italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@italia-cuba.it

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertà per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Lo statuto
I circoli
I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualità
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

Né gli Stati Uniti, né la OSA hanno potuto vincere il Venezuela

6 giugno 2018 - Gli Stati Uniti e la OSA, nello stesso seno di questa organizzazione che è "il ministero delle colonie degli USA", come disse il cancelliere della dignità Raúl Roa, dagli inizi degli anni ‘60 del secolo scorso non riescono a vincere contro il Venezuela, così come non potranno mai farlo con Cuba.
Gli Stati Uniti hanno di nuovo tentato con una proposta di Risoluzione di sospendere il Venezuela dalla OSA, ma erano necessari 24 voti dei suo membri e ne hanno ottenuti solo 19, con 11 astensioni e 4 voti contrari.
Per il cancelliere venezuelano, Jorge Arreaza, citato da Telesur, la pressione esercitata nella OSA dal vicepresidente statunitense Mike Pence, non era perché nessuno si astenesse, ma perche tutti votassero a favore della Risoluzione contro il Venezuela, tuttavia ha prevalso la dignità delle nazioni. «Neanche con tutte queste pressioni hanno potuto vincere contro la dignità e il coraggio dei popoli dei Caraibi», ha sostenuto.
C’è una sceneggiatura chiaramente stabilita nella OSA, un format e noi abbiamo il diritto di ritirarci quando lo decidiamo», ha dichiarato Arreaza, riferendosi al processo di uscita da questa organizzazione, che il Venezuela ha iniziato nell’aprile del 2017.
«Il paese rispetterà le sue responsabilità e gli impegni con l’organismo», ha detto a proposito dell’uscita del Venezuela dalla OSA e ha aggiunto che è un orgoglio, è allegria, è felicità per il popolo del Venezuela la decisione annunciata l’anno scorso e che si concreterà nel 2019.
«Non possiamo continuare a stare in un’organizzazione che viola il Diritto Internazionale», ha sentenziato Arreaza.
da Granma Int. – GM - Autore:
Oscar Sánchez Serra