italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@tiscali.it 

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertŕ per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Lo statuto
I circoli
I gemellaggi
Progetto reti informatiche
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Popolazione
Geografia
Storia
Approfondimenti storici
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Cuba č anche ...
Immagini di Cuba
Per invitare una persona
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."
Nuestra America
Resumen Latinoamericano
El Moncada in rete
Notizie dall'Ambasciata

Attualitŕ
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

In un’intervista esclusiva, Fernando González Llort parla dell’importanza per i Cinque del sostegno della solidarietŕ mondale e ringrazia l’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba per la notevole attivitŕ svolta in tutti questi anni.

 

Per maggiori informazioni sulla vicenda dei 5 patrioti vedere il sito, in spagnolo, di Granma International   e cliccare sul logo Miami 5 , subito a destra nella pagina oppure sul sito di Trabajadores, anche qui cliccando sul logo a destra Presos por antiterroristas altro sito per la libertŕ dei 5 č 
http://www.freethefive.org/ (in inglese)

Sito cubano dedicato ai 5

Sito italiano per la liberazione dei 5 patrioti

Condannati senza testimoni e senza prove


per contattare gli Eroi

Nuova udienza ad Atlanta sul caso dei Cinque

ISTANBUL 6-8 OTTOBRE 2006 INCONTRO DELLE ASSOCIAZIONI EUROPEE DI SOLIDARIETA’
CON CUBA DICHIARAZIONE FINALE

Scarica e fai firmare la petizione per richiederne l'immediata estradizione in Italia per rispondere dell'assassinio di Fabio Di Celmo

Biografia di un terrorista protetto dal Governo degli Stati Uniti

Ordini del giorno approvati da Regioni, Province e Comuni italiani
contro gli atti di terrorismo contro Cuba

ODG del Consiglio Comunale di Perugia

ODG del Consiglio Regionale della Liguria

ODG della Provincia di Pistoia

ODG Consiglio Comunale di Prato

ODG Consiglio Comunale di Monfalcone

ODG della Provincia di Parma

ODG Consiglio Comunale di Domodossola

ODG Consiglio Provinciale di Rimini
ODG Consiglio Comunale di Viareggio

ODG Consiglio Comunale di Rimini

ODG Consiglio Comunale di Campi Bisenzio

ODG Cons. Com. di LURATE CACCIVIO (Como)

ODG Consiglio Comunale di COLOGNO MONZESE

ODG Consiglio Provinciale Mantova

ODG Consiglio Provinciale Milano

ODG Consiglio Provinciale Parma

Stato delle approvazioni

Cosa ne dicono i cubani

ODG -modello da presentare agli Enti Locali

Č stato aperto un sito internet in cui si puň offrire la propria adesione alla lettera indirizzata al Procuratore Generale degli Stati Uniti con la quale si esige l'immediata liberazione dei Cinque Patrioti.

Enciclopedia sul Terrorismo USA

Il Tribunale di Atlanta revoca le sentenze e le condanne ai Cinque
CONTRO IL TERRORISMO, PER LA VERITŔ E LA GIUSTIZIA, incontro internazionale tenutosi al Palazzo delle Convenzioni dell’Avana, il 2 e il 3 giugno 2005 - Relazioni e immagini
Relazione su alcune delle azioni terroristiche contro Cuba, dal 1990 al 2000
Intervento del Presidente della Repubblica di Cuba, Fidel Castro Ruz, alla Tribuna Antimperialistica "José Martí", il 20 maggio 2005
Cuba nel mirino degli USA
La sindrome dell'assedio di Gianni Minŕ

Il nostro doppio agente all'Avana intervista a Percy Francisco Alvarado Godoy

Le idee vinceranno sempre la battaglia

VOGLIAMO GIUSTIZIA E LIBERTŔ PER CUBA

Ogni uomo deve sentire sulla propria guancia lo schiaffo dato ingiustamente
sulla guancia di qualsiasi uomo, in qualsiasi parte del mondo
JOSÉ MARTÍ

Cuba condanna il terrorismo in tutte le sue forme e manifestazioni.
Cuba non permetterŕ mai che il suo territorio venga utilizzato per azioni terroristiche
contro il popolo degli Stati Uniti o contro qualsiasi paese.
Cuba rivendica il diritto a difendersi contro il terrorismo
FIDEL CASTRO

Da oltre quarant’anni negli Stati Uniti – come risulta anche da documenti del Governo statunitense, ora declassificati – vengono progettate, finanziate, promosse, favorite e attuate azioni contro Cuba che vanno dall’invasione armata all’assassinio dei dirigenti della Rivoluzione, dagli attentati contro persone o beni alla diffusione di malattie epidemiche, dalle trasmissioni radio-televisive illegali che incitano a commettere atti criminali o di guerra, al finanziamento e all’addestramento di gruppi paramilitari per azioni armate sul territorio cubano. Tutto questo č terrorismo.
Questa situazione ha avuto e continua ad avere un costo per Cuba. Finora i danni materiali ammontano a circa 54.000 milioni di dollari. Per i danni al popolo cubano non si possono fare stime in dollari: le 3.478 vittime o i 2099 feriti si possono solo contare e si puň solo condividere il dolore arrecato alle famiglie e al popolo cubano.

Ma ancora oggi, dopo la tragedia che l’11 settembre ha colpito il popolo degli Stati Uniti e dopo che il Governo degli Stati Uniti dichiara e attua una guerra mondiale prolungata e indefinita contro il terrorismo presentandola come una guerra umanitaria, per la libertŕ, la democrazia e i diritti violati, c’č una situazione paradossale che continua.

A Miami, nella Florida, sono stati incarcerati cinque cittadini cubani che raccoglievano informazioni sui gruppi paramilitari e sulle attivitŕ della mafia cubano-americana, per prevenire atti di terrorismo e difendere il proprio popolo dalle aggressioni e dalla morte. L’accusa nei loro confronti č stata quella di avere messo in pericolo la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

I giudici di Miami, condizionati dalla mafia della Fondazione Nazionale Cubano-Americana, hanno emesso questa sentenza: due ergastoli e 15 anni di carcere a Gerardo Hernández; ergastolo a Ramón Labańino; ergastolo ad Antonio Guerrero; 19 anni di carcere a Fernando González; 15 anni di carcere a René González.

Come se questo non bastasse, gli Stati Uniti hanno inserito Cuba nella lista degli 80 paesi che, secondo loro, hanno connivenze con il terrorismo: siamo arrivati alla situazione incredibile per cui negli Stati Uniti, dove da decenni si organizza il terrorismo contro Cuba con la complicitŕ di apparati dello Stato (la C.I.A.) vengono condannati cittadini cubani che indagavano su piani terroristici e sono giudicati, dalla giustizia nordamericana, come terroristi.

Ma la giustizia degli Stati Uniti, non accuserebbe e non condannerebbe mai un cittadino di qualunque paese che offrisse informazioni su azioni di terrorismo in preparazione contro di loro, o contro le proprie Ambasciate, o che potrebbero costare la vita di cittadini nordamericani. Come sempre, la doppia morale produce infamie.

Per questi motivi, ci impegniamo in una campagna di solidarietŕ con i cinque cittadini cubani ingiustamente incarcerati negli Stati Uniti e lanciamo un appello per sostenere ogni possibile iniziativa per la loro liberazione.

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba
mail amicuba@tiscalinet.it
Via Borsieri 4, 20159 Milano tel 02680862 fax 02683082


A Cuba e nel mondo il 12 settembre 2002

Giornata mondiale di lotta
per la scarcerazione dei 5 patrioti cubani imprigionati negli Stati Uniti


Terrorismo dal Nord

di Iván Becerra

La popolazione di Cuba č, all’incirca, 25 volte meno di quella degli Stati Uniti. Tuttavia, il numero di morti, di feriti e di mutilati che Cuba ha dovuto subire per attacchi terroristici provenienti dal sud della Florida č maggiore del numero di vittime dovuto agli attentati dell’11 settembre 2001.

La cittŕ di Miami č, da vari decenni, una base di operazioni di pericolosissimi gruppi armati che non solo hanno aggredito Cuba, ma anche altri 24 paesi.

Gerardo Hernández, Ramón Labańino, Antonio Guerrero, Fernando González e René González, lottatori cubani per la pace, controllavano, a rischio della loro vita, le azioni di questi gruppi.

Arrestati dal Buró Federale d’Indagini (FBI), sono stati condannati a quattro ergastoli e a 77 anni di prigione, dopo un processo in cui sono stati violati principi legali fondamentali vigenti negli Stati Uniti da oltre due secoli.

Quando possiamo godere dell’allegria dei nostri figli e dei nostri nipoti all’inizio dell’anno scolastico, in scuole nuove costruite dalle mani umili di questo popolo, ci ricordiamo che proprio i bambini sono stati uno degli obiettivi preferiti dai terroristi di Miami.

L’epidemia di dengue emorragico ci č costata la vita di 101 bambini. E’ impossibile dimenticarlo. Come, tantomeno, possiamo dimenticare che č stato incendiato un asilo infantile in cui si trovavano 600 bambini.

La mafia anticubana ha sempre cercato di impedire che Cuba acquisti alimenti e medicine necessari a fare crescere felici e sane le nuove generazioni.

Contro questo tipo di terroristi agivano Gerardo, Ramón, Antonio, Fernando e René. Pensiamo a loro mentre osserviamo la vita che cresce intorno a noi, compreso i piccoli e vivaci passi di questi allegri cubani che cominciano ora la loro vita scolastica.