italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@italia-cuba.it

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertà per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Organismi dirigenti nazionali
Lo statuto
I circoli
Documento Politico Conclusivo Congresso Parma 11.3.2018

I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualità
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

COME SI ANALIZZERANNO LE PROPOSTE DERIVATE DALLA CONSULTAZIONE POPOLARE?

«Tutte le proposte che farà la popolazione saranno considerate. Questo sarà un processo democratico e di partecipazione reale nel quale saremo tutti costituenti», ha affermato categoricamente la dottoressa in Scienze Marcela González Pérez, membro del gruppo nazionale di raccolta delle proposte.
Lei è una delle migliaia di persone che in tutto il paese già lavorano per garantire che le informazioni derivate dalle 135.000 riunioni realizzate tra il 13 agosto e i 15 novembre prossimo saranno debitamente raccolte e giungeranno nella loro totalità alla Commissione incaricata della Riforma Costituzionale.
PRIMA DELLE RIUNIONI
Come ha spiegato Marcela González Pérez, per formare i gruppi di lavoro sono state selezionate in ogni municipio 24 - 40 persone, così come nelle province e il gruppo nazionale è formato da circa 130. Sono professionisti di alto livello, laureati universitari, tutti giuristi, professori, ricercatori e anche ingegneri laureati all’Università di Scienze Informatiche, che hanno sviluppato l’applicazione che permetterà il controllo di un volume di dati così considerevole, ha spiegato la specialista.
Il personale, impegnato da giorni, studia in profondità il progetto della Magna Carta, perché deve dominarlo alla perfezione per poter comprendere le proposte e raggrupparle in modo coerente.
«Hanno davanti a loro giornate di grande concentrazione. Questa è la missione fondamentale di questi gruppi: organizzare le proposte» ha ribadito la dottoressa in Scienze che ha anche informato che si trovano già al loro posto di lavoro e realizzano prove per constatare il corretto funzionamento del sistema.
DURANTE LE RIUNIONI
I popolo cubano si riunirà nel suo centro di lavoro, di studio, nelle comunità (si può partecipare anche a più riunioni) e avrà il diritto di fare tutti gli interventi che desidera. Il progetto di costituzione si compone del preambolo e 24 articoli divisi in 11 titoli, 24 capitoli e 16 sezioni, ma per facilitare il dibattito popolare le analisi e l’elaborazione delle opinioni, ogni paragrafo è stato numerato e sono 775 in totale.
«Convochiamo la popolazione a prepararsi bene e che sappia su quali paragrafi si vuole pronunciare», ha detto la González Pérez.
«Inoltre si può scrivere la proposta e questo garantirà che sia raccolta tale e quale è stata segnalata.
Due persone saranno incaricate di redigere i resoconti.
Sono cittadini preparati e di una provata onestà. Nel documento ci deve essere tutto quello che si dirà e non può esistere che chi scrive decida di non mettere qualcosa per ragioni soggettive o malintesi.
«La coppia che presiederà la riunione firmerà poi il documento per confermare che non manca nulla», ha illustrato la membro del gruppo nazionale.
«Va chiarito che anche se varie persone esprimeranno idee simili o uguali nello stesso incontro, si raccoglieranno tutte le voci, perché sono espressioni di tendenza».
Ma che cosa si considera una proposta?
La specialista ha chiarito che non tutti gli interventi sono proposte. Può darsi che una persona parli per riaffermare l’importanza del processo o il valore del documento e anche se questo si raccoglie nel rendiconto, non verrà processato.
Una proposta è quella che vuole trasformare il contenuto del documento e può avere varie espressioni:
Modifica: quando si suggerisce di aggiungere, sostituire o eliminare una frase o una parola in un paragrafo.
Aggiunta: quando si chiede di aggiungere un paragrafo nuovo perché si ritiene che l’idea non sia presente nel progetto.
Eliminazione: quando si propone di eliminare un paragrafo perché si crede che sia inutile o non si è d’accordo con quello che esprime.
Dubbio: quando si afferma che l’idea espressa in un paragrafo non è chiara o non si capisce.
Inoltre, in questo spazio non si porrà niente a votazione.
Per esempio se si suscita un dibattito a partire da quel che ha detto un cittadino, e il resto dei presenti offre argomenti su perché secondo loro si sta sbagliando, può darsi che costui decida di ritirare la sua proposta perché lo hanno convinto, ma ha sempre il diritto di mantenerla e nessuno lo può impedire.

DOPO LE RIUNIONI
La qualità del rendiconto è molto importante perché costituisce la fonte del nutrimento di ogni tappa nelle 48 ore seguenti alla riunione. Coloro che lo hanno elaborato lo consegneranno al gruppo municipale incaricato di estrarre le informazioni in forma di proposta da lì lo passerà alla provincia che le riunirà e le invierà al gruppo nazionale.
Questo si farà ogni giorno grazie a un sistema digitalizzato con le corrispondenti misure di sicurezza informatica. Il controllo si realizzerà in forma parallela alla consultazione popolare nei tre mesi previsti.
«I membri del gruppo nazionale organizzeremo le proposte per paragrafi in maniera che siano chiare, con un’adeguata redazione e ortografia e senza lasciarne fuori una sola», ha precisato la González Pérez.
Con le proposte dei membri delle Forze Armate Rivoluzionarie e del ministero degli Interni, così come dei cittadini cubani residenti all’estero, si seguirà nonostante le peculiarità della consultazione in questi casi. Lo stesso principio: tutto s’include.
Con questo materiale, alla fine si elaborerà la relazione delle proposte della popolazione che si consegnerà alla commissione incaricata della riforma costituzionale per la rielaborazione del documento e la sua successiva presentazione all’Assemblea Nazionale.

LA VOLONTÀ DEL POPOLO
Le esperienze precedenti convalidano la funzionalità e la validità di questo originale metodo per esercitare il potere popolare. Quando le Linee di Politica Economica e Sociale del Partito e la Rivoluzione si portarono a dibattito, il 68% del loro contenuto ricevette trasformazioni partendo da proposte della gente.
Alcuni cambiamenti avvennero per le proposte di migliaia di persone e altri li promosse l’opinione di cinque solamente.
«Da lì l’importanza di partecipare coscientemente e in forma attiva. L’obiettivo, ha riaffermato la Dottoressa in Scienze Marcela, è elaborare un documento che rifletta il pensiero del popolo».
da Granma Int. - GM - Autore: Yeilén Delgado Calvo

http://it.granma.cu/cuba/2018-08-13/come-si-analizzeranno-le-proposte-derivate-dalla-consultazione-popolare