Agosto 2003

Giovani nordamericani diffonderanno il caso dei cubani detenuti negli Stati Uniti
1.8 - Circa 300 statunitensi che hanno partecipato a un incontro giovanile a Cuba si sono impegnati a La Habana a raddoppiare i loro sforzi per diffondere negli Stati Uniti la verità sul caso dei cinque cubani imprigionati negli Stati Uniti dal 1998. Ritornando al nostro paese inonderemo gli uffici federali di Washington con lettere che esigono la liberazione di questi giovani, ha annunciato a nome della delegazione l'attivista Jay Hillson, coordinatore della Coalizione di Solidarietà con Cuba di Los Angeles. La promessa è nata durante l’incontro avuto nel teatro della Scuola dei Lavoratori Sociali di Cojimar, con i familiari dei detenuti e con il Presidente del Parlamento cubano, Ricardo Alarcón.

Ristrutturati 220 mercati agro-zootecnici
1.8 – Dopo un processo di ristrutturazione, oltre 220 mercati agro-zootecnici statali del paese sono stati inaugurati con l'obiettivo di migliorare le condizioni di vendita e di diminuire i prezzi dei prodotti agricoli. La riparazione di queste strutture fa parte di una strategia nazionale che comprende l'ampliamento della rete di unità. In tutto il paese si sta realizzando uno studio, prossimo alla conclusione, al fine di determinare il numero di mercati che devono esistere come pure dove devono trovarsi, ha spiegato Carlos Lage Dávila, Vicepresidente del Consiglio di Stato. Lage ha spiegato che La Habana dovrà contare su 117 unità di questo tipo, e per la fine di quest’anno o all’inizio del prossimo la catena deve essere instaurata in tutto il paese.

Fidel Castro: i medici cubani continueranno a salvare vite in Venezuela
2.8 - Il Presidente cubano, Fidel Castro, ha affermato a La Habana questo martedì che i medici cubani continueranno con la loro missione di salvare vite in Venezuela, nonostante le calunnie fomentate dagli oppositori al Governo del Presidente Hugo Chávez. Non perché veniamo calunniati tralasciamo di compiere la nostra missione, perché nella nostra coscienza ci sono le migliaia di vite salvate da questi professionisti della salute, ha detto il leader della Rivoluzione, intervenendo all’abilitazione di 1.555 giovani della Scuola di Infermeria. Nel suo discorso, Fidel Castro ha denunciato la campagna diffamatoria dei mezzi di stampa venezuelani contro la presenza dei medici cubani nei quartieri poveri di Caracas, e ha anticipato che questi oppositori "moriranno di infarto", perché la cooperazione cubana non si ferma. Lì l'oligarchia non comanda i medici, ha argomentato lo statista, che ha messo in risaltò l'affetto ed il "riconoscimento infinito" degli abitanti delle colline confinanti con la capitale venezuelana verso gli 834 membri della brigata di salute proveniente da Cuba. Secondo il Presidente, tra alcuni anni si conteranno a milioni le vite salvate dai medici cubani nel mondo, ricordando i servizi di salute prestati da Cuba a decine di paesi dal trionfo della Rivoluzione nel 1959.

Cuba accresce l’esercito di infermieri con 1. 555 diplomati
2.8 - Cuba accresce il suo esercito di infermieri con l’abilitazione di 1.555 giovani della nuova Scuola di Infermeria con una cerimonia presieduta dal Presidente Fidel Castro. In una cerimonia celebrata questo venerdì a La Habana e di fronte all'immagine di Ernesto Che Guevara, i cui valori costituiscono un paradigma per la gioventù cubana, il Presidente ha consegnato i diplomi agli allievi più meritevoli del corso. I titoli firmati dal Presidente cubano sono stati consegnati dai loro professori al resto degli studenti. La direttrice della Scuola di Infermeria, Luisa Fernández, ha riferito che due anni fa la dirigenza del paese si era riunita con esperti del sistema di salute per sviluppare un programma di formazione emergente di infermieri in risposta al deficit di questo personale nella capitale.

Alarcón: forze conservatrici negli Stati Uniti sono favorevoli a Cuba
4.8 - Il Presidente del Parlamento cubano, Ricardo Alarcón, ha detto in Messico che nuove forze conservatrici negli Stati Uniti si sono aggiunte oggi a favore di qualche tipo di relazione con Cuba. In un'intervista esclusiva con il quotidiano messicano ‘La Jornada’, riportata nella sua edizione domenicale, il leader parlamentare cubano ha fatto riflessioni su segnali contraddittori verso Cuba, poiché da una parte si annunciano misure repressive e dall’altra si autorizza lo scambio. Alarcón ha fatto l’esempio che da una parte si segnala la restrizione ai permessi di viaggio, l'aumento delle multe per i viaggi senza permesso a Cuba e la confisca e la messa all’asta di due aeroplani cubani sequestrati. Dall’altra, ha detto, l'approvazione del nuovo sottosegretario per gli Affari Continentali negli Stati Uniti era condizionata a un disegno di legge favorevole ai viaggi a Cuba, e, inoltre, il Dipartimento del Tesoro continua ad autorizzare la vendita di alimenti. Esistono, inoltre, accordi commerciali di due porti con Cuba, sono arrivate a La Habana navi con bandiera statunitense, ed è stato processato il sequestratore di un aereo di Cubana de Aviación, fatti con cui, ha affermato, è comprovato un divincolamento della politica statunitense verso Cuba. Ha precisato che attualmente sta pure sorgendo un conflitto tra la Fondazione Nazionale Cubano-Americana di estrema destra e i parlamentari di origine cubana, a partire dal fatto che costoro si considerano traditi dall'amministrazione che non sta rispettando i suoi impegni di farla finita con la Rivoluzione cubana.

L’industria nazionale garantisce le bombole per il gas
5.8 – A oltre 78.000 bombole, tra riparate e nuove, ammontano le consegne delle aziende Exilgas e Conformat per il programma di fornitura di gas, quantità che sostituisce le importazioni di questo prodotto. Appartenenti al Gruppo PI-Mesco dell'Industria Sideromeccanica, questi enti sono gli unici fabbricanti di recipienti a pressione e contenitori di gas, da 2 a 45 chilogrammi, per il mercato nazionale e per l'esportazione. Nora Cuello Pérez, vicepresidente di PI-Mesco, ha spiegato che l'obiettivo fondamentale è quello di assicurare il programma di fornitura di gas a Santiago de Cuba e a Ciudad de La Habana, per cui sono in distribuzione le cosiddette "zucche" per gas derivato dal petrolio. I due enti hanno producono, tra gli altri articoli, un'ampia gamma di estintori di incendio da uno a nove chilogrammi, per soddisfare le richieste del mercato nazionale.

Cuba ha un nuovo giardino zoologico
5.8 – I cubani hanno un nuovo giardino zoologico, ubicato nella città di Santa Clara, al centro di Cuba, che è stato costruito con immaginazione selvatica e gusto estetico per ospitare ed esibire oltre 200 animali di 69 specie. Questa bella opera sociale chiamata "Il Bosco", che è stata aperta ieri al pubblico per una maggiore conoscenza della flora e la fauna, è stata costruita in oltre 100 giorni di lavoro ininterrotti. Tra i nuovi ospiti si trovano la capra del barbiere (una delle poche esistenti a Cuba), la scimmia bambina sacra, i re della selva Roco, Diana, Griselle e Simba, una scimmietta chiamata Rusa, un struzzo africano corpulento e di molto colorato, il caotí dalla lunga coda, i procioni e il leopardo Santiago con la sua coniuge. Questo nuovo giardino zoologico che ospita uccelli, rettili, felini, pesci e primati, tra le altre specie, è frutto di una solidale collaborazione con le Canarie, con la Spagna e il suo costo ha oltrepassato i 120.000 dollari in una prima fase, ha aggiunto la fonte.

Fidel Castro ha presieduto la cerimonia di inaugurazione del Centro di Genetica
6.8 - Il Presidente cubano, Fidel Castro, ha presieduto la cerimonia di inaugurazione del Centro Nazionale di Genetica Medica e l’abilitazione dei Master in Assistenza Genetica, che ha avuto luogo all'Istituto di Scienze Basiche e Precliniche ‘Victoria de Girón’. I 202 laureati saranno la pietra angolare del nuovo centro che potrà contare su attrezzature molto moderne, paragonabili alle migliori del mondo. Il Centro situato nell’area del citato ente educativo, si inserisce nell'Università Medica cubana. Hanno partecipato alla cerimonia i genetisti, i direttori provinciali della salute, i vicedirettori di Assistenza Medica dei 169 municipi e i rettori e i decani degli Istituti e delle Facoltà di Scienze Mediche. Hanno partecipato anche i principali ricercatori dello Studio su Ritardi Mentali e altri Impedimenti che si è recentemente concluso. Lo studio ha compreso il 100 % degli handicappati di Cuba e ha costituito un'esperienza etica, morale e umana per quelli che vi hanno partecipato. A giudizio degli esperti, queste ricerche potranno, senza dubbio, beneficare tutta l'umanità, e intanto sono le più vaste intraprese a Cuba e in America Latina, e si situano tra le prime nel mondo.

Inaugurato a Cuba un sito web contro il terrorismo mediatico
6.8 - Un gruppo di giornalisti cubani ha inaugurato un sito sulla rete di Internet con l’aspirazione che diventi un forum di denuncia contro la manipolazione dell'informazione e contro il "terrorismo mediatico" esercitati dai grandi mezzi di stampa. "Viviamo tempi goebbeliani, dove la bugia è venduta come notizia dai mezzi di comunicazione e diventa politica di Stato delle grandi potenze per giustificare i loro eccessi, in un mondo progettato sempre di più a loro capriccio", ha affermato Randy Alonso, che presiede il Circolo dei Giornalisti contro il Terrorismo. Alla presentazione della nuova pubblicazione elettronica cubana, realizzata nel Centro di Stampa Internazionale, hanno partecipato il presidente del Parlamento, Ricardo Alarcón, e il generale in pensione Fabián Escalante, autore di vari libri sulla guerra segreta condotta dagli Stati Uniti contro Cuba dal 1959. Dopo avere sostenuto le ragioni dei comunicatori nella creazione della pagina web Cubadebate.cu, Alarcón ha avvisato che la lotta di oggi per la libertà e la democrazia è anche quella per la verità. Cubadebate.cu comprende articoli di opinione, notizie e interviste oltre al fatto che si potranno scaricare libri, video e partecipare a un forum di dibattito aperto tutte le 24 ore.

Fidel Castro ribadisce la capacità dei ricercatori cubani
7.8 - Il Presidente cubano Fidel Castro ha ribadito le capacità che hanno oggi i ricercatori cubani per far parte del Progetto del Genoma Umano, di carattere internazionale. All'inaugurazione ufficiale del Centro Nazionale di Genetica Medica, il leader cubano ha commentato che i professionisti dell'istituzione aspirano ad associarsi all'iniziativa come parte dello sviluppo raggiunto a Cuba. "L'obiettivo è quello di mappare gli oltre 30.000 geni di un essere umano perché Cuba ha le condizioni, per cui è necessario accelerare la partecipazione degli specialisti locali in questo progetto internazionale", ha affermato. Alla cerimonia effettuata nell'Istituto di Scienze Basiche e Precliniche ‘Victoria de Girón’ di La Habana, lo statista ha fatto riferimento alla creazione di Intranet, piano che si sviluppa in maniera graduale per tutte le istituzioni ospedaliere del paese. La proposta collegherà i centri di salute, ospedali, policlinici, case degli anziani e farmacie attraverso una rete nazionale di computer. Ha rimarcato che i progressi della scienza permetteranno di moltiplicare le conoscenze acquisite e di metterle alla portata del popolo.

Cuba conta su una solida base di risorse umane
7.8 - Cuba conta su una solida base di risorse umane per il lavoro di genetica, formato sotto gli stessi criteri tecnici e di proiezione sociale, ha indicato Francisco Morales, direttore del Centro Nazionale di Genetica Medica. Morales ha indicato che questi 202 specialisti che hanno ricevuto i loro titoli di medici laureati in Master in Assistenza Genetica, sono educati nei principi che reggono oggi il nostro lavoro, quelli sviluppati nella ricerca su tutte le persone con ritardo mentale e altri impedimenti. Questo è – ha detto – ricercare non per conoscere freddi dati bensì per arrivare all'essenza dei problemi umani, per ottenere nuove conoscenze che si trasformeranno in tempi brevi in una fonte di benessere per il nostro paese sulla base di azioni concrete. Morales ha detto che questi contingenti di assessori genetici ritornano nei loro municipi con l’impegno di lavorare in stretta relazione non solo con gli altri specialisti in Medicina Generale Integrale ma anche con altri esperti in salute, con gli educatori e con i dirigenti dei consigli popolari. Allo stesso modo lavoreranno – ha aggiunto - con le organizzazioni di massa e con le persone e i compagni che lavorano negli ambiti dello sport e della cultura al fine di: elevare il livello culturale del popolo cubano sulla genetica e di incrementare la prevenzione dei problemi di salute di carattere genetico.

Cuba riafferma l’aspirazione di superare la prestazione di Winnipeg
8.8 - Autorità cubane hanno affermato che, all’inizio della sesta giornata dei XIV Giochi Panamericani, Cuba riafferma il proposito di superare il bilancio del precedente appuntamento di Winnipeg. Humberto Rodríguez, presidente dell'Istituto Nazionale di Sport, Educazione Fisica e Ricreazione di Cuba, ha affermato che la delegazione sta compiendo i suoi propositi sportivi con coesione, disciplina e dedizione. A suo giudizio, il comportamento mantenuto dai poco più di 400 sportivi cubani rende possibile il mantenimento del risultato raggiunto finora che colloca Cuba al secondo posto del medagliere, con un'attuazione distaccata. Con una delegazione meno numerosa che negli scorsi XIII Giochi Panamericani di Winnipeg, i cubani si propongono di superare i risultati che hanno fatto ottenere loro il secondo posto delle competenze continentali con 155 medaglie, 69 di queste d’oro.

Un diplomatico afferma che agli Stati Uniti non è riuscito il blocco politico di Cuba
9.8 - Nonostante le loro pressioni e i loro ricatti a livello internazionale, agli Stati Uniti non è riuscito il blocco politico di Cuba, né di trasformare la sua realtà sociale, ha affermato a Ciudad de Guatemala Hermes Herrera, sperimentato diplomatico cubano. Washington non ha ottenuto progressi nella sua campagna di discredito del sistema cubano, e le condanne all’ONU quasi unanimi ogni anno contro il blocco economico a Cuba lo dimostrano, ha segnalato Herrera, impartendo una conferenza nella Scuola di Scienze Politiche dell'Università di San Carlos de Guatemala (USAC). Il rettore dell'Istituto Superiore di Relazioni Internazionali (ISRI) di Cuba ha indicato che le manovre anticubane della Casa Bianca nella Commissione dei Diritti Umani dell'ONU, a Ginevra, e in altri forum sono "una foglia di vite rampicante" con la quale pretende di legittimare l’assedio economico, finanziario e commerciale imposto da 42 anni. Parlando su "La formulazione della politica estera di Cuba verso il mondo e il ruolo strategico del diplomatico", Herrera ha segnalato il conflitto tra gli Stati Uniti e Cuba, come l'elemento più costante nella storia della diplomazia cubana, benché abbia chiarito che questo nacque molto prima della Rivoluzione del 1959.

Il Panama ringrazia Cuba per la sua prima medaglia
9.8 – "Senza l'aiuto di Cuba non avremmo guadagnato questa medaglia", ha affermato il presidente dell'Istituto dello Sport di Panama, riferendosi al terzo posto della schermitrice Jessica Jiménez, l'unica ottenuta dal suo paese ai XIV Giochi Panamericani. "Anche il presidente del Comitato Olimpico panamense non aveva alcuna speranza per questa medaglia, ma l'allenatore cubano Walfrido Mola ha detto di non preoccuparci perché una era per Panama e qui lo ha fatto diventare realtà", ha riconosciuto Roberto Ángulo. "Stiamo festeggiando moltissimo, non solo per la medaglia bensì per tutto l'aiuto di Cuba nello sport e con l'esempio a tutto il mondo su come deve svilupparsi la pratica fisica", ha aggiunto. In questo momento stanno lavorando in questa nazione centroamericani tecnici di Cuba in calcio, scherma, tiro sportivo e baseball. "Le poche risorse di cui disponiamo non ci permettono di avere altri buoni atleti a questi Giochi con questo aiuto cubano", ha detto.

Scoperta a Cuba una nuova specie di orchidea
9.8 - Esperti di Pinar del Río hanno trovato una nuova specie di orchidea, nascosta chissà da quanto tempo tra i boschi della Sierra del Rosario, preziosa per gli studi della flora dell'America Latina. José Lázaro Bocourt ed Ernesto Mujica, esperti del Giardino Botanico Soroa, hanno trovato l'Encyclia Cajalbanensis durante un'indagine nella zona montuosa del municipio di La Palma, di grande ricchezza vegetale. Dopo un rigoroso periodo di analisi, la novità conferma il suo significato appartenendo al genere Encyclia Hook, con specie distribuite da Florida, Antille, Messico, America Centrale fino al Paraguay e all’Argentina, ma che a Cuba non era mai stata ben studiata. La "Cajalbanensis" - in riferimento al posto dove è stata rinvenuta - è un fiore di petali spatolati di 14 millimetri, senza aroma percettibile e di colorazione verde giallognola, eccetto nel labello bianco sfumato in venature porpora. È epífita e cresce sulla vegetazione tipica di cuabal, per questo viene considerata endemica di quest’area, dove la si può apprezzare nei mesi estivi. Nell'Orchideario Soroa, il maggiore del suo tipo nel mondo, vi è un intenso lavoro scientifico su questa famiglia di piante fiorite, con oltre 320 specie a Cuba, un terzo di queste abbondanti nella provincia di Pinar del Río, capitale a Cuba delle orchidee.

Grandi investimenti per installazioni idrauliche
11.8 - Circa 300 milioni di pesos sono stati investiti negli ultimi cinque anni dall'Istituto Nazionale di Risorse Idrauliche (INRH), nella costruzione di acquedotti e di fognature rurali. La cifra supera i precedenti bilanci per tali installazioni, per la maggior parte nelle province orientali e a beneficio di circa 1.300.000 persone, secondo statistiche dell'istituzione. Il programma di investimento ha contemplato città e zone non urbane che richiedono servizi di condotte e di scarico per il volume della loro popolazione, tra queste Las Tunas, Banes (Holguín), Guáimaro (Camagüey) e La Maya (Santiago de Cuba). Circa sei milioni di dollari sono stati destinati dall'INRH a squadre per la manutenzione e la riparazione delle reti di fornitura di acqua, senza la necessità di rompere le strade, aspetto che complicherebbe i lavori e allungherebbe il tempo di termine dei lavori. Nonostante i progressi nella copertura nazionale di oltre il 95 % - il maggiore indice in America Latina e nei Caraibi - gli investimenti sono ancora insufficienti per la fornitura di acqua durante le 24 ore. L'INRH continua il suo programma di costruzione di acquedotti rurali per comunità di meno di 300 abitanti, che concluderà quest’anno.

Cuba è arrivata a 700 medaglie d’oro nella storia dei Panamericani
11.8 - La delegazione sportiva cubana ai XIV Giochi Panamericani ha raggiunto una delle mete previste in questo evento, arrivando a 700 medaglie d’oro nella storia di queste competizioni continentali. L’evento è stato registrato con la medaglia d’oro della judoka di Holguín Yurisleidys Lupetey, con cui Cuba ha ottenuto la vittoria numero 51 in questi Giochi, che unite ai 649 successi nelle 13 precedenti edizioni, portano a un totale di 700. Questa cifra aumenterà notevolmente nei prossimi giorni, perché sport pugilato, lo stesso judo e i pesi tra gli altri, faranno fare un buon raccolto al medagliere cubano.

L’EZLN esprime ammirazione per la lotta del popolo cubano
11.8 - L'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) ha manifestato la sua ammirazione e il suo rispetto per il popolo di Cuba, per la sua decisione di resistere e di decidere sulla sua sovranità, di fronte alle minacce degli Stati Uniti. In un comunicato firmato a nome di questo gruppo ribelle a Oventic, municipio autonomo del Chiapas, si esprime la conoscenza dei piani statunitensi per attaccare Cuba nella loro "guerra di conquista mondiale". "Sappiamo bene che i piani per attaccare l'Isola di Cuba non sono menzogne, ma neppure è una menzogna la decisione di questo popolo di resistere e di decidere la propria sovranità", afferma il testo che ha ricevuto l’ovazione delle circa 20.000 persone riunite in una zona bassa della Selva Lacandona. Secondo il messaggio dell'EZLN, opporsi all'ingerenza straniera e decidere il proprio destino, non è altra cosa che esercitare la sovranità. L'EZLN ha costituito ufficialmente le proprie Giunte di Buon Governo e i cosiddetti Caracoles, o porte di entrata alle sue comunità, con cui hanno riaffermato l'autonomia degli indigeni.

Messa in rilievo l’importanza del Centro di Restaurazione Neurologica Infantile
12.8 - il Centro di Restaurazione Neurologica Infantile, appena inaugurato nella provincia centrale di Cienfuegos, ha iniziato la sua attività, e i suoi risultati saranno di elevata importanza per Cuba e per il mondo. Nelle vicinanze dell’ospedale del municipio di Aguada de Pasajeros, questo istituto, che assiste bambini con paralisi craniche e con altre disfunzioni, ha una capacità di cura simultanea per 30 pazienti in modo ambulatoriale. Il dottore Julián Alvarez Blanco, presidente del CIREN ha sottolineato l'importanza scientifica e umana che riveste questa nuova opera della Rivoluzione e ha indicato che i risultati da loro raggiunti avranno una grande importanza per il nostro paese e per il mondo.

Gli Stati Uniti hanno negato il visto ad atleti handicappati cubani
12.8 - Gli Stati Uniti hanno negato i visti a una parte della delegazione sportiva cubana che doveva partecipare al Campionato Panamericano di Sollevamento di Pesi per handicappati, con sede a Mc Alaske, California. Una nota della Federazione degli Sport per Handicappati di Cuba, questo lunedì spiega che in risposta a una richiesta di cinque visti, l'Ufficio di Interessi degli Stati Uniti (SINA), a La Habana, ha concesso il permesso ai tre atleti con grave handicap, ma non ai loro due accompagnatori. "L’illogico comportamento delle autorità del SINA ne dimostra il cinismo, perché lo scorso 30 giugno questi tre atleti hanno partecipato a un'intervista, dove si è potuto apprezzare il loro livello di dipendenza da una persona per realizzare alcune attività", aggiunge la nota.

Fidel Castro compie 77 anni immerso nei profondi cambiamenti a Cuba
13.8 - Cosciente che il suo destino "non era quello di venire al mondo per riposare alla fine della vita", il Presidente Fidel Castro festeggia oggi il suo 77 compleanno dando impulso a una colossale trasformazione sociale, nonostante la crescente ostilità degli Stati Uniti contro Cuba. "Vi prometto che starò con voi se così lo desiderate finché ho coscienza di potere essere utile e se prima non lo decida la stessa natura, né un minuto di meno, né un secondo di più", ha affermato Fidel Castro nel marzo scorso durante la costituzione della nuova Assemblea Nazionale del Poder Popular (Parlamento unicamerale). Dopo avere preso possesso della sua carica davanti al massimo organo legislativo del paese, come è avvenuto ininterrottamente dalla sua formazione nel 1976, il Presidente ha riconosciuto che il confronto con le aggressioni dei Governi nordamericani che si sono succeduti per oltre quattro decenni e l'amore per l'opera realizzata lo hanno allenato per una così lunga battaglia. Concentrato negli ambiziosi programmi senza<precedenti di sviluppo educativo, culturale, della salute e in molti altri di ordine sociale, il Capo dello Stato ha compiuto quest’anno anche un'agenda all'estero che lo ha portato agli insediamenti di Luiz Inacio Lula da Silva (Brasile), Lucio Gutiérrez (Ecuador) e Néstor Kirchner (Argentina), tra gli altri eventi. Nel primo trimestre del 2003 il leader cubano ha denunciato al XIII Vertice dei Capi di Stato del Movimento dei Paese Non Allineati il danno che l'attuale politica economica vigente nel mondo causa ai popoli. Inoltre ha realizzato visite ufficiali in Viet Nam e in Cina, e un soggiorno di transito in Giappone.

Cuba, nove volte consecutive vincitrice del baseball panamericano
13.8 - Cuba ha conquistato ieri sera il suo nono titolo di fila nel baseball ai Giochi Panamericani dopo avere sconfitto per 3-1 gli Stati Uniti nella finale dei XIV Giochi continentali di Santo Domingo 2003, l’undicesimo della storia. Cuba ha vinto nel baseball dai Giochi Panamericani di Cali nel 1971, e prima in quelli di Buenos Aires nel 1951 e di San Paolo nel 1963 arrivando a un totale di 11 titoli.

Cuba mette a confronto l’aiuto professionale al Terzo Mondo con il furto di cervelli


14.8 - Il Presidente di Cuba, Fidel Castro, ha messo a confronto la politica di Cuba nella formazione di professionisti di nazioni impoverite dal comportamento dei Governi dei paesi sviluppati che glieli rubano senza pagare un centesimo per la loro preparazione. Intervenendo ieri sera all’abilitazione di circa quattromila giovani nelle specialità mediche, Fidel Castro ha ricordato che molti Stati progrediti dissanguano i paesi sottosviluppati attraverso programmi di borse di studio e di aiuto umanitario. Chiaro, è molto più economico utilizzare il potenziale scientifico ottenuto dal Terzo Mondo che spendere risorse nella sua formazione, ha denunciato il Presidente ribadendo che mai la Rivoluzione cubana si è tenuta un professionista africano o latinoamericano formato a Cuba. Il Capo di Stato ha fatto riferimento alla posizione delle autorità di un paese europeo - senza citarlo - che si vantano di contare su circa "800 medici cubani come se volesse fare una vetrina per competere con Cuba, ma non potranno raggiungerci mai". Noi non sopprimeremo il diritto dei nostri medici a emigrare, ma sì dovranno servire nel paese mentre se ne formano altri, non per pagare gli studi, che oltretutto sono costosi, ha manifestato il Presidente ricordando che ogni giorno sono sempre meno quelli che scelgono di abbandonare Cuba. Si sono approfittati delle difficoltà materiali di Cuba per rubarle i suoi professionisti, ma sono ammirato – ha detto - per quelli che sono rimasti nel paese grazie al senso del dovere in cui si sono formati.

Appello a Cuba per prestare servizi eccellenti nella salute pubblica
14.8 - Il Ministro della Salute Pubblica di Cuba, Damodar Peña, ha fatto appello ai quasi quattromila laureati nelle specialità mediche del paese a prestare un servizio eccellente come unica opzione per rendere concrete le elevate mete in questo settore. Voi in primo luogo dovete pensare a offrire un buon servizio al popolo e poi ai vostri interessi personali, perché sarete i portabandiera dell'offensiva per i servizi eccellenti nell'assistenza medica, ha segnalato Peña, alla presenza del Presidente Fidel Castro. Parlando questo mercoledì ai laureati in medicina, stomatologia, infermeria e tecnologia della salute, il Ministro cubano ha ricordato che i nuovi progetti nel ramo non partono da zero, e oggi sono possibili grazie all'enorme contributo di uomini irreprensibili, veri esempi di preoccupazione per l'essere umano.

Laureati a Cuba oltre 3.000 medici cubani e altri 247 di trentasei nazioni povere
15.8 – Dedicato al 50° anniversario della laurea in medicina del Comandante Ernesto Guevara de la Serna, 3.995 studenti di Medicina a Cuba hanno ricevuto il loro titolo in una cerimonia presieduta dal Presidente Fidel Castro. Durante il suo intervento, il leader cubano ha fatto appello ai neolaureati a trasformarsi in seguaci dell'esempio del mitico guerrigliero argentino-cubano (1928-1967), perché in realtà era – ha insistito - un vero medico. I medici appena laureati faranno parte dell'offensiva per i servizi eccellenti nell'assistenza medica, ha sottolineato Damodar Peña, Ministro della Salute Pubblica, rivolgendosi agli studenti. Durante la cerimonia, vari laureati che si sono distinti si sono espressi a nome degli studenti, tra questi Emilio Ramos Morera che lo ha fatto a nome dei 247 allievi di 36 nazioni del Terzo Mondo che hanno frequentato i loro corsi a Cuba.

Allevatori degli Stati Uniti favorevoli a relazioni normali con Cuba
15.8 - Allevatori dello stato nordamericano della Florida e autorità cubane si sono detti favorevoli questo giovedì a La Habana allo sviluppo di relazioni normali e a un futuro di pace e di amicizia tra Washington e La Habana. Ho la chiara impressione, come uomo d'affari, che tra Cuba e Stati Uniti esistono molte più similitudini che differenze, ha sostenuto in una conferenza stampa John Park Wright, presidente dell’omonima azienda fornitrice di una parte del bestiame statunitense comprato recentemente da Cuba. Park Wright ha segnalato che secondo le leggi nordamericane ha tutto il diritto a commerciare con Cuba, e da buon floridano – ha detto - difenderà questa prerogativa costituzionale, nonostante le due nazioni non abbiano legami dal 1961. Secondo il coltivatore, questo è il momento affinché cubani e nordamericani mantengano un commercio normale e su basi di amicizia, perché quelli che tentano di impedire ora queste relazioni sta pretendendo di soffocare per fame i residenti nell'isola caraibica, ha rimarcato il dirigente.

Fidel Castro: l’unità è l’unica alternativa alla globalizzazione
16.8 – Il Presidente cubano, Fidel Castro, ha affermato che le relazioni tra Cuba e Paraguay possono solo avere un futuro di miglioramento e ha affermato che l’unità e la razionalità sono le uniche alternative alla globalizzazione. Venerdì, in dichiarazioni alla stampa, dopo essersi incontrato ad Asunción c6n il Presidente paraguayano eletto, Nicanor Duarte, che domani assume la presidenza, il Presidente cubano ha ribadito la disposizione di Cuba a cooperare con il Paraguay. Sono sicuro che si può cooperare in molti campi. Esprimiamo a Duarte la nostra disposizione, ha precisato. Allo stesso modo, ha segnalato che "prima di tutto desideriamo l’integrazione dell’America Latina, si unisca, e che nessuno interferisca in questa unione". "Poi, e con tutta la forza dei latinoamericani uniti, bisogna far fronte ai grandi problemi del mondo e sviluppare le relazioni con tutti gli altri", ha spiegato di fronte alle insistenti domande dei giornalisti. In seguito ha fatto riferimento al problema del debito estero dei paesi della regione, alcuni dei quali hanno un debito equivalente a oltre il 100 % del loro Prodotto Interno Lordo. L’unità è l’unico cammino che rimane, non esiste alternativa, ha aggiunto prima di sottolineare che il progettato ALCA (Area di Libero Commercio delle Americhe promossa da Washington) "equivale all’annessione dell’America Latina agli Stati Uniti".

Concluso il Festival Internazionale di Rap cubano con un mega-concerto

18.8 – Il IX Festival Internazionale di Rap Habana Hip Hop, che ha radunato a Cuba oltre 20 artisti di 10 nazioni, è terminato a La Habana con un mega-concerto al quale hanno partecipato i principali esponenti di questo genere a Cuba. Gruppi come ‘I paesani’, ‘Fratelli di causa’, ‘Anonimo consiglio’, ‘Grandi leghe’ ed ‘Esplosione suprema’, hanno fatto udire le loro voci nella Piazza dell'Africa di Alamar (quartiere ubicato a est del centro della capitale) in conclusione del principale appuntamento del movimento hip hop. Durante questa giornata ha avuto pure luogo al Caffè Cantante del Teatro Nazionale uno spettacolo dedicato alle ragazze, al quale hanno partecipato le rapper cubane Maggia (componente del duo ‘Ossessione’ che recentemente ha realizzato una tournée negli Stati Uniti), Doricel, Mariana e ‘Las krudas’, insieme a cantanti dell'Argentina e di Portorico. Dallo scorso 11 agosto, il festival ha aperto le sue porte con un ciclo di colloqui sullo sviluppo del movimento hip hop a Cuba e sulle problematiche che affrontano i suoi interpreti. Si è discusso pure sulle origini africane del rap e sull'influenza degli stili latinoamericani nello stesso. L’Associazione Hermanos Saíz (un'organizzazione incaricata di promuovere i giovani talenti dell'arte a Cuba) e altre istituzioni organizzatrici dell'appuntamento hanno messo in rilievo che il movimento hip hop è cresciuto e ha guadagnato in qualità dal primo festival celebrato a La Habana nel 1994. Intanto, gli esponenti del genere affermano che il festival è un'opportunità unica per condividere esperienze con i loro omologhi di altri paesi e del resto dell'Isola.

L’Alabama, un altro stato nordamericano interessato al commercio con Cuba
18.8 – Capeggiata da Ron Sparks, delegato di Agricoltura e Industria dello stato dell'Alabama, si trova a La Habana una numerosa delegazione di imprenditori nordamericani interessati a fare affari con Cuba. Veniamo a esplorare il mercato cubano e speriamo di stabilire una relazione commerciale tra Cuba e l’Alabama, ha dichiarato il funzionario statale, che ha annunciato che questo sarà il "primo di molti viaggi" all'isola caraibica. Sparks, che è stato ricevuto all'aeroporto di La Habana dal direttore dell'azienda cubana commercializzatrice di alimenti Alimport, Pedro Alvarez, ha viaggiato accompagnato da rappresentanti della Camera di Commercio, da autorità portuali e da membri del settore agricolo di questo stato meridionale dell'Unione. La funzionaria portuale María Conchita Méndez ha considerato, da parte sua, che il blocco imposto dagli Stati Uniti a Cuba da oltre 40 anni rappresenta una politica della guerra fredda che deve essere abolita. È ora di aprire le porte e di vedere come i due popoli possono beneficiarsi mutuamente, ha aggiunto la Méndez, che ha considerato il fatto che molti prodotti cubani, tra questi il nichel, avrebbero una grande accoglienza sul mercato statunitense. Le vendite di alimenti e di altri prodotti nordamericani a Cuba erano cominciate alla fine del 2001, dopo il passaggio a Cuba del devastante uragano Michelle nel novembre di quell'anno. In tale occasione, Washington aveva offerto aiuto umanitario a La Habana, benché l'importo dello stesso fosse condizionato a una valutazione realizzata da esperti statunitensi al servizio della Casa Bianca. Cuba aveva ringraziato per il gesto, ma al suo posto chiese di acquistare direttamente gli alimenti e i prodotti necessari sul mercato nordamericano. Tuttavia, nessuna delle condizioni vigenti nel commercio internazionale è stata presente in queste operazioni, poiché i pagamenti cubani devono essere effettuati in contanti e La Habana non ha diritto ad agevolazioni di crediti, né può utilizzare le sue navi per trasportare i prodotti acquistati.

Un'altra volta al vertice, Stati Uniti e Cuba lasciano Santo Domingo 2003
18.8 - Stati Uniti e Cuba hanno lasciato i più alti gradini del podio dei XIV Giochi Panamericani Santo Domingo 2003, con qualcosa in comune a questi appuntamenti fin da Cali '71. Gli atleti dei due paesi hanno conquistato oltre il 55 % dei titoli continentali disputati a Quisqueya, l'ultimo dei quali (la gara maschile di ciclismo) si è concluso domenica con il trionfo dell'uruguayano Winston Wynants, vincitore in precedenza della corsa a punti. Da 1971, Stati Uniti e Cuba hanno fatto primo e secondo nel medagliere, in quest'ordine, a eccezione di La Habana '91 quando hanno invertito le posizioni e Cuba salì in vetta. Questa volta, i due paesi hanno ottenuto rispettivamente 116-80-75 totale 271 e 72-41-38 totale 151, tra ori, argenti e bronzi, ma sono rimasti sotto il totale della raccolta ottenuta a Winnipeg '99, di 299 e 157 medaglie totali.. Il Canada ha ottenuto il terzo posto con 29-56-42 totale 127, scortato da un difficile rivale, il Brasile 29-40-54 totale 123, che ha dato battaglia fino alla fine. I posti dal quinto al decimo sono stati assegnati nel seguente modo: Messico (20-27-32 totale 79), Venezuela (16-20-28 totale 64), Argentina (16-20-27 totale 63), Repubblica Dominicana (10-12-19 41), Colombia (10-8-24 42) e Giamaica (5-2-7 14). A Santo Domingo, 17 paesi hanno ottenuto almeno un titolo, erano 18 a Winnipeg. Tuttavia, 31 delegazioni delle 42 partecipanti hanno ottenuto medaglie, quattro in più che in Canada. Così è stato detto addio ai XIV Giochi, mentre già Rio de Janeiro si prepara per i XV nel 2007, una transizione dal merengue al samba.

Comminate a Cuba pene ai narcotrafficanti

19.8 - Il Tribunale Provinciale Popolare di Ciudad de La Habana ha condannato due venezuelani e otto cubani per il delitto di traffico internazionale di droga a pene che vanno dai 10 anni di prigione fino all’ergastolo. Gli individui avevano introdotto a Cuba circa 4 Kg. di cocaina e quantitativi di marijuana attraverso le coste dell'Isola. Marco Tulio Daza, condannato all’ergastolo, aveva molti precedenti nel narcotraffico ed era stato condannato precedentemente in Germania, per avere introdotto illecitamente 700 grammi di cocaina in quel paese. Allo stesso modo, il venezuelano Eduardo López, sconterà 20 anni di prigione per avere ingerito la droga trasportata. Il Tribunale ha disposto che gli stranieri vengano espulsi del territorio nazionale dopo avere scontato le loro condanne, come pure ha deciso la confisca dei beni sequestrati durante il processo, tra cui denaro, gioielli e apparecchi elettrodomestici acquistati attraverso il traffico di sostanze illegali.

Presentato a Cuba un libro che smaschera un presunto dissidente locale
19.8 - Un libro che smaschera il capoccia di una presunta dissidenza interna a Cuba, Elizardo Sánchez, chi secondo il testo aveva collaborato "per volontà propria" con la Sicurezza cubana, è stato presentato a La Habana dai suoi autori. Intitolato "El Camaján", termine che nel dizionario dei cubanismi designa un vitellone in senso spregiativo, il libro di 70 pagine scritto dai giornalisti Lázaro Barredo e Arleen Rodríguez contiene inoltre più di 40 foto e numerose prove documentate del doppio gioco politico di Sánchez. Durante la presentazione realizzata questo lunedì, Barredo ha rivelato che nel 1997, l'individuo aveva sorpreso la direzione del controspionaggio cubano con la richiesta di trasformarsi in un informatore volontario. La rivelazione fatta dall'autore del volume si basa su fotografie che mostrano l'agente Juana, pseudonimo che venne assegnato a Sánchez, durante i suoi contatti con gli ufficiali con i quali era in contatto, o perfino nel momento in cui era stato insignito per i suoi vari servizi al Ministero dell'Interno.

Cuba aspira all’aumento della quantità di turisti
20.8 - Cuba aspira a registrare quest’anno oltre 1.900.000 visitatori fatto che rappresenta un 12.6 % in più dello scorso anno, ha affermato Ibrahím Ferradaz, Ministro del Turismo di Cuba. Al termine del primo semestre di quest’anno Cuba ha incrementato del 16 % gli arrivi a paragone dello stesso periodo del 2002. Secondo Ferradaz, la crescita dei numeri nelle visite ha un significato speciale, perché si è prodotta in una situazione mondiale complessa. Il Ministro ha aggiunto che Cuba dovrà concludere il 2003 con circa 42.000 nuove camere. In un giro per la provincia di Santiago de Cuba, Ferradaz ha visitato l'Ostello San Basilio, recentemente inaugurato, e ha considerato che questa installazione, la prima del suo tipo nella provincia, contribuisce all'aumento della capacità di alloggio.

Centro Nazionale di Genetica Medica, colossale ricchezza cubana
20.8 - il Centro Nazionale di Genetica Medica di Cuba, istituzione scientifica con la preziosa missione di portare a termine azioni assistenziali, di docenza e di ricerca in questo campo, è un simbolo di ciò che si può fare quando esiste la volontà. Mostra dell'immenso valore umano, politico e sociale del Programma di Sviluppo Genetico, iniziato nel paese due anni fa, questo centro conta su un personale di elevata qualità professionale, disposto a ricercare e a dare risposta ai problemi degli handicappati di qualunque parte di Cuba e di altre nazioni. La nuova installazione, inaugurata ufficialmente dal Presidente cubano, Fidel Castro, il 5 agosto del 2003, conta sulla più moderna tecnologia esistente al mondo per la diagnosi di malattie genetiche e la loro prevenzione, oltre a offrire assistenza clinica ai professori competenti.

La desertificazione è un problema globale, afferma un Ministro cubano
21.8 - Il Ministro cubano di Scienza, Tecnologia e Ambiente (CITMA), Rosa Elena Simeón, ha confermato che la desertificazione è oggi un problema globale che colpisce direttamente l'uomo. Tale fenomeno è strettamente vincolato alla sicurezza alimentare dell'umanità e alla povertà, ha precisato il Ministro in una conferenza stampa offerta in occasione dell’inizio, a partire dal prossimo giorno 23 a La Habana, della VI conferenza delle Parti della Convenzione su questo tema e sulla Siccità. Questa riunione, alla quale si aspetta la partecipazione di circa 1.400 persone, tra cubani e stranieri, ha uno speciale significato dal momento in cui tutti i paesi del mondo, eccetto due, che non hanno aderito per problemi interni, sono membri di questo accordo internazionale, ha segnalato la Simeón. Questa è la prima volta che una riunione di questo tipo avviene in un paese insulare e nei Caraibi, aspetto che risponde all'autorità e al prestigio di Cuba, grazie a tutta la sua opera nella sfera sociale e ambientale, ha sottolineato.

Opportunità unica di studiare medicina a Cuba, mettono in risalto giovani statunitensi
21.8 - Un'opportunità unica nella loro vita per ciò che significherà nel loro futuro professionale di medici, è stata la definizione data da 16 giovani nordamericani alla possibilità di studiare nella Scuola Latinoamericana di Medicina di La Habana. In tal modo assommano a 60 gli studenti statunitensi che hanno partecipato a questo progetto impostato da Cuba nel febbraio 1999 e che già può contare su oltre 7.000 futuri medici di 24 nazioni. Ricevendoli questo mercoledì all’aeroporto José Martí di La Habana, José Miyar, segretario del Consiglio di Stato, ha considerato che questa è una nuova possibilità affinché persone statunitensi con basse entrate si formino come medici e applichino successivamente le loro esperienze negli Stati Uniti. I giovani provengono da diversi stati dell'Unione e sono stati selezionati da un'organizzazione religiosa nordamericana tra poveri, ispanici, neri e gruppi indigeni.

Messo in evidenza il lavoro dei medici cubani in Venezuela
21.8 - Funzionari venezuelani hanno messo in risalto a Caracas i risultati del ‘Piano nel Quartiere’, e il lavoro dei medici cubani che partecipano a questa iniziativa, che verrà estesa a tutto il paese. Il sindaco di Caracas, Freddy Bernal, ha segnalato ‘Nel Quartiere’ è un'iniziativa di popolo, al fine di migliorare la vita dei settori con meno risorse. Bernal ha commentato che il progetto si basa sull'inserimento nei settori popolari di un medico che attenda direttamente alla salute primaria e prevede pure un programma di alimentazione. Intanto, il coordinatore nazionale di questa iniziativa, Rafael Vargas, ha commentato che ‘Nel Quartiere’ porta alle comunità oltre alla salute, anche sport e alimentazione. Ha messo in evidenza il fatto che i medici cubani hanno realizzato missioni in oltre 90 paesi di Africa, Asia e America Latina. I lavoratori della salute cubani sono specialisti in medicina familiare e inoltre possiedono una grande sensibilità sociale, ha manifestato Vargas. Ha rilevato che il Programma Integrale di Salute (PIS) creato da La Habana ha beneficato oltre otto milioni di persone nel mondo. All’inizio il PIS era basato sull'invio in quelle nazioni di medici cubani che curavano la popolazione con minori risorse in modo gratuito, ha aggiunto.

Cuba presenta le condoglianze a Kofi Annan per l’attentato in Iraq

22.8 - Cuba ha presentato le condoglianze al Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, per la tragedia in Iraq dove in un attentato sono morte 24 persone, sei di queste funzionari dell’ONU, compreso il suo rappresentante speciale Sergio Vieira de Mello. In una nota ufficiale, il Ministero delle Relazioni Estere ha espresso le più profonde condoglianze per gli eventi a nome del Governo Rivoluzionario e ha chiesto al Segretario Generale dell'ONU di comunicare questo sentimento ai familiari delle vittime, in particolare a quelli brasiliani di Vieira de Mello.

Lula respinge il blocco e si pronuncia a favore di maggiori relazioni con Cuba
23.8 - Il Presidente Luiz Inacio Lula da Silva ha ribadito il rifiuto al blocco degli Stati Uniti contro Cuba e si è pronunciato a favore del rafforzamento delle relazioni tra Brasile e Cuba. Lula ha affrontato il tema in una conferenza stampa tenuta questo venerdì con corrispondenti stranieri accreditati a Brasilia e della quale il quotidiano ‘O Globo’ ha pubblicato questo pomeriggio una versione sulla sua edizione in Internet. Il Presidente ha definito il blocco non necessario, si è pronunciato per una maggiore collaborazione economica e commerciale con Cuba e ha espresso che esiste la possibilità del Brasile di offrire crediti per modernizzare alcuni settori industriali cubani. Ha aggiunto che questo gigante sud-americano deve essere generoso nelle sue relazioni con paesi piccoli come Uruguay, Paraguay, Cuba e Guyana. Allo stesso modo ha difeso l'autodeterminazione del popolo cubano nel decidere la sua forma di organizzazione politica e di produzione.

Provata la relazione tra il terrorista Posada Carriles e l’assassinio di Kennedy
23.8 - Un documentario di produzione nordamericana presenta nuove testimonianze sulla presenza del terrorista di origine cubana Luis Posada Carriles nel luogo dove venne assassinato a fucilate il Presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy nel 1963. La pellicola intitolata "JFK, the Proof" presenta i risultati della ricerca commissionata dal commerciante olandese Wim Dankbaar al detective in pensione Zack Shelton che aveva lavorato per 28 anni all'Ufficio Federale di Indagini. Le ricerche hanno indicato che uno dei tre individui arrestati dalla polizia dopo l'assassinio di Kennedy a Dallas, Texas, il 22 novembre 1963, affermò che Posada Carriles si trovava lì quando venne eseguito l’omicidio. Dankbaar afferma che Chauncey Holt, uno dei tre presunti vagabondi arrestati, testimoniò sulla relazione tra il noto terrorista e la morte del Presidente.

Sequestrate a Cuba circa quattro tonnellate di droga
23.8 – Circa quattro tonnellate di droga sono state sequestrate dalle autorità cubane, di queste il 98 % come risultato della lotta contro il narcotraffico internazionale. Una nota ufficiale sottolinea il lavoro multilaterale realizzato dagli organismi dello Stato cubano contro il traffico illecito durante l'ultimo semestre di quest’anno. Evidenzia che il maggiore volume, l’86 % della droga sequestrata è marijuana, meno di mezza tonnellata di cocaina e piccole quantità di altre sostanze. Durante questa fase, aggiunge, si è verificato un incremento delle incursioni marittime e aeree dei narcotrafficanti per cui sono stati confiscati 196 carichi, di questi 154 di marijuana.

Il Guinness dei Primati certifica un sigaro cubano come il più lungo del mondo
25.8 - La Casa madre del Guinness dei Primati ha riconosciuto il sigaro di 14.86 metri di lunghezza fatto dal tabaquero cubano José Castelar come il più lungo del mondo. Il sigaro è stato confezionato alla fine dell'anno 2002 durante la celebrazione del centenario delle relazioni diplomatiche tra Regno Unito e Cuba e del nono anniversario della Casa del Habano Partagás. Castelar, avanguardia nazionale di Cuba per oltre un lustro e lavoratore nel negozio di La Habana ‘La Triade’, della Compagnia Universo, aveva ottenuto lo stesso record del sigaro più lungo del mondo nell'anno 2001 con uno di 11.04 metri. Il certificato che accredita l'opera verrà dato ufficialmente al suo creatore il prossimo giovedì a La Triade, nel Centro Storico della Città. Omologato dalla Casa Londinese del Guinness dei Primati, Castelar ha creato il sigaro con foglie delle pianure del noto raccoglitore cubano di Vueltabajo, nell'occidentale provincia di Pinar del Río, Alejandro Robaina.

Chávez respinge la sentenza di un tribunale sulla presenza di medici cubani
25.8 - Il Presidente Hugo Chávez ha affermato che la sentenza di un tribunale che proibisce il lavoro dei medici cubani in Venezuela non sarà rispettata perché è incostituzionale e va contro il diritto alla vita. Qualcuno crede che il popolo venezuelano accetti questa decisione che è incostituzionale, ha rimarcato Chávez nel suo tradizionale programma ‘Aló Presidente’. La Prima Corte del ContenziosoAmministrativo ha emesso la scorsa settimana una sentenza mediante la quale esige la partenza dei medici cubani che attendono gratuitamente la popolazione con basse risorse di Caracas. "Quale tribunale può decidere la morte dei poveri? Quale tribunale ha potestà per togliere al popolo la salute?", ha chiesto lo statista. Chávez ha segnalato che nel potere giudiziario permane ancora molto tessuto da tagliare, dalla Corte Suprema di Giustizia fino a quelli locali, perché in questi organismi non è stato fatto molto riguardo alla trasformazione dello Stato. Il piano ‘Nel Quartiere’ è parte di un accordo di due Stati sovrani, firmato dai Presidenti di Cuba, Fidel Castro, e del Venezuela, Hugo Chávez, ha ricordato.

Ricordo degli alfabetizzatori cubani in Nicaragua
25.8 - Il lavoro degli alfabetizzatori cubani che hanno partecipato alla Crociata per eliminare l'analfabetismo in Nicaragua durante il Governo del Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale (FSLN) - 1979-1990 – è stato ricordato a Managua. La Gioventù Sandinista 19 di Julio ha commemorato il 23 anniversario di detta campagna con una cerimonia di fronte al Monumento all'Alfabetizzazione, nell'Università Nazionale di Ingegneria (UNI), a Managua. Mario Rivera, coordinatore dell'organizzazione giovanile, ha detto che l’apporto di Cuba è stato decisivo per cercare di eliminare l'analfabetismo che colpiva - in quell'epoca - oltre il 60 % della popolazione. L'esempio degli educatori di Cuba che andarono nei posti più remoti della nostra geografia, è presente in migliaia di famiglie contadine che hanno imparato a leggere e a scrivere, ha aggiunto. Abbiamo ricordato i giovani nicaraguensi che si erano uniti a quella campagna, la prima in America Centrale per sconfiggere l'ignoranza alla quale erano stati sottoposti i nostri popoli. La Gioventù Sandinista, ha precisato Rivera, mantiene in modo permanente una campagna di solidarietà con Cuba, che nonostante il blocco nordamericano, offre il suo apporto disinteressato alle nostre nazioni "consumate dal neoliberismo".

Chávez ringrazia Fidel Castro per l’appoggio al piano di alfabetizzazione
25.8 - Il Presidente venezuelano, Hugo Chávez, ha nuovamente ringraziato il suo omologo cubano, Fidel Castro, per il suo appoggio a un piano di alfabetizzazione che cerca di insegnare a leggere e a scrivere a oltre un milione di persone. "Senza l'appoggio di Fidel (Castro) e di Cuba, la Missione Robinson semplicemente non avrebbe potuto neppure cominciare", ha segnalato davanti a circa due milioni di persone concentrate nel viale Bolívar per festeggiare i tre anni del suo Governo. Chávez ha sottolineato che questa iniziativa si è trasformata in un piacevole uragano. Il Presidente ha pure criticato la decisione di un tribunale che ha proibito il lavoro degli oltre 900 medici cubani che lavorano gratuitamente nei settori più poveri di questa capitale. Abbiamo chiesto al Tribunale Supremo di Giustizia che apra un'indagine sui tre giudici che "hanno preso una decisione contraria alla vita del popolo", ha manifestato. A suo giudizio, questi magistrati non meritano di essere giudici in Venezuela.

Oltre 15.000 lavoratori sociali inizieranno l’attività a Cuba
25.8 - L'attenzione ai giovani disoccupati, agli ex-reclusi, agli anziani, agli handicappati e ai bambini con problemi di comportamento è compresa tra i compiti da affrontare tra breve degli oltre 15.000 lavoratori sociali su cui oggi conta Cuba. Secondo il primo segretario dell'Unione dei Giovani Comunisti (UJC), Otto Rivero, i professionisti lavoreranno a partire dal 27 agosto prossimo nei 169 municipi del paese. La loro missione è quella di portare in ogni casa cubana mediante il loro comportamento morale, politico e professionale, l'interesse della nostra Rivoluzione a raggiungere livelli più alti di giustizia sociale, ha affermato Rivero in una riunione nazionale dei dirigenti di questo progetto che si è tenuta ieri a La Habana. Ha aggiunto che l'organizzazione giovanile ha la responsabilità di garantire la continuità degli studi a coloro che sono stati abilitati di recente attraverso il processo di universalizzazione dell'insegnamento, che cerca di portare l'educazione universitaria in ogni municipio di Cuba. Dall’incontro è emerso che le quattro scuole cubane per lavoratori sociali riceveranno a partire da settembre prossimo 7.000 nuovi alunni.

Il Governo venezuelano ribadisce il rifiuto della sentenza contro i medici cubani
26.8 - Il Ministro della Salute e dello Sviluppo Sociale, María Urbaneja, ha affermato a Caracas che la sentenza emessa da un tribunale, che proibisce il lavoro dei medici cubani in Venezuela, è nulla e ineseguibile, oltre a essere politica. La Urbaneja questo lunedì ha affermato che i medici di Cuba continueranno a lavorare perché nessun tribunale può agire contro diritti fondamentali come lo sono la salute e la vita. Ha sottolineato che la sentenza è irrealizzabile dal punto di vista giuridico perché il Primo Tribunale del Contenzioso-Amministrativo non può stabilire che l'accredito venga concesso dal Collegio Medico Metropolitano. Questo è un accordo firmato tra Cuba e Venezuela, pertanto l'avallo è determinato dai due Stati ed è un piano umanitario che fa parte di un accordo macro di cooperazione bilaterale, ha commentato.

Definite indignanti le manovre per liberare Posada Carriles
26.8 - Cuba ha definito indignanti le manovre della Fondazione Nazionale Cubano-Americana per far scarcerare a Panama Luis Posada Carriles e i suoi complici, che tentarono di assassinare il Presidente Fidel Castro nel novembre 2000. Secondo un articolo del settimanale ‘Trabajadores’ la posizione di Posada Carriles, Guillermo Novo Sampoll, Pedro Remón Rodríguez e Gaspar Jiménez Escobedo di dichiararsi innocenti è assurda, dato il grande curriculum di terroristi che hanno questi detenuti nel carcere di ‘El Renacer’, ad alcuni passi dal Canale di Panama. Ma più indegna risulta, afferma il settimanale, la posizione adottata da "alcune personalità di Panama collegate alla FNCA affinché tali criminali siano dichiarati innocenti, dimenticando le migliaia di loro compatrioti che sarebbero morti, se tali propositi non fossero stati frustrati".

Argento per il cubano Betanzos nel salto triplo a Parigi ‘03
26.8 - Il cubano Yoandri Betanzos ha conquistò la medaglia d’argento nella finale del salto triplo al Mondiale di Atletica a Parigi '03, con una misura di 17.28 metri, superato solamente dallo svedese Christian Olsson con 17.72. Betanzos, fiammante vincitore panamericano a Santo Domingo '03, ha ottenuto il salto argentato al suo primo tentativo che è anche la sua migliore prestazione in questa stagione. Poi ha registrato una misura di 17.23 al quarto turno.

Cuba garantisce un maestro ogni 20 alunni nell’insegnamento elementare
27.8 - Il prossimo periodo accademico a Cuba che inizierà il prossimo 1° settembre, garantirà in tutto il paese un maestro ogni 20 bambini nell'insegnamento elementare, con cui verrà favorita una maggiore preparazione integrale degli studenti. All'esperienza avuta lo scorso anno scolastico a La Habana, e che ora viene estesa a tutta Cuba, si unisce ora l'utilizzo di mezzi audiovisivi nelle oltre 9.000 scuole primarie cubane, computer e l’apporto del Canale Educativo, che diffonde lezioni di elevata qualità per gli 858.000 alunni. Secondo l’opinione del Ministro dell’Educazione, Luis Ignacio Gómez, i mezzi sui quali contiamo "ci impegnano a lavorare ai livelli più alti affinché i nostri bambini imparino molto di più, perché le condizioni sono state create, e il paese ha realizzato grandi sforzi in tal senso".

Ricerche su virus che colpiscono gli ortaggi
27.8 – Ricercatori del Centro Nazionale di Sanità Agro-zootecnica (CENSA), che si trova nel municipio di San José de las Lajas, provincia di La Habana, stanno lavorando su un progetto di identificazione di virus che colpiscono gli ortaggi. Il programma in atto, in collaborazione con l'Unione Europea, comprende la caratterizzazione di ‘begomovirus’ nell'area dei Caraibi, dato che questo genere di virus danneggia un'ampia gamma di coltivazioni. Yamila Martínez, capo del progetto nel CENSA, ha spiegato che questi microrganismi hanno avuto un'ampia ripercussione sull'agricoltura cubana negli ultimi tempi, perché hanno provocato grandi perdite. "Questa è, propriamente, la base della gestione del progetto regionale, perché le contaminazioni non hanno avuto incidenza diretta solamente a Cuba", ha affermato la dottoressa in scienze.

Il sindaco di Caracas ricorre contro la sentenza del tribunale contro i medici cubani
29.8 - Il sindaco di Caracas, Freddy Bernal, ha intrapreso un'azione in opposizione alla misura cautelare decretata da un tribunale che ha proibito il lavoro dei medici cubani in Venezuela. Nessuna decisione emessa dalla Prima Corte del Contenzioso-Amministrativo o da qualsiasi altra, può stare al di sopra del diritto alla vita e della salute previsto nella Costituzione, ha segnalato questo giovedì il funzionario. Questa istanza aveva ordinato alla Scuola Medica Metropolitana di sospendere il lavoro dei medici di Cuba che assistono gratuitamente i settori della città che hanno meno risorse. Vari membri del Governo hanno denunciato che questo tribunale è controllato dall’opposizione, che cerca di attaccare uno dei principali piani sociali dell’Esecutivo. Bernal ha sottolineato che la misura della corte è fuori dal contesto reale, poiché il municipio di Caracas non ha assunto i medici cubani.

La cubana Moreno ha vinto l’oro nel martello ai Mondiali di Atletica
29.8 - La cubana Yipsi Moreno ha lanciato il martello fino a 73.33 metri e ha vinto la medaglia d’oro al Campionato Mondiale di Atletica di Parigi 2003. La Moreno, di 22 anni di età, ha superato la russa Olga Kuzenkova e la francese Manuela Montebrun, che hanno ottenuto rispettivamente 71.71 e 70.92 metri. Ora Cuba ha una medaglia d’oro e un'altra d’argento, questa di Yoandri Betanzos, nella fine del salto triplo maschile. Iván Pedroso, una delle più grandi speranze di vittoria dei cubani, si è infortunato nel primo salto dei turni di qualificazione e non potrà entrare questo venerdì tra i finalisti del salto in lungo.

Aziende della California e Cuba sottoscrivono accordi per 10 milioni di dollari
30.8 - Lo scambio commerciale tra Cuba e Stati Uniti ha ricevuto a La Habana un nuovo impulso con la sottoscrizione di un accordo per 10 milioni di dollari. Dopo una settimana di negoziati, una delegazione dell'Associazione del Centro Mondiale di Commercio di Los Angeles-Long Beach, California, e una delegazione dell'azienda cubana Alimport hanno firmato questo venerdì l'accordo che permette a Cuba di acquistare nel 2004 alimenti, medicine e apparecchiature per la salute di aziende californiane per l'importo indicato. In una conferenza stampa, Barry Sedlik, direttore esecutivo e presidente di ACMC LA-LB, ha considerato questo affare una prova delle opportunità offerte dal paese per la comunità commerciale della California.

Leader l'indigeno statunitense porta un alto riconoscimento per il Presidente cubano
30.8 - Daniel Yang, leader del Consiglio Giovanile del Movimento Indigeno Nordamericano (AIM nella sua sigla in inglese), ha espresso ieri a La Habana la sua intenzione di decorare e di onorare il Presidente cubano, Fidel Castro, con una piuma di aquila, massima onorificenza guerriera. Yang, che è anche ambasciatore nel mondo di questo movimento che dal 1968 si è organizzato per lottare per i diritti e per la terra degli indigeni degli Stati Uniti ha spiegato che è stato inviato dal suo padrino Leonard Peltier, che da 28 anni è in prigione per avere semplicemente difeso il suo popolo. Ha aggiunto che Peltier ha inviato, inoltre, un quadro da lui dipinto dove vi è un capo Dakota che affronta le truppe statunitensi. Con il regalo Peltier ringrazia per gli oltre 30 anni di sostegno tra Cuba e questo popolo dell'Unione.