italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@tiscali.it 

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

Pagina superiorecerca negli articoli sulla Repubblica Dominicana

titolo articolo
Dominica: i paesi dell'ALBA analizzano le proposte di sviluppo culturale

Giugno 2010 - PL.- I paesi dell'Alleanza Bolivariana per i Popoli di Nuestra America (ALBA) discutono da ieri proposte per rafforzare lo sviluppo culturale nei propri territori, in alternativa alle correnti egemoniche. Per due giorni, ministri e funzionari di Cuba, Bolivia, Dominica, Nicaragua, Venezuela e Paraguay come invitato, baseranno le proprie discussioni sul progetto Grannacional ALBA Cultural, che stimola la creazione artistica e letteraria latinoamericana e caraibica. L'iniziativa, che incoraggia la produzione, la distribuzione e la circolazione di beni e servizi culturali, Ŕ anche pensata per contribuire alla trasformazione e l'unitÓ della regione. L'appuntamento dominicano include un atto simbolico per le manifestazioni tipiche dell'isola delle Antille e una visita alla comunitÓ indigena di caribe, la pi¨ grande della zona, con circa tre mila nativi. L'ALBA, un meccanismo di integrazione politica, sociale ed economica regionale, promuove dal 2008 l'unitÓ culturale per cercare di riscattare, preservare e sviluppare le tradizioni dei popoli d'America Latina e dei Caraibi. L'organizzazione raggruppa gli stati di Venezuela, Cuba, Bolivia, Nicaragua, Ecuador, San Vicente e las Granadinas, Dominica e Antigua e Barbuda. (Traduzione Granma Int.)

Dominica, Isola dei Caraibi, festeggia 31 anni d'indipendenza (Sinay CÚspedes Moreno)

Novembre 2009 - Mostre su cultura creola, costumi e balli tradizionali hanno contrassegnato le celebrazioni per i 31║ anniversario dell'indipendenza della Mancomunidad della Dominica. Nota come "Isola Naturale dei Caraibi" per l'esuberanza della sua vegetazione e la bellezza delle sue spiaggia, i primi cambiamenti politici di questo territorio furono da colonia britannica, dal 1805, a provincia della Federazione delle Indie Occidentali nel 1958. Nel 1967 divenne uno Stato associato del Regno Unito, sino al 3 novembre del 1978, quando ottenne la sua indipendenza. A differenza di altre isole colonizzate dalla Gran Bretagna, Dominica Ŕ una Repubblica, e questo le facilita l'essere un membro attivo in organi zonali come la ComunitÓ dei Caraibi (CARICOM), l'Organizzazione degli Stati dei Caraibi Orientali e l'Alleanza Bolivariana per i popoli di Nuestra AmÚrica (ALBA). Le sue maggiori fonti di introito, l'agricoltura, con le banane come merce principale, sono decadute come conseguenza delle avversitÓ del clima ed i cambi nel regime del commercio della frutta. Costretti a modificare l'economia, il turismo Ŕ diventato il settore che garantisce pi¨ entrate di capitali nel paese, soprattutto nella modalitÓ ecologica. Passi avanti significativi nell'educazione, la salute gratuita per gli anziani ed i minori di 18 anni, con programmi sociali di attenzione agli anziani abbandonati, si contano tra le conquiste realizzate negli ultimi trentanni. Inoltre c'Ŕ il consolidamento delle relazioni con il resto della CARICOM e dell'America Latina, che ha favorito l'aumento degli accordi di collaborazione dal 2004, quando fu eletto il primo ministro Roosevelt Skerrit (Traduzione Granma Int.).