giugno 2004

La comunità cubano-nordamericana condanna le misure contro La Habana
1.6 - Residenti e cittadini degli Stati Uniti che hanno familiari a Cuba hanno condannato le misure contro l'isola annunciate dal Presidente nordamericano George W. Bush lo scorso 6 maggio, che li colpiscono in modo diretto. Durante il programma teleradiotrasmesso Tavola Rotonda Informativa, sono state trasmesse immagini della riunione della coalizione per i diritti della famiglia, effettuata nella città di Miami, in Florida, dove cubano-nordamericani si sono rivolti al Presidente degli Stati Uniti per fargli sapere come queste leggi possono colpirli. Varie persone che hanno familiari a Cuba a cui inviano rimesse e che – secondo quanto annunciato da Bush – non vengono considerati parenti stretti, hanno mostrato la loro opposizione a ciò che l'attuale amministrazione pretende di istituzionalizzare.

Yoanka González, la miglior ciclista di Cuba e dei Caraibi
1.6 - La ciclista cubana Yoanka González è diventata la regina del ciclismo di Cuba e dei Caraibi conquistando la medaglia d’oro al Campionato Mondiale, disputato in Australia. La González, di 28 anni, ha vinto la prova di Scratch nella competizione che si è svolta a Melbourne, in una disciplina che non è compresa nei Giochi Olimpici di Atene, tra due mesi. Il trionfo, davanti alla canadese Mandy Poitras e alla russa Olga Sliusareva, la pone come la prima medaglia d’oro di Cuba in titoli mondiali, in questa difficile e particolare disciplina del pedale.

Quotidiano degli Stati Uniti pubblicherà il caso dei cinque cubani antiterroristi
2.6 - Il quotidiano La Prensa, di New York, divulgherà alla comunità ispanica degli Stati Uniti il caso dei cinque cubani detenuti dal 1998 in questo paese per avere combattuto il terrorismo. "L'annuncio sarà identico a quello pubblicato precedentemente sul New York Times, ma ora in spagnolo", ha reso noto al quotidiano Juventud Rebelde l'attivista Alicia Jrapko, del Comitato Nazionale Free the Five, della città di San Francisco. La Prensa ha contattato Free the Five dopo l'impatto avuto dall'annuncio precedente sul New York Times, ha segnalato la Jrapko. Loro stessi ci hanno offerto di pubblicarlo in spagnolo, ha precisato e ha anticipato che il nuovo annuncio sarà pubblicato il prossimo lunedì, perché ci hanno suggerito che è il miglior giorno della settimana.

Denunciata a Cuba la violazione dei diritti infantili nel mondo
2.6 - I diritti dei bambini sono ancora ripetutamente violati nonostante la loro legittimazione giuridica internazionale, ha sostenuto Sonia Eljach, rappresentante a Cuba del Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia (UNICEF). A proposito della Giornata Mondiale dell'Infanzia, che si celebra il 1° giugno. La Eljach ha affermato che la società, in particolar modo il mondo adulto, ha un'immensa agenda pendente sul tema del rispetto all'infanzia. Ha denunciato il fatto che durante gli ultimi 15 anni è stato violato sistematicamente quanto stipulato nella Convenzione di Nazioni Unite sui Diritti del Bambino, approvato il 20 novembre 1989 e ratificato un anno dopo. Benché abbia riconosciuto che c'è una maggiore coscienza di tali diritti, ha notato che "da qui alla loro applicazione c’è ancora molta strada da fare".

La SWAPO riconosce il contributo cubano all’indipendenza della Namibia
2.6 - Una delegazione dell'Organizzazione Popolare dell'Africa Sud-Occidentale (SWAPO) che visita La Habana renderà omaggio ai cubani che hanno contribuito all'indipendenza della Namibia. A capo della comitiva namibiana c’ò il dottor Ehrenst Ngarikutuke Tjiriange, segretario generale dalla SWAPO, che è giunto a La Habana su invito del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba (PCC). Durante il suo soggiorno a Cuba, Tjiriange parteciperà a un incontro con l'Associazione Cubana dei Combattenti per rendere omaggio ai veterani cubani. Ehrenst Ngarikukute Tjiriange, che è anche Ministro di Governo e membro del Parlamento della Namibia, avrà incontri con dirigenti del PCC e dell'UJC, e incontrerà alti funzionari di vari Ministeri, come quello delle Relazioni Estere, Investimento Straniero e Collaborazione Economica, Educazione e Salute Pubblica.

Cuba presenterà otto marche di rum sul mercato internazionale
2.6 - Otto marche di rum cubano andranno a conquistare il mercato mondiale a partire dalla prossima domenica, quando inizierà a La Habana un Festival Internazionale dedicato a uno dei più famosi prodotti tradizionali di Cuba. Al già internazionalmente noto Havana Club si aggiungeranno ora il Santiago de Cuba e il Cubay (dell’azienda produttrice Cubaron), il Legendario e l’Arecha (dell'Unione di Bevande e Bibite), il Mulata e il Santero (di Tecnoazúcar), e il Varadero e il Caney (del CIMEX). Da tempo, questi rum sono apprezzati dall’intenditore pubblico cubano, ma il loro lancio internazionale avverrà il giorno 7 nel complesso culturale Morro-Cabaña, un antico complesso di fortezze situato sulla riva orientale della Baia di La Habana che servirà da sede al Festival fino al prossimo 9 giugno.

Chiesto un maggiore risparmio di elettricità per l’arrivo dell'estate
3.6 - Benché la capacità di generazione delle centrali termoelettriche cubane ecceda la richiesta, l'imminenza dell'estate esige l’aumento del risparmio energetico per evitare inutili spese di petrolio, ha avvisato il quotidiano Granma. L'ingegnere Víctor Puentes, regolatore nazionale della richiesta di elettricità, ha fatto appello a un uso razionale di questa energia per abbassare i costi di generazione, per beneficare l'economia statale e, alla fine, quella familiare. Puentes, che à anche direttore del Programma per il Risparmio dell'Elettricità a Cuba, ha informato che guasti avvenuti durante la manutenzione della centrale Antonio Guiteras, uniti alla fermata imprevista di altre unità, richiedono l'adozione di nuove misure di risparmio. Questi aspetti provocheranno black-out nelle cosiddette ore di punta, quelle di maggiore richiesta di generazione elettrica.

L’Educazione Universitaria a Cuba avrà il suo maggior numero storico di iscrizioni
3.6 - Circa 350.000 giovani frequenteranno il prossimo corso nei centri del sistema di educazione universitaria di Cuba, il maggior numero di tutti i tempi in questo paese. Il quotidiano Juventud Rebelde ha riportato dichiarazioni di Joan Cabo, presidente della Federazione Studentesca Universitaria (FEU), i cui affiliati riempiranno le aule delle 77 università tradizionali e delle loro sedi municipali. Cabo ha ricordato che nel 1986 le iscrizioni alle università cubane era di circa 310.000 studenti. Attualmente, ha aggiunto, circa 200.000 membri della FEU studiano mediante il cosiddetto sistema di universalizzazione dell'educazione universitaria, che propone aule universitarie in ognuno dei 169 municipi di Cuba.

Cuba denuncia al direttore generale dell’OIL le aggressioni degli Stati Uniti
4.6 – A Ginevra, Cuba ha denunciato al direttore generale dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL), Juan Somavía, la gravità della nuova escalation aggressiva del Governo degli Stati Uniti contro di essa. In un'intervista con l'alto funzionario, il segretario generale della Centrale dei Lavoratori di Cuba (CTC), Pedro Ross Leal, ha spiegato il senso e la gravità delle più recenti aggressioni di Washington contro Cuba. Il leader operaio ha precisato a Somavía le nuove misure annunciate dal Presidente statunitense, George W. Bush, per intensificare il blocco economico, commerciale e finanziario a Cuba con l'obiettivo di distruggere la Rivoluzione cubana. Allo stesso tempo ha offerto all'OIL la collaborazione dei lavoratori della salute di Cuba in appoggio ai programmi dell'istituzione nella lotta contro l'AIDS, a beneficio di tutti i lavoratori del mondo.

Cuba rivendica la sua condizione di rispetto dei diritti dei lavoratori
5.6 - Cuba ha rivendicato all'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) la sua condizione di rispetto dei diritti dei lavoratori e inoltre di fedele difensore della loro protezione e della loro piena realizzazione. La Commissione di Applicazione delle Norme Internazionali del Lavoro della 92° Conferenza Internazionale che si sviluppa a Ginevra, ha emesso l'elenco dei 25 paesi che dovranno comparire davanti a questa istanza per dare spiegazioni su quello che l'OIL considera gravi violazioni dei diritti dei lavoratori. Cuba non è in questa lista. Come parte delle campagne contro Cuba, promosse dagli Stati Uniti negli organismi internazionali, compresa l'OIL, nella 91° Conferenza del giugno 2003, Cuba era stata arbitrariamente inserita tra i paesi che violavano questi diritti.

In pericolo il record storico della temperatura massima a Cuba
5.6 - Il record storico della temperatura massima a Cuba – 38.8 gradi Celsius, registrato il 17 aprile 1999 - potrebbe essere superato nelle prossime settimane, dopo un inizio dell’estate segnato dal caldo. L'attuale primate è stato registrato nel villaggio di Jucarito, nell'orientale provincia di Granma, dove ieri sono stati misurati 38.6 gradi Celsius, appena due decimi sotto il record assoluto. Da varie settimane Cuba sta sopportando un'onda di caldo che ha superato i livelli massimi di temperatura in diverse province. Questa canicola è dovuta in grande misura all'influenza dell'Anticiclone dell'Atlantico Nord, hanno affermato i meteorologi.

Segnali di recupero nella raccolta dello zucchero cubano 2003-2004
5.6 - Il raccolto di zucchero a Cuba per il periodo 2003-2004 è terminato con un apporto di 324.000 tonnellate in più del volume ottenuto nella campagna precedente. Secondo notizie diffuse dal quotidiano ufficiale Granma, il segretario esecutivo del Consiglio dei Ministri, Carlos Lage, ha indicato inoltre che sono stati ottenuti livelli di efficienza superiori in quasi tutti gli indici. Tuttavia, ha aggiunto Lage, il volume di grezzo - nonostante il progresso a paragone con il raccolto 2002-2003 - è inferiore di 74.600 tonnellate (2.9 %) alle cifre previste dal piano, situazione attribuita per la maggior parte alla caduta delle stime (volume che avrebbe dovuto ottenersi per ogni ettaro coltivato). I risultati, ha segnalato, evidenziano il fatto che la preparazione della fase che ha preceduto la macinatura è stata migliore dal punto di vista integrale.

La scarsità di pioggia colpisce l’oriente di Cuba
5.6 - La siccità che da nove mesi colpisce la regione orientale di Cuba ha provocato fino a oggi perdite stimate in circa 15 milioni di pesos (15 milioni di dollari) nella provincia di Las Tunas, a 600 chilometri est di La Habana. Nelson Rae, funzionario del Ministero di Agricoltura nel territorio di quasi 6.600 chilometri quadrati e con una popolazione di 532.550 persone, ha comunicato che sono state esaurite le riserve di fieno, foraggio e foraggio fresco. Nonostante l'esistenza di 22 dighe e di 53 micro-dighe con una capacità di 184 milioni di metri cubi di acqua, i danni causati dalla siccità comprendono oltre un milione di litri di latte che non sono stati prodotti in quanto 3.500 vacche sono state tolte dalla linea di produzione per il loro cattivo stato fisico o perché hanno partorito recentemente senza avere un’alimentazione sicura.

Iniziato il I Festival Internazionale del Rum cubano
7.6 - Musica salsa e molto rum cubano hanno caratterizzato a La Habana l'apertura del I Festival Internazionale del Rum cubano, con la presenza di varie centinaia di esperti di circa 30 paesi. Nel fine settimana vi è stato un cocktail inaugurale all’Hotel Meliá Habana, quando il Viceministro cubano dell'Industria Alimentare, Octavio Rubio, ha detto parole di benvenuto. Quella notte, artisti cubani hanno allietato un incontro nel quale sono stati presentati gli otto più importanti rum di cubani, ora con la prospettiva di essere venduti in tutto il mondo, si sono augurati gli organizzatori. Sotto il lemma ‘Un brindisi per il mondo’ si sviluppa questo avvenimento, con un forte legame tra produzione, cultura e turismo.

Cuba conferma l’efficacia dell’agopuntura in psichiatria
7.6 - L'efficacia dell'agopuntura nel trattamento di problemi psichici minori è stata confermata da uno studio di quattro anni sui pazienti del Centro Comunitario di Salute Mentale di Pinar del Río, nell’occidente cubano. A partire dall'analisi delle storie cliniche di persone curate da gennaio 2000 a dicembre dello scorso anno, una squadra di ricercatori diretta dalla dottoressa Ileana Armas, specialista in Medicina Generale Integrale, ha confermato la bontà di questa tecnica. Secondo gli esecutori dello studio, l’84 % dei pazienti con disfunzioni sessuali, il 91 % di quelli con inadattabilità, e oltre il 95 % di quelli che soffrivano di ansia generalizzata, hanno presentato sensibili miglioramenti dopo essere stati sottoposti a pratiche di agopuntura.

Sottolineati i risultati di Cuba nella protezione ambientale
7.6 - I risultati di Cuba in materia ambientale e nello sviluppo di programmi destinati a promuovere una cultura per la cura dell'ambiente sono stati messi in evidenza oggi a Pinar del Río da un funzionario dell'UNESCO. Francisco Lacayo, rappresentante a Cuba dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO), ha messo in risalto il lavoro realizzato dal paese nella protezione dell'ecosistema e nella conservazione delle risorse naturali. Cuba si distingue non solo per la promulgazione di rigorose leggi che proteggono i valori dei suoi ecosistemi e della sua vasta diversità biologica bensì, anche, per l'esistenza di numerose organizzazioni che si occupano di questo tema, ha precisato.

Applicate alternative per le provviste di acqua in una provincia cubana
7.6 – Oltre 20.000 abitanti di Camagüey, a 533 chilometri a est di La Habana, ricevono oggi la fornitura di acqua mediante autobotti a causa della situazione climatica che ha colpito il paese. Dei tre bacini artificiali che servono la città, di oltre 320.000 abitanti, solo uno, di circa 1.400.000 metri cubi, fornisce acqua. La media delle piogge, da otto mesi, è di appena un millimetro al giorno, solo poco più del 50 % di quanto registrato l'anno precedente negli stessi mesi, hanno reso noto gli esperti in risorse idrauliche. La terza città di Cuba ha riportato solo 58 millimetri di pioggia nel mese di maggio, mentre la media storica è di 153 millimetri. Le autorità di Governo di questa provincia, la più estesa del paese, hanno adottato misure per compensare i severi danni provocati dallo stato climatico.

Cuba denuncia a Ginevra le aggressioni del Governo di Bush
8.6 - Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale di Cuba, Alfredo Morales Cartaya, ha denunciato ieri a Ginevra la nuova aggressione del Governo degli Stati Uniti contro Cuba, con l’intensificazione del blocco economico al fine di distruggere la Rivoluzione. In una riunione di Ministri del ramo appartenenti al Movimento dei Paese Non Allineati (NOAL), realizzata a margine della 92° Conferenza Internazionale del Lavoro, Cartaya ha spiegato la portata di queste misure e ha chiesto un incremento della solidarietà dei membri di questo blocco con il popolo cubano. In un'altra parte del suo intervento, Morale Cartaya ha richiamato l'attenzione dei suoi colleghi dei NOAL sulla necessità di riformare i meccanismi dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL), come la Commissione di Applicazione delle Norme e il Comitato di Libertà Sindacale, per ottenere la depoliticizzazione, la trasparenza, l’obiettività e la razionalità delle sue pratiche e dei suoi metodi di lavoro.

Cuba nella direzione di aumentare le sue esportazioni di rum
8.6 – E’ stato reso noto a La Habana che Cuba aspira ad accompagnare la sua tradizione di paese del rum con più alti volumi di esportazione del prodotto, per oltrepassare in due anni i 100 milioni di dollari. Alejandro Roca, Ministro dell'Industria Alimentare, ha precisato che tale meta sarà conseguibile grazie alla qualità dei rum cubani, che sebbene hanno come bandiera l’Havana Club, comprendono una diversa gamma che, ha detto, sicuramente troveranno spazio nel mercato mondiale.

Lo Stato sostiene i contadini per affrontare la siccità
8.6 – Davanti alla siccità che colpisce l'estremo orientale di Cuba, le autorità hanno rafforzato il sostegno ai contadini privati, in un tentativo di affrontare i danni all'agricoltura causati dalla scarsità di acqua. A circa 60 contadini di cinque cooperative di crediti e di servizi (raggruppamenti di produttori privati) nella provincia di Las Tunas, a 690 chilometri a est di La Habana, sono state consegnate 27 turbine per irrigare, che si vanno ad aggiungere ad altre 10 già in uso, ha riportato il quotidiano provinciale "26". Con poco meno di 1.600 chilometri quadrati e una popolazione di 532.500 persone, Las Tunas, con appena il 25 % nello scorso maggio della media storica di piogge, è una delle province più colpite dalla siccità che da dieci anni colpisce l'oriente di Cuba.

Non hanno potuto far tacere la voce di Cuba nel plenario dell'OIL
9.6 - Né le manovre, né le pressioni, hanno potuto ieri far tacere la voce di Cuba nel plenario della 92° Conferenza Internazionale del Lavoro, dove il delegato cubano ha terminato il suo intervento nonostante sia stato spento l'audio per alcuni momenti. Parlando a Ginevra davanti a oltre 3.000 delegati di 170 paesi, il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale di Cuba, Alfredo Morales Cartaya, è stato interrotto in modo maleducato dopo aver citato direttamente il Governo degli Stati Uniti come genocida per il fatto di rendere più duro il blocco economico contro Cuba. A questo punto, la Presidenza è intervenuta affermando che il rappresentante cubano aveva esaurito il suo tempo e gli ha chiuso il microfono, ma Morales Cartaya non ha badato a questa pressione per farlo tacere e ha continuato a denunciare Washington, fatto che ha provocato un'ovazione del plenario. Alla Presidenza non è rimasta altra alternativa che quella di ristabilire l'audio e di permettere al delegato cubano di continuare a dire la verità di Cuba fino a terminare le sue parole con una forte condanna dell'Amministrazione del Presidente George W. Bush.

Cuba denuncia i nuovi tentativi degli Stati Uniti per bloccare le entrate del paese
9.6 - Cuba ha denunciato il fatto che il Governo degli Stati Uniti cerca di bloccare le entrate del paese riguardanti il turismo e altri servizi, come pure di eliminare le rimesse e le visite all'Isola dei parenti cubani che risiedono in territorio statunitense. In una nota informativa pubblicata questo martedì, le autorità cubane hanno avvisato che negli ultimi giorni l'estrema destra dell'amministrazione del Presidente George W. Bush sta facendo chiari passi in tal senso. I piani di Washington, afferma il testo, rispondono allo sconcerto che nel Governo di Bush e nell'estrema destra di Miami ha provocato la risposta data dal popolo cubano alle recenti misure annunciate dal Presidente statunitense per provocare la caduta della Rivoluzione cubana. "Non sanno cosa fare o cosa dire e si contraddicono in spiegazioni incoerenti, cercando di confondere e di riappacificare le crescenti voci che non ammettono il fatto che un gruppo di corrotti e di fascisti possa interferire in qualcosa di tanto personale come le relazioni familiari", segnala l'informazione.

Cuba fa appello a impedire la manipolazione politica dell’OIL
9.6 – Cuba ha fatto appello a impedire il fatto che l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) sia trasformata in ostaggio a causa di pratiche discriminatorie e di manipolazioni politiche, denunciando le nuove aggressioni degli Stati Uniti contro di essa. Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale di Cuba, Alfredo Morales Cartaya, ha parlato ieri al plenario della 92° Conferenza Internazionale del Lavoro che si tiene a Ginevra dallo scorso lunedì con la partecipazione di 3.000 delegati di 170 paesi. Morales Cartaya che capeggia la delegazione governativa cubana, ha ribadito che il suo Governo adempie e continuerà ad adempiere ai suoi obblighi come membro di questa organizzazione.

Quotidiano degli Stati Uniti divulga il caso dei cinque antiterroristi cubani
9.6 - Al fine di continuare a rompere il blocco informativo, il quotidiano ‘La Prensa’ ha pubblicato un annuncio sul caso dei cinque cubani detenuti negli Stati Uniti da quasi sei anni per avere lottato contro il terrorismo. Questo lunedì il quotidiano ha divulgato un annuncio identico a quello pubblicato dal quotidiano ‘The New York Times’ lo scorso 3 marzo, ma questa volta tradotto in spagnolo. La notizia era a piena pagina e posta dall'organizzazione nordamericana Free The Five. Il quotidiano ‘La Prensa’ è stato fondato nell'anno 1913, aspetto che lo trasforma nel quotidiano in spagnolo più vecchio degli Stati Uniti con una tiratura giornaliera di 285.000 copie. Durante questo fine settimana vi sono state proteste in varie città statunitensi per chiedere la liberazione di questi giovani.

Alto funzionario internazionale elogia i risultati della salute a Cuba
9.6 - L'ecuadoriano Patricio Yépez, rappresentante permanente delle Organizzazioni Panamericana e Mondiale della Salute a Cuba, ha riaffermato l'Isola come esempio di sviluppo sociale per il resto del mondo. Cuba evidenzia quanto si possa ottenere in materia di salute, educazione e benessere sociale, nonostante le sue limitazioni materiali, ha precisato a Ciego de Avila il dottor Yépez. Ha lodato la ferma volontà politica esistente a Cuba, che permette ai cubani di accedere allo stesso modo e gratuitamente alle attenzioni sanitarie, "un sogno per la maggioranza dei paesi del Terzo Mondo". Il medico ha ricevuto questo lunedì lo ‘Scudo di Ciego de Avila’, alta distinzione che gli ha concesso l'Assemblea Provinciale del Poder Popular. Il riconoscimento premia il suo apporto personale allo sviluppo del programma Municipio per la Salute, che comprende tutte le località di questa Provincia.

Fessure nel muro di silenzio nel caso degli antiterroristi cubani
10.6 - Tre anni dopo la sentenza che li ha condannati per avere combattuto il terrorismo, i cinque cubani detenuti negli Stati Uniti cominciano a vedere la fessura nel blocco informativo imposto sulla loro situazione dalle autorità nordamericane. L'opinione pubblica statunitense scopre ogni giorno più elementi sul caso di Gerardo Hernández, Fernando González, Antonio Guerrero, Ramón Labañino e René González, condannati tre anni fa da un tribunale di Miami. Le voci nel seno della grande stampa nordamericana rispondono all'azione di numerosi comitati di solidarietà con la causa dei Cinque, come li chiamano quelli che si battono per la loro scarcerazione in diverse nazioni. Finora, in 79 paesi funzionano 224 comitati a favore della liberazione di chi, afferma la difesa, è stato condannato in un processo "maneggiato e politicizzato".

Il Movimento dei Non Allineati appoggia l’iniziativa di Cuba
10.6 - Il Movimento dei Paesi Non Allineati (NOAL) appoggia un'iniziativa presentata da Cuba alla 92° Conferenza Internazionale del Lavoro, a Ginevra, Svizzera. Fong Chan Onn, Ministro delle Risorse Umane della Malesia, intervenendo a nome del NOAL, ha espresso appoggio al documento presentato da Cuba, in rappresentanza di 18 paesi, per la revisione e il miglioramento dei metodi di lavoro della Commissione di Norme Internazionali del Lavoro. Il Ministro della Malesia ha ribadito le preoccupazioni del raggruppamento terzomondista sugli attuali metodi e procedure di supervisione di tali norme e ha definito la cooperazione internazionale come un'importante contributo a tal fine.

Arrivato a Cuba il centesimo volo con pazienti venezuelani
10.6 – Un contingente di 82 pazienti venezuelani e i suoi accompagnatori è giunto a La Habana, con il centesimo volo dell'accordo di salute tra il Venezuela e Cuba. All'aeroporto internazionale José Martí sono andati a riceverlo il segretario del Consiglio di Stato cubano, José Millar, e il dottor Pedro Llerena, direttore dell'ospedale ‘La Pradera’ di La Habana. La funzionaria venezuelana Luz Espinosa, dello stato di Caracas, era a capo del gruppo di pazienti che beneficia della collaborazione stabilita tra i due paesi. Con questo gruppo, sono già 12.424 i pazienti e gli accompagnatori venezuelani che sono stati curati dai nostri medici, ha detto Llerena a Prensa Latina.

Denunciata a Cuba la doppia morale nella valutazione del terrorismo
11.6 – La variabile valutazione del terrorismo da parte degli Stati Uniti e di altre potenze è stata denunciata oggi in un incontro internazionale su diritto e giustizia che si tiene a La Habana. Fino a oggi la comunità internazionale è stata incapace di arrivare a una soddisfacente definizione di terrorismo, perché i più potenti cercano di imporne una fatta a misura dei loro interessi, ha indicato la giovane avvocata cubana Aymee Fernández. Questi paesi propugnano un concetto molto ampio e plasmabile del fenomeno per applicarlo a qualsiasi situazione, ha indicato la Fernández in una relazione molto apprezzata dai delegati all'evento, 70 dei quali provenienti da 15 nazioni dell’America del Nord, dell’America Latina, dell’Europa e dell’Africa. Tale posizione è quella che è stata imposta negli organismi internazionali, per cui si dovrebbe pensare all'idea assurda di un terrorismo accettabile e di un altro inaccettabile, di un terrorismo buono e di un altro cattivo, ha criticato.

Denunciata la commercializzazione di vestiti con il nome di un eminente cubano
11.6 - I partecipanti al programma teletrasmesso Tavola Rotonda hanno condannato l'annuncio che un’azienda statunitense lancerà sul mercato una linea di vestiti con il nome dell'Eroe Nazionale cubano, José Martí. La giornalista Arleen Rodríguez ha riprovato la manovra commerciale che, ha detto, evidenzia un'assoluta ignoranza della personalità umile di Martí che, durante i suoi ultimi anni, vestiva abiti logori. Ha affermato che tale annuncio offende ma non sorprende, perché l'idea appartiene a un imprenditore di Miami, dove risiedono la maggior parte delle organizzazioni di estrema destra di origine cubana che finanziano ed eseguono aggressioni contro Cuba.

Cuba denuncia all'OIL i piani aggressivi degli Stati Uniti
12.6 - Cuba ha denunciato all'OIL davanti a 3.000 delegati di 170 paesi i piani aggressivi del Governo degli Stati Uniti che ha intensificato il blocco economico con l'obiettivo di distruggere la Rivoluzione cubana. Pedro Ross Leal, segretario generale della Centrale dei Lavoratori di Cuba, ha formulato questa denuncia intervenendo questo venerdì alla sessione plenaria della 92° Conferenza Internazionale del Lavoro che sessiona da quasi due settimane a Ginevra, in Svizzera. Riguardo a Cuba, ha detto ai delegati, di sicuro conoscete il nuovo programma elaborato dalla potenza più grande che la storia abbia mai conosciuto per abbattere il nostro Governo, reso noto dal suo Presidente George W. Bush lo scorso 6 maggio. Questo programma, ha spiegato il leader della CTC, è avviato anche a screditare l'immagine di Cuba di fronte all'opinione pubblica internazionale e avere così presunte giustificazioni per un'aggressione diretta al nostro paese.

Gli Stati Uniti collocano nel mirino il turismo verso Cuba
12.6 – Nonostante sia un frutto proibito agli statunitensi, Cuba guadagna posizioni come destino turistico e mostra una fiorente industria che Washington cerca di frenare con una campagna internazionale di discredito. Il proposito è stato chiaramente stabilito nel parere di una cosiddetta Commissione di Aiuto per la Libertà di Cuba, i cui concetti sono stati annunciati dal Presidente George W. Bush lo scorso 6 maggio, in un tentativo di rafforzare il blocco di 45 anni contro Cuba. Secondo questa valutazione, per ottenere il proposito di abbattere la Rivoluzione cubana è necessario cambiare quella che definiscono un'immagine benevola del paese. Cuba è presentata, indica il documento, "come destino turistico per eccellenza, un centro di innovazione biotecnologica e uno Stato socialista con buoni risultati, che è riuscita a migliorare il livello di vita della sua gente ed è un modello nell’educazione, nei servizi medici e nelle relazioni razziali per il resto del mondo".

Il Presidente Fidel Castro ha inviato un messaggio al Gruppo dei 77
14.6 - Il Presidente cubano, Fidel Castro, ha inviato al Gruppo dei 77 (G-77) un messaggio nel quale afferma che "costituiamo una forza capace di difendere con successo il nostro diritto a vivere in un mondo migliore e più giusto, se agiamo uniti". Rivolgendosi ai partecipanti alla Riunione Commemorativa per il 40° Anniversario del Gruppo che ha per sede la città brasiliana di San Paolo, il Presidente ha ricordato che quattro decenni fa, i paesi del Terzo Mondo hanno deciso di unirsi per dare impulso insieme alle loro posizioni nell'economia mondiale. L'incontro sessiona a livello ministeriale e precede la XI Conferenza dell'ONU per il Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD), che è iniziata domenica e durerà fino al 18 giugno.

Presentato a Cuba un libro con aspetti sconosciuti del Che
14.6 – ‘Che, ricordi a raffica’, un libro di Orlando Borrego Díaz che narra aspetti sconosciuti della vita del guerrigliero argentino-cubano Ernesto Che Guevara, è in vendita a La Habana. L'opera, pubblicata dalla Casa Editrice Scienze Sociali e presentata ieri, rivela in modo ameno, secondo gli esperti, la personalità di un Che quotidiano, con grande senso umoristico, fine ironia e sensibilità elevata, anche in condizioni difficili. I lettori si troveranno inoltre con un uomo che parla nella sala della sua casa, immerso nell'ufficio di lavoro, che guida un veicolo, che studiava economia e giocava a scacchi coi suoi amici, senza tralasciare il lavoratore volontario in qualunque parte del paese.

Ministro cubano denuncia la persistenza delle ingiustizie nei confronti del Sud
15.6 - Il Ministro del Commercio Estero di Cuba, Raúl de la Nuez, ha denunciato a San Paolo, Brasile, la persistenza delle ingiustizie e delle disuguaglianze nei confronti dei paesi del Sud a 40 anni dalla prima Conferenza dell'UNCTAD. Parlando ieri al plenario della Conferenza dell'ONU su Commercio e Sviluppo (UNCTAD XI), ha ricordato l'intervento a quella riunione dell'argentino-cubano Ernesto Che Guevara, proprio nel giorno in cui viene commemorato il 76° anniversario del suo compleanno, nella quale denunciò il maltrattamento di cui allora era vittima il mondo sottosviluppato, come pure la condizione di Cuba di paese aggredito. Allora, ha detto, il Che faceva appello all'imprescindibile creazione di un sistema di giustizia e di uguaglianza che permettesse ai paesi sfruttati del Terzo Mondo di raggiungere livelli di vita dignitosi. "Le sue parole sono oggi così valide come allora – ha rimarcato de la Nuez – e le ingiustizie verso i nostri paesi del Sud non sono terminate, la tanto conclamata equità continua a essere così lontana come quattro decenni fa".

Cuba lavora per migliorare l’alimentazione del suo bestiame
15.6 – A Camagüey è stato reso noto che la razza bovina Chacuba, ottenuta a partire dall’europea Charolaise e dal creolo Zebù, cresce e si riproduce al tropico in condizioni sostenibili ed è idonea a produrre carne di qualità a queste latitudini. Da anni gli scienziati cubani del settore agro-zootecnico lavorano per ottenere razze che, conservando i migliori attributi negli incroci, siano resistenti al clima e alle malattie tipiche di questi bovini. Durante un Forum Nazionale Tecnologico di Proteina Animale che si è tenuto a Camagüey, si è pure saputo che Cuba ha il potenziale per un'adeguata alimentazione del suo bestiame bovino, porcino e minore.

Il Parlamento cubano analizzerà il programma di espansione universitaria
16.6 - Da oggi fino al prossimo 24 giugno, i deputati cubani analizzeranno i risultati del programma di universalizzazione dell'insegnamento universitario, in vista del suo dibattito all'Assemblea Nazionale del Poder Popular il 1° luglio. Il paese sta realizzando un sforzo colossale per portare nelle aule universitarie una quantità inedita di 350.000 studenti del nuovo corso scolare, a partire dalla creazione di centri studi universitari nei suoi 169 municipi. Durante il terzo periodo ordinario di sessioni dell'Assemblea Nazionale, corrispondente alla sesta legislatura, i deputati affronteranno il tema a partire da una relazione del Ministero dell’Educazione Universitaria.

Dall’inizio dell’anno oltre 300.000 cubani hanno donato il loro sangue
16.6 - Cuba ha riportato dall’inizio dell’anno oltre 310.000 donazioni di sangue, grazie alla campagna realizzata dai Comitati di Difesa della Rivoluzione. Questa organizzazione di massa, con 45.000 donatori volontari, ha come obiettivo quello di raggiungere i 523.000 prelievi. A Cuba viene fatta una donazione ogni 19.4 abitanti, mentre i parametri dell'Organizzazione Mondiale della Salute ne stabiliscono una ogni 20. I membri dei CDR che si sono distinti in questo gesto umano hanno avuto ieri un riconoscimento durante la cerimonia nazionale per la Giornata Mondiale del Donatore Volontario di Sangue, che è stata celebrata per la prima volta a Cuba.

Cuba è il paese latinoamericano con minore esclusione sociale
17.6 - Cuba è il paese latinoamericano meglio posizionato, al 45° posto su 175 paesi, in un Atlante dell'Esclusione Sociale nel Mondo divulgato ieri in Brasile, che occupa il 109° posto. Lo studio è stato elaborato da 18 economisti di quattro università di San Paolo, sotto il coordinamento del segretario del lavoro del comune di questa città, Marcio Pochmann, e i dati si riferiscono all'anno 2000. Il Canada è il paese con la migliore posizione, seguito da vari paesi industrializzati, e all’ultimo posto c’è l’Honduras, mentre altre posizioni dei paesi dell'America Latina sono quelle di Argentina al 57°, Uruguay al 58°, Cile al 68° e Perù all’81°. Per elaborare questo Indice di Esclusione Sociale gli specialisti considerarono reddito, impiego, alfabetizzazione, scolarizzazione di livello superiore, violenza e vulnerabilità infantile.

Cuba denuncia la falsità di una relazione degli Stati Uniti sul traffico di persone
17.6 - Cuba è uno dei paesi accusati dagli Stati Uniti nella relazione annuale sul traffico di persone, come parte dell’escalation aggressiva di questa nazione contro l'Isola. La relazione presentata lo scorso lunedì da Colin Powell, segretario di Stato della Casa Bianca, afferma che Cuba promuove il traffico di persone, e inoltre afferma che è una nazione destino del turismo sessuale e afferma che lo Stato cubano obbliga gli adolescenti e i bambini a compiere lavori forzati, hanno denunciato gli analisti. Al programma Tavola Rotonda Informativa erano presenti Roberto Díaz Sotolongo, Ministro della Giustizia, Miriam Yanet Martín, membro dell’Ufficio Nazionale dell'Unione dei Giovani Comunisti di Cuba, tra gli altri partecipanti. Hanno affermato che questa è una nuova azione di Washington che fa parte delle manovre elettorali e si sono trovati d’accordo sul fatto che aumenta la politica di aggressione e che cerca di dare lezioni su quanto non può realizzare nel suo paese.

La first-lady del Belize impressionata dai progressi della donna cubana
17.6 - Joan Musa, first-lady del Belize, si è detta impressionata dalla partecipazione della donna cubana alla vita politica, economica e sociale del paese. È un esempio di quello che è capace di fare il mal definito sesso debole quando le sue potenzialità sono dovutamente apprezzate dalla società, ha detto. La Musa, che è anche presidentessa dell'Agenzia Comunitaria di Riabilitazione ed Educazione, visita Cuba assieme a Dolores Godfrey, direttrice di questo ente, rispondendo a un invito della Federazione delle Donne Cubane. In visita alla sede di questa organizzazione, le signore Musa e Godfrey hanno appreso che il 44.9 % della forza lavorativa statale, il 66.2 % dei tecnici e professionisti, e il 35 % dei dirigenti, è composto da donne. Yolanda Ferrer, segretaria generale della FMC, ha illustrato il ruolo ricoperto dalla donna nella formazione della nazionalità cubana, e i compiti che oggi compie per sostenere i programmi educativi, di salute e prevenzione sociale sviluppati dalla Rivoluzione.

Avanza a Cuba l’universalizzazione dell'insegnamento universitario
17.6 - Raggiunte quote numeriche soddisfacenti, il programma cubano di universalizzazione dell'insegnamento universitario va a dare battaglia nel campo della qualità, ha indicato ieri Fernando Vecino Alegret, Ministro dell’Educazione Superiore. Tra i compiti da compiere in questo senso, ha citato l'abilitazione di 50.000 professori aggiunti, "che dobbiamo continuare a preparare con corsi post-lauream, master e diplomi". Attualmente circa 160.000 persone che non avevano avuto accesso all'insegnamento universitario per diverse cause beneficiano del programma che funziona in 774 sedi distribuite nei 169 municipi di Cuba. Le iscrizioni totali alle università cubane sono attualmente di 310.000 studenti.

Cuba prepara un’iscrizione record al prossimo corso universitario
18.6 - Cuba si proporsi di fare un nuovo passo avanti nella sua politica educativa con un numero record di iscrizioni universitarie per il corso 2004-2005 con 350.000 studenti, 40.000 in più dello scorso anno.. Il salto, considerevole per un paese di appena 11 milioni di abitanti, è basato su un programma di portata nazionale chiamato a Cuba universalizzazione dell'insegnamento, che implica l'esistenza di oltre 770 aule universitarie nei 169 municipi del paese. L'applicazione del concetto che gli studenti possano frequentare corsi universitari nel loro luogo di residenza, sarà uno dei temi da analizzare nella prossima sessione dell'Assemblea Nazionale del Poder Popular che inizierà il prossimo 1° luglio. Attualmente Cuba conta su 51 centri di insegnamento universitario e 12 filiali con un’iscrizione di 310.000 studenti nel corso 2003-2004, dei quali 160.000 studiano nelle 774 aule municipali.

Avvocati degli Stati Uniti respingono le restrizioni dei viaggi a Cuba
18.6 - L'Associazione Nazionale degli Avvocati (NLG) degli Stati Uniti ha fatto appello al Dipartimento del Tesoro a respingere le nuove regole proposte dalla Casa Bianca per limitare i viaggi a Cuba, con una dichiarazione resa nota ieri a New York. La corporazione degli avvocati statunitensi considera queste misure come un'interferenza del Governo del Presidente George W. Bush alla libertà di viaggiare e un strumento di censura al diritto dei cittadini di visitare paesi terzi. Si oppone inoltre alla proposta di Bush di tagliare i contatti degli statunitensi con Cuba in materia educativa e considera questa misura contraria alla tradizione di libertà accademica e ai valori del Primo Emendamento alla Costituzione nordamericana. Critica ugualmente il proposito di limitare le visite familiari dei cubano-americani a Cuba, stabilite ora ogni tre anni e per soli 14 giorni. Nello stesso senso si pronuncia contro le restrizioni al diritto dei residenti negli Stati Uniti di inviare rimesse ai loro parenti a Cuba e lo considera un "oltraggio umanitario".

Ampio rifiuto alla manovra anticubana nel Consiglio dell'OIL
19.6 – A Ginevra, delegazioni di 11 paesi hanno sostenuto ieri Cuba e hanno respinto la politicizzazione di una relazione del Comitato delle Libertà Sindacali su questo paese caraibico che è stata dibattuta nel plenario della 290 riunione del Consiglio di Amministrazione dell'OIL. Analizzando il caso di Cuba, il delegato cubano nell'Organizzazione Internazionale del Lavoro, Manuel Sánchez, ha pronunciato un energico intervento nel quale ha denunciato le dichiarate intenzioni degli Stati Uniti di manipolare i meccanismi dell'istituzione per attaccare Cuba. Sánchez ha confutato con dettagliata documentazione i falsi argomenti con cui si cercava di far condannare la Rivoluzione e ha esposto alcuni degli incontestabili risultati raggiunti negli ultimi 45 anni nella garanzia dei diritti dei lavoratori.

Cuba denuncia alla UIT le aggressioni del Governo degli Stati Uniti
19.6 - Cuba ha denunciato ieri al Consiglio dell'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni che sessiona a Ginevra le nuove misure aggressive del Governo degli Stati Uniti contro l’Isola che entreranno in vigore questo mese. Il Primo Viceministro dell'Informatica e delle Telecomunicazioni di Cuba, Ramón Linares, ha portato a conoscenza del Consiglio dell'UIT i piani del Governo di Washington che, ha affermato, costituiscono una flagrante violazione del diritto internazionale. Tra queste misure, ha detto, si trova quella di trasmettere segnali radio e televisivi verso Cuba utilizzando un aeroplano C-130 delle forze armate, un'azione che viola i principi fondamentali stabiliti nel Preambolo della Costituzione dell'UIT.

Fidel presiede una manifestazione contro la politica anticubana degli Stati Uniti
21.6 – Capeggiati dal Presidente cubano, Fidel Castro, oltre 200.000 persone si sono riunite oggi a La Habana per respingere la recente recrudescenza della politica ostile degli Stati Uniti verso Cuba. Vestendo il suo tradizionale abito verde-oliva, Fidel Castro ha presieduto la manifestazione di massa insieme a rappresentanti di organizzazioni politiche e di massa locali. I manifestanti si sono dati appuntamento dall'alba per protestare contro un pacchetto di misure approvate nello scorso maggio dal Governo di Washington, avviate a rinforzare il blocco economico, commerciale e finanziario imposta a Cuba da oltre 40 anni.

Cuba presente al IV Vertice del Gruppo ACP
21.6 – Fonti ufficiali hanno reso noto che il Vicepresidente del Consiglio di Stato, Carlos Lage Dávila, capeggia la delegazione cubana al IV Vertice del Gruppo Africa, Caraibi e Pacifico (ACP), che sessionerà questa settimana in Mozambico. Come pubblica questo lunedì il quotidiano Granma, la riunione avrà luogo il 23 e 24 del presente mese a Maputo, con un'agenda che comprende - tra altri temi - la sicurezza, la stabilità e la pace a livello mondiale. Allo stesso modo, l'incontro valuterà il compimento degli obiettivi di sviluppo del Vertice del Millennio ed esaminerà la cooperazione tra le nazioni che compongono questo gruppo, in vista di affrontare le sfide poste dall'attuale congiuntura internazionale. Il Gruppo ACP, formato attualmente da 79 stati, è sorto nel 1975 come un meccanismo diretto a dare impulso alla crescita economica delle nazioni in via di sviluppo localizzate nelle regioni menzionate, molte di esse ex-colonie europee.

Proteste negli Stati Uniti per le misure di Washington contro Cuba
21.6 - Due carovane hanno percorso la città di Miami, nello stato della Florida, per protestare per le misure imposte dal Governo nordamericano contro Cuba, per cercare di distruggere la sua Rivoluzione. I manifestanti sabato hanno condannato le regole approvate dal Dipartimento del Tesoro che, tra gli altri aspetti, riducono i contatti familiare tra le due rive dello Stretto della Florida. A partire dal prossimo 30 giugno, i cubani residenti negli Stati Uniti potranno recarsi a Cuba solo ogni tre anni, invece di una volta ogni 12 mesi, e con un permesso specifico per ogni viaggi invece della licenza generale vigente. Inoltre, le nuove misure approvate lo scorso 6 maggio dal Presidente nordamericano, George W. Bush, comprendono l'utilizzo di 59 milioni di dollari per finanziare azioni contro Cuba e altri 18 per continuare le trasmissioni delle cosiddette Radio e Tele Martí.

Fidel Castro avverte Bush di fronte a un’eventuale invasione militare a Cuba
22.6 - Il Presidente Fidel Castro ieri ha affermato che di fronte a un'invasione di Cuba, la sua ipotetica assenza fisica non provocherebbe il minore danno alla capacità di lotta e di resistenza del popolo cubano. "Nelle condizioni attuali di Cuba, di fronte a un'invasione al paese, la mia assenza fisica per cause naturali o di altra indole, non farebbe il minor danno alla nostra capacità di lotta e di resistenza", ha indicato il Presidente in una lettera diretta al Presidente nordamericano, George W. Bush, letta davanti a oltre 200.000 persone. Fidel Castro ha chiarito che se si producesse un'invasione militare, gli Stati Uniti non potranno disporre di un giorno, di un'ora, di un minuto né di un secondo per impedire che la conduzione politica e militare del paese venga immediatamente assunta. "Gli ordini su quanto bisogna fare sono già stati dati in anticipo". Ogni uomo e ogni donna saranno al loro posto di combattimento senza perdere un secondo", ha precisato.

Cuba conferma che non cederà davanti alle pressioni degli Stati Uniti
22.6 - Il Presidente Fidel Castro ha confermato ieri che Cuba resisterà alle nuove misure di pressione degli Stati Uniti con una Rivoluzione rafforzata da 45 anni di lotta di fronte al blocco, alla guerra economica, alle aggressioni e al terrorismo. In un discorso di fronte a oltre 200.000 persone, il Capo dello Stato ha definito sfrontato l'annuncio di Washington che tenterà di imporre, nel caso della sua morte, quello che il Governo statunitense chiama una transizione politica a Cuba. Ha precisato che l'idea è quella di impedire in questo caso e con ogni mezzo, in qualunque circostanza, che una nuova direzione politica e amministrativa si faccia carico della conduzione del paese. Il Presidente cubano ha indicato che questa pretesa ignora la Costituzione, le facoltà dell'Assemblea Nazionale e della Direzione del Partito Comunista e le funzioni che la Legge e le istituzioni del popolo hanno concesso a quelli che hanno le responsabilità pertinenti per assumere immediatamente questo compito.

Bush dovrebbe vergognarsi davanti ai successi di Cuba, dice Fidel Castro
22.6 - Il Presidente cubano, Fidel Castro, ha detto a quello degli Stati Uniti, George W. Bush, che dovrebbe vergognarsi davanti ai successi raggiunti da Cuba in oltre 40 anni nonostante il blocco, le aggressioni e le azioni terroristiche nordamericane. Nel suo stesso paese lei non potrebbe mostrare niente di simile, ha detto lo statista di fronte a oltre 200.000 persone che si sono riunite alla Tribuna Antimperialista José Martí di La Habana per condannare le più recenti misure e le accuse di Washington contro Cuba. In quella che ha chiamato Seconda Lettera, perché lo scorso 14 maggio si era rivolto direttamente a Bush nel suo ‘Proclama di un avversario del Governo degli Stati Uniti’, Fidel Castro ha affermato che nessun paese del mondo ha promosso come Cuba una tale protezione fisica e morale, salute ed educazione ai suoi bambini.

Cuba offre di salvare vite nordamericane mediante aiuto medico
22.6 - Il Presidente Fidel Castro ha offerto ieri in modo gratuita i servizi medici di Cuba per salvare in cinque anni la vita di 3.000 cittadini poveri nordamericani, tanti come quelli che sono morti nell'attentato alle Torri Gemelle. In un discorso davanti a oltre 200.000 persone e rivolgendosi al Presidente George W. Bush, il leader cubano gli ha chiesto se sarebbe disposto a concedere a questi cittadini il permesso per recarsi a Cuba a tal fine. Dopo avere precisato che si tratta di una questione etica e di principio, il Presidente ha chiesto a Bush se tali persone sarebbero sanzionate nel caso accettassero questi servizi e decidessero di venire. La proposta avviene dieci giorni prima dell'entrata in vigore di un pacchetto di misure attraverso le quali Washington, tra altre cose, restringerà drasticamente la possibilità di recarsi a Cuba, sia agli emigrati di origine cubana sia ai propri cittadini.

Cuba denuncia all’UNFP l’incremento delle aggressione degli Stati Uniti
22.6 – A Ginevra,.Cuba ha denunciato alla Giunta Esecutiva del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo e per il Fondo della Popolazione dell'ONU (UNFP) l'incremento delle aggressione degli Stati Uniti con l'intensificazione del blocco. In un intervento ieri nel plenario dell'UNFP, in cui si è analizzata la Relazione 2003 della sua direttrice, il delegato cubano Jorge García ha detto che considerava necessario denunciare le nuove misure annunciate dal Presidente degli Stati Uniti (George W. Bush) lo scorso 6 maggio contro La Habana. Ha spiegato che con queste azioni, Washington non rende solo più duro il blocco economico in franco disprezzo al diritto internazionale, ma fa un nuovo passo nel suo tentativo di abbattere il Governo rivoluzionario con la pretesa intenzione di ricolonizzare Cuba.

I deputati rendono conto a oltre 6.5 milioni di cubani
22.6 – Fino a ieri, 6.537.835 cubani hanno partecipato al processo di rendiconto dei deputati ai loro elettori, passo obbligatorio almeno due volte l'anno. Una notizia comunicata a Prensa Latina dall'Assemblea Nazionale del Poder Popular indica che 9 delle 14 province del paese hanno già concluso questo processo, una caratteristica del sistema democratico di Cuba, che permette agli elettori di valutare periodicamente il lavoro dei loro deputati. Questi incontri avvengono a pochi giorni dell'inizio di un nuovo periodo ordinario di sessioni del Parlamento, convocato per il prossimo 1° luglio al Palazzo delle Convenzioni di La Habana.

Delegati dell’ACP elogiano il messaggio di Fidel Castro all’XI Conferenza dell’UNCTAD
23.6 – A Maputo, nel Mozambico, i Ministri degli Esteri che partecipano alla fase tecnica del IV Vertice del Gruppo di Paesi di Africa, Caraibi e Pacifico (ACP), hanno accolto ieri con interesse il messaggio del Presidente Fidel Castro all’XI Conferenza dell'UNCTAD. La dichiarazione è stata distribuita tra i Ministri delle Relazioni Estere durante una riunione in cui veniva discusso il documento finale che verrà presentato oggi ai Capi di Stato. Sotto il titolo ‘Messaggio alla XI Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo’, gli esemplari distribuiti nella sala plenaria sono andati immediatamente esauriti. Il Primo Ministro della Repubblica del Mozambico, Luisa Días Diogo, ha evidenziato il fatto che il messaggio del Presidente cubano ha molta attualità per questo incontro. Ha indicato che i dati esposti in questa dichiarazione racchiudono un grande contenuto perché raccolgono la verità sul nostro mondo.

I calciatori cubani non parteciperanno al mondiale, ma sono orgogliosi della prestazione
23.6 - La selezione cubana di calcio è rientrata ieri dal Costa Rica dopo un pareggio che, benché sia stato insufficiente per qualificarsi al mondiale di Germania 2006, apre nel paese nuove speranze a questa disciplina per migliori futuri risultati. I costaricani si sono qualificati alla fase successiva delle eliminatori mondiali grazie alla regola dei gol in trasferta, poiché nella partita di andata, dello scorso 12 giugno a La Habana, avevano pareggiato 2-2 con i cubani. Tuttavia, i cubani avevano dominato quella partita che non hanno vinto per loro imprecisioni nell’area dei centroamericani.

Gli abitanti di La Habana usano i ventagli e affrontano il record della massima temperatura
23.6 - Soffocati, gli abitanti di La Habana ricorrono oggi a ogni mezzo che hanno alla loro portata per affrontare la forte ondata di caldo che ha già toccato un record assoluto di temperatura massima in questa capitale, con un valore di 36.20 gradi Celsius. L'Istituto di Meteorologia precisa questo martedì che nel pomeriggio di ieri i termometri della stazione meteorologica posizionata a Casablanca, municipio al di là di Regla, di fronte alla Baia di La Habana, hanno registrato il suddetto valore di temperatura massima. Secondo la Meteorologia, l'ondata di caldo che colpisce La Habana negli ultimi giorni ha a che vedere con la poca nuvolosità esistente dalle ore della mattina, con la forte insolazione e con la debolezza dei venti.

Il Vicepresidente cubano evidenza l’importanza dell’integrazione del Gruppo ACP
24.6 – Il Vicepresidente cubano Carlos Lage ha evidenziato il fatto che il gruppo di paesi Africa, Caraibi e Pacifico (ACP) si è trasformato in un forum di concertazione delle nazioni che obbliga la sua presa in considerazione negli organismi internazionali. Intervenendo nella sessione di ieri al IV Vertice ACP che si tiene al Centro di Conferenze Internazionali di Maputo, nel Mozambico, Lage ha parlato a nome del Presidente cubano, Fidel Castro. Su raccomandazione del Capo di Stato ha trasmesso a tutti i partecipanti a questa riunione dell'ACP, un messaggio di rispetto e di solidarietà. Ha indicato che questo gruppo sta svolgendo un insostituibile lavoro nei negoziati l'Unione Europea per preservare dove è possibile le conquiste raggiunte.

Immigranti negli Stati Uniti definiscono brutali le misure contro Cuba
24.6 - Dirigenti dell'immigrazione cubana negli Stati Uniti hanno valutato che le misure adottate contro Cuba dall'amministrazione di George W. Bush sono così brutali che gli possono costare voti chiave e favorire in Florida l'oppositore John F. Kerry. In dichiarazioni pubblicate dal quotidiano ‘La Jornada’, del Messico, nella sua versione digitale, l'avvocato José Pertierra ha detto che le misure anticubane porteranno problemi elettorali a Miami al Presidente Bush. Il candidato democratico John Kerry sarà favorito in Florida dalla goffaggine dell’attuale amministrazione, ha valutato Pertierra. Allo stesso modo, il giornalista Max Lesnik ha definito queste azioni "un errore politico e inumano" che avrà un effetto boomerang.

La politica degli Stati Uniti viola i diritti umani dentro e fuori di Cuba
24.6 - La più recente escalation nella politica ostile degli Stati Uniti verso Cuba viola con un innegabile contenuto elettorale le prerogative individuali sulle due sponde dello Stretto della Florida. Rodolfo Reyes, funzionario del Ministero degli Esteri cubano, valuta che la distruzione della Rivoluzione costituisce la motivazione più profonda di una serie di misure approvate nel maggio scorso dal Presidente statunitense, George W. Bush. In dichiarazioni a Prensa Latina, Reyes ha indicato che le regole pretendono di esporre al popolo cubano, come unica opzione, un modello economico, politico e sociale "Made in USA" e la consegna del controllo della sua economia sottomettendola a ricette neoliberiste. Reyes, vicedirettore degli Affari Multilaterali del Ministero delle Relazioni Estere, ha sostenuto che l'entrata in vigore delle misure, il 30 giugno, segna una nuova tappa qualitativa nella politica di aggressioni e di sistematiche violazioni dei diritti umani del popolo cubano da parte delle autorità statunitensi.

Il Ministro della Bolivia elogia la medicina cubana
24.6 - Il Ministro boliviano della Salute, Fernando Antezana, ha elogiato a La Paz la qualità della salute a Cuba, all'inaugurazione della II Fiera di Salute e Turismo di Cuba in questo paese andino. Alla cerimonia, in un hotel nel centro di La Paz che ospiterà la fiera per una settimana, Antezana ha evidenziato i progressi della salute a Cuba, che nonostante le difficoltà economiche, è all'avanguardia poiché ha un sistema di salute di primo livello. Il Ministro ha rilevato che conosce questi risultati nella sua qualità di titolare della Salute del suo paese e in una lunga carriera di funzionario dell'Organizzazione Mondiale della Salute, e ha sottolineato le prospettive di sviluppo della cooperazione bilaterale nella materia.

Cuba ricorre all’energia eolica di fronte al blocco degli Stati Uniti
24.6 – A Cuba sono in funzione circa 6.000 mulini a vento come risultato di una tradizione per affrontare le difficoltà economiche provocate dal blocco degli Stati Uniti. Secondo stime del quotidiano "26" nella provincia di Las Tunas, a 660 chilometri a est di La Habana, vengono utilizzati circa 750 mulini soprattutto in aziende di allevamento bovino, come parte di una politica che ha permesso al territorio di ottenere da queste fonti circa il 44 % dell'energia utilizzata. Importati dagli Stati Uniti nel secolo XIX i mulini a vento sono stati disseminati in particolar modo nelle province orientali di Cuba per approfittare dell'energia eolica in aree rurali e anche per l'estrazione di acqua nei villaggi e nelle città.

Pericolosa provocazione degli Stati Uniti pende su Cuba
25.6 - Una pericolosa provocazione da parte del Governo degli Stati Uniti viene definito oggi a Cuba l'impiego di un aeroplano militare nordamericano per accrescere le trasmissioni illegali di radio e televisione verso l'Isola. L'utilizzo di un’aeronave rientra tra le misure annunciate nel maggio scorso dal Presidente nordamericano, George W. Bush, fatto che conferma che la possibilità di un confronto bellico contro Cuba è un punto prioritario nell'agenda della Casa Bianca. Le regole, in vigore la prossima settimana, cercano di distruggere la Rivoluzione cubana e per questo prevedono, tra l’altro, un finanziamento di 18 milioni di dollari per fomentare l'aggressione radioelettronica e per promuovere la sovversione interna. L'impiego di un aeroplano militare C-130 per cercare di dare maggior efficacia alle trasmissioni sovversive di radio e televisione verso Cuba è una pericolosa provocazione che potrebbe essere l'anticamera di una futura invasione, ha affermato a Prensa Latina Rodolfo Reyes, vicedirettore degli Affari Multilaterali del Ministero degli Esteri di Cuba.

Religiosi degli Stati Uniti chiedono di riconsiderare le misure contro Cuba
25.6 - Il Consiglio Nazionale delle Chiese degli Stati Uniti (NCC, dalle sua sigla in inglese) ha fatto appello alla Casa Bianca a riconsiderare le misure aggressive applicate contro Cuba, secondo un comunicato divulgato da questa organizzazione. In lettera diretta al sottosegretario, Colin Powell, agli inizi di questa settimana, il Segretario Generale del concilio, reverendo Robert W. Edgard, ha precisato che queste azioni contro Cuba rafforzeranno solo "le politiche fallite da quaranta anni". Edgard ha chiesto, invece, al Governo del Presidente George W. Bush di togliere il blocco economico a Cuba insieme a tutte le restrizioni di viaggio all'Isola.

Il Parlamento cubano sessionerà per commissioni
26.6 - I deputati cubani apprenderanno dal prossimo lunedì la gestione di diversi organismi statali come anticamera del Periodo Ordinario di Sessioni del Parlamento, convocato per il 1° luglio. La produzione di alimenti, l’utilizzo delle terre coltivabili, il comportamento dell'economia e altri temi di interesse nazionale e internazionale terranno impegnati i parlamentari, riuniti in commissioni, precisa l'informazione. Per i giorni 29 e 30 giugno sono previsti dibattiti dei deputati con i massimi rappresentanti delle sfere governative, in questa occasione vi saranno i rendiconti dell'Istituto di Aeronautica Civile e del Ministero di Economia e Pianificazione.

Il Parlamento cubano sessiona per commissioni
28.6 - I deputati cubani apprenderanno da oggi sulla gestione dei diversi organismi statali, come preambolo al Periodo Ordinario di Sessioni del Parlamento, previsto per giovedì prossimo. Riuniti in 10 commissioni di lavoro, i parlamentari saranno aggiornati, tra gli altri temi, sull’andamento della produzione di alimenti, dell'utilizzo delle terre coltivabili e dell’economia. Il programma prevede dibattiti con rappresentanti dell'Istituto dell’Aeronautica Civile e del Ministero di Economia e Pianificazione. Il Parlamento cubano ha carattere unicamerale ed è formato da oltre 600 deputati che sono scelti dalla popolazione con voto libero, diretto e segreto.

Il cubano Domínguez è tra gli otto migliori al Mondiale di Scacchi
28.6 - Il Gran Maestro (GM) cubano Leinier Domínguez è entrato negli otto migliori giocatori del Campionato Mondiale di Scacchi che si svolge a Tripoli. Domínguez ha battuto in 25 minuti nella seconda partita il russo Alexey Dreev in 35 mosse, nelle quali il cubano giocava con i pezzi bianchi. Dreev è stato il quarto russo caduto di fronte al cubano nel campionato del mondo, è questa è la miglior prestazione ottenuta da un cubano in questo tipo di competizioni da quando è in vigore il nuovo sistema.

Il New York Times definisce un oltraggio le misure degli Stati Uniti contro Cuba
28.6 - L'influente quotidiano The New York Times definisce un oltraggio le recenti misure adottate dal Governo degli Stati Uniti contro Cuba, in particolar modo le limitazioni ai cubano-americani di recarsi in visita ai loro parenti nell'Isola. "È un oltraggio che al popolo di una nazione gli sia comunicato che può vedere solo ogni tre anni i suoi familiari residenti all'estero", denuncia il quotidiano in un editoriale. E non solo questo, aggiunge il New York Times, vengono pure imposte limitazioni agli articoli e alle rimesse da inviare ai loro parenti a Cuba, come agli scambi culturali e accademici.

Il futuro di Cuba progettato dagli Stati Uniti paragonato al presente dell'Iraq
29.6 - Se gli Stati Uniti abbattessero la Rivoluzione cubana ignorerebbero qualunque autorità sostitutiva cubana e imporrebbero un coordinatore nordamericano sullo stile di quello dell'Iraq, ha denunciato a La Habana il Presidente del Parlamento cubano, Ricardo Alarcón. In dichiarazioni al principale notiziario della televisione cubana, il dirigente ha detto che questo è uno dei punti che Washington ha avuto particolar cura di non rendere pubblico tra le misure con cui cerca di propiziare una presunta transizione di Cuba verso la democrazia. Una delle cose più insultanti (se vi fosse un'ipotetica caduta della Rivoluzione) è quella che ci sarebbe un signore, nominato dal Presidente degli Stati Uniti, che sarebbe il coordinatore di tutto questo fantasma, ha precisato riferendosi alle circostanze che Cuba vivrebbe in quel caso. Il Presidente dell'Assemblea Nazionale del Poder Popular ha fatto varie considerazioni sul futuro di Cuba qualora si realizzassero i disegni nordamericani contenuti in un cosiddetto Dettame della Commissione di Aiuto per la Libertà di Cuba. Alarcón ha definito il progetto "un fantasma con un progetto demoniaco" e ha detto che superava la Legge Helms-Burton e l'Emendamento Platt, che all'inizio del secolo scorso, tra le altre cose, aveva concesso agli Stati Uniti il diritto di intervenire militarmente nella repubblica appena nata.

Messo in evidenza a Cuba il livello della salute e dell'educazione
29.6 - La salute e l'educazione costituiscono due pilastri fondamentali della società e fanno parte dell'ideologia della Rivoluzione cubana, ha affermato ieri a La Habana il Ministro della Salute Pubblica di Cuba, José Ramón Balaguer. Intervenendo nei dibattiti della Commissione di Salute e Sport dell’Assemblea Nazionale del Poder Popular (Parlamento), il dirigente ha messo in risalto il fatto che con il lavoro in questi due ambiti, Cuba sta dicendo al mondo che il sistema socialista è possibile, e che lo stiamo realizzando come si deve. In questi campi, ha spiegato, il nostro paese sta consegnando al mondo concezioni di lavoro nuove e superiori, in particolare riguardo alla formazione di risorse umane. Quello che si sta facendo nella salute pubblica, ha specificato, è una vera rivoluzione, facendo avvicinare il popolo il più possibile alle possibilità offerte dallo sviluppo tecnico moderno.

Rappresentanti di 20 paesi europei lavoreranno questa estate a Cuba
29.6 - Provenienti da 20 paesi europei, circa 250 persone formano la Brigata José Martí e resteranno a Cuba da ieri e fino al prossimo 18 luglio, ha reso noto l'Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli. Lavori agricoli, conferenze sulla realtà cubana e visite a vari posti di interesse socio-economico di La Habana, Matanzas e Pinar del Río sono alcune delle attività previste nella brigata di solidarietà. Il gruppo avrà la sua sede all'Accampamento Internazionale Julio Antonio Mella, nel municipio di Caimito, in provincia Habana, al sud di La Habana. I visitatori vengono da Spagna, Norvegia, Gran Bretagna, Portogallo, Francia, Italia, e Belgio, tra gli altri. L'ICAP ha annunciato inoltre che nei prossimi giorni giungeranno a Cuba la brigata Venceremos, la Carovana di Amicizia Stati Uniti-Cuba, la brigata Juan Rius Rivera di Puerto Rico e la Che Guevara del Canada. Per questa estate sono attesi altri gruppi di solidarietà dell'America Latina e dei Caraibi.

Cuba respinge la pratica unilaterale statunitense sul terrorismo
30.6 - Cuba ha respinto energicamente alle Nazioni Unite la pratica unilaterale degli Stati Uniti di emettere "certificazioni" ed "elenchi" di paesi che in modo presunto favoriscono il terrorismo internazionale. La rappresentante cubana nel comitato dell'Assemblea Generale dell'ONU contro il terrorismo, Juana Elena Ramos, ha definito ieri questa pratica come un esercizio spurio e motivato politicamente e ha affermato che il comportamento di Washington è contrario ai principi del Diritto Internazionale e alla Carta dell'organizzazione mondiale. È assurdo l’inserimento di Cuba in questa lista, ha detto in una riunione iniziata lunedì, e ha sostenuto che risponde a questioni di politica interna nordamericana, vincolate a motivi elettorali nello Stato della Florida. "E’ terrorista sia chi commette azioni di questo tipo sia coloro che lo proteggono e che gli permettono di agire o che finanziano azioni di terrorismo dal loro territorio", ha denunciato.

Chiesto il Premio Nobel per la Pace per i Cinque cubani detenuti negli Stati Uniti
30.6 - Il noto politologo statunitense, James Petras, ha chiesto al movimento di solidarietà internazionale un pronunciamento affinché i Cinque cubani detenuti nelle carceri degli Stati Uniti siano nominati per il premio Nobel della Pace. Petras ha precisato che questa idea ha preso piede in Germania e si basa sulla necessità di "richiamare l'attenzione per la nobile causa che è dietro l'attività realizzata dai Cinque, in particolare la lotta contro il terrorismo", ha pubblicato il quotidiano Juventud Rebelde. Ha aggiunto che Gunter Belchaus, uno dei dirigenti del comitato ‘Basta ya’, ha inviato lettere, tra gli altri, ai premi Nobel della Pace Rigoberta Menchú, del Guatemala; Adolfo Pérez Esquivel, dell'Argentina. In queste lettere viene spiegato l'obiettivo dell'iniziativa affinché costoro si rivolgano al comitato che dovrà decidere il conferimento del riconoscimento, dato che "le loro voci possono essere ascoltate", ha precisato.

Cuba chiede la riduzione del consumismo e delle spese superflue
30.6 - Con una semplice riduzione del consumismo e delle spese superflue nei paesi industrializzati potrebbero essere generate risorse più che sufficienti per i paesi meno avanzati (PMA) Così ha affermato ieri alle Nazioni Unite il Viceministro delle Relazioni Estere di Cuba, Abelardo Moreno, intervenendo nella sessione di alto livello della Commissione Economica e Sociale delle Nazioni Unite, dedicata alla situazione nei 50 PMA. Per fare un esempio ha indicato che con solo una parte dei 18.000 milioni di dollari che vengono consumati ogni anno in cosmetici nei paesi del Nord, potrebbero essere coperti i 12.000 milioni necessari a garantire la salute riproduttiva di tutte le donne del pianeta. Allo stesso modo con i 17.000 milioni che vengono impiegati negli Stati Uniti e in Europa per l'alimentazione di cani e gatti, quasi potrebbe essere coperta la cifra necessaria a eliminare la fame nel mondo.

Cuba ha sottoscritto l’accordo per il controllo del tabacco
30.6 - Cuba ha sottoscritto l'Accordo nell’ambito dell'Organizzazione Mondiale della Salute per il controllo del tabacco, che ha per obiettivo quello di limitare i danni causati dai suoi prodotti derivati. L'Ambasciatore cubano, Orlando Requeijo, ha posto ieri la sua firma nel dipartimento dei trattati dell'ONU, e con questo ammontano già a 154 i paesi membri di questo strumento giuridico internazionale. E’ stato il 21 maggio 2003 che l'assemblea mondiale della salute ha adottato il menzionato accordo che comprende una serie di disposizioni di base avviate a ridurre il tabagismo. A partire da questo mercoledì il trattato sarà aperto all'adesione ed entrerà in vigore 90 giorni dopo che siano stati depositati 40 strumenti di ratifica, approvazione, accettazione, conferma ufficiale o adesione in potere del depositario delle Nazioni Unite.