italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@tiscali.it 

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertà per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Lo statuto
I circoli
I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualità
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

GLI ESPERTI SEGNALANO LE INCONGRUENZE NELL’IPOTESI DEGLI ATTACCHI ACUSTICI

16 novembre 2017 - Con più di 330 interventi e un vasto consenso sulle incongruenze dell’ipotesi di un attacco acustico contro i diplomatici statunitensi a Cuba, è terminata a prima giornata del Forum online a cui hanno partecipato scienziati ed esperti di differenti settori scientifici.
Il sito web della Rete Cubana della Scienza ha accolto il dibattito che continuerà oggi dalle 10:00 a.m. ora cubana.
Secondo la versione di Washington, il suo personale diplomatico a La Habana ha presentato sintomi provocati da «attacchi sonori».
I danneggiati riportano di aver sentito rumori nelle loro residenze e i seguenti «sintomi»: nausea, cefalea, disturbi dell’equilibrio, perdita dell’udito, dolore facciale e addominale, disturbi della memoria e commozione cerebrale.
Il dibattito del Forum online ha avuto al centro tre domande di base:
I sintomi descritti possono essere conseguenza di agenti sonori?
- Altre malattie potrebbero avere provocato tali sintomi?
- Esiste la probabilità di cause d’origine psicosociale?
Il Dr. Manuel Jorge Villar Kuscevic, specialista di II Grado in Otorinolaringoiatria e Professore Ausiliare, ha risposto a una domanda inviata da Gramma per via digitale, sulle registrazioni dei presunti sintomi dannosi che sono state filtrate alla stampa statunitense.
Villar, che è a capo del Servizio di Otorinolaringoiatria e Chirurgia della Testa e del Collo dell’Ospedale «Enrique Cabrera», ha spiegato il processo di ricezione e analisi delle prove offerte dalle autorità statunitensi ai cubani.
Secondo lo specialista questo Comitato ha avuto accesso a diverse registrazioni consegnate dal governo statunitense, delle quali se ne è filtrata una sola.
«Posso dire responsabilmente che la prova di maggior intensità ha raggiunto i 74,6 decibels (DB), e questo non è nocivo per la salute umana», ha assicurato lo specialista, membro del Comitato degli Esperti.
«Nessuna delle 14 prove consegnate dalle autorità statunitensi a quelle dell’Isola risultava essere dannosa per le persone», ha aggiunto Villar Kuscevic.
«Queste prove contengono rumori ambientali e il suono ben noto di un grillo cubano».
Il dottore in Scienze Fisiche, ricercatore e professore titolare dell’Istituto di Igiene, Epidemiologia e Microbiologia, dottor Carlos Barceló Pérez, ha precisato a Granma i tipi di suoni che devono essere registrati per provocare danni come quelli descritti.
Ha spiegato che le perdite dell’udito legate all’esposizione e a suoni possono essere temporanee o permanenti.
«Con livelli d’intensità di suoni moderati come può essere il rumore del traffico, c’è un perdita dell’acutezza uditiva che, quando termina lo stimolo sonoro, cioè quando smette il traffico, si recupera lentamente nel tempo».
«Ma, ha aggiunto, ci sono perdite permanenti che hanno a che vedere con la cosiddetta ipoacustica neurosensoriale, che è un problema dell’igiene dell’occupazione, ossia quando una persona è esposta a livelli sonori del’ordine di 85 o più decibels per molti anni - per esempio per dieci anni - allora soffre di una perdita della sensibilità uditiva».
«Un’altra forma è quando istantaneamente uno è esposto a un suono improvviso, quello che chiamiamo rumore d’impulso, un’esplosione. Questo può rompere il timpano e pertanto non c’è trasmissione meccanica del suono all’udito medio e il cervello smette di decodificare la sensazione di udire. Queste sono le cause che possono portare alla perdita permanente della soglia uditiva», ha aggiunto Barceló.
«In generale i livelli moderati tra 60 e 80 decibels producono perdite transitorie della soglia uditiva, tra i vari effetti anche psicosomatici e non specifici, come l’aumento della frequenza cardiaca, ma che in generale si recuperano quando finisce l’esposizione al suono. I danni permanenti appaiono solo di fronte ad alte dosi di esposizione al disopra di 85 decibels per lungo tempo o traumi acustici con frequenza di suoni d’impatto, come colpi, esplosioni…
Lo specialista, che ha avuto l’opportunità di analizzare le registrazioni di suono consegnate dalla parte statunitense, ha detto che non ha trovato suoni d’impulso in nessuna parte. ma si sono sentiti solo suoni continui e fluttuanti a livelli d’intensità moderati, che non hanno superato gli 80 decibels e che questo permette di concludere che non possono avere provocato danni permanenti alla salute delle persone esposte.
Rispetto a uno dei sintomi più inverosimili riportati dalla parte statunitense e associato agli incidente acustici il noto neurologo cubano, Dr.C. Nelson Gómez Viera, ha spiegato che la commozione cerebrale, (chiamata anche lesione cerebrale minore) è un quadro neurologico che sorge come risultato di un trauma cranico o di un processo di accelerazione o decelerazione brusca del cranio. Questo tipo di malattia si vede maggiormente tra gli atleti e le vittime di incidenti stradali, ha spiegato.
«Realmente una delle caratteristiche più visibili della commozione cerebrale è la perdita della coscienza e nei casi in cui questo non avviene la persona resta come stordita», ha indicato Gómez Viera, che è a capo del centro di Neurologia dell’Ospedale Hermanos Ameijeiras.
«Perché un’arma sonora possa produrre una commozione cerebrale dovrebbe comportarsi come un’onda di shock, e non è questo il caso».
Inoltre il dottore in scienze mediche ha detto che se questo fosse vero, i danni non sarebbero solo cerebrali ma riguarderebbero anche altre parti dell’organismo e questo non è stato descritto in nessuno dei casi.
Inoltre questi disturbi riguarderebbero tutti coloro che stavano attorno al paziente. E non sarebbero individuali», ha specificato.
Il membro del Comitato degli Esperti Daniel Stolik Kovygrod, dottore in Scienze Fisiche con più di 50 anni d’esperienza e presidente della Cattedra Onorifica «Fisica e Musica» dell’Università di La Habana, si è riferito alla possibilità prospettata da alcuni mezzi di comunicazione, rispetto al possibile uso di onde elettromagnetiche per perpetrare i citati attacchi alla salute.
«Quello che giunge all’udito, quello che l’uomo può percepire, è un’onda sonora, una fluttuazione della pressione atmosferica», ha detto.
L’udito non riceve, non è capace di percepire e trasformare le onde elettromagnetiche».
Di fronte a un commento sul possibile ruolo dello stress nel caso dei diplomatici statunitensi, il Dottore in Psicologia e Professore Titolare Dionisio Zaldívar Pérez, ha risposto che: «È noto che quando una persona affronta situazioni di conflitto che le generano tensioni o sentimenti di minaccia, o pericolo, si sviluppa un processo di stress che si accompagna a diversi sintomi.
«Tutto questo dipende, in ultima istanza, dalla valutazione che il soggetto fa della situazione e la sua risposta può essere indotta per contagio ad altre persone vicine che condividono un ambiente comune, uguali aspettative o timori».
Per Zaldívar, potremmo essere in presenza di un evento da stress collettivo.
«È un’ipotesi possibile ha detto che potrebbe spiegarci quello che succede con i presunti attacchi. L’esperto ha segnalato che ci troviamo di fronte a un insieme di sintomi che sono variabili e instabili, che si possono presentare in diverse malattie e situazioni ma che si diagnosticano sempre quando sono stati esclusi tutti gli studi delle evidenze fisiche e cliniche che potrebbero spiegare questo fenomeno».
«Succede che una persona può essere danneggiata da un evento determinato, che lo dimensiona, distorce o esagera, e produce una risposta emozionale di questo tipo. Le persone che condividono con questa uno spazio sociale comune, credenze o aspettative, possono reagire in questa maniera».
«La letteratura presenta molti fatti di questo tipo, ha riferito l’esperto, come nel caso dello tsunami in Giappone nel 2011, quando uno studente ha detto di sentirsi le mani gonfie e la testa perduta e immediatamente altri 20 studenti hanno avuto gli etesi sintomi. Sono stati investigati e non risultarono evidenze fisiche per spiegarlo».
« Sono registrati esempi simili e frequenti», ha detto.
«Son molti i casi documentati nella letteratura scientifica, che parlano del fatto che si sono contagiati sintomi o comportamenti come questo, con una persona che ha dato inizio a una determinata situazione. Questo avviene in situazioni tese, viste dalla persona come minacciose, che producono questa risposta di stress che quindi contagia altre persone vicine».
«Ci sono molteplici esempi che spiegano che questo realmente è plausibile, ha aggiunto Zaldívar, dove un gruppo è sottoposto a una certa tensione e uno di loro interpreta un fatto come pericoloso, l’emozione che accompagna questa percezione può essere contagiata al resto dei membri del gruppo che possono presentare la stessa sintomatologia.
La Dottoressa Yamile González Sánchez, specialista in II Grado in Igiene e in Epidemiologia, ha segnalato che: «Sarebbe utile investigare la storia lavorativa di tutti i funzionari, prima dell’impegno nell’Isola, così si potrebbe valutare il livello di stress accumulato da ognuno dei funzionari o la presenza precedente di altre malattie».

«NON CONOSCONO CUBA NÈ LA SUA RIVOLUZIONE»
Navigatori di diverse latitudini hanno avuto la possibilità di scambiare opinioni e fare domande al Comitato degli Esperti cubani che ha studiato il caso nei dettagli.
Il gruppo è formato da specialisti nei rami della fisica, ingegneria in telecomunicazioni, medicina interna, neurologia, neurofisiologia, otorinolaringoiatria, audiologia, epidemiologia, salute ambientale, entomologia, psicologia e sociologia.
«Come mai non si sono mai state presentate alle autorità cubane le prove mediche che secondo loro sono state realizzate negli Stati Uniti?», è stato detto nel Forum da Iván Sergio Reyes Salazar, specialista in Medicina Interna. «Sono tutte domande che facciamo quotidianamente perché vorremmo leggere i pareri degli esperti».
Reyes Salazar mette in dubbio le vere intenzioni di Washington.
«Secondo noi questa è una cosa orchestrata dall’amministrazione del signor Trump per cominciare l’escalation delle misure che ha già preso contro il nostro paese. Ma nonostante questo noi cubani andiamo avanti. Sempre con la verità e il nostro orgoglio di essere cubani» ha concluso.
«Questo spiacevole fatto che ostacola i progressi delle relazioni tra i due paesi è solo un altro esempio della scarsa conoscenza che ha l’attuale amministrazione degli Stati Uniti sulla realtà cubana. Usano formule passate di moda, non conoscono nemmeno al minimo livello la preparazione e la realtà che vive un popolo di lavoratori, solidale, educato da Fidel e dal Che», ha riferito il navigatore Lázaro Rodríguez Bello che ha evidenziato il paradosso dei presunti attacchi sonori: « Che senso avrebbe per Cuba attaccare i diplomatici di un paese con il quale si stanno ristabilendo le relazioni? Quale tecnologia futurista è necessaria per provocare danni effettivi nelle persone? Cuba dispone di simili tecnologie?».
«Questa e altre domande sono il prodotto di una logica semplice, ha aggiunto, del senso comune che non va abbandonato in questa storia romanzesca».
«Cuba nei suoi principi etici e di politica interna ed estera rispetta e protegge i funzionari delle ambasciate di tutti i paesi nel nostro territorio; non esiste nessun atteggiamento, nessun comportamento di aggressione. Tutto il contrario: si prendono misure per proteggerli anche dai loro stessi nemici», ha detto Xiomara Carla, dopo aver segnalato che Washington sì che ha una lunga lista documentata di azioni contro l’Isola, compreso l’assassinio di diplomatici della maggiore delle Antille nel loro territorio.
«Adesso che si cominciava un cammino di normalità delle relazioni tra i nostri paesi, si producono fatti che a prima vista non apportano benefici ai nostri popoli, ma ne apportano sì a coloro che vivono sfruttando questo lungo conflitto e sappiamo bene chi sono: i membri della lobby dei senza patria, della destra anticubana in alleanza con la cupola imperialista, che non smettono di cercare di distruggere la Rivoluzione cubana», ha aggiunto.
Il dottor Francisco Beltrán Fernández, collaboratore delle Brigate Mediche Cubane in Ecuador, pensa che se gli Stati Uniti non sono stati capaci di avere un’arma con queste caratteristiche, tanto meno ce l’ha Cuba.
«Questa azione dimostra solo chi realmente dirige la politica verso il nostro paese: la mafia cubano americana e non il presidente», ha aggiunto.
«Il cambiamento di politica assunto dall’amministrazione di Donald Trump fa parte della strategia dei servizi d’intelligence americani per provocare e continuare a realizzare le loro azioni egemoniche, che hanno realizzato per più di mezzo secolo contro Cuba, facendosi scudo ora con giustificazioni senza senso», ha detto Camila Moreno.
Bessy Cutié Batista ha segnalato che tutti i cubani siamo testimoni che nella storia della Rivoluzione cubana sono state molte le menzogne del governo nordamericano contro Cuba, basate tutte in un unico pensiero: giudicare l’etica del nostro paese.
«In quale testa nasce l’idea che possiamo essere capaci delle presunte aggressioni acustiche a diplomatici statunitensi. Non esiste una prova sufficiente per dare una conclusione perché non c’è una base scientifica che l’appoggi», ha aggiunto.
I presunti attacchi acustici costituiscono una farsa per giustificare la partenza dei diplomatici dall’ambasciata degli USA a La Habana e fare un passo indietro nel processo di normalizzazione delle relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti ».

VERIFICARE PRIMA DI ACCUSARE
«L’uso di falsi argomenti scientifici come adesso i presunti attacchi sonori, potrebbe creare un precedente nelle sfere internazionali che comprometterebbe i precetti etici della scienza in conflitti maggiori?», è stata la domanda di Granma al Dottore in Scienze Michel Valdés-Sosa, direttore del Centro di Neuroscienze di Cuba.
«Io credo di sì e inoltre ci sono prove recenti di come il cattivo uso dell’informazione scientifica per aver ignorato questa informazione scientifica, porta a decisioni sbagliate», ha detto Valdés-Sosa che ha posto l’esempio che negli Stati Uniti molto tempo fa ci fu una campagna che sosteneva che l’autismo viene provocato dalle vaccinazioni e molti genitori smisero di vaccinare i figli. Come conseguenza ritornarono malattie che erano state sradicate grazie alle vaccinazioni.
«La comunità scientifica ha lottato per anni per chiarire l’evidenza e adesso il governo degli Stati Uniti, l’amministrazione di Donald Trump, sta riattivando questo tema e risorge l’ipotesi screditata che l’autismo lo provocano le vaccinazioni».
Nel caso dei presunti attacchi acustici non esiste una base scientifica per le dichiarazioni che sostengono che sono stati attaccati funzionari nordamericani e già vediamo le conseguenze: l`allontanamento dei due paesi, l’interruzione dei servizi consolari, il ritiro dei diplomatici statunitensi da Cuba, e l’espulsione dei diplomatici cubani.
«Questo va contro le relazioni bilaterali e anche se nelle loro dichiarazioni dicono che non ha nulla a che fare con i presunti attacchi, tutto l’ambiente che si è creato attorno a questi presunti fatti crea il clima appropriato per muoversi in questa direzione», ha aggiunto.
Poi ha precisato che non ci sono dati sicuri, non ci sono prove solide per esprimere le affermazioni che il governo nordamericano ha fatto.
«I precetti della scienza ci dicono prima di tutto che le cose vanno verificate».
A proposito dei requisiti che deve sostenere una prova per poterla considerare valida da un punto di vista scientifico, ha spiegato che questo è un criterio della comunità internazionale, che l’informazione deve essere aperta, si parla di «open science (scienza di codice libero)».
«I dati vanno condivisi per far sì che si possano verificare, perché i dati giustificano le conclusioni a cui si giunge in qualsiasi ricerca realizzata», ha detto.
«La seconda condizione, ha aggiunto, è che si devono apportare prove obiettive, e nella medicina esistono, per confermare l’origine di possibili sintomi o problemi che si possono avere».
La terza, ha continuato, è la replica indipendente, non basarsi sui risultati di un solo laboratorio, ma di almeno due o più che possono avere accesso all’informazione primaria. In questo caso, la possibilità che medici diversi facciano una valutazione indipendente perché uno specialista o un laboratorio si possono sbagliare», ha segnalato.
«Dati aperti, prove obiettive e repliche indipendenti sono tre elementi accettati internazionalmente in qualsiasi ricerca».
tratto da Granma Int. - Autori Lisandra Fariñas Acosta e Sergio Alejandro Gómez - Traduzione GM

http://it.granma.cu/cuba/2017-11-17/gli-esperti-segnalano-le-incongruenze-dellipotesi-degli-attacchi-acustici-seconda-parte