Miguel Teurbe Tolˇn y de la Guardia
Poeta e scrittore, nacque a Matanzas il 29 settembre 1820. Nel 1848 dovette emigrare negli Stati Uniti, perseguitato dalle autoritÓ spagnole a causa delle sue posizioni antigovernative. A New York, dove si dedic˛ all'insegnamento, divenne segretario della Giunta Cubana Annessionista, vincolandosi anche alle cospirazioni di
Narciso Lˇpez. Gli viene attribuita la paternitÓ del disegno della bandiera dalla stella solitaria e dello scudo con la palma reale, attuali emblemi dello Stato cubano. Uomo colto, studi˛ alla scuola pubblica della sua cittÓ natale, ricevendo un'educazione completa attraverso lezioni private di latino, retorica, scienze naturali, filosofia, francese, inglese e italiano.
Fu professore di storia, filosofia, inglese, retorica e scherma. Nella SocietÓ Filarmonica di Matanzas insegn˛ filosofia naturale, e alla Scuola Ausiliare dell'UniversitÓ di La Habana, letteratura. Nel 1848 era stato nominato socio del Liceo Artistico e Letterario di La Habana.
Collabor˛ a diverse pubblicazioni cubane: alla ‘Aguinaldo Matancero y La Aurora del YumurÝ’, a ‘La Prensa’, ‘El Faro Industrial’, ‘Flores del Siglo’, ‘Diario de Avisos’, ‘La Floresta Cubana’, ‘La Piragua’, ‘Brisas de Cuba’ e altre ancora. Fond˛ ‘La Guirnalda’, proibita dal Governo coloniale.
Negli Stati Uniti pubblic˛ ‘El Tiple Cubano y il Tiple Libre’, fu redattore capo di ‘La Verdad’, direttore di ‘El Cubano’, ‘El Papagayo’ e di ‘El Cometa’. Cur˛ anche la sezione ispanoamericana dell'Herald, di New York.
Le sue poesie in inglese apparvero sul Waverley Magazine, di Boston. Tra le sue opere ricordiamo: l'Antologia dell'Esiliato (1858), raccolta postuma, I Preludi e le Rime; il romanzo Lola Guara, Una Notizia!, commedia in versi in un atto, Leggende Cubane e diverse altre in spagnolo e in inglese.
Nell'agosto 1857, ormai malato, fa ritorno a Cuba, essendo stata annullata la condanna alla pena di morte che gli era stata comminata anni addietro. Morý il 16 ottobre dello stesso anno. Durante l'esilio fu segretario della Legazione della Repubblica del Costa Rica a Washington.