ha affermato che è una grande offesa dire che il salario del cubano è una grande menzogna, argomentando il fatto che non viene speso nell'attenzione medica ricevuta in magnifici ospedali dotati di moderne apparecchiature. Questo avviene in un paese libero e che aiuta gli altri, molto più di quello che fanno le nazioni del primo mondo, come nel caso dei 700 medici cubani del contingente Henry Reeve che hanno portato il loro aiuto ai colpiti dal terremoto in Pakistan, ha affermato.

Cuba aumenterà la produzione di petrolio
24.11 - Cuba aumenterà la sua produzione di petrolio e genererà più elettricità mediante il gas accompagnante e altre varianti come quella eolica, ha affermato il Presidente Fidel Castro. Ha spiegato che è in funzione un rivoluzionario programma per risparmiare combustibile e per incrementare le capacità di generazione di elettricità, con tecnologie e formule più efficienti ed economiche. Per questo obiettivo vengono importate macchine perforatrici, milioni di lampadine a basso consumo, apparecchi elettrodomestici a minor consumo e generatori di elettricità per riformare il sistema di produzione dell'isola ed eliminare i black-out. Non resteranno camion a benzina, che saranno rimpiazzati da quelli a diesel, molto più economico, ha precisato il Presidente spiegando diverse delle misure in esecuzione, tra queste quelle del controllo per evitare furti e vendite illecite nei punti di rifornimento di combustibile.

Fidel Castro: l'aumento del salario farà diminuire le differenze sociali
24.11 - I programmi e le misure applicate dalla Rivoluzione hanno come obiettivo che il cittadino viva del suo lavoro e con le possibilità che gli offrono le sue entrate, ha affermato il Presidente cubano Fidel Castro. Riferendosi al proposito del prossimo aumento salariale disposto e alle nuove tariffe del servizio elettrico, ha precisato che questo tipo di misure non è solo per Cuba, ma anche per il resto del mondo, per la necessità di uguaglianza che ha l'umanità. Nessun'altra società nella storia avanza con tanta rapidità su questi temi, perché qui le risorse sono di tutti, i meriti sono condivisi e i successi sono del popolo, che ha scoperto quanto vale essere piccoli e non un impero, ha sottolineato.

La crescita economica di Cuba potrebbe superare il 9 %
24.11 – Quest'anno la crescita dell'economia cubana potrebbe superare il 9 %, ha affermato oggi a La Habana il Ministro di questo settore, José Luis Rodríguez. Intervenendo al VI Congresso dell'Associazione degli Economisti e Contabili di Cuba, inaugurato al Palazzo delle Convenzioni, di La Habana, Rodríguez, che è anche Vicepresidente del Consiglio dei Ministri, ha confermato il turismo come principale fonte di entrate della nazione. Il Ministro ha citato la crescente partecipazione all'economia dei servizi di salute, dei prodotti di alta tecnologia, oltre a quelli creati nella sfera dell'informatica, tutti a partire dal capitale umano che si sviluppa nell'isola.

Le massime autorità sportive di Cuba ricevono la squadra di pugilato
24.11 - Christian Jiménez, presidente dell'Istituto Cubano dello Sport (INDER), e José Ramón Fernández, capo del Comitato Olimpico dell'Isola, hanno ricevuto a La Habana la selezione nazionale di pugilato, recente campione mondiale a Mianyang, Cina. Nella cerimonia di benvenuto, Angel Iglesias, vicepresidente dell'INDER, ha messo in risalto l'impegno dei pugili cubani per riconquistare la corona universale persa a Bangkok 2003 e ha sottolineato il fatto che questo risultato li impegna a raggiungere in futuro traguardi ancora migliori. Iglesias ha pure trasmesso un messaggio di saluto del Presidente cubano, Fidel Castro, e dei tifosi dell'Isola, grandi intenditori della disciplina.

Cuba procede nel progetto pilota di telemedicina rurale
25.11 - Cuba presenta risultati incoraggianti in un progetto pilota di telemedicina rurale per migliorare i sistemi di salute nelle zone remote, hanno comunicato oggi gli esperti in un incontro sull'iniziativa EHAS (Unione Ispano-Americana di Salute). Da due anni il progetto sperimentale EHAS-Cuba viene sviluppato nella provincia da Guantánamo, dove è stata installata una tecnologia senza fili alimentata da pannelli solari che permette la comunicazione su lunghe distanze. Detto piano è in funzione nella località di El Salvador, dove si lavora nel progetto e nella messa in funzione dei servizi di comunicazione a voce come pure nello scambio e nell'accesso alle informazione sulla salute. Le capacità del personale medico e paramedico, le consultazioni per le diagnosi, come pure la localizzazione di medicine sono migliorate in modo notevole in quella zona di difficile accesso, grazie all'uso di questa tecnologia a basso costo.

La CEPAL indica Cuba tra i paesi di punta nella spesa sociale
26.11 - La Commissione Economica per America Latina e i Caraibi (CEPAL) ha posto Cuba tra i paesi della regione che destinano, in proporzione, una maggiore quantità del loro Prodotto Interno Lordo (PIL) alla spesa sociale. Cuba - come Argentina, Brasile, Costa Rica e Uruguay - destina oltre il 18 % del PIL a questo titolo, mentre Ecuador, El Salvador, Guatemala e Repubblica Dominicana assegnano meno del 7.5 %, ha indicato l'organismo. Il Panorama sociale dell'America Latina 2005 constata il fatto che le risorse destinate ai settori sociali nei paesi a maggiore povertà estrema sono insufficienti a rispondere alle necessità di quegli strati della popolazione e a raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio.

Un film italiano denuncerà il terrorismo contro Cuba
26.11 - Il regista italiano Angelo Rizzo, che sta girando a La Habana il suo film "Il ragazzo del Copacabana", ha detto che il film denuncerà il terrorismo e il blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti contro Cuba. La pellicola, che sarà proiettata per la prima volta nel 2006 in Italia, tratta la figura di Fabio Di Celmo, giovane turista italiano vittima di un attentato terroristico avvenuto nel 1997 contro l’Hotel Copacabana, a La Habana. Il film "Il ragazzo del Copacabana" sarà doppiato in inglese, spagnolo e italiano.

Sarà presentata in Brasile l’esperienza cubana nella lotta contro l’alcolismo
28.11 - Cuba presenterà le sue esperienze in un convegno internazionale sull’alcolismo che viene effettuato questa settimana a Brasilia, ha reso noto oggi il dottor Ricardo González, capo dei Servizi di Tossicodipendenza dell'ospedale Psichiatrico di La Habana. Durante l'evento, ha segnalato, si dibatterà su un progetto a livello regionale sui programmi per affrontare il cattivo uso, l’abuso e la dipendenza dell'alcool, ha anticipato l’esperto in dichiarazioni a Prensa Latina. Allo stesso modo, ha segnalato che l'Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) ha avvertito che l'alcool è la droga che causa più malattie e che colpisce milioni di persone nel mondo.

Cuba destina abbondanti risorse contro la droga
29.11 - Il segretario della Commissione cubana contro la droga, José Luis Galván, ha affermato oggi a Caracas che il suo paese, nonostante le difficoltà economiche, destina importanti risorse per evitare che gli stupefacenti contaminino l'isola. Galván, in un colloquio con Prensa Latina, ha affermato che Cuba è situata sulla rotta del traffico internazionale tra i principali produttori di droga e gli Stati Uniti, i maggiori consumatori di droga del mondo.

Il Presidente panamense riconosce il lavoro educativo di Cuba
30.11 - Il Presidente panamense, Martín Torrijos, ha riconosciuto oggi il lavoro di Cuba nell'educazione speciale, durante una visita alla scuola Solidarietà con Panama, a La Habana. Il Presidente ha definito lo sforzo dei lavoratori del centro "esempio di dignità e di lavoro", dopo avere visto le varie attività che i bambini sono capaci di fare da soli, nonostante le loro gravi disfunzioni. Si è congratulato con i docenti per i progressi ottenuti e con gli studenti per la volontà di riabilitazione che hanno dimostrato, ha detto Torrijos, visibilmente commosso, nella sua prima attività ufficiale nell'isola.

Arrivati a Cuba i primi pazienti panamensi con problemi alla vista
30.11 - Il primo gruppo di panamensi con problemi alla vista, composto da 74 persone, è arrivato oggi a Cuba per sottoporsi a interventi chirurgici come parte dell'Operazione Miracolo. I pazienti sono stati ricevuti all'aeroporto internazionale José Martí dal Presidente del Panama, Martín Torrijos, che sta realizzando una breve visita al paese, e dal Ministro della Salute Pubblica di Cuba, José Ramón Balaguer. Grazie all'Operazione Miracolo, promossa da Cuba e dal Venezuela, migliaia di latinoamericani e caraibici con problemi alla vista ricevono un trattamento gratuito nella maggiore delle Antille. Questa contingente "inizia il miracolo dell'operazione Miracolo, restituire la speranza e la vista a molti panamensi grazie alla solidarietà del popolo cubano", ha detto Torrijos.

Indigeni neozelandesi alfabetizzati con il metodo cubano
30.11 - Ribattezzato 'Greenlight' in Nuova Zelanda, il nuovo metodo di alfabetizzazione cubano 'Io sì posso' ha permesso di insegnare a leggere e scrivere a circa tremila neozelandesi, mentre un numero simile è sul punto di riuscirvi. Così ha reso noto il Ministro cubano del settore, Luis Ignacio Gómez, durante la VII Conferenza Mondiale dei Popoli Indigeni sull'Educazione, che si svolge nella città cinese di Pechino, nella quale si sono conosciute diverse esperienze su alfabetizzazione, educazione di base e superiore. Gómez, che ha dovuto fare il discorso inaugurale dell'incontro, ha fatto riferimento al metodo cubano, con il quale hanno imparato già a leggere e a scrivere milioni di persone in diversi paesi, tra questi, popolazioni indigene dell'America Latina.

Fase di prova per vaccini e anticorpi monoclonali
30.11 - Attualmente Cuba sta sviluppando tre vaccini terapeutici e un anticorpo monoclonale contro il cancro, tutti in fase di prove cliniche, ha annunciato oggi il dottore Agustín Lage, direttore dell'Istituto di Immunologia Molecolare. Durante la sua partecipazione al XXIX Congresso della Federazione di Farmacisti dell'America Centrale e dei Caraibi e al IX Congresso della Società Cubana di Scienze Farmaceutiche, lo scienziato ha aggiunto che esistono altri tre vaccini cubani in fase di ricerca. Il dottore Lage ha indicato che è importante sapere che ancora non è stata trovata una terapia contro il male, ma nel mondo esistono circa 50 vaccini che si sta cercando di sviluppare a questo fine.

Messo in risalto l'aiuto di Cuba ai paesi sud-americani nel ramo veterinario
30.11 - Specialisti in biotecnologia hanno evidenziato l'aiuto di Cuba ai paesi sud-americani nel ramo veterinario con prodotti di provata efficacia, come l'immunizzante GAVAC per il controllo della zecca nel bestiame bovino. Durante una delle sessioni del Congresso di Biotecnologia Habana 2005, esperti di Colombia e Brasile hanno spiegato che in questa linea di cooperazione si evidenzia un programma di controllo. Questo si basa sulla combinazione del trattamento immunologico e chimico che contribuisce a far diminuire la mortalità tra gli animali.

Progetto cubano riceve un premio della FAO
30.11 - L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione ha consegnato il Premio Edouard Saouma a un progetto cubano sul Recupero dei frutteti tropicali, è stato reso noto oggi a La Habana. Il progetto, elaborato dall'Istituto di Ricerche in Frutticoltura Tropicale, ha meritato il premio, tra le altre ragioni, per il suo alto grado di integrazione per la produzione di questo tipo di coltivazioni e per la riattivazione dell'industria. Cuba è l'unico paese ad avere ricevuto tale premio in due occasioni. Consegnato a Roma durante il 34° periodo di sessioni della Conferenza della FAO, il Premio Edouard Saouma porta il nome di chi è stato direttore di questa organizzazione per 18 anni.