febbraio 2012

Raúl Castro e Dilma Rousseff lodano l’esistenza della CELAC
1.2 - I Presidenti cubano, Raúl Castro, e brasiliana, Dilma Rousseff, hanno lodato a La Habana l'avviamento della Comunità degli Stati Latinoamericani e Caraibici (CELAC) per affrontare le grandi sfide dei paesi della regione. I due Presidenti hanno conversato sull'eccellente stato delle loro relazioni bilaterali e su altri temi dell'ambito internazionale, secondo un comunicato pubblicato diffuso dal notiziario della televisione. La prima Capo di Stato del gigante sud-americano era accompagnata dal Ministro degli Esteri Antonio de Aguiar Patriota, dal consigliere speciale della presidenza, Marco Aurelio García, e dall'Ambasciatore a La Habana, José Eduardo Martins Felício. Da parte cubana vi erano il Primo Vicepresidente, José Ramón Machado Ventura, il Ministro degli Esteri Bruno Rodríguez e l'Ambasciatore cubano a Brasilia Carlos Zamora.

La Presidente brasiliana visita gli investimenti nella zona portuale cubana
1.2 - La Presidente del Brasile, Dilma Rousseff, ha visitato gli investimenti del suo paese nella parte occidentale di Cuba, accompagnata dal Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Raúl Castro. Come riporta il notiziario nazionale, la Presidente ha visitato l'ampliamento della zona portuale di Mariel, situata a ovest di La Habana, investimento di importanza strategica per l'economia di Cuba e per lo scambio commerciale della regione. La modernizzazione del porto contribuirà all'esportazione dei beni prodotti nel paese, ha sottolineato la Rousseff, che ha ricordato che il Brasile ha apportato per la sua ristrutturazione circa 640 milioni di dollari, dei 900 milioni del costo totale. La Presidente brasiliana, insieme al suo omologo Raúl Castro, ha visitato le aree del porto, dove si stanno realizzando lavori di dragaggio per permettere l'entrata di navi di grande pescaggio, che non possono accedere al porto di La Habana. Dilma Rousseff conclude a La Habana il suo soggiorno questo mercoledì, quando partirà per Haiti.

La Presidente del Brasile evidenzia l’impegno di cooperazione con Cuba
1.2 – Il miglior modo che ha il Brasile di combattere il blocco imposto a Cuba dagli Stati Uniti è quello di offrire la sua collaborazione nelle diverse aree, ha affermato a La Habana la Presidente della nazione sud-americana, Dilma Rousseff. La Presidente ha messo in risalto l'esistenza di una cooperazione strategica favorevole per i due paesi, dato che in aree come la biotecnologia Cuba mostra una struttura eccezionale e competente, mentre il Brasile può apportare un'alta capacità tecnologica. Dopo avere deposto un omaggio floreale nel memorial dedicato a José Martí, Eroe Nazionale di Cuba, la Rousseff ha sottolineato alla stampa il fatto che il suo Governo ha l’impegno di contribuire con il popolo cubano, che promuove un processo di attualizzazione economica. Il Brasile partecipa a varie iniziative importanti per raggiungere questo proposito, come facilitare l'accesso a un credito di 400 milioni di dollari per l'acquisto di prodotti alimentari nel nostro mercato, ha precisato.

Raúl Castro difende il partito unico come garanzia di sovranità
30.1 - Il Presidente di Cuba, Raúl Castro, ha considerato che l'esistenza di un partito unico a Cuba garantisce la continuità della sovranità e della giustizia sociale conquistate dalla Rivoluzione del 1959. "Rinunciare al principio di un solo partito equivarrebbe, semplicemente, a legalizzare il partito o i partiti dell'imperialismo nel suolo patrio e sacrificare l'arma strategica dell'unità dei cubani, che ha fatto diventare realtà i sogni di indipendenza e di giustizia sociale", ha indicato a La Habana. Nella chiusura della Prima Conferenza Nazionale del Partito Comunista di Cuba (PCC), Raúl Castro che è anche Primo Segretario di questa organizzazione ha detto inoltre che non si può ignorare lo scenario ostile nel quale si è fatta strada la Rivoluzione. I nostri avversari e perfino alcuni che simpatizzano per noi, astraendosi dalla storia di permanente aggressione, blocco economico, ingerenza e assedio mediatico, pretendono da noi come se si trattasse di un paese in condizioni normali e non di una piazza assediata, la restaurazione del multipartitismo che è esistito a Cuba sotto il dominio neocoloniale statunitense, ha precisato. Oltre 800 militanti comunisti hanno partecipato questo fine settimana alla Prima Conferenza Nazionale dell'organizzazione, nella quale hanno approvato obiettivi di lavoro avviati a garantire l'unità e il rafforzamento del Socialismo.

Raúl Castro invita a verificare il compimento delle decisioni del Partito
30.1 - Il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba (PCC), Raúl Castro, ha avvertito sulla necessità di verificare il compimento degli accordi adottati dal Congresso e dalla Conferenza di organizzazione. Chiudendo la Prima Conferenza Nazionale del PCC, Raúl Castro ha detto di sentirsi in dovere di mettere sull’avviso, un'altra volta, che non cadiamo nell'illusione di credere che le decisioni adottate in questo forum, e né tanto almeno gli accordi di portata strategica adottati dal VI Congresso, costituiscono la soluzione magica a tutti i nostri problemi. Per impedire che di nuovo cadano in sacco rotto le istruzioni dal Partito – ha affermato - l'Ufficio Politico ha deciso, come è stato indicato riguardo all’andamento dell'aggiornamento del modello economico e del compimento dei piani annuali e del preventivo, che i plenum del Comitato Centrale analizzino due volte l'anno l'applicazione degli Obiettivi di lavoro. Allo stesso modo, ha aggiunto, procederanno i comitati provinciali e municipali del PCC, nel modo e con la frequenza stabilita dal Comitato Centrale.

Raúl Castro denuncia le campagne anticubane istigate dagli Stati Uniti
30.1 - Il Presidente Raúl Castro ha denunciato a La Habana la continuità delle campagne contro Cuba che promosse dagli Stati Uniti cercano di distruggere la sua Rivoluzione. "Considero necessario denunciare, un'altra volta, le brutali campagne anticubane istigate dal Governo degli Stati Uniti e da alcuni altri tradizionalmente impegnati nella sovversione contro il nostro paese, con il concorso della grande stampa occidentale e con la collaborazione dei loro salariati dentro l'Isola, ha affermato. Il Presidente ha segnalato che il proposito di queste azioni è quello di screditare la Rivoluzione e giustificare l'ostilità e il blocco economico, commerciale e finanziario imposto da Washington mezzo secolo fa. Raúl Castro ha denunciato inoltre l'intenzione di creare una quinta colonna per facilitare l'obiettivo di privare Cuba della sua indipendenza e sovranità. Nel suo intervento, il Presidente ha inviato a nome dei comunisti e di tutto il popolo cubano un saluto fraterno ai cinque antiterroristi condannati a lunghe pene negli Stati Uniti. "… più di 13 anni di ingiusta prigione dei nostri cinque eroi, per la cui libertà non smetteremo mai di lottare…", ha affermato. Gerardo Hernández, René González, Ramón Labañino, Antonio Guerrero e Fernando González erano stati arrestati nel 1998 per aver controllato i gruppi violenti che da Miami, nel sud della Florida, operano impunemente contro Cuba.

Cuba ha laureato oltre 300 medici latinoamericani
30.1 – Oltre 300 giovani di sei nazioni latinoamericane hanno ricevuto la laurea di dottore in medicina, in una cerimonia che ha avuto luogo nella città cubana di Cienfuegos. Provenienti da Bolivia, Cile, Guatemala, Honduras, Paraguay e Venezuela i 332 laureati fanno parte di un programma di formazione di medici promosso dall'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA), la cui particolarità si basa sulla convivenza degli studenti con famiglie cubane durante i sei anni del corso. Questa università ha laureato in quasi trent’anni oltre 8.000 professionisti della salute, dei quali il 12 % proviene da nazioni latinoamericane e africane.

Oltre duemila operazioni realizzate dai medici cubani in Paraguay
30.1 - - Un totale di 2.557 interventi oftalmici, comprese operazioni di cateratta e di pterigio, sono state realizzate l'anno scorso dagli specialisti cubani in Paraguay, attraverso il programma Operazione Miracolo, hanno informato fonti diplomatiche. I medici, i tecnici e il personale di sostegno che lavorano nella località di María Auxiliadora, 370 chilometri a sud della capitale Asunción, hanno realizzato anche 7.545 visite a paziente di basse risorse economiche in vari dipartimenti del paese. L'Operazione Miracolo è un progetto umanitario promosso dai governi di Cuba e Venezuela dal 2004 ed è diretta a servire persone di basse risorse economiche con problemi alla vista in vari paesi del mondo.

Sottolineata la crescita del ciclismo a Cuba, nonostante il blocco
31.1 - Il presidente della Federazione Cubana di Ciclismo, José Manuel Peláez, ha sottolineato a Bruxelles la progressiva crescita di questo sport a Cuba, nonostante le difficoltà imposte dal blocco statunitense. Una dimostrazione della qualità ottenuta dagli atleti in questa disciplina sono i risultati dei giochi Panamericani di Guadalajara, nei quali Cuba ha ottenuto due medaglie d’oro, due d’argento e tre di bronzo. Peláez ha assistito nella città di Kokjside al campionato mondiale di ciclo-cross, e ha partecipato all'assemblea del comitato direttivo dell'Unione Ciclistica Internazionale, del quale è membro da oltre 20 anni.

Raúl Castro e Dilma Rousseff lodano l’esistenza della CELAC
1.2 - I Presidenti cubano, Raúl Castro, e brasiliana, Dilma Rousseff, hanno lodato a La Habana l'avviamento della Comunità degli Stati Latinoamericani e Caraibici (CELAC) per affrontare le grandi sfide dei paesi della regione. I due Presidenti hanno conversato sull'eccellente stato delle loro relazioni bilaterali e su altri temi dell'ambito internazionale, secondo un comunicato pubblicato diffuso dal notiziario della televisione. La prima Capo di Stato del gigante sud-americano era accompagnata dal Ministro degli Esteri Antonio de Aguiar Patriota, dal consigliere speciale della presidenza, Marco Aurelio García, e dall'Ambasciatore a La Habana, José Eduardo Martins Felício. Da parte cubana vi erano il Primo Vicepresidente, José Ramón Machado Ventura, il Ministro degli Esteri Bruno Rodríguez e l'Ambasciatore cubano a Brasilia Carlos Zamora.

La Presidente brasiliana visita gli investimenti nella zona portuale cubana
1.2 - La Presidente del Brasile, Dilma Rousseff, ha visitato gli investimenti del suo paese nella parte occidentale di Cuba, accompagnata dal Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Raúl Castro. Come riporta il notiziario nazionale, la Presidente ha visitato l'ampliamento della zona portuale di Mariel, situata a ovest di La Habana, investimento di importanza strategica per l'economia di Cuba e per lo scambio commerciale della regione. La modernizzazione del porto contribuirà all'esportazione dei beni prodotti nel paese, ha sottolineato la Rousseff, che ha ricordato che il Brasile ha apportato per la sua ristrutturazione circa 640 milioni di dollari, dei 900 milioni del costo totale. La Presidente brasiliana, insieme al suo omologo Raúl Castro, ha visitato le aree del porto, dove si stanno realizzando lavori di dragaggio per permettere l'entrata di navi di grande pescaggio, che non possono accedere al porto di La Habana. Dilma Rousseff conclude a La Habana il suo soggiorno questo mercoledì, quando partirà per Haiti.

La Presidente del Brasile evidenzia l’impegno di cooperazione con Cuba
1.2 – Il miglior modo che ha il Brasile di combattere il blocco imposto a Cuba dagli Stati Uniti è quello di offrire la sua collaborazione nelle diverse aree, ha affermato a La Habana la Presidente della nazione sud-americana, Dilma Rousseff. La Presidente ha messo in risalto l'esistenza di una cooperazione strategica favorevole per i due paesi, dato che in aree come la biotecnologia Cuba mostra una struttura eccezionale e competente, mentre il Brasile può apportare un'alta capacità tecnologica. Dopo avere deposto un omaggio floreale nel memorial dedicato a José Martí, Eroe Nazionale di Cuba, la Rousseff ha sottolineato alla stampa il fatto che il suo Governo ha l’impegno di contribuire con il popolo cubano, che promuove un processo di attualizzazione economica. Il Brasile partecipa a varie iniziative importanti per raggiungere questo proposito, come facilitare l'accesso a un credito di 400 milioni di dollari per l'acquisto di prodotti alimentari nel nostro mercato, ha precisato.

Condannate le aggressioni radioelettriche degli Stati Uniti contro Cuba
2.2 - La Conferenza Mondiale delle Radiocomunicazioni ha confermato oggi il carattere illegale delle aggressioni radio e televisive che gli Stati Uniti mantengono contro Cuba. Con l'appoggio schiacciante della comunità internazionale, una mozione cubana al riguardo è stata approvata senza necessità di votazione, indica una nota di stampa della Delegazione Permanente di Cuba a Ginevra. Il Capo della delegazione cubana alla Conferenza, Wilfredo López Rodríguez, Direttore di Regolamenti e Norme del Ministero di Informatica e delle Comunicazioni, ha denunciato al forum l'incremento delle interferenze dannose causate dalle aggressioni radioelettriche degli Stati Uniti. Oltre 20 trasmettitori radio e televisivi di diversi servizi trasmettono dal territorio statunitense più di duemila ore settimanali di programmazione anticubana, compresi incitamenti all'esecuzione di atti terroristici, ha dichiarato López.

Milioni di venezuelani ricevono assistenza medica gratuita
3.2 - Milioni di persone ricevono assistenza medica gratuita grazie alla rivoluzione iniziata 13 anni fa, ha affermato il Presidente del Venezuela, Hugo Chávez. In una cerimonia per la celebrazione del 13° anniversario della sua entrata in carica, il Presidente, dal Teatro de Catia, a Caracas, ha fatto appello a continuare a rafforzare il Sistema Pubblico di Salute installato in Venezuela per servire tutta la popolazione, in particolare i settori economicamente meno favoriti. Ha spiegato inoltre l'importanza di far arrivare i medici fino nei luoghi più reconditi, dato che prima erano disponibili solo nelle grandi città. Su questo tema, Chávez ha ringraziato il Governo di Cuba e i suoi collaboratori che hanno aiutato la popolazione venezuelana con differenti progetti sociali come la Missione Miracolo e il José Gregorio Hernández, rivolti a chi ha problemi alla vista e a persone disabili o con malattie genetiche, tra gli altri.

Cuba ha potenzialità per esportare servizi
3.2 - Cuba ha grandi potenzialità per inserirsi nel mercato internazionale dell'esportazione di servizi professionali, contando su personale altamente qualificato in tutti i rami dell'economia, hanno affermato oggi fonti specializzate. Negli ultimi anni il paese mostra una maggiore promozione di questa attività, principalmente nelle aree di salute, educazione e sport, che rappresenta il 70 % delle entrate per esportazioni, secondo quanto pubblicato dal settimanale Opciones. Decine di nazioni sono beneficiate dai servizi del personale della salute cubano, settore che ha consolidato mercati in Africa, Europa, Medio Oriente e Asia, e ha stabilito nuovi accordi con Messico, Oman, Ucraina, Suriname, Giamaica, Ecuador e Canada, tra gli altri.

Cuba ha generato più elettricità con meno combustibile
3.2 - L'Unione Nazionale Elettrica di Cuba ha informato che nel paese è stata generata più energia con meno uso di combustibile nel 2011 e che è stato sviluppato un ampio piano di riabilitazione e di mantenimento. Il direttore degli Investimenti, Norge Luis Morales dando questa informazione ha aggiunto che quest’anno l'ente continuerà la sua strategia basata sul controllo e sull'efficienza. Con la cura degli impianti – ha aggiunto oggi in dichiarazioni pubblicate sul quotidiano Granma "si potrà ottenere una migliore disponibilità nella generazione e la diminuzione delle forniture per emergenza delle centrali". Ha sottolineato il processo di continuità nella modernizzazione elettrica, sia nel settore residenziale - dove sono stati iniziati 75.000 nuovi servizi – sia in quello statale in cui sono stati introdotti nuovi controllori di energia e il metodo delle tariffe di elettricità pre-pagate.

Omaggio postumo di Presidenti latinoamericani a Sara González
3.2 - L'omaggio postumo alla cantautrice cubana Sara González, che è deceduta a La Habana questo mercoledì, è stato espresso con diverse corone inviate dai presidenti Hugo Chávez, del Venezuela, e Daniel Ortega, del Nicaragua, tra gli altri omaggi. In dichiarazioni alla stampa, mentre rendeva tributo alla popolare "cantante della Rivoluzione cubana", come l’hanno definita i mezzi di stampa dell'Isola, il Vicepresidente cubano Esteban Lazo ha detto che questo fatto significa un alto riconoscimento alla figura di Sara. Ha ricordato che è stata una delle fondatrici della Nueva Trova, movimento artistico che ha avuto una grande importanza per la Rivoluzione per i messaggi delle sue canzoni, non solamente dirette ai cubani, ma anche agli umili, al mondo e al progresso dell'America Latina.

Cuba mette in evidenza la condanna mondiale al blocco statunitense
6.2 - A mezzo secolo dalla sua ufficializzazione il blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti contro Cuba genera il rifiuto quasi unanime della comunità internazionale, ha sottolineato oggi il Ministero delle Relazioni Estere di Cuba. In un'intervista concessa a Prensa Latina, la direttrice degli Affari Multilaterali del Ministero degli Esteri, Anayansi Rodríguez, ha spiegato che recentemente 142 paesi e 26 agenzie specializzate dell'ONU hanno consegnato al Segretario Generale di questa organizzazione, Ban Ki-moon, le loro considerazioni sulla misura unilaterale. Oltre agli Stati sovrani – ha precisato – hanno esposto le loro argomentazioni l'Organizzazione Mondiale della Salute (OMS), l'UNESCO, il PNUD e l'Organizzazione Internazionale del Lavoro, tra le altre. La stragrande maggioranza delle opinioni riflette una denuncia contundente per la continuità dell'applicazione delle sanzioni che sono entrate in vigore il 7 febbraio 1962, a partire dal proclama 3447 dell’allora Presidente nordamericano, John F. Kennedy, ha precisato.

Cuba difende la pace come principio base del multilateralismo
6.2 - Cuba considera la coesistenza pacifica un principio base delle relazioni internazionali e respinge l'uso della forza come strumento di imposizione contro gli Stati, ha indicato oggi il Ministero degli Esteri. Questi elementi garanti della pace mondiale, insieme al rispetto della sovranità e dell'integrità territoriale dei paesi, sono violati in maniera ripetuta dall’Occidente, nonostante siano contenuti nella Carta dell'ONU, ha detto la direttrice degli Affari Multilaterali, Anayansi Rodríguez in un’intervista a Prensa Latina. La funzionaria ha fatto come esempio le minacce e le aggressioni della NATO - blocco militare capeggiato dagli Stati Uniti - a paesi del Sud sotto la dottrina del cambiamento di regime in nazioni sovrane. Le dichiarazioni hanno avuto luogo in un contesto segnato dalle minacce degli Stati Uniti e dei loro alleati contro la Siria e l’Iran, pochi mesi dopo il loro intervento armato in Libia.

I cubani ricordano Camilo Cienfuegos nell’80° anniversario della sua nascita
6.2 - I cubani ricorderanno oggi il comandante Camilo Cienfuegos, uno dei fondatori dell'Esercito Ribelle e una delle principali figure a Cuba al trionfo della Rivoluzione, nell’80° anniversario della sua nascita. Nella casa natale del quartiere di Lawton, a La Habana, dove venne al mondo il 6 febbraio 1932, bambini, giovani e popolo in generale saranno protagonisti di una veglia di omaggio all'eroe di innumerevoli combattimenti, noto anche come Signore dell’Avanguardia. Camilo è stato uno degli 82 partecipanti alla spedizione dello yacht Granma che il 2 dicembre 1956 sono sbarcati sulle coste orientali del paese con il proposito di iniziare un'insurrezione armata per mettere fine al regime di Fulgencio Batista.

Cuba ha superato il milione di tonnellate di vegetali nell'agricoltura urbana
6.2 - Cuba ha prodotto nel 2011 oltre un milione di tonnellate di verdure e ortaggi mediante il programma di agricoltura urbana e semiurbana, ha sottolineato il Ministro del ramo, Gustavo Rodríguez, nell'analisi nazionale di quella gestione. Nella riunione a Cienfuegos con i produttori che si sono più distinti nel paese, alla quale ha partecipato Esteban Lazo, Vicepresidente del Governo, il Ministro ha precisato che Cuba dedica quasi 9.000 ettari alle diverse modalità del progetto produttivo: orti organoponici, orti intensivi e coltivazioni semiprotette.

Cuba denuncia la recrudescenza del blocco degli Stati Uniti
7.2 - Il blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti contro Cuba arriva oggi a 50 anni dalla sua ufficializzazione in mezzo alla recrudescenza dei suoi meccanismi di persecuzione e di assedio, ha denunciato a La Habana il Ministero degli Esteri. In un'intervista con Prensa Latina, la direttrice degli Affari Multilaterali, Anayansi Rodríguez, ha smentito che la misura entrata in vigore il 7 febbraio 1962 sotto l'allora Presidente nordamericano John F. Kennedy, presenti flessibilizzazioni nella sua applicazione, come afferma la Casa Bianca. In modo ricorrente, l'amministrazione di Barack Obama brandisce il discorso della presunta flessibilizzazione, per creare nella comunità internazionale l'immagine che ora tocca a Cuba fare passi per migliorare le relazioni bilaterali, ha avvisato. Non c'è niente di tutto questo, ha precisato, in realtà il blocco è stato reso più duro con Obama, soprattutto nel suo carattere extra-territoriale, a partire da una maggiore persecuzione delle transazioni finanziarie di Cuba in qualunque posto del mondo.

Denunciato che Posada Carriles prepara nuove azioni contro Cuba
8.2 - Il terrorista Luis Posada Carriles pianifica nuove azioni violente contro Cuba con il sostegno di gruppi che risiedono nella meridionale città statunitense di Miami, come si è saputo a La Habana. Le attività dell'autore reo-confesso dell'esplosione nell’ottobre 1976 di un aereo cubano con 73 persone avvengono nella più assoluta compartimentazione e nel più assoluto segreto, precisa un articolo del portale Cubadebate. Secondo la fonte, Posada Carriles ha riattivato i suoi contatti con Santiago Álvarez, Enrique Encinoza, Luis Zúñiga, Gaspar Jiménez e Pedro Crispín, tra gli altri; tutti questi hanno un ampio curriculum di azioni violente contro Cuba. La denuncia pubblicata nel sito web ricorda che vari dei nomi citati appartengono alle organizzazioni Alpha 66, Consiglio per la Libertà di Cuba e Fondazione Nazionale Cubano-Americana, che sono definite terroristiche per la loro storia. Il responsabile dell'attentato contro l'aereo di Cubana è già stato dichiarato latitante dalla giustizia del Venezuela, paese che da oltre cinque anni ha chiesto agli Stati Uniti la sua estradizione per questo crimine.

Uomini che fanno sesso con altri uomini, i più colpiti dall'AIDS a Cuba
8.2 - Il gruppo di uomini che fa sesso con altri uomini costituisce oggi il più colpito dall'AIDS a Cuba, e la via principale di contagio dell'infezione è quella di relazioni sessuali non protette. Nove uomini su dieci hanno preso la malattia in questo modo. La maggiore vulnerabilità è dovuta alla interazione di fattori biologici, psicologici e sociali, ha affermato la dottoressa María Isela Lantero, capo del dipartimento di ITS/HIV/AIDS del Ministero di Salute Pubblica. Oltre l’85 % dei diagnosticati ha tra 15 e 49 anni, i restanti sono distribuiti tra i maggiori di 50 anni, con una certa tendenza all'incremento in uomini e donne di oltre 60 anni, ha indicato la specialista al periodico Granma.

Ringraziamento di Ambasciatori a un’università cubana per la formazione professionale
9.2 - Una rappresentanza di Ambasciatori di paesi i cui giovani vengono preparati nell'università medica di Santiago de Cuba hanno ringraziato per la formazione professionale allo scopo di migliorare i livelli di salute nelle loro nazioni. Al termine dell’inaugurazione della mostra "Ritornerò e sarò milioni", un omaggio della missione boliviana per i cinquant’anni di questa istituzione, l'Ambasciatore Palmiro León Soria-Saucedo ha messo in risalto il contributo cubano alla trasformazione dei sistemi sanitari in altre latitudini. Degli oltre 42.000 professionisti abilitati durante l'esistenza di questo centro, 2.738 provengono da 78 paesi e attualmente frequentano gli studi 1.844 stranieri, di 55 nazioni, tra le quali si distinguono per quantità Bolivia, Angola, Haiti e Perù.

Avvertimento sui rischi che corre un antiterrorista cubano mantenuto negli Stati Uniti
10.2 - L'avvocato Phillip Horowitz ha avvisato che la permanenza in "libertà vigilata" negli Stati Uniti di René González, uno dei cinque antiterroristi cubani condannati a lunghe pene in quel paese, rappresenta un rischio per la sua sicurezza. "C’è un grande timore per la sicurezza di René", ha detto in un'intervista di cui il portale Cubadebate anticipa frammenti. A proposito dei quattro mesi di "libertà vigilata" compiuti il 7 febbraio dall’antiterrorista scarcerato nel 2011, il giurista statunitense incaricato del suo caso ha denunciato che negli Stati Uniti vi sono settori impegnati a diffondere menzogne per istigare l'odio contro René. L'antiterrorista era stato arrestato nel 1998 insieme ai suoi compagni - Gerardo Hernández, Antonio Guerrero, Ramón Labañino e Fernando González - per aver controllato gruppi violenti che da Miami, nel sud della Florida, operano con impunità contro Cuba.

Posada Carriles aveva pianificato un attentato alla Fiera cubana del Libro
13.2 – Nuove prove dimostrano che Luis Posada Carriles aveva deciso di eseguire azioni violente durante la Fiera Internazionale del Libro Cuba 2012, ha reso noto a La Habana lo scrittore cubano di origine guatemalteca Percy Alvarado. Alla presentazione del suo libro "Luis Posada Carriles: un fantasma incondizionato della CIA", l'ex-agente Frayle della Sicurezza Cubana dello Stato, ha detto che il monitoraggio sull'attività del nemico ha comprovato che in riunione realizzata recentemente da questo noto terrorista con altri complici del suo livello era stata progettata l'operazione. Ha affermato che grazie all'azione immediata dei servizi segreti cubani si è potuto smantellare questa manovra e il suo possibile show mediatico, come l'esecuzione di un incendio di provocazione a La Habana e nell'orientale provincia di Santiago di Cuba, prima della visita di Papa Benedetto XVI nel prossimo marzo.

C’è da lottare, propone Fidel Castro agli intellettuali del mondo
13.2 – Il leader della Rivoluzione cubana, Fidel Castro, ha ribadito la necessità di continuare a lottare e di mantenere informata la popolazione, in incontro con intellettuali della Rete in Difesa dell'Umanità, riportato dalla stampa cubana. "Bisogna lottare" ha affermato Fidel Castro dialogando per oltre nove ore con diverse personalità di 22 paesi invitati alla XXI Fiera Internazionale del Libro e commentando gli eventi del mondo negli ultimi tre giorni. Ha aggiunto che "il minimo che possiamo fare è di ottenere che la popolazione sia informata", confermando con la lettura delle notizie degli ultimi tre giorni la gravità dell'allarme per il quale erano lì riuniti. Fidel Castro, allo stesso modo, ha proposto di preparare un libro con tutte le idee e le proposte scaturite in questo dialogo, dove ha considerato che "non possiamo lasciarci vincere dal pessimismo. È il nostro dovere".

La Federazione Sindacale Mondiale cresce e si rafforza
13.2 - La Federazione Sindacale Mondiale (FSM) ha sperimentato un rafforzamento negli ultimi anni, con l’aumento delle organizzazioni affiliate e un maggiore riconoscimento in generale, ha affermato a Luanda il vicepresidente di questo organismo, Salvador Valdés Mesa. Valdés Mesa, che è anche il Segretario Generale della Centrale dei Lavoratori di Cuba (CTC), ha detto a Prensa Latina che nel mezzo della crisi finanziaria ed economica mondiale, l'organizzazione cresce in quanto rappresenta le classi oppresse e lavoratrici che patiscono le maggiori conseguenze a causa di questo fenomeno. Riferendosi alla sua partecipazione al recente sesto Consiglio Presidenziale della FSM, realizzato a Johannesburg, in Sudafrica, ha valutato che in questo forum è stato fatto un bilancio del lavoro in generale della Federazione, con la definizione di compiti in questa fase. La FSM, fondata il 3 ottobre 1945, è diventata una federazione internazionale di sindacati alla conquista del movimento operaio contro lo sfruttamento capitalista e contro l'oppressione.

L’industria turistica cubana aumenta le sue entrate del 2011
13.2 - L'industria turistica cubana ha avuto entrate lo scorso anno per 1.738.091.000 CUC (moneta convertibile di circolazione nazionale), che ha significato l’11.9 % in più del 2010, ha comunicato l'Ufficio Nazionale di Statistica (ONE). Le entrate agli enti del settore sono giunte, fondamentalmente, da attività di alloggiamento, commercio al dettaglio, gastronomia, trasporto e ricreazione. In questo periodo sono arrivati a Cuba 2.716.317 persone, per la maggior parte turisti, che rappresentano il 7.3 % in più di quanto registrato l'anno scorso. Secondo dati della ONE, i paesi di maggior provenienza sono stati Canada, Inghilterra, Italia, Spagna, Germania e Francia.

Il metodo "Io sì posso" irrompe in Ecuador per ridurre l’analfabetismo
13.2 - Il metodo cubano "Io sì posso" permetterà di ridurre l'indice di analfabetismo di 6.8 % esistente oggi in Ecuador di almeno due punti percentuali, in una prima fase. Jorge Tamayo, coordinatore nazionale del programma, ha dichiarato a Prensa Latina che l'obiettivo è quello di far scendere questo indicatore con il lavoro che sarà realizzato in 13 delle 24 province del paese, dove si concentra l’85 % degli analfabeti. Questo sarà possibile a partire da un accordo di trasferimento di conoscenza e di assistenza tecnica firmato dai Ministeri di Educazione dell'Ecuador e di Cuba, che prevede l'abilitazione del personale docente e il coordinamento del programma. Come risultato di questo accordo, distribuiti nel territorio ecuadoriano si trovano 53 specialisti cubani nell’educazione per giovani e adulti.

Adottata a Ginevra una proposta cubana sullo spazio radioelettrico
14.2 - Dopo tre settimane di negoziati, la Conferenza Mondiale delle Radiocomunicazioni ha adottato a Ginevra una proposta, presentata da Cuba, che riafferma il diritto sovrano degli Stati a difendere il loro spazio radioelettrico. L'iniziativa espone che ogni Stato membro può prendere misure appropriate dentro il suo territorio per proteggersi da qualsiasi segnale incompatibile con la sua sovranità, pericoloso per la sua sicurezza o contrario al suo patrimonio e valori culturali. Questa proposta cubana, sostenuta e condivisa da decine di paesi in via di sviluppo, è pienamente coerente con il principio stabilito nella costituzione dell'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni. Lo scorso 2 febbraio, la conferenza aveva ratificato il carattere illegale delle aggressioni radio e televisive che Washington mantiene contro Cuba.

Cuba denuncia la campagna per giustificare un’aggressione contro la Siria
14.2 - Cuba ha denunciato all'Assemblea Generale dell'ONU la manipolazione e le menzogne mediatiche promosse per giustificare un'aggressione contro il popolo siriano. Particolarmente allarmanti sono gli appelli di coloro che promuovono un cambiamento di regime in Siria e puntano all'uso della forza e della violenza invece di contribuire al dialogo e ai negoziati tra tutte le parti, ha sottolineato Pedro Nuñez Mosquera, rappresentante permanente di Cuba presso le Nazioni Unite. Intervenendo questo lunedì in una sessione del massimo organismo, l'Assemblea Generale, convocato per discutere sulla situazione dei diritti umani in Siria, ha fatto appello ad ascoltare le proposte e le misure del Governo siriano per risolvere il conflitto.

A Cuba riunione dei Ministri degli Esteri dell'ALBA
15.2 – I Ministri degli Esteri e alti rappresentanti degli otto paesi dell'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA) si riuniscono oggi a La Habana per dibattere i temi dell'integrazione e l'agenda comune. Oltre ai paesi membri - Venezuela, Bolivia, Nicaragua, Ecuador, Dominica, San Vicente y las Granadinas, Antigua y Barbuda e Cuba - partecipano al Consiglio Politico dell'ALBA, come invitati speciali, Santa Lucía e Suriname. Nell’hotel Occidental Miramar, il Ministro degli Esteri cubano, Bruno Rodríguez, ha dato il benvenuto ai componenti del blocco costituito nel 2004. Lo scorso 4 febbraio è stato tenuto in Venezuela l’XI vertice presidenziale dell'Alleanza, che ha avuto come punto principale il tema economico, oltre ad affrontare le linee di lavoro relative ad altri argomenti di interesse.

Cuba offre nuove borse di studio a paraguayani di scarse risorse economiche
15.2 - L'Ambasciata di Cuba ha effettuato ad Asunción la convocazione per il processo di selezione di 15 studenti paraguayani di scarse risorse economiche che frequenteranno corsi universitari a Cuba. L'Ambasciatore cubano ad Asunción, Bernardo Guanche, ha detto che i giovani selezionati entreranno nella Scuola Latinoamericana di Medicina (ELAM). Questo centro, ubicato a ovest di La Habana, è sorto su iniziativa dal leader della Rivoluzione cubana, Fidel Castro, in risposta alla catastrofe naturale avvenuta in America Centrale e nei Caraibi nel 1998. Ha detto che attualmente Cuba ha 22.580 borsisti di 125 paesi e che si sono laureati circa 60.000 specialisti di 143 nazioni, per la maggior parte di nazioni sottosviluppate.

Preservati a Cuba coccodrilli e tartarughe marine
16.2 – Gli scienziati cubani sono oggi all’avanguardia su progetti per la preservazione di specie vulnerabili come il coccodrillo americano e le tartarughe marine, con la cooperazione di pescatori e abitanti della provincia di Pinar del Río. Il Crocodylus acutus – il suo nome scientifico - si riproduce in cattività nel vivaio di Sabanalamar, dove vivono famiglie da tre generazioni. Incrementare il lavoro di educazione ambientale con gli abitanti di questa area protetta, nel municipio di Guane, è una delle strategie per conservare il rettile, che si trova anche liberamente in lagune e specchi d’acqua circostanti, ha affermato a Prensa Latina Eliseo Luis Peraza, specialista dell'Azienda di Flora e Fauna.

Eusebio Leal riceve la massima onorificenza dalla Società Dante Alighieri
16.2 - Lo Storiografo della Città di La Habana, Eusebio Leal, ha ricevuto la Medaglia d’Oro della Società Dante Alighieri, istituzione culturale italiana creata nel 1889. Secondo un comunicato diffuso dall'Ufficio dello Storiografo, il Segretario Generale della Società, Alessandro Massi, ha consegnato all'intellettuale cubano il Diploma di Benemerenza che certifica l'onorificenza dopo le delibere della giunta direttiva nei giorni scorsi a Palazzo Firenze, a Roma. La distinzione, massimo riconoscimento che concede questa Società, è stata conferita a Leal in virtù dei suoi contributi alla promozione della lingua e della cultura italiane e della sua attenzione per preservare la storia delle relazioni tra i popoli di Italia e di Cuba, secondo la nota.

Campagna antipolio immunizzerà oltre mezzo milione di bambini cubani
17.2 – Oltre mezzo milione di bambini cubani saranno immunizzati durante la 51° Campagna Nazionale di Vaccinazione Antipoliomielítica, che sarà realizzata a Cuba a partire dal 2 marzo prossimo. Nelle due fasi di questo processo saranno vaccinati bambini minori di tre anni e quelli di nove. Cuba è stata nel 1962 il primo paese dell'America Latina a essere dichiarato territorio libero dalla poliomielite, malattia che nel mondo è diminuita attualmente del 99 %, risultato considerato notevole in termini di controllo, ma rimane un punto di percentuale per l’eliminazione mondiale. In mezzo secolo di vaccinazione antipolio, a Cuba sono state somministrate oltre 80 milioni di dosi e attualmente tutta la popolazione cubana minore di 64 anni è protetta contro questa malattia.

Designato a Cuba un nuovo Vicepresidente del Consiglio dei Ministri
20.2 - Il Consiglio di Stato di Cuba, su proposta del suo Presidente, Raúl Castro, ha promosso Adel Yzquierdo, attuale Ministro di Economia e Pianificazione, Vicepresidente del Consiglio dei Ministri, ha informato una nota ufficiale divulgata oggi. Secondo il testo del documento, Yzquierdo manterrà le sue responsabilità nell'organismo, in cui è a capo da marzo 2011. Yzquierdo, ingegnere di formazione, è passato attraverso diversi incarichi dalla base, che comprendono la conduzione di importanti aziende e della direzione di Pianificazione ed Economia del Ministero delle Forze Armate Rivoluzionarie (FAR).

Sviluppate a Cuba attività di prevenzione contro gli incendi
21.2 - Il Corpo dei Guardaboschi di Cuba intraprende numerose azioni per evitare i focolai e l’espansione degli incendi forestali in tutto il paese, soprattutto nei mesi che di norma hanno maggiore incidenza di sinistri. Dal 1° gennaio e fino al 31 maggio si sviluppa a livello nazionale la campagna di protezione contro gli incendi forestali, periodo in cui vi è un maggior pericolo per la recrudescenza del cambiamento climatico. Specialisti del corpo dei guardaboschi hanno detto al quotidiano Juventud Rebelde che la priorità è nella prevenzione, per cui ci si concentra nell’addestramento del personale, nella coesione dei gruppi di lavoro e nell'incremento dell'attività divulgativa.

Cuba denuncia le violazioni degli Stati Uniti al diritto internazionale
22.2 – A Ginevra, Cuba ha denunciato oggi all’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) le violazioni permanenti degli Stati Uniti alle norme e ai principi del diritto internazionale. Intervenendo nell’Organismo di Soluzione dei Contrasti (OSD) dell'OMC, la consigliera cubana Nancy Madrigal ha affermato che Washington continua a non fare la minima azione perché siano applicate le risoluzioni e le raccomandazioni di questo ente. Un esempio è il mantenimento della "Sezione 211 della Legge Omnibus delle Assegnazioni del 1998", nonostante da 10 anni l'OSD si sia pronunciato sulla sua incompatibilità con l'Accordo sugli Aspetti dei Diritti di Proprietà Intellettuale relativi al Commercio e con l'Accordo di Parigi. La Madrigale ha denunciato che la Sezione 211 attenta ai diritti dei proprietari di marchi cubani e uno dei suoi propositi è quello di rendere più facile all’azienda Bacardí la vendita fraudolenta e illegale di un rum non prodotto a Cuba, sotto la denominazione di Havana Club.

Stimato che i lavoratori in proprio supereranno a Cuba il mezzo milione
23.2 - I cubani incorporati al lavoro in proprio in circa 180 attività potrebbero superare quest’anno il mezzo milione, ha stimato oggi Joaquín Infante, vincitore del Premio Nazionale di Economia 2000. Secondo il vicepresidente dell'Associazione Nazionale degli Economisti e dei Contabili di Cuba (ANEC), attualmente oltre 370.000 persone lavorano a Cuba nel settore privato, soprattutto in settori come la vendita di alimenti, il trasporto di passeggeri e l'affitto di abitazioni. Negli ultimi mesi sono state messe in pratica dal Governo agevolazioni che stimolano le forme non statali di lavoro, che sono chiamate a dare un importante apporto all'aggiornamento economico promosso dai lineamenti del VI Congresso del Partito Comunista, ha precisato in un'intervista con Prensa Latina.

Il Presidente cubano colloquia con senatori statunitensi
24.2 - Il Presidente cubano, Raúl Castro, ha ricevuto a La Habana due senatori statunitensi in visita a Cuba, con i quali ha colloquiato su temi di interesse per i due paesi. Patrick Leahy, democratico dello stato del Vermont e presidente del Comitato Giudiziale del Senato, e Richard Shelby, repubblicano dello stato dell'Alabama e leader della minoranza del Comitato di Banca, Abitazione e Affari Urbani, si trovano a Cuba come parte di una delegazione di Senatori e Rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti. Secondo una nota ufficiale diffusa a La Habana, all'incontro avvenuto ieri era presente anche il Ministro degli Esteri cubano, Bruno Rodríguez.

Barack Obama insiste nella politica di ostilità verso Cuba
24.2 - Il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha insistito oggi con la politica di ostilità verso Cuba, estendendo per la sedicesima volta la dichiarazione di emergenza contro l'Isola. In una lettera inviata ai presidenti della Camera dei Rappresentanti e del Senato, Obama ha rinnovato la misura "affinché continui in vigore oltre il 1° marzo 2012", benché si sia astenuto dal precisare fino a quando. L'entrata non autorizzata in acque territoriali cubane di qualunque nave registrata negli Stati Uniti continua a essere dannosa per la nostra politica estera, ha aggiunto il comunicato della Casa Bianca. Basata sulla Legge di Emergenza Nazionale, la misura presuppone che Washington si riservi il diritto di applicare una risposta militare contro Cuba, motivata dagli eventi del 24 febbraio 1996, avvisano gli analisti.

A Ginevra Cuba difende il diritto alla pace
27.2 - La pace è una condizione fondamentale per il godimento di tutti i diritti umani, in particolare quello della vita, ha affermato a Ginevra il diplomatico cubano Juan Antonio Quintanilla. Intervenendo all'ottava sessione del Comitato Consulente del Consiglio dei Diritti Umani dell'ONU, il rappresentante cubano ha dichiarato che per preservare e per promuovere la pace è necessario eliminare tutto quello che la minaccia, come la guerra e, in particolare, la possibilità dell'utilizzo delle armi nucleari. Quintanilla ha ricordato le recenti riflessioni del leader della Rivoluzione cubana, Fidel Castro, dal titolo "La pace mondiale pende da un filo", nelle quali affronta "la situazione politica creata attorno all’Iran e i rischi di una guerra nucleare che coinvolgerebbe tutti, sia che possiedano o meno tali armi". Il delegato cubano ha dichiarato che di fronte a questa situazione, in cui l'impiego di solo 100 ogive determinerebbe l'inverno nucleare, risulta sempre più imperativo procedere verso l'obiettivo di un disarmo generale e completo.

Cuba celebra la proclamazione della Repubblica Saharaui
28.2 - Il Presidente cubano, Raúl Castro, ha inviato un messaggio di augurio al suo omologo Mohamed Abdelaziz poiché questo lunedì si commemora il 36° anniversario della proclamazione della Repubblica Democratica Araba-Saharaui (RASD). Nel testo, Raúl Castro riafferma "la nostra volontà di continuare ad appoggiare la giusta aspirazione del fratello popolo saharaui all'indipendenza e alla sovranità", secondo una notizia del Ministero degli Esteri cubano. Secondo la fonte, il Ministro cubano delle Relazioni Estere, Bruno Rodríguez, si è congratulato a sua volta con il suo omologo saharaui, Mohamed Salem Ould Salek. Rodríguez ha espresso la volontà di La Habana di continuare a stringere i legami bilaterali. Il 27 febbraio 1976 è stata proclamata la RASD, nazione che da allora affronta l'occupazione del Marocco.

Cuba indica le sfide per trasformare Internet in un canale genuino
29.2 - Le sfide affinché Internet diventi un canale genuino e libero di espressione e di promozione dei diritti umani sono enormi, ha dichiarato oggi a Ginevra il delegato cubano Juan Antonio Quintanilla. Il diplomatico è intervenuto nel dibattito su Libertà di Espressione in Internet, durante la 19° sessione del Consiglio dei Diritti Umani dell'ONU. "La governabilità di Internet non è democratica. Gli Stati Uniti la impediscono. Ancora di più, si arrogano il diritto di applicare al suo funzionamento le loro illegali misure coercitive unilaterali, compreso il genocida blocco imposto al popolo cubano", ha denunciato.

Giovani paraguayani si recheranno a Cuba per studiare medicina
29.2 - Un totale di 15 giovani paraguayani di basse risorse economiche partiranno prossimamente per Cuba per studiare nella Scuola Latinoamericana di Medicina, come parte dell'accordo di collaborazione tra i due paesi in questa materia. L'Ambasciatore cubano Bernardo Guanche ha espresso il desiderio condiviso dalle autorità paraguayane di aumentare nei prossimi anni la quota di studenti che possano andare a studiare a Cuba. Sono 499 i giovani paraguayani che studiano a Cuba nelle diverse specialità e 908 si sono laureati negli ultimi anni, come parte della cooperazione bilaterale.