italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@tiscali.it 

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

Pagina superiorecerca nelle nazioni non comprese
nella pagina precedente

titolo articolo
Il Ministro degli Esteri del Suriname esalta l'aiuto cubano al suo paese Miguel Maury Guerreo

Ottobre 2010 - Winston Guno Lackin, Ministro degli Esteri della Repubblica del Suriname, ha considerato l'aiuto elargito da Cuba al suo paese in varie sfere, come la più importante della sua storia. L'ospite ha formulato le proprie dichiarazioni nella sede del Ministero, dove è stato ricevuto dal suo corrispettivo cubano, Bruno Rodríguez Parrilla. Ha evidenziato che entrambe le nazioni hanno lavorato negli ultimi anni in modo esemplare, come paesi indipendenti e fratelli. Oggi condividiamo sfide comuni, i nostri nessi hanno solide basi, ha detto Rodríguez Parrilla dando il benvenuto all'ospite. Ha pure ringraziato l'appoggio che la nazione del Sud America ha offerto all'Isola nell'Organizzazione delle Nazioni Unite, contro il blocco economico, commerciale e finanziario statunitense. Dopo il suo arrivo, domenica, all'Avana, il capo della diplomazia del Suriname, in visita ufficiale all'Isola, sosterrà contatto con alti dirigenti del Governo cubano. I due Stati stabilirono le relazioni diplomatiche il 31 maggio del 1979, che furono congelate dopo l'invasione statunitense a Granada nel 1983 e poi ristabilite il 12 maggio del 1995. 23 collaboratori cubani prestano servizio in Suriname, 18 dei quali lo fanno nella sfera della sanità. Fino ad ora, 54 giovani di questa nazione si sono laureati a Cuba, principalmente in specialità mediche, e una cifra simile sta attualmente studiando a Cuba (Traduzioni Granma Int).

Funes rifiuta la presenza di Micheletti in San Salvador

Giugno 2010 - CD.- Il presidente di El Salvador Mauricio Funes ha criticato la presenza nel paese dell'ex presidente di Honduras Roberto Micheletti, invitato dalla destra più conservatrice e che è stato dichiarato dal sindaco della capitale "ospite distinto". "Il mio governo ha ripudiato e condannato il colpo di Stato in Honduras e non riconosce nessuna legittimità al golpista, omaggiato da pochi nostalgici della dittatura" ha dichiarato Funes. Micheletti è stato in San Salvador martedì e mercoledì e ha affermato di non essere pentito del suo comportamento durante il golpe del giugno 2009. Mentre il sindaco di destra di San Salvador, Norman Quijano, dichiarava "ospite distinto" Micheletti, il governante Frente Farabundo Martí per la Liberazione Nazionale lo dichiarava "persona non grata". "Quando vedo che tra noi c'è chi riconosce ed elogia un golpista, non posso fare a meno di esprimere il mio più energico ripudio", ha segnalato il presidente salvadoregno, che ha aggiunto che come uomo "democratico" ha la "responsabilità" di pronunciarsi a favore della reintegrazione dell'Honduras in seno agli organismi multilaterali. (Traduzione Granma Int.)

Omaggio a Martí e a Gómez in Montecristi MOISES SAAB

Marzo 2010 - PL - Il comportamento irresponsabile e l'inerzia dei poderosi che non tralasciano lo sfruttamento ed il saccheggio, sono stati denunciati nella Dichiarazione Finale del VI Incontro del Progetto Mondiale José Martí. L'obiettivo delle sessioni dell'incontro ha coinciso con il 115º Anniversario della redazione dell'Eroe Nazionale di Cuba, José Martí, e del Generalissimo Máximo Gómez, del Manifesto di Montecristi, documento programmatico della seconda fase della guerra contro il colonialismo spagnolo nella Maggiore delle Antille. Il governatore di Montecristi, Alejandro Toribio, ha ricevuto i partecipanti al VI Incontro del Progetto Mondiale José Martí, auspicato dalla UNESCO, e li ha dichiarati Ospiti Illustri della Provincia, durante un incontro nella sede del Governo. La distinzione è stata assegnata anche alla deputata cubana Magali Llort, madre di Fernando González, uno dei Cinque antiterroristi cubani ingiustamente reclusi nelle prigioni statunitensi da quasi 12 anni. Magali ha detto di sentirsi onorata per il riconoscimento che ha definito "uno stimolo per continuare la lotta per la liberazione di questi patrioti, combattenti antiterroristi". Max Puig, ministro del Lavoro dominicano e membro del Progetto, ha segnalato l'amicizia tra i due Eroi, cementata dal desiderio comune di indipendenza onnipresente nel Manifesto de Montecristi. L'ambasciatore Héctor Hernández, vicepresidente del Programma Martiano di Cuba, ha sottolineato il momento che vive l'America Latina, con l'auge delle sue forze democratiche, ed ha segnalato l'importanza del Manifesto nella sua essenza delle Antille e dell'anti-imperialismo, come confidò alcuni giorni dopo Martí al suo amico Manuel Mercado, in una lettera mai terminata, poco prima della morte in battaglia (Traduzione Granma Int.).

[1/2]