italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@italia-cuba.it

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertà per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Lo statuto
I circoli
I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualità
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

A CUBA NON ABBIAMO FEMMINICIDI E QUESTO È EFFETTO DELLA RIVOLUZIONE

Mariela Castro è figlia del Presidente di Cuba Raúl Castro ed è anche la principale promotrice dell’approvazione di una legge sul matrimonio ugualitario per l'isola. Dal Centro Nazionale di Educazione Sessuale di Cuba (CENESEX), che dirige da 15 anni, ha promosso una riforma nella legge del lavoro per eliminare la "discriminazione per l'orientamento sessuale" ed è stata responsabile di una politica efficace per la prevenzione dell'HIV.
In un dialogo con "Tiempo", Mariela Castro ha raccontato il processo di cambiamento e ha precisato: "Parliamo di una legge di pari opportunità, perché la parola matrimonio genera ancora molte emozioni".

In che cosa consiste il suo modello di educazione sessuale?
La sessualità è stata da sempre segnata da relazioni di potere e da idee, da leggi, da dottrine basate su queste relazioni. Non sempre è stato chiaro come cambiare questo modello, adesso per fortuna lo è sempre di più. La nostra focalizzazione dell'educazione sessuale cerca di mostrare come si è andata creando quella differenza a scapito di altre identità di genere e sessuali.

La categoria classe sociale continua a essere il principio regolatore?
Non è l'unica, ma è una chiave. Perché non se la passano allo stesso modo un uomo gay povero e uno ricco; un transgender mulatto e uno bianco. Nella formazione che facciamo con gli attivisti lavoriamo su questi intrecci e fomentiamo la solidarietà. Per esempio, con gli attivisti LGBT lavoriamo affinché non si concentrino su se stessi, che non si sentano uniche vittime, li incoraggiamo a interagire con altre cause giuste e con tutta la società cubana. Non ha senso isolarsi, segregarsi.

La Rivoluzione era molto conservatrice su questi argomenti, come siete riusciti a trasformare questo atteggiamento?
A me piace parlare di questo argomento, non lo trovo imbarazzante, al contrario, mi permette di spiegare il nostro punto di vista e riconoscere ciò che deve essere riconosciuto. Tutti volevano che la prima rivoluzione dell'America Latina fosse perfetta. Ma non è possibile. I popoli che vogliono fare rivoluzioni lo capiranno. Non si può sapere tutto, si commettono errori. Mio papà mi diceva sempre: "È stato un salto nell'abisso. Volevamo fare giustizia, ma non sapevamo come si faceva".
Non sapevamo come governare rivoluzionariamente, perché non è la stessa cosa che essere un rivoluzionario. È una generazione che ha fatto un grande sforzo, le dobbiamo un rispetto che non possiamo ovviare. Perché il nuovo e l'innovatore credono di avere sempre le migliori risposte, ma anche le idee "biologiste" o "patologizzanti" erano all'avanguardia.

Questo cambiamento ha implicato un rinnovamento?
Certo. Il giorno che la rivoluzione smetterà di rinnovarsi non sarà più una rivoluzione. Su questi temi si lavorava per il rinnovamento ma non si riusciva perché non avevamo tutti gli strumenti, abbiamo dovuto esaminare, studiare e riflettere molto.

Quali erano i principali ostacoli?
I pregiudizi che abbiamo imparato dai nostri antenati spagnoli, e anche da quelli africani, e che erano nel mondo intero. Quei pregiudizi non aiutavano a definire una politica chiara. Si proponevano riflessioni, ma non proposte.

Qual è oggi la situazione dei diritti delle donne nell'isola?
La cosa buona è che le donne sono organizzate, e questo dà molta forza. Ci sono molte campagne, programmi televisivi, radio, spazi scientifici. Si è lavorato sull’emancipazione e oggi siamo il terzo o quarto paese con la maggiore presenza di donne in parlamento, ci sono più laureate donne, c'è parità salariale dal 1959. Noi non abbiamo, per esempio, femminicidi. Perché Cuba non è un paese violento, e questo è sì un effetto della rivoluzione.

E la prostituzione?
Non la consideriamo lavoro, perché a Cuba ci sono altre alternative, ma quello che si persegue è il lenone. Ci sono molte cose che incidono e bisogna trattarle con attenzione per non stigmatizzare.

*di Lucía Álvarez per Resumen Latinoamericano.

Traduzione: Redazione di El Moncada/Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

http://razonesdecuba.cubadebate.cu/series/derechos-humanos/en-cuba-no-tenemos-femicidios-y-eso-es-efecto-de-la-revolucion/