Dicembre 2004

Provincia cubana ottiene un basso indice in mortalità infantile
1.12 - Per la prima volta la provincia cubana di Pinar del Río, ha ottenuto il più basso indice di mortalità infantile della sua storia con 4.5 per mille nati vivi, alla fine di novembre. La dottoressa Bárbara Rosario Hernández Bravo, direttrice del Programma Materno Infantile, ha comunicato che la cifra costituisce un record storico e il dato è diminuito del 1.3 per mille rispetto al tasso precedentemente raggiunto nel 2003, valore che pone il territorio tra i più distinti a Cuba relativamente a questo importante indice. Ha spiegato che il risultato è stato possibile grazie al lavoro sostenuto in questo programma di salute negli ultimi quattro anni, nel quale si evidenzia l'attenzione e l’assistenza alle donne incinta attraverso gli ambulatori del medico di famiglia.

Oltre settemila pazienti venezuelani assistiti a Cuba
1.12 - A 7.623 ammonta oggi il numero di pazienti venezuelani assistiti gratuitamente in 45 istituzioni di salute cubane, come parte degli accordi firmati tra le due nazioni in questo settore. Il programma, che questo martedì compie il quarto anniversario dall’istituzione, è a beneficio di malati con scarse risorse e ha beneficiato fino a oggi una quantità simile di loro familiari in qualità di accompagnatori. Gli oltre 14.000 venezuelani provengono dai 23 stati della nazione sud-americana, e si sono recati all'isola per ricevere il trattamento corrispondente con 114 voli. Pedro Llerena, coordinatore a Cuba del programma, ha indicato che per il prossimo anno il programma, definito dall'esperto cubano solidale e umano, intende incrementare il numero di pazienti da assistere, diminuire la permanenza in ospedale e collaborare con vari stati venezuelani nella creazione di centri di riabilitazione.

Cabrisas presiede la delegazione cubana alla riunione del Gruppo ACP
2.12 - Una delegazione cubana presieduta dal Ministro di Governo Ricardo Cabrisas, partecipa alla 80° sessione del Consiglio dei Ministri del Gruppo Africa-Caraibi-Pacifico che viene effettuata a Bruxelles. Durante la sessione il Gruppo ACP deve approvare la designazione del Segretario Generale per il periodo 2005-2009, e il bilancio della Segreteria per il prossimo anno. I ministri prenderanno in considerazione, tra gli altri temi, la revisione dell'Accordo di Cotonou, i progressi dei negoziati di accordi regionali di associazione economica con l'Unione Europea e il coordinamento di posizioni rispetto al mercato di prodotti di base come lo zucchero e le banane. Il Ministro Cabrisas, nel suo primo giorno di lavoro, ha avuto vari incontri bilaterali. In un incontro con l'attuale Segretario Generale del Gruppo, Jean-Robert Goulongana, ha esaminato la possibilità di sviluppare con maggiore profondità la cooperazione all’interno dell’ACP.

Resa nota la lettera di Oliver Stone indirizzata a Fidel
2.12 - Una lettera indirizzata al Presidente cubano, Fidel Castro, dal regista statunitense Oliver Stone, datata a Londra 26 ottobre, è stata resa nota attraverso mezzi locali. La missiva è stata fatta conoscere lo scorso 24 novembre attraverso l'Ambasciata cubana in Spagna. Prensa Latina ha trasmesso integralmente la lettera il cui testo dice: "Caro Fidel, sei incredibile. In primo luogo, cadi e ti fratturi il ginocchio e, invece di rilassarti un momento e lasciare che i medici ti anestetizzino, che è quello che la maggior parte degli uomini normali farebbe, decidi di continuare a lavorare durante l'operazione, perfino mentre ti anestetizzano. Se stessi cercando il nonno di Superman per fare un film, sceglierei te. Ti auguro un pronto recupero. Sento la tua mancanza e spero di vederti presto quando ritornerò a Cuba. Sempre con affetto, Oliver Stone".

Regista cubano conquista quasi un milione di spettatori con un nuovo film
2.12 - Il regista cubano Gerardo Chijona ha fatto centro nel pubblico con il suo film più recente "Perfetto amore sbagliato", commedia di intrecci già vista finora a Cuba da oltre 900.000 spettatori Secondo notizie ufficiali dell'Istituto del Cinema di Cuba, il numero di spettatori nella capitale è di poco differente da quello registrato nel resto delle province: 459.081 a La Habana e 454.796 nel resto del territorio nazionale.

Un veicolo cubano che produce schiuma per proteggere gli aeroporti
2.12 - Un veicolo che produce schiuma per coprire le piste di atterraggio, progettato e prodotto a Cuba, è già utilizzato all'aeroporto internazionale José Martí di La Habana. Il veicolo, impiegato nel recupero e nel salvataggio degli aerei con emergenza al carrello di atterraggio, renderà più facile l’intervento non solo in questi ma anche nei sinistri che possono accadere in una raffineria, in un impianto di distillazione o in un pozzo petrolifero. In esclusiva a Prensa Latina, Rolando Nogueiras, del Corpo dei Pompieri di Cuba, ha spiegato che le norme dell'Organizzazione Internazionale di Aeronautica Civile (OACI) stabiliscono la necessità di disporre di queste apparecchiature negli aeroporti.

Il Medico di Famiglia ha rivoluzionato la salute a Cuba
2.12 – La messa in funzione 20 anni fa del progetto del Medico di Famiglia ha rivoluzionato il sistema di attenzione primaria della salute a Cuba e ha instaurato un modello unico, hanno coinciso gli specialisti di questa attività. Con tale progetto sono state introdotte nuove forme di attenzione al malato, come le visite del medico alla casa senza costo alcuno per il paziente, hanno rilevato i partecipanti allo spazio radioteletrasmesso Tavola Rotonda Informativa dedicato a questo tema. Attualmente, Cuba si trova in una nuova fase di sviluppo della medicina familiare per l'aspirazione del Governo di continuare a migliorare la qualità di vita della popolazione.

Notevole rialzo della sopravvivenza del neonato in una regione cubana
3.12 – L’Isola della Gioventù, la seconda dell'arcipelago cubano, in altri tempi posto di miseria e di crimini, ha annunciato ieri uno dei più bassi tassi di mortalità infantile del paese, 2 per mille nati vivi negli ultimi 11 mesi. Quasi strappata dal paese agli inizi del secolo XX, l'ex Isola dei Pini aveva raggiunto la notorietà per la campagna di forze nazionalisti per evitare la sua annessione agli Stati Uniti e per la costruzione, nel decennio degli anni ‘20, di un carcere ad alta sicurezza per gli oppositori. Negli ultimi 11 mesi di quest’anno nell'Isola della Gioventù sono morti due neonati nati sotto peso, mentre la mortalità materna è a zero, uno dei migliori risultati del paese, dove l'indice generale è di 6 morti per ogni mille nati vivi.

Esercitazione Strategica Bastione 2004 a Cuba dal 13 al 19 dicembre
3.12 - Dal 13 al 19 di questo mese verrà realizzata in tutta la Cuba l'Esercitazione Strategica Bastione 2004, che comprende due Giornate Nazionali della Difesa, afferma una nota informativa del Ministero delle Forze Armate Rivoluzionarie. Lo scorso 4 novembre il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, solo due giorni dopo le elezioni presidenziali in quel paese, ha emesso una nota di stampa con il titolo "Cuba: Situazione dei Diritti Umani", ricorda il documento. In quella come in altre occasioni, aggiunge, gli Stati Uniti "mentono, calunniano e accusano Cuba di presunte violazioni dei diritti umani". Questa politica ostile contro il nostro paese ha caratterizzato, durante il suo primo periodo presidenziale, il Governo del rieletto presidente George W. Bush, alla testa dell'amministrazione più reazionaria e aggressiva con cui ha dovuto combattere la Rivoluzione cubana per oltre nove lustri, afferma il MINFAR.

Riconosciuto il ruolo di liberazione dell’internazionalismo cubano in Africa
3.12 - L'internazionalismo praticato da Cuba ha avuto un ruolo liberatore per molti paesi africani, in particolare per porre fine all'apartheid, ha affermato l'Ambasciatrice del Sudafrica a Cuba, Tjenjiwe Mtinjtso. La diplomatica ha detto che l’apporto del popolo cubano nella formazione di risorse umane, nel sostegno alla salute e perfino con le armi in mano, è risultato fondamentale nella lotta contro il colonialismo e l'apartheid in Africa. La Mtinjtso ha reso omaggio alle Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba che ieri hanno celebrato il 48° anniversario della loro fondazione. Ha sottolineato il fatto che in Africa gli internazionalisti cubani si sono disimpegnati come liberatori insieme a vari popoli di quel continente.

Raúl Castro assiste al dibattito sulla difesa al Congresso della UJC
4.12 - Il Ministro cubano delle Forze Armate Rivoluzionarie, generale di esercito Raúl Castro, ha assistito al dibattito sulla difesa nazionale all’VIII Congresso dell'Unione dei Giovani Comunisti. Gli oltre 300 delegati che hanno partecipato alla commissione sulla difesa, una delle sei dell'appuntamento giovanile, si sono trovati d’accordo sull'importanza della protezione del progetto sociale che viene portato avanti a Cuba da oltre quattro decenni. Alla presenza di Raúl Castro, che è anche Primo Vicepresidente cubano, i partecipanti analizzeranno fino a domani la responsabilità della società nell'inserimento dei giovani al servizio militare attivo per due anni. Alla riunione, che sessionerà a La Habana fino a domenica, partecipano oltre 1.200 delegati di tutto il paese e in rappresentanza di tutti i settori sociali.

Eccellente funzionamento del Laboratorio Antidoping di Cuba
4.12 - Il Laboratorio Antidoping di Cuba ha realizzato oltre cinquemila controlli sugli atleti cubani e un'altra notevole quantità su sportivi stranieri, ha affermato a Santiago de Cuba a Prensa Latina Mario Granda, direttore di questa istituzione inaugurata il 13 febbraio 2001 con un costo di circa 2.700.000 dollari. I riconoscimenti ricevuti da questa istituzione l'accreditano tra i migliori centri del suo tipo nel mondo. Come testimonia Mario Granda, che è anche il direttore dell'Istituto Nazionale di Medicina Sportiva, il laboratorio cubano ha realizzato controlli a numerosi atleti stranieri in competizioni come il Campionato Mondiale di Scherma o la Coppa Intercontinentale di Baseball, tra gli altri.

Fidel Castro afferma che le idee, non la guerra, salveranno il mondo
6.12 - I problemi del mondo non verranno risolti mediante guerre né bombe nucleari, e neanche mediante rivoluzioni isolate, bensì con idee, ha affermato ieri il Presidente cubano, Fidel Castro. Il Presidente ha pronunciato le parole di chiusura all’VIII Congresso dell'Unione dei Giovani Comunisti che da giovedì scorso con la partecipazione di 1.200 delegati e invitati si è svolto a La Habana. La sessione è iniziata con la presentazione del Comitato Nazionale dell'organizzazione, a capo della quale sono stati eletti rispettivamente Julio Martínez e Hassan Pérez come primo e secondo segretario. Sono le idee quelle che decideranno questa lotta universale, ha sottolineato Fidel Castro abbordando il ruolo vitale che tocca alla gioventù cubana di fronte alle pretese del Governo nordamericano di eliminare il progetto economico e sociale di Cuba. Ha precisato, tuttavia, che questo non può condurre Cuba a trascurare la difesa perché con le loro crisi inevitabili, negli Stati Uniti è sufficiente che un gruppo fascistoide acceda al potere perché l'impero torni alle sue antiche avventure. Il confronto militare non può essere escluso, ma la battaglia di oggi è fondamentalmente di idee e lo sarà sempre, ha puntualizzato. Le riflessioni del Presidente Fidel Castro sono state fatte nella sua analisi sulla cosiddetta ‘Battaglia di Idee’, iniziata cinque anni fa durante una manifestazione per la liberazione del bambino Elián González, rapito a Miami dopo una fallita operazione di uscita illegale dal paese. Nei cinque anni trascorsi da allora, la ‘Battaglia di Idee’ si è ampliata e approfondita e oggi comprende circa 150 progetti sociali.

La gioventù cubana conferma l’impegno con la Rivoluzione e con Fidel Castro
6.12 - La gioventù cubana ha confermato ieri il suo impegno con la Rivoluzione e con il Presidente Fidel Castro, in una cerimonia nella Tribuna Antimperialista José Martí, come parte dell’VIII Congresso dell'Unione dei Giovani Comunisti. La nostra gioventù, allegra e profonda come diceva il Che, proseguirà la marcia insieme a Fidel, al Partito (Comunista) e a tutti quelli che sono al fianco di Cuba in qualsiasi parte dal mondo, ha affermato Hassan Pérez, membro del Burò Nazionale dell'UJC. Ha indicato che Cuba e i suoi giovani, "con la nobiltà di quelli che sanno resistere e ispirati dalle idee e dall'opera del nostro Comandante in Capo", continueranno in piedi di fronte ai tentativi nordamericani di eliminare il progetto rivoluzionario dell'isola. La cerimonia è stata effettuata nella Tribuna Antimperialista José Martí, un'ampia piazza di fronte all'Ufficio di Interessi degli Stati Uniti a La Habana che da cinque anni è uno dei principali scenari delle proteste cubane contro la politica di Washington.

Il Governo degli Stati Uniti è terrorista, ha detto Alarcón
7.12 - Il Presidente dell'Assemblea Nazionale del Potere Popolare (Parlamento) di Cuba, Ricardo Alarcón, ha detto a Caracas che l'attuale Governo statunitense è terrorista perché protegge gruppi con questa caratteristica che operano dal suo territorio. Alarcón si trova in Venezuela per partecipare al Congresso Bolivariano dei Popoli iniziato oggi a Caracas. Il Presidente del Parlamento cubano ha fatto una conferenza stampa accompagnato da un gruppo di familiari dei cinque cubani detenuti negli Stati Uniti per avere agito contro elementi terroristi che preparavano aggressioni contro Cuba. Riferendosi al processo seguito contro di loro, ha ricordato che non solo sono stati condannati a lunghe pene di carcere, ma che vengono violati tutti i loro diritti impedendo la visita dei loro parenti e collocandoli per mesi in celle di punizione. Invece di agire per impedire le attività e l'impunità dei terroristi, vengono condannati quelli che li combattono, proprio nel momento in cui l'amministrazione nordamericana minaccia di incendiare il pianeta nel nome di una presunta guerra contro il terrorismo, ha rimarcato.

Raúl Castro: l’esercitazione militare a Cuba è per evitare la guerra
8.12 - Faremo ‘Bastione’ affinché gli Stati Uniti la osservino bene, affinché non sottovalutino il nostro paese, ha detto ieri il Generale dell’Esercito Raúl Castro riferendosi a un’esercitazione militare che comincerà la settimana prossima a Cuba. In dichiarazioni alla stampa nazionale, il Ministro delle Forze Armate Rivoluzionarie (FAR) ha segnalato che a suo tempo i nordamericani non hanno imparato la lezione del Vietnam, come adesso non stanno imparando quella dell'Iraq. ‘Bastione’ si farà affinché (gli Stati Uniti) la osservino bene, affinché non commettano gli errori che hanno commesso in Vietnam e che ora stanno commettendo in Iraq. Raúl Castro, che è anche Primo Vicepresidente cubano, ha ricordato l’escalation militare portata avanti da Washington nella nazione sud-asiatica senza altro risultato che la sconfitta. Ha detto che la resistenza irachena, nonostante si tratti di un paese diviso da ragioni etniche, religiose e di altro tipo, ha costretto l'attuale amministrazione nordamericana ad aumentare i suoi effettivi fino a 150.000 uomini, con un’escalation molto simile a quella del Vietnam. "La storia si sta ripetendo passo a passo", ha detto. E poiché non hanno imparato quelle lezioni, ha affermato, è per questa ragione che facciamo ‘Bastione’, affinché non sottovalutino il nostro paese che ha molta più unità e pertanto più forza dell’Iraq.

Gli Stati Uniti sostengono un terrorismo selettivo, afferma un dirigente cubano
8.12 - Il Presidente del Parlamento cubano Ricardo Alarcón ha denunciato a Caracas il fatto che gli Stati Uniti promuovono e sostengono un terrorismo selettivo e orchestrano azioni illegittime contro Cuba e Venezuela. Ha segnalato che televisioni della città statunitense di Miami presentano immagini di individui armati che si preparano in campi di addestramento per realizzare azioni contro Cuba e Venezuela. Alarcón ha formulato queste dichiarazioni questo martedì durante un incontro nella sede dell'Assemblea Nazionale venezuelana con deputati del gruppo parlamentare appartenenti al ‘Blocco del Cambiamento’, formato da forze favorevoli al Governo. Erano presenti al dibattito familiari dei cinque giovani cubani detenuti ingiustamente nelle carceri nordamericane per avere lottato contro il terrorismo dei gruppi controrivoluzionari di Miami. Alarcón ha spiegato che nonostante le molteplici pressioni, i Cinque, come sono noti a Cuba e internazionalmente, mantengono in condizioni ferme ed eroiche i loro principi e le loro convinzioni.

Medici cubani promuovono la formazione di professionisti in Guatemala
8.12 - Cuba organizzerà, per mezzo della brigata di 531 medici che lavorano in Guatemala, la formazione di medici e l'abilitazione di tecnici nelle diverse specialità della salute, ha reso noto ieri Prensa Latina. Senza rinunciare alla preparazione di oltre 600 giovani che attualmente frequentano gli studi nella Scuola Latinoamericana di Medicina (ELAM) a La Habana, i membri della Brigata Medica Cubana (BMC) contemplano un ambizioso programma di abilitazione. Yoandra Muro, coordinatrice della BMC in Guatemala, ha spiegato che uno dei progetti che già inizia a prendere corpo è quello dell'apertura di una Facoltà di Medicina in Guatemala, probabilmente nel 2006, che all’inizio conterà su circa 30 alunni.

La Namibia ringrazia per l'aiuto medico cubano
8.12 – La Namibia ha ringraziato per l'aiuto offerto dal personale medico cubano nel suo paese contro la malaria, la tubercolosi e la Sindrome dell'Immunodeficienza Umana (AIDS), malattia dichiarata un’emergenza in questa nazione dell'Africa australe. Il nuovo Presidente della Repubblica, Hifikepunke Pohamba, eletto recentemente con il 76.04 % dei voti, ha detto ieri in esclusiva a Prensa Latina che il lavoro sviluppato dagli specialisti cubani è molto bene accolto dal popolo namibio. Ha sottolineato il fatto che i dottori, le infermiere e i tecnici cubani lavorano in ospedali di riferimento, nelle province, nei distretti e a livello di policlinici, come in centri dedicati ai trattamenti antiretrovirali.

Giornalisti denunciano la guerra mediatica degli Stati Uniti contro Cuba
9.12 - Gli Stati Uniti destinano fondi milionari per finanziare la guerra mediatica contro Cuba, come componente essenziale del blocco applicato all'isola, è stato denunciato ieri a La Habana da giornalisti cubani che celebrano il loro VI Festival della Stampa Scritta. All’incontro è stato ricordato che la Casa Bianca quest’anno ha approvato l'impiego di 58 milioni di dollari per sovvertire il processo politico e sociale di Cuba, dei quali 26 milioni sono destinati alla cosiddetta diplomazia pubblica anticubana, eufemismo che nasconde l’escalation disinformativa contro La Habana. "La vera guerra fredda non si gioca negli aspetti militari, bensì nella guerra mediatica che è una componente essenziale della guerra maggiore contro Cuba: il blocco economico, finanziario e commerciale", ha detto Rogelio Polanco, direttore del quotidiano Juventud Rebelde. Il silenzio, la disinformazione, l’ingrandimento di errori e problemi e perfino la menzogna persistono come forme ripetute nell’abbordare la realtà cubana, come hanno espresso i professionisti che rappresentano 45 mezzi nazionali e provinciali.

Oltre 2.500 centenari vivono a Cuba
9.12 - A Cuba vivono circa 2.500 centenari, ha reso noto il dottor Enrique Vega, direttore nazionale di Attenzione all'Anziano, in una conferenza stampa a La Habana. Lo scienziato ha indicato che a Cuba è stato realizzato uno studio nazionale i cui risultati preliminari mostrano che a Ciudad de La Habana risiedono 289 centenari e 96 in provincia Habana. Alcune delle questioni che più hanno richiamato l'attenzione nell'area studiata è il fatto che oltre il 50 % degli anziani di 100 anni o più sono donne, ha dichiarato Vega, che è anche il vice-coordinatore della ricerca ‘Centenari a Cuba’. Vega ha indicato che la maggior parte di questi individui hanno abitudini salutari di vita, il 70 % non ha mai fumato e un 10 % ha smesso di fumare. Molti non hanno mai bevuto.

I risultati nell’educazione avallano il successo del sistema cubano di insegnamento
10.12 - La presenza di Cuba tra i quattro paesi a più alto rendimento nell’educazione a livello mondiale, riconosciuta dall'UNESCO, costituisce oggi un avallo che conferma il successo del sistema educativo nell'isola. Secondo le cifre ufficiali, uno ogni 17 abitanti e uno ogni 7 lavoratori hanno terminato studi universitari, aspetto che contribuisce a sostenere la definizione dell'Organizzazione dell'ONU per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO). Il Ministero dell’Educazione Superiore ha rilevato inoltre che durante l'anno in corso, l'indice del bilancio per i servizi educativi è stato moltiplicato per 29.2 volte rispetto al periodo 1957-1958. Da 1959 a oggi le istituzioni universitarie hanno abilitato circa 800.000 persone, oltre a offrire agevolazioni di preparazione a oltre 18.000 alunni provenienti da 120 paesi.

Cuba ricorda milioni di bambini senza scuola
11.12 - Cuba ha questionato ieri il problema sul fatto che le nuove generazioni possano conoscere i loro diritti umani secondo un programma speciale di educazione che viene analizzato nell'ONU, quando oltre 140 milioni di bambini non sono mai andati a scuola. Lo spaventoso numero è stato citato alle Nazioni Unite dal rappresentante permanente alterno cubano, Rodney López, in una plenaria speciale dell'Assemblea Generale dedicata alla giornata internazionale dei diritti umani. Il Fondo per l'Infanzia (UNICEF) che ha fornito il dato ha segnalato nella sua relazione annuale diffusa ieri che oltre 140 milioni di bambini e bambine in tutto il mondo vivono nella povertà. A causa di tale condizione economica oltre il 16 % dei minori di cinque anni nei paesi in via di sviluppo patiscono di grave denutrizione e 140 milioni non hanno accesso all'acqua potabile. López si è basato su queste constatazioni per affermare che il piano di azione presentato dalla commissione dei diritti umani avrà limitata portata nei suoi risultati se alla fine non cambia l'ingiusto ordine internazionale.

Il MINSA nicaraguense evidenzia l’apporto degli specialisti cubani
13.12 - Il Ministero della Salute Pubblica (MINSA) nicaraguense ha riconosciuto l’apporto di una brigata di specialisti cubani che per tre mesi ha lavorato nel controllo del dengue e della malaria in Nicaragua. Il direttore di Epidemiologia di questo organismo, Juan Amador, ha detto che il lavoro degli esperti ha permesso che nel 2004 l'incidenza delle due malattie fosse la più bassa degli ultimi cinque anni. Ha commentato che secondo i dati storici, nel 2004 avrebbe dovuto verificarsi una crescita del dengue, ma con l'azione per tempo dei cubani e dei nicaraguensi è stata evitata. Gli 11 specialisti in epidemiologia ed entomologia medica sono ritornati questa domenica a Cuba, dopo avere realizzato lavori sul terreno e addestrato personale nicaraguense nel controllo e nel trattamento di entrambe le malattie.

Il Guatemala ringrazia per l’apporto medico ed economico di Cuba
13.12 - Il Ministero della Salute Pubblica del Guatemala ha ringraziato per la Brigata Medica di Cuba (BMC) e per il risparmio di oltre 64.000 dollari in riparazioni e manutenzione delle apparecchiature negli ospedali e nelle aree di salute durante il 2004. Il riconoscimento è stato espresso da un funzionario di questo Ministero al gruppo di ingegneri elettromedici della BMC che ha partecipato alla VI giornata scientifica organizzata dai 531 medici cubani che prestano i loro servizi in diverse zone di questo paese. Secondo i dati riconosciuti dalle stesse autorità guatemalteche, quest’anno gli elettromedici hanno effettuato 488 riparazioni e 472 manutenzioni di apparecchiature mediche. Recentemente, anche il Presidente guatemalteco, Oscar Berger, si è congratulato con i professionisti cubani per "l'incalcolabile" contributo nel salvare vite e nel migliorare in questo modo i precari indici della salute della popolazione.

Se verrà aggredita Cuba si trasformerà in un enorme vespaio
14.12 - Il Primo Vicepresidente cubano, Raúl Castro, Ministro delle Forze Armate Rivoluzionarie, ha detto che Cuba si trasformerà in un enorme vespaio se verrà attaccata da qualsiasi nemico. In un discorso trasmesso dalla televisione cubana, Raúl Castro ha segnalato che finché esisterà l'imperialismo le autorità del paese e il popolo nel suo insieme avranno la massima cura della difesa. Al riguardo, ha indicato che vi sono già le condizioni per cominciare questo importante addestramento. Da anni, ha sottolineato, il proposito di Cuba è stato quello di evitare la guerra e ha affermato che di fronte alle continue minacce dell'attuale amministrazione statunitense, l'isola si prepara per la difesa della sua sovranità. L'esercitazione ‘Bastione 2004’ metterà in risalto a partire da questo lunedì la concezione difensiva cubana della Guerra di Tutto il Popolo, considerata come unica alternativa vitale di fronte a un'aggressione militare degli Stati Uniti.

Otto Rivero designato Vicepresidente del Consiglio dei Ministri di Cuba
14.12 - Il Consiglio di Stato della Repubblica di Cuba ha designato Otto Rivero Torres Vicepresidente del Consiglio dei Ministri con l’incarico per gli investimenti nella Battaglia di Idee e per altri compiti della Rivoluzione. Secondo una nota diffusa ieri, Rivero Torres ha appena concluso con successo il suo incarico durato oltre sette anni a capo dell'Unione dei Giovani Comunisti. La cosiddetta ‘Battaglia di Idee’ riunisce 170 programmi promossi dal Governo di Cuba destinati ad aree sociali, economiche e politiche. Come riporta la breve nota, Rivero Torres è laureato in Economia ed è membro del Comitato Centrale del Partito e del Consiglio di Stato.

Il sistema cubano di vaccinazione definito un esempio mondiale
14.12 - Il sistema cubano di vaccinazione, con uno straordinario impatto nella salute pubblica, costituisce un esempio per tutto il mondo, ha affermato Lea Guido, rappresentante a La Habana dell'Organizzazione Panamericana della Salute (OPS). In dichiarazioni dopo il termine di una visita a Cuba di specialisti internazionali, organizzata per analizzare la realtà del sistema nazionale di immunizzazione, Guido ha definito molto soddisfacente il livello di copertura nell’isola contro le malattie infettive. In tal senso la dottoressa Ida Berenice Molina, dell’Honduras, che ha partecipato come esperta all'ispezione realizzata tra il 29 novembre e l’11 dicembre di quest’anno, si è detta d'accordo nel definire il programma cubano di vaccinazione un esempio per l'America Latina. Attualmente Cuba applica alla sua popolazione, principalmente l'infantile, 10 diversi vaccini, sette di questi prodotti interamente nel paese.

Il Consiglio di Stato di Cuba decora il Presidente Hugo Chávez
15.12 - Il Presidente venezuelano, Hugo Chávez, è stato insignito ieri con l'Ordine Carlos Manuel de Céspedes, assegnato dal Consiglio di Stato di Cuba e imposto dal suo Presidente, Fidel Castro. In una cerimonia per il decimo anniversario della prima visita di Chávez a Cuba, il Presidente cubano ha evidenziato la dimensione politica del leader venezuelano che l'ha trasformato in una personalità ammirata da milioni di persone nel mondo. Fidel Castro, che ha rivolto il suo discorso al "caro fratello Hugo Chávez" ha indicato che la leadership del Presidente venezuelano è sorta quando la situazione di quel paese ha stabilito che era arrivato il momento di lottare per la seconda indipendenza. Il dirigente cubano ha spiegato che attualmente il momento è più complicato con una potenza egemonica e una crisi che non è di un solo paese, bensì globale. Ha avvisato sul fatto che il sistema imperiale e l'ordine economico imposto dagli Stati Uniti al mondo sono insostenibili. I popoli non possono mai essere vinti, perfino se si tratta di un solo popolo, ha affermato.

Il Presidente del Venezuela arriva a Cuba in visita ufficiale
15.12 - Il Presidente cubano, Fidel Castro, ha ricevuto il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Hugo Chávez Frías, che è arrivato a Cuba la sera dello scorso lunedì in visita ufficiale e amichevole. Chávez è giunto accompagnato da un'ampia delegazione di ministri del suo Governo e ed era atteso al piede della scaletta dell'aero dal Presidente del Consiglio di Stato e dei Ministri di Cuba. La visita costituisce una conferma degli stretti legami di fratellanza e di solidarietà tra i popoli di Cuba e del Venezuela, e avviene esattamente dieci anni dopo il suo primo viaggio all’isola, il 13 e 14 dicembre 1994.

L’esercitazione militare a Cuba, terza lettera per Bush
15.12 - L'esercitazione militare che sta avvenendo a Cuba, ‘Bastione 2004’, si integra in un concetto difensivo basato sulla determinazione di rendere impossibile qualsiasi aggressione bellica contro l'isola per il suo alto costo. Le manovre, alle quali partecipano milioni di cubani dal 13 al 19 dicembre, costituiscono più che un’espressione di forza, una dimostrazione del sostegno fisico ai ripetuti avvertimenti fatti dai più alti dirigenti del paese. "Questo popolo può essere sterminato - vale bene la pena che lo sappia - spazzato della faccia della Terra, ma non soggiogato né sottoposto di nuovo alla condizione umiliante di neocolonia degli Stati Uniti", ha affermato il Presidente Fidel Castro lo scorso 14 maggio. La determinazione di combattere fino all'ultimo uomo e all'ultima donna è la base della dottrina militare cubana nota come ‘Guerra di Tutto il Popolo’, in cui le truppe regolari e le loro riserve si fondono metro dopo metro e casa per casa con la popolazione. In questo obiettivo è prevista nello scenario di guerra la partecipazione dal più umile dei cubani fino alle più alte personalità in caso di un'aggressione militare.

Cuba acquisterà alimenti dagli Stati Uniti per circa 100 milioni di dollari
15.12 - Cuba spera di firmare contratti per l'acquisto di alimenti dagli Stati Uniti per circa 100 milioni di dollari da eseguirsi nei primi mesi del 2005, ha reso noto ieri l'azienda cubana importatrice Alimport. Secondo una nota stampa diffusa da questa azienda di commercializzazione di alimenti, a partire da domani mercoledì e fino al prossimo venerdì verrà effettuato a La Habana un Incontro di Commercio tra le autorità cubane e imprenditori nordamericani. Alla riunione parteciperanno, inoltre, parlamentari, presidenti di associazioni, segretari dell’agricoltura, autorità portuali e presidenti di aziende statunitensi.

Spero di meritare per sempre per questi onori, ha detto Chávez a Cuba
16.12 - Il Presidente venezuelano, Hugo Chávez, ha detto a La Habana che spera di meritare per sempre gli onori ricevuti, dopo avere ringraziato per l'assegnazione da parte del Consiglio di Stato di Cuba dell'ordine del patriota dell’indipendenza Carlos Manuel de Céspedes. Parlando a una cerimonia di commemorazione per il decimo anniversario della sua prima visita a Cuba in cui venne decorato dal leader cubano, Fidel Castro, Chávez ha sottolineato l'amicizia esistente tra i popoli di Cuba e del Venezuela. "Permettimi di parafrasarti Fidel. Se qualcuno vuole sapere chi sia Fidel, riveda gli ultimi 50 anni di storia latinoamericana e troverà sempre l'impronta dignitosa e latente di Fidel Castro", ha detto lo statista rivolgendo le sue parole al leader cubano. Magari tutti noi, soprattutto i più giovani, potessimo arrivare a questa gioventù accumulata di Fidel (Castro), ma che vi potessimo arrivare come lui è arrivato: pieno di dignità e in piedi, ha enfatizzato Chávez ribadendo la sua amicizia e la sua stima.

I cubani imprigionati negli Stati Uniti vittime del silenzio
16.12 - Il Presidente del Parlamento cubano, Ricardo Alarcón, ha affermato ieri che cinque dei suoi conterranei detenuti negli Stati Uniti sono vittime del silenzio dei grandi mezzi di comunicazione, oltre a patire una terribile ingiustizia. Presentando il documentario "Missione contro il Terrore" in una sala di un cinema di La Habana, Alarcón ha evidenziato il fatto che questa opera costituisce un atto enorme di solidarietà con Gerardo Hernández, René González, Antonio Guerrero, Ramón Labañino e Fernando González. I Cinque, come sono noti nelle campagne internazionali per la loro scarcerazione in più di 80 paesi, sono stati condannati negli Stati Uniti per avere lottato contro il terrorismo, in un processo definito dalla difesa manipolato e con evidenti fini politici. Alarcón ha detto che si sta soffrendo per la non conoscenza del caso di questi uomini dovuta al silenzio che gli Stati Uniti hanno cercato di mantenere nel mondo su questo caso.

Iniziati i negoziati commerciali tra aziende di Cuba e degli Stati Uniti
16.12 - Una ronda di negoziati commerciali con aziende degli Stati Uniti alla quale partecipano 343 imprenditori, è iniziata ieri presieduta da Pedro Álvarez, direttore di Alimport di Cuba, e dal senatore Max Baucus, democratico per lo stato del Montana. È gratificante, ha detto Álvarez, arrivare al terzo anniversario degli imbarchi dagli Stati Uniti con la partecipazione crescente di aziende, 165 in questa occasione, provenienti da 30 stati, più Washington D.F. e Puerto Rico, a confronto delle 29 aziende nel primo anno di queste operazioni. I contratti firmati da Alimport in questi tre anni per l'acquisto di 4.1 milioni di tonnellate di prodotti agricoli, sono stimati a 1.048 milioni di dollari. Di questo importo sono stati pagati puntualmente un totale di 974.7 milioni di dollari, ha affermato. Álvarez ha ringraziato Baucus per gli sforzi più recenti quando Washington ha bloccato certi pagamenti di Cuba per queste transazioni.

Il Ministro della Salute del Guatemala definisce maghi i medici cubani
16.12 - Il Ministro della Salute Pubblica del Guatemala, Marco Tulio Sosa, si è detto favorevole all’ampliamento della collaborazione prestata dalla Brigata Medica di Cuba (BMC) in questo paese, definendo maghi i suoi componenti per i risultati del loro lavoro. In un’intervista esclusiva con Prensa Latina, il titolare del Ministero della Salute Pubblica e Assistenza Sociale ha valutato molto positivamente l’apporto di medici, infermiere, ingegneri elettromedici e personale di statistica della BMC. Sosa, che ha ricoperto questo stesso incarico nel Governo del Presidente Álvaro Arzú (1996-2000), ha ricordato che la presenza dei medici cubani inizialmente era stata per attenuare gli effetti del passaggio devastante dell'uragano Mitch, nel 1998. Il Ministro ha encomiato l’apporto dei professionisti caraibici nella copertura della salute, per compensare il deficit di personale medico guatemalteco nelle aree intricate del paese.

Secondo la CEPAL, nel 2004 l’economia cubana crescerà di un 3 %
17.12 – Nonostante la recrudescenza del blocco nordamericano, un'intensa siccità e due uragani, nel 2004 l'economia cubana crescerà di un 3.0 %, secondo un bilancio preliminare della CEPAL reso noto a Santiago del Cile. Per il 2005, la Commissione Economica per l’America Latina prevede una crescita del Prodotto Interno Lordo (PIL) di Cuba del 5.0 %, grazie all’impulso dei servizi turistici e di una maggiore produzione di nichel, petrolio e gas. L'informazione relativa a Cuba è contenuta nel Bilancio Preliminare delle Economie dell'America Latina e dei Caraibi (2004), presentato da José Luis Machinea, Segretario Esecutivo della CEPAL, in una conferenza stampa a Santiago del Cile. La relazione spiega che da oltre un decennio l'economia cubana si trova in "un processo di profonde riforme strutturali" iniziato dopo il collasso del sistema socialista in Europa e la disintegrazione del Consiglio di Aiuto Mutuo (CAME).

Siccità, inondazioni e freddo confluiscono in una provincia cubana
17.12 - Un'intensa siccità, un’inondazione e un clima invernale, che mettono allo scoperto i paradossi della natura, sono confluiti nelle ultime ore nella provincia cubana di Holguín. Mentre i pozzi d’acqua sono quasi secchi in vari municipi di questo territorio, colpito da una notevole assenza di piogge negli ultimi due anni, nel municipio di Sagua de Tánamo hanno dovuto essere evacuate circa cinquemila persone dopo lo straripamento del fiume che porta lo stesso nome. L'inondazione, secondo gli esperti, è dovuta alla situazione atmosferica relativa all'entrata del terzo fronte freddo dell'attuale stagione, in cui il paese ha avuto l'influenza di alte pressioni. In un periodo di 48 ore sono caduti nella regione saguera 1.400 millimetri di pioggia che hanno causato lo straripamento dell'affluente che attraversa questa zona, ubicata a circa 180 chilometri dalla città di Holguín.

Cuba denuncia gli Stati Uniti all'OMC
18.12 – A Ginevra, Cuba ha denunciato ieri gli Stati Uniti presso l'Organismo di Soluzione delle Controversie dell'Organizzazione Mondiale di Commercio per non avere rispettato le raccomandazioni di questa istanza in materia di marchi. Il reclamo sulla deroga della Sezione 211 del Legge Omnibus di Assegnazioni del 1998, che contravviene la pratica internazionale in materia di marchi, e sulla stessa legge sui marchi degli Stati Uniti è stato fatto dalla rappresentante di Cuba presso l'Organismo. Mese dopo mese, ha precisato la delegata Olga Fernández, siamo stati testimoni di costanti inadempimenti da parte degli Stati Uniti alle raccomandazioni di questo organismo su varie controversie. Questi inadempimenti, ha precisato, infrangono la credibilità e l’efficacia del Meccanismo di Soluzione delle Controversie e della stessa istituzione.

Il Presidente cubano elogia la volontà degli agricoltori statunitensi
18.12 - Il Presidente cubano, Fidel Castro, ha elogiato la volontà degli agricoltori statunitensi di mantenere le vendite a Cuba nonostante le recenti misure della Casa Bianca per impedirle. Partecipando ieri all'ultima sessione dei colloqui commerciali tra Cuba e gli uomini d'affari di aziende agricole nordamericane, il Capo di Stato ha affermato che "costoro non stanno facendo male a nessuno, non stanno arrecando danno al loro paese". Riuniti nel Palazzo di Convenzioni di La Habana, il Presidente cubano - che ha parlato oltre tre ore – si è congratulato per la fermezza degli agricoltori statunitensi di affrontare gli ostacoli e le restrizioni imposte da Washington alla realizzazione delle vendite a Cuba.

Il commercio con Cuba significa molto per gli agricoltori statunitensi
18.12 – Oltre 340 dirigenti statunitensi per tre giorni hanno risposto all'invito dell'azienda cubana Alimport e hanno firmato nuovi contratti di vendita per circa 100 milioni di dollari. Tra i partecipanti all'incontro, in occasione del terzo anniversario dell'arrivo del primo carico di prodotti agricoli nordamericani a Cuba in 40 anni, vi era Kirby Jones, presidente di Alamar Associates, casa consulente con sede a Washington D.C. Jones è diventato un punto di contatto obbligato per le aziende che cercano di esplorare il mercato cubano o di fare commercio con Cuba. L'esperto consulente su questo peculiare commercio a senso unico, poiché a Cuba non è permesso di esportare nel mercato nordamericano, pieno di restrizioni, ha dichiarato a Prensa Latina che lui ha percepito in questo gruppo "un desiderio indiscutibile di incrementare il commercio e un impegno ancora maggiore di quello dell'anno scorso". La ronda di negoziati commerciali Cuba-Stati Uniti si è conclusa questo venerdì con la firma di nuovi accordi per un importo di 100 milioni di dollari.

Cuba ha perfezionato la difesa nonostante le difficoltà economiche
18.12 – Nonostante le difficoltà economiche degli anni ‘90 del secolo scorso, Cuba ha perfezionato il suo sistema di difesa tenendo conto dello scenario politico e di quello internazionale, ha affermato ieri il generale di brigata Andrés González Brito. L'alto ufficiale cubano ha detto in un’intervista con la rivista Bohemia, in occasione dell'attuale esercitazione strategica ‘Bastione 2004’ che questo orientamento si è basato specialmente "studiando il modo di agire del nemico". Interrogato al riguardo, González Brito ha detto che l'arte militare si è sviluppata nella teorica e nella pratica a partire dal Periodo Speciale, come viene chiamata la difficile congiuntura economica dopo il crollo del campo socialista europeo. Per mantenere l'alto livello difensivo in queste condizioni, ha spiegato l'alto ufficiale, "sono state mosse solo le risorse indispensabili in maniera armonica, razionale, intelligente".

I migliori atleti dell'America Latina nel 2004
18.12 - La cubana Osleidys Menéndez e il dominicano Félix Sánchez sono stati dichiarati ieri i Migliori Atleti dell'America Latina nel 2004, mentre la nazionale di pallacanestro dell'Argentina è stata indicata come Migliore Squadra. L’inchiesta Sportiva di Prensa Latina, alla sua 41° edizione, con la partecipazione record di 191 testate di 34 paesi dei cinque continenti, ha scelto pure altri 10 nominativi come "Atleti più distinti".

I rischi di aggressione sono reali, avverte Fidel
20.12 - Il Presidente cubano, Fidel Castro, ha avvertito che i rischi di un'aggressione a Cuba sono reali e ha messo in risalto la sua soddisfazione per l'organizzazione e la disciplina manifestata in una esercitazione militare che si è conclusa questa domenica. Una notizia della televisione cubana ha segnalato che il Presidente ha seguito da vicino l’andamento dell'esercitazione strategica ‘Bastione 2004’ e ha tracciato importanti linee diretti a rafforzare ancora di più la difesa del paese. In varie sessioni di lavoro il Capo di Stato ha appreso delle azioni realizzate in tutta l'isola dal 13 al 19 dicembre, durante le quali circa quattro milioni di persone hanno partecipato alle manovre di difesa in tutto il paese. La nota della televisione precisa che Fidel Castro ha dato in questo incontro indicazioni su temi cardini della difesa dal posto di direzione del Consiglio Nazionale, che presiede.

L’Ufficio degli Stati Uniti a Cuba incrementa le provocazioni
20.12 - Le crescenti provocazioni dell'Ufficio di Interessi in Cuba e del suo capo James Cason negli ultimi mesi, sono state trattate nel programma della televisione cubana Tavola Rotonda Informativa. Giornalisti e leader di organizzazioni giovanili e studentesche hanno denunciato in questo programma l'attività sovversiva che il Governo statunitense e la sua rappresentanza diplomatica a La Habana stanno realizzando ogni volta con più frequenza. Il giornalista Lázaro Barredo ha ricordato come il Presidente George W. Bush e funzionari del suo Governo insieme ai gruppi anticubani di Miami insistono nel rendere più dure le misure contro Cuba, aspetto in cui tale Ufficio di Interessi costituisce un pezzo chiave.

Mobilitazione giovanile a Cuba per respingere le provocazioni degli Stati Uniti
21.12 - Giovani universitari cubani hanno respinto in diverse parti del paese le nuove azioni provocatorie del capo dell'Ufficio di Interessi degli Stati Uniti a La Habana, James Cason, contro Cuba. Le attività sono state realizzate durante la commemorazione dell’82° anniversario della fondazione della Federazione Studentesca Universitaria, il 20 dicembre 1922, e contro le nuove provocazioni di Washington. A queste azioni si aggiunge la collocazione nelle aree esterne dell'edificio statunitense di un numero 75 luminoso tra decorazioni natalizie, in allusione a un gruppo di controrivoluzionari condannati da tribunali cubani nella primavera 2003. Cason si è rifiutato di ritirare questa insegna provocatoria, nonostante due note diplomatiche presentate da La Habana. La gioventù cubana è pronta a dare una risposta adeguata, creativa e contundente davanti a ogni nuova provocazione della missione diplomatica statunitense, ha affermato ieri Julio Martínez, primo segretario dell'Unione dei Giovani Comunisti. A tal fine centinaia di studenti cubani hanno partecipato ieri sera a un raduno nella Tribuna Antimperialista José Martí, di fronte alla Sezione di Interessi nordamericana nella parte centrale del Malecón di La Habana.

Al politologo James Petras è stato impedito dagli Stati Uniti di recarsi a Cuba
21.12 - Al politologo nordamericano James Petras è stato impedito dal Dipartimento di Stato nordamericano di recarsi a Cuba, denuncia la pubblicazione digitale cubana ‘La Jiribilla’. Petras avrebbe dovuto partecipare nel 2005 alla XIV Fiera Internazionale del Libro di La Habana (dal 3 al 13 febbraio prossimi) e all’VIII Incontro Internazionale degli Economisti su Globalizzazione e Problemi dello Sviluppo (dal 7 all’11 dello stesso mese). Nella notizia, comunicata dallo stesso Petras agli organizzatori dei due appuntamenti, l'accademico si è detto dispiaciuto di non potere recarsi a Cuba come aveva fatto in precedenti occasioni, per la proibizione espressa da Washington. La proibizione di viaggiare contro l'intellettuale nordamericano rientra nelle misure promosse dal Presidente George W. Bush nel giugno scorso che hanno resa ancora più dura la politica di blocco economico, commerciale e finanziario che gli Stati Uniti conducono dagli inizi degli anni ‘60 contro Cuba.

Il Parlamento cubano ha iniziato ad analizzare le relazioni delle istituzioni
22.12 – I parlamentari cubani riuniti nelle 10 commissioni permanenti del Parlamento da ieri stanno analizzando le relazioni di varie istituzioni dell'isola come primo passo alle sessioni ordinarie dell'organismo, previste giovedì prossimo. Oltre 600 deputati all'Assemblea Nazionale del Poder Popular valutano il disimpegno degli enti di produzione e dei servizi negli ultimi anni. In un intervento al gruppo di Controllo dell'attività produttiva, il presidente dell'Istituto Nazionale dell'Abitazione, Víctor Ramírez, ha esposto le principali linee di lavoro di questo ente dal 2000. Ha spiegato che nonostante la diminuzione degli investimenti nel settore, il fondo delle abitazioni nel paese ha avuto un'evoluzione positiva dato che alla chiusura dello scorso anno l’85 % degli edifici presentava uno stato soddisfacente.

Le vendite cubane all'estero sono cresciute del 37 %
22.12 - Le vendite di beni e servizi di Cuba all'estero nei primi dieci mesi di quest’anno sono aumentate del 37 % rispetto allo stesso periodo del 2003, secondo dati del Ministero del Commercio Estero (MINCEX) di Cuba. Le autorità valutano molto positivamente questi risultati per l'importanza che ha per il paese l'incremento delle entrate di valuta che permette di garantire i piani di sviluppo economico. I dati, pubblicati lunedì scorso, riportano che le esportazioni tradizionali costituiscono il grosso delle vendite all'estero, con un 74 %, ma se queste sono cresciute del 33 %, quelle non tradizionali sono cresciute del 50 %. Del totale delle vendite del settore tradizionale, il 61 % riguarda le esportazioni di nichel, minerale del quale Cuba è uno dei maggiori produttori mondiali, seguito dallo zucchero e i suoi derivati, tabacco, prodotti pescherecci, cemento e rum.

Cuba intensifica la lotta al traffico di stupefacenti
22.12 - Un totale di 92 casi di traffico di droga è stato scoperto dal 2000 fino a luglio del presente anno dalla Dogana Generale e dal Ministero dell'Interno cubani. In un reportage sul tema, il quotidiano Granma aggiunge che la maggior parte della droga sequestrata in quelle azioni era cocaina e che solo tra gennaio 2003 e metà 2004 sono stati sventati 14 casi di narcotraffico internazionale e sequestrati oltre 30 chilogrammi di droga. Nonostante le limitazioni economiche affrontate da Cuba in tutti i campi, le autorità destinano importanti risorse tecniche e umane per affrontare questo problema, comprese apparecchiature a raggi X e Ionscan, capaci di scoprire particelle di stupefacenti.

Cuba darà una risposta adeguata alle provocazioni degli Stati Uniti
23.12 - Il Ministro delle Relazioni Estere di Cuba, Felipe Pérez Roque, ha affermato ieri che il suo paese darà una risposta adeguata alle recenti provocazioni degli Stati Uniti. In dichiarazioni alla stampa, al Palazzo delle Convenzioni di La Habana, Pérez Roque ha affermato che Cuba ha un arsenale di idee per affrontare le ultime azioni sovversive dell'ufficio che rappresenta gli interessi di Washington a La Habana. "Queste (le risposte) verranno rese note al momento opportuno e adatto, ha precisato. Le parole del Ministro degli Esteri si riferivano a un numero 75 luminoso posizionato lo scorso 6 dicembre insieme a diversi addobbi natalizi nei giardini della sede diplomatica, in allusione al numero di controrivoluzionari arrestati nel 2003. Cuba aveva comprovato che il suddetto gruppo realizzava attività contro la sicurezza nazionale a partire dal sostegno finanziario e materiale promosso dalla Casa Bianca, per cui aveva accusato quegli individui di essere mercenari e li aveva condannati a diverse pene di detenzione.

Cuba dà priorità alle sue relazioni con i Caraibi
23.12 - Il Ministro delle Relazioni Estere di Cuba, Felipe Pérez Roque, ha affermato lo scorso mercoledì che una delle priorità del suo paese è quella di consolidare le relazioni con le nazioni dei Caraibi. Intervenendo in una delle commissioni permanenti dell'Assemblea Nazionale del Poder Popular (parlamento unicamerale), Pérez Roque ha indicato che il rafforzamento dei vincoli con i paesi dell'area costituisce una delle principali strategie del Ministero degli Esteri. In tal senso, ha sottolineato l'appoggio delle nazioni caraibiche nei diversi forum internazionali, dove si sono rifiutate di unirsi alla politica ostile che Washington mantiene contro La Habana. Ha ricordato che a Cuba studiano migliaia di giovani provenienti dall'area, fatto che dimostra i vincoli di amicizia e di cooperazione che Cuba mantiene con i suoi vicini caraibici.

Pérez Roque: l’Unione Europea deve rettificare la sua politica verso Cuba
23.12 - Il Ministro cubano delle Relazioni Estere, Felipe Pérez Roque, ha affermato ieri che l'Unione Europea deve cambiare la sua linea di sanzioni diplomatiche contro Cuba. L'UE deve rettificare la sua politica di sanzioni contro Cuba, perché questa via costituisce un grave errore per il mantenimento delle relazioni bilaterali, ha risposto Pérez Roque a una domanda di Prensa Latina. Perfino nello stesso seno del megablocco europeo si riconosce che l'applicazione delle misure contro Cuba hanno significato un grave errore, ha aggiunto il Ministro degli Esteri cubano. Noi seguiamo con attenzione il processo che ha luogo nella Comunità Europea, ha manifestato il capo della diplomazia cubana in riferimento alla decisione che dovranno prendere in gennaio prossimo i Ministri degli Esteri dei 25 sul futuro dei vincoli con Cuba.

L’Ambasciatore venezuelano esalta il lavoro dei medici cubani nel suo paese
23.12 - Non saranno mai sufficienti i ringraziamenti a Cuba, ha affermato ieri a La Habana l'Ambasciatore del Venezuela, Adán Chávez, dopo avere assistito alla presentazione del documentario "Dentro il Quartiere", che rispecchia l'aiuto medico prestato al suo paese da Cuba. Il diplomatico ha segnalato che grazie ai professionisti e ai tecnici cubani della salute, integrati alla missione con lo stesso nome, migliaia di venezuelani con poche risorse continuano a vivere, perché il numero dei pazienti assistiti mediante questo programma sfiora i 45 milioni. Il mio paese ha circa 23 milioni di abitanti, cosicché si può dire che ogni venezuelano è stato assistito due volte dai medici di questa solidale nazione, da quando i primi 58 sono arrivati a Caracas nell’aprile 2003, ha evidenziato. L’Ambasciatore ha messo in risaltò l'aiuto di Cuba nella formazione di futuri medici del suo paese, moralmente impegnati nella Missione Dentro il Quartiere.

Fidel Castro partecipa alle sessioni del Parlamento cubano

24.12 - Con la presenza del Presidente cubano, Fidel Castro, sono incominciate ieri le sessioni dell'Assemblea Nazionale del Poder Popular con un'agenda in cui si distingue il preventivo di bilancio del paese per il 2005. Secondo il programma, gli oltre 600 legislatori analizzeranno e probabilmente approveranno un disegno di legge mediante il quale sarà definito l'importo della legge finanziaria per il prossimo anno e le assegnazioni per settori. Il tema riveste una particolare importanza poiché definirà le più immediate previsioni economiche e sociali del paese, impegnato in un coraggioso sforzo per far progredire i suoi progetti nonostante fattori avversi esterni e interni. Tra i primi vi sono l'aumento dei prezzi del petrolio e il rafforzamento della politica di blocco nordamericano contro l'isola, fatto che dura già da oltre quattro decenni.

Il Parlamento cubano definisce gli obiettivi per il 2005
24.12 - Il Ministro dell’Economia cubano, José Luis Rodríguez, ha affermato ieri che assicurare la capacità difensiva del paese, sistemare la politica energetica e il sostegno ai programmi sociali costituiscono alcuni dei principali obiettivi per il 2005. Presentando una relazione al Parlamento cubano, Rodríguez ha precisato che la politica di investimenti dovrà appoggiare gli obiettivi principali proposti, concentrandosi su quei settori che offrono maggior rendimento. Ha segnalato che si darà continuità allo sviluppo del programma di investimenti nell'industria del nichel, come pure al turismo. Ci si attende che la produzione nazionale del metallo raggiunga nel 2005 circa 77.000 tonnellate metriche e che prevalgano prezzi favorevoli nel mercato internazionale.

Cuba attende il 2005 con previsioni positive
24.12 - Cuba si prepara per iniziare l'anno 2005 con previsioni positive dopo un anno in cui la sua economia è cresciuta del 5 % nonostante disastri naturali e il rafforzamento del blocco degli Stati Uniti. Osvaldo Martínez, presidente della Commissione dei Temi Economici dell'Assemblea Nazionale ha detto ieri che sarebbe difficile immaginare uno scenario più avverso di quest’anno, quando due uragani hanno causato perdite per 2.146 milioni di pesos (uguale quantità in dollari). A essi si sono aggiunte una siccità delle più intense nelle province orientali di Cuba, un'interruzione elettrica che paralizzato importanti attività economiche e un alto prezzo del petrolio nel mercato internazionale, oltre alle pressioni del Governo statunitense. Ha precisato che al compimento dei cinque anni dal programma Battaglia di Idee, definito come una rivoluzione sociale dentro la Rivoluzione, si è constatato un importante risultato in educazione, salute, cultura e assistenza ai più vulnerabili e benefici per tutte le famiglie.

Il settore turistico cubano nel 2004 è cresciuto del 7.6 %
24.12 – Nel 2004 il settore turistico cubano è cresciuto del 7.6 %, dopo l’arrivo nell'isola di oltre due milioni di visitatori, fatto che ha significato un aumento delle entrate del 15 %. Osvaldo Martínez, presidente della Commissione dei Temi Economici dell'Assemblea Nazionale del Poder Popular, ha indicato che questo settore ha fatto positive trasformazioni organizzative. Intervenendo giovedì scorso davanti agli oltre 600 parlamentari al IV Periodo Ordinario di Sessioni dell'attuale Legislatura, Martínez ha precisato che sono stati instaurati maggiore disciplina e controllo che si sono riflesse in un incremento dell'efficienza. Questo è avvenuto in un contesto in cui l'economia cubana ha avuto quest’anno una crescita nel Prodotto Interno Lordo (PIL) del 5 %, nonostante i tentativi del Governo degli Stati Uniti di frenarla.

Cuba designa l’Ambasciatore presso la Santa Sede
24.12 - Il Consiglio di Stato ha designato Raúl Roa Kourí come Ambasciatore straordinario e plenipotenziario presso la Santa Sede, ha reso noto venerdì scorso una nota ufficiale. Secondo il testo, Roa Kourí occupava la carica di presidente della Commissione Nazionale Cubana dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO). I due Stati avevano stabilito relazioni diplomatiche il 7 giugno 1935.

Il Parlamento ratifica per il 2005 l’intervento sui programmi sociali a Cuba

25.12 - L'Assemblea Nazionale di Cuba ha terminato ieri la sua ultima sessione ordinaria dell'anno con l'approvazione del bilancio preventivo e delle linee di sviluppo per il 2005, come pure una dichiarazione di appoggio all'integrazione latinoamericana. La legge finanziaria per il prossimo anno, approvata alla presenza del Presidente cubano, Fidel Castro, destina oltre due terzi di finanziamento a programmi sociali. Le assegnazioni per educazione, salute, sicurezza e assistenza sociale, cultura, sport, scienza e tecnica ammontano a 10.584 milioni di pesos (uguale quantità in dollari al cambio ufficiale), e corrispondono al 68 % delle spese previste. Uno dei settori a maggior crescita rispetto l'anno precedente (11.3 %) è quello dell'educazione, con un'assegnazione preventiva di 4.117 milioni di pesos. Per mantenere i risultati nella sfera della salute e sostenere nuovi programmi che garantiscano un miglioramento dei servizi medici e assistenziali, si potrà contare su 2.355 milioni, il 9.4 % in più del 2004. Al pagamento delle pensioni di previdenza sociale verranno destinati 2.306 milioni, con un aumento del 5 %. Le istituzioni di assistenza sociale e dei programmi di assistenza a persone con basse entrate o handicappate riceveranno 645 milioni, che significa una crescita del 5.7 %.

Il Parlamento cubano appoggia l’Alternativa Bolivariana per le Americhe
25.12 - Fondatori di una nuova epoca per l'America Latina e i Caraibi è la definizione che ieri a La Habana è stata data in una dichiarazione del Parlamento cubano, su due documenti recentemente firmati dai Presidenti di Cuba e del Venezuela, Fidel Castro e Hugo Chávez. Lo scorso 14 dicembre, in occasione di una visita ufficiale e amichevole di Chávez a Cuba, i due Presidenti hanno firmato a La Habana una Dichiarazione Congiunta di un Accordo per l'Applicazione dell'Alternativo Bolivariana per le Americhe (ALBA). È il sogno di Bolívar e di Martí per un’America Latina solidale e unita nella giustizia sociale, nella realizzazione umana dei suoi abitanti, nella difesa della sua cultura e nella conquista di una posizione degna nel secolo che sta iniziando, dice dell’ALBA la dichiarazione. Sottolinea che la più recente realtà latinoamericana è stata modellata dagli anni ‘80 dello scorso secolo dalla politica neoliberista al servizio di un capitalismo selvaggio caratterizzato dallo sfruttamento, dall'esclusione sociale e dalla sottomissione agli Stati Uniti.

La stagione piovosa a Cuba è la più secca da 74 anni
25.12 – Nel 2004 Cuba ha registrato la stagione di piogge più secca degli ultimi 74 anni, aspetto che ha compromesso ancora di più le scarse riserve di acqua raccolta. Il periodo da maggio a ottobre (quello storicamente con maggiori precipitazioni) ha registrato i dati più bassi dal 1931, per cui è peggiorata la disponibilità del prezioso liquido nelle dighe delle province di Las Tunas, Holguín, Camagüey e di La Habana. Aymee Aguirre, vicepresidente dell'Istituto Nazionale di Risorse Idrauliche, ha detto che dei 235 bacini artificiali nel paese, 95 sono a meno del 25 % di riempimento e 26 di questi non possono essere utilizzati perché ormai sono sotto il punto morto.

Trovato un giacimento di petrolio sulla costa nord di Cuba

27.12 - I cubani hanno ricevuto la buona notizia della scoperta di un nuovo e promettente giacimento di petrolio a est di La Habana. Un calcolo preliminare delle riserve estraibili nella zona prevede una quantità minima di 100 milioni di barili, cioè, circa 14 milioni di tonnellate. La buona notizia è stata comunicata dal Presidente Fidel Castro intervenendo all'ultima riunione dell'Assemblea Nazionale del Poder Popular (Parlamento), in cui è stata anche approvata la Legge Finanziaria per il 2005. Il giacimento, il primo del suo tipo trovato a Cuba dal 1999, si trova di fronte a un segmento della costa della località di Santa Cruz del Norte, a circa 55 chilometri a est di La Habana.

Incendio in un deposito di munizioni a Cuba
27.12 - Un incendio seguito da varie esplosioni è avvenuto in un magazzino di munizioni nel municipio di Coliseo, nell'occidentale provincia cubana di Matanzas, senza che si riportassero morti o feriti. Secondo un'informazione del Ministero delle Forze Armate (MINFAR), le autorità competenti indagano sulle cause del sinistro. La stessa fonte segnala che non appena si è prodotto il fuoco sono state applicate le misure previste dalle FAR e dalla Difesa Civile per affrontare situazioni di questo tipo, compresa l'evacuazione temporanea di una parte degli abitanti del posto. La rapidità e l’efficacia con cui hanno agito i membri dalle FAR e del Ministero dell'Interno, come pure le autorità e la popolazione del territorio, ha contribuito a ristabilire rapidamente la situazione senza perdite di vite umane né feriti, aggiunge la nota.

Festeggiato l’arrivo al record di due milioni turisti
27.12 - L'arrivo al numero record annuale di due milioni di turisti in visita a Cuba è stato celebrato all'aeroporto internazionale Juan Gualberto Gómez di Varadero, con una festa di benvenuto a un volo della linea aerea canadese Air Transat. L'aeroplano è atterrato all'una del pomeriggio, con 362 passeggeri provenienti da Montreal, che sono stati salutati da José Rodríguez, vice-direttore degli investimenti del Ministero del Turismo, e da José Antonio Zerquera, delegato di questo organismo nella provincia di Matanzas. I turisti appena giunti hanno potuto assistere anche a un spettacolo artistico nel salone di arrivo dei passeggeri, offerto dal corpo di ballo del Cabaret Tropicana di questo territorio. E’ stato scelto l'aeroporto di Varadero per festeggiare l'arrivo di questo volo in quanto la Air Transat è la linea aerea più stabile e con più viaggi tra le 27 che utilizzano le sue installazioni, che quest’anno hanno registrato un movimento di circa 1.200.000 passeggeri.

Buone notizie di Fidel Castro al popolo cubano
28.12 - Il ritrovamento di un giacimento di petrolio, la promettente evoluzione dell'industria del nichel e il rafforzamento dei legami con Cina e Venezuela, sono alcune delle buone notizie date dal Presidente Fidel Castro al popolo cubano. Il Presidente ha comunicato le buone notizie concludendo la fine settimana scorsa l'ultima riunione del Parlamento dell'anno, nella quale è stato approvato un bilancio preventivo dello Stato per il 2005, che riafferma la vocazione sociale e la giustezza del progetto rivoluzionario. La concessione di crediti di molti milioni da parte della Cina, alcuni di essi a lungo termine, a lunghi periodi di pagamento e senza interessi, sono stati citati dal Presidente Fidel Castro come dimostrazione delle eccellenti relazioni tra Pechino e La Habana. Con il Venezuela, frattanto, è stato accordato di analizzare un programma di fornitura di combustibile per il 2005, che unito alla produzione nazionale assicura a Cuba le forniture indispensabili. La patria di Bolívar ha offerto a Cuba di finanziare progetti produttivi e opere di infrastruttura, con priorità nell'asfaltatura delle strade e nelle installazioni per la fornitura di combustibile domestico.

Rientrata a La Habana la scacchista cubana Suleinis Piña

29.12 - La Gran Maestra (GM) cubana Suleinis Piña è ritornata a La Habana dopo avere conquistato il torneo internazionale di scacchi Noella Murkay, disputato la settimana scorsa in Ecuador. In dichiarazioni concesse a Prensa Latina, la Piña ha precisato che la competizione ha costituito un'eccellente preparazione in vista dell'inizio della stagione 2005. La cubana, di 23 anni di età, ha dato tono al torneo che ha contato sulla partecipazione di quattro giocatrici ecuadoriane e della sua compatriota e Gran Maestra Vivian Ramón, una delle scacchiste più dotate dell'isola. La Piña che ha ottenuto il titolo di GM quest’anno, ha vinto la competizione con 4.5 punti su 5 possibili.

Beethoven verrà onorato a Cuba
29.12 - Il famoso direttore d’orchestra italiano Claudio Abbado porterà a La Habana il giovane direttore venezuelano Gustavo Dudamel, di 23 anni, per presentare insieme all'Orchestra da Camera Mahler (MCO) un programma dedicato a Ludwig van Beethoven. Il breve cartellone che inizierà il 2 gennaio al teatro ‘Amadeo Roldán’ di La Habana, comprende la Sinfonia n° 3 in mi bemolle maggiore op. 55 e la Sinfonia n° 4 in si bemolle maggiore op. 60, sotto la bacchetta di Dudamel. Abbado dirigerà l'orchestra i giorni 4 e 5 gennaio con la Sinfonia n° 1 in do maggiore op. 21 e la Sinfonia n° 7 in la maggiore op. 92. I melomani avranno libero accesso a tutte le prove nella sala principale di questo teatro. Questa sarà la terza visita del rilevante musicista milanese all'isola, da quando nell’agosto 1999 venne per la prima volta con la Gustav Mahler Jugendorchester. Nel gennaio di quest’anno ha ricevuto il titolo di Dottore Honoris Causa dell'Istituto Superiore d’Arte. Fondata nel 1997 da Abbado, che è anche ex-direttore della Scala di Milano e delle Filarmoniche di Londra e di Berlino, la MCO è composta da 50 musicisti di oltre 15 paesi dell'Unione Europea che non hanno più di 27 anni di età.

Cuba 2004: più collaborazione e investimenti
30.12 - La collaborazione cubana ha vissuto nel 2004 momenti di massimo splendore, con la presenza di migliaia dei suoi professionisti e tecnici in circa 70 nazioni, mentre sono stati realizzati accordi per investimenti che situeranno l'isola a un gradino superiore di sviluppo economico. Personale della salute, sportivi, costruttori e altri specialisti di Cuba hanno prestato i loro servizi in nazioni del mondo sottosviluppato, stimati altamente da coloro che hanno ricevuto tale cooperazione. Dall’altra parte, negli ultimi trent’anni oltre 40.000 giovani di 123 paesi si sono laureati a Cuba in scuole di livello medio e superiore. Una buona parte di questi studenti proviene da nazioni africane, ricevendo istruzione in diverse specialità, tra queste salute, sport, agricoltura, costruzione e altre.

Cuba modificherà la legge di previdenza sociale nei prossimi anni
30.12 - Cuba modificherà nei prossimi anni la legge di previdenza sociale per ottenere la piena integrazione dei cittadini alla vita sociale, ha detto il Ministro del settore, Alfredo Morales. Una futura legislazione nella materia, la terza nel periodo rivoluzionario (le precedenti erano state promulgate nel 1963 e nel 1979), dovrebbe evidenziare che la previdenza sociale va oltre la consegna di pensioni, ha segnalato Morales in un intervista con Prensa Latina. Per questo, ha proseguito, prevediamo che i gestori del sistema nelle 14 province e nei 169 municipi del paese abbiano una qualifica superiore per l’assistenza alle persone, che saremo in condizioni di organizzare molto meglio. Cuba, ha sostenuto il funzionario, prevede l’instaurazione in futuro di un nuovo modello di gestione nel settore che vada oltre il conferimento di pensioni ai bisognosi.

Confutate le considerazioni degli Stati Uniti sulle esercitazioni militari a Cuba

31.12 - Le presunte oscure intenzioni di Cuba per avere realizzato l'Esercitazione Strategica Bastione 2004 sono state confutate nello spazio radio-televisivo Tavola Rotonda Informativa che viene trasmessa in tutto il paese e in buona parte del mondo. Uno dei partecipanti al programma, Reinaldo Taladrid, ha smentito recenti dichiarazioni del portavoce del Dipartimento di Stato nordamericano, Richard Boucher, secondo le quali l'isola non aveva bisogno di realizzare queste esercitazioni. Secondo l'alto funzionario statunitense, il suo Governo non minaccia Cuba e, al contrario, sta favorendo la sua transizione pacifica verso la democrazia.

Il trionfo della Rivoluzione verrà festeggiato in posti chiave di La Habana
31.12 – Gli abitanti di La Habana festeggeranno, il prossimo 1° gennaio, con i migliori musicisti dell'isola il 46° anniversario del trionfo della Rivoluzione in quartieri chiave della capitale. Per esempio, secondo informazione fornite ieri dall'Istituto Cubano della Musica, una super-orchestra come Los Van Van, vincitrice di un Grammy, insieme ad altri gruppi rilevanti come Buena Fe e NG La Banda, suoneranno alla Tribuna Antimperialista. Questo spazio è situato di fronte al Malecón di La Habana e contiguo all’Ufficio di Interessi degli Stati Uniti a Cuba, nel centrico quartiere Vedado.

La giavellottista Osleidys Menéndez, migliore sportiva cubana nel 2004
31.12 - La giavellottista Osleidys Menéndez è stata indicata come migliore sportiva cubana nel 2004, un premio che tra gli uomini è stato assegnato al campione olimpico di pugilato Mario Kindelán. La Menéndez, vincitrice della medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Atene con un record per la competizione di 71.53 metri, aggiunge un nuovo palmarés alla sua carriera, dopo essere stata scelta come migliore atleta dell'America Latina, secondo l'inchiesta annuale di Prensa Latina. Kindelán, da parte sua, ha ottenuto la sua seconda corona olimpica nel pugilato poco prima di annunciare il suo ritiro, perché per il limite di età imposto dall'Associazione Internazionale del Pugilato non potrà partecipare ai Giochi di Pechino 2008.