italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@italia-cuba.it

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertà per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Lo statuto
I circoli
I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualità
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

Guantánamo: la base navale esiste, contro la volontà dei cubani

Quando il 29 maggio del 1934 fece notizia l’abolizione dell’Emendamento Platt, l’appendice imposta dagli Stati Uniti alla Costituzione che accompagnò nel 1902 la nascita della Repubblica di Cuba, sembrò che si fosse chiuso un periodo di obbrobrio per il popolo.
È vero però che si mantenne l’articolo sull’affitto agli Stati Uniti della zona illegalmente occupata dalla base navale di Guantánamo, all’inizio dissimulata come "stazione per il carbone", per tempo indefinito.
La storia racconta che fu il senatore repubblicano Oliver Platt che propose l’Emendamento, stabilito come legge dal presidente William McKinley il 2 marzo del 1901.
L’impeto poi spiegato dalle lotte sindacali e studentesche condizionò i governi degli USA e di Cuba a firmare 33 anni dopo il Trattato Permanente delle Relazioni Reciproche, per derogare la provocazione annessionista, anche se restarono attive delle clausole.
Per questo ancora oggi gli Stati Uniti usurpano il territorio, occupato illegalmente dalla loro base militare a Guantánamo, che è stata al centro delle provocazioni contro la Rivoluzione cubana soprattutto negli anni ‘60 e ‘70 del secolo scorso.
Oggi lì c’è una prigione in cui si pratica la tortura in nome di una presunta lotta contro il terrorismo, violando i più elementari diritti umani.
Rubén López Sabariego, Luis Ramírez López e Ramón López Peña sono alcuni cubani che si contano tra le vittime delle costanti aggressioni e provocazioni realizzate dal territorio illegalmente occupato.

Dati d’interesse:
- Su 117,6 chilometri quadrati che ha la base, solo 49,4 sono di terra ferma, con una linea costiera di 17,5 chilometri.
- Sino al 2008 sono passati per questo centro circa 800 prigionieri di 40 paesi, in grande maggioranza afgani e pachistani.
- Nel 2013 il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, aveva chiesto al Congresso circa 450 milioni di dollari per la ristrutturazione dell’ illegale prigione e altri 200 milioni per migliorare le installazioni temporanee.
da Granma Int. - GM - Autore: Nuria Barbosa León

http://it.granma.cu/cuba/2018-06-13/guantanamo-la-base-navale-esiste-contro-la-volonta-dei-cubani