italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@tiscali.it 

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertà per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Lo statuto
I circoli
I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualità
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

AP: L’FBI NON HA TROVATO ALCUNA PROVA DELLE IPOTESI DI ATTACCHI ACUSTICI

9 gennaio 2018 – L’FBI non ha trovato alcuna prova delle ipotesi di attacchi acustici contro il personale diplomatico statunitense a Cuba, dopo mesi di investigazioni e quattro viaggi a La Habana, ha rivelato questo lunedì l'Associated Press (AP).
L'agenzia statunitense ha avuto accesso a un relazione provvisoria della Divisione Operazioni Tecnologiche dell’FBI, datata 4 giugno scorso, che non è stata ancora resa pubblica.
"L’FBI ha verificato l'ipotesi che onde udibili, infrasoniche o ultrasoniche s avrebbero potuto essere usate clandestinamente per ferire degli statunitensi a Cuba e non hanno trovato alcuna prova", riferisce l'AP.
Le conclusioni degli investigatori statunitensi concordano con quella del Comitato di Esperti cubani che condusse un'esaustiva investigazione sui presunti incidenti, indicata dalla massima direzione del Governo.
Fin dall'inizio, le autorità cubane hanno sottolineato che non si è mai permesso né si permetterà che il territorio nazionale venga utilizzato per qualunque azione contro funzionari diplomatici accreditati o loro familiari, senza eccezioni.
Nonostante la poca chiarezza nel caso, Washington ha preso misure unilaterali e ha ritirato la maggior parte dei suoi diplomatici dall'Isola, paralizzando le procedure di visti a La Habana. Inoltre, ha chiesto il ritiro di 17 funzionari cubani negli Stati Uniti.
Come ha confermato ad AP il sottosegretario di Stato, Rex Tillerson, ancora non viene gestito il ritorno del personale statunitense perché, secondo lui, li starebbero "esponendo intenzionalmente al pericolo".
Si aspetta che oggi si effettui un'udienza su questo argomento nel Congresso, diretta dal senatore della Florida, Marco Rubio, che tenta di manipolare il caso per smontare gli scarsi progressi registrati nei legami bilaterali.
Anche il senatore repubblicano, Jeff Flake, ha assicurato a La Habana, sabato scorso, che non vi è alcun motivo per dubitare della posizione del Governo cubano e ha aggiuto che nelle relazioni alle quali ha avuto accesso non c’erano prove sul coinvolgimento delle autorità dell'Isola.
(Informazione di AP - Foto: EFE)

Traduzione: Redazione di El Moncada/Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

http://www.cubadebate.cu/noticias/2018/01/09/ap-el-fbi-no-ha-encontrado-prueba-alguna-de-los-supuestos-ataques-sonicos/#.WlVEqDdG3Dc