italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@italia-cuba.it

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertà per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Organismi dirigenti nazionali
Lo statuto
I circoli
Documento Politico Conclusivo Congresso Parma 11.3.2018

I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualità
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

LA FIAMMA DEL 26 È TORNATA A ILLUMINARCI

Santiago de Cuba, 26 luglio 2018 – Il Generale dell’Esercito ha riaffermato nel 65º anniversario delle gesta della Moncada che con la libertà conquistata e la presenza permanente del Comandante in Capo, il nostro popolo difenderà per sempre la sua Rivoluzione Socialista.
Alle 5.15, all’alba, all’ora in cui i giovani della Generazione del Centenario comandati da Fidel fecero vibrare quel 26 di luglio del 1953, i muri dell’allora fortezza, quello stesso scenario ha accolto in quest’altra aurora carica di luce, di bandiere e di inni alla libertà, la manifestazione politico - culturale, presieduta dal Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito.
«Dobbiamo venire qui tutti gli anni a ricordare i morti della Rivoluzione», aveva detto in questa città il leader storico in quello stesso anno di vittoria del 1959 e questo inchino alla storia sarà anche un momento speciale per reiterare l’impegno eterno di mantenere accesa la fiamma della lotta che hanno acceso per noi.
Il pioniere Vladimir Céspedes Perdomo, lo ha ricordato recitando i vibranti versi di "Già siamo in combattimento" del poeta assaltante ucciso Raúl Gómez García, e lo ha ribadito nel suo intervento la giovane professoressa di pedagogia e psicologia dell’Università d’Oriente, Arianni Rodríguez González.
L’arte ha ricordato ugualmente gli eroi e i martiri della Patria di fronte a Raúl, al Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, al Secondo Segretario del Comitato Centrale, José Ramón Machado Ventura, ad altri membri del Burò Politico, e ai circa 10.000 santiagheri presenti.
In loro memoria Fabiana Chavelis Álvarez, del progetto Príncipe Enano, ha interpretato "Caminante", il coro Madrigalista ha offerto la "Cantata agli eroi" e l’attrice Fátima Patterson e il declamatore Dayron Chang hanno dedicato "Escribo 26".
Il primo segretario del Partito nella provincia, Lázaro Expósito Canto ha detto nel suo intervento che oltre alla loro gloriosa storia, i santiagheri si sono proposti l’ottenimento di risultati economici e sociali degni della ricorrenza, come le 300 opere che ha segnalato.
Questi risultati sono statati riconosciuti nel discorso di Raúl, che ha detto che resta molto da fare nel proposito che Santiago di Cuba sia ogni giorno più bella, igienica, ordinata e disciplinata, degna di custodire i resti di molti dei più grandi figli della nazione cubana tra i quali l’Eroe Nazionale, il Padre e la Madre della Patria, e il leader storico della Rivoluzione Cubana.
Nel suo discorso, il Generale dell’Esercito ha annunciato gli importanti avvenimenti vicini da commemorare: il 150º anniversario dell’inizio delle nostre lotte per l’indipendenza, il 10 ottobre del 1868, la consultazione popolare del progetto di Costituzione della Repubblica e la celebrazione il 1º gennaio di 60 anni di trionfo della Rivoluzione.
Inoltre ha segnalato l’appoggio solidale alla Rivoluzione Bolivariana e chavista guidata dal presidente Nicolás Maduro; al Nicaragua, al Fronte Sandinista e al compagno Daniel Ortega, la liberazione di Lula da Silva, e le felicitazioni al fraterno Messico e al suo presidente eletto Andrés Manuel López Obrador.
Ugualmente il Primo Segretario del Comitato Centrale ha parlato delle relazioni con gli Stati Uniti e ha ripetuto la disponibilità al dialogo con le autorità di questo governo e ha detto che il nostro popolo deve essere sempre preparato a rispondere a ogni sfida con dignità, fermezza, ottimismo e la fede sicura nella vittoria.
Raúl ha ricordato i giovani compagni che 65 anni fa in questo luogo furono selvaggiamente torturati e assassinati e dopo aver ammirato la bella aurora santiaghera ha risaltato la vista delle montagne che comprendono anche la Gran Piedra e ha sottolineato che Santiago de Cuba è circondata dalla Sierra Maestra come simbolo di fermezza, ribellione e vittoria.
Gli studenti di balletto della scuola vocazionale d’arte José María Heredia, e la Compagnia di Balletto Santiago hanno interpreto il tema "Cuba va" nella bella mattinata.
Erano presenti i membri della segreteria del Comitato Centrale e la vice presidente del Consiglio di Stato e presidente del Poder Poular nella provincia, Beatriz Johnson Urrutia, membri del Comitato Centrale e brigate di amici di altre nazioni solidali con Cuba.
da Granma Int. – GM - Autore: Eduardo Palomares Calderón – Foto:Irene Pérez

http:""it.granma.cu"cuba"2018-07-30"la-fiamma-del-26-e-tornata-a-illuminarci