italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@tiscali.it 

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertà per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Lo statuto
I circoli
I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualità
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

IN VIGORE NUOVE NORME GIURIDICHE SUL SISTEMA DELLE IMPRESE CUBANE
La Gazzetta Ufficiale pubblica queste disposizioni che danno continuità al processo di trasformazioni volte a favorire un sistema imprenditoriale più organizzato, efficiente ed efficace.

12 dicembre 2017 - La Gazzetta Ufficiale Straordinaria Nº 58 pubblica oggi una serie di norme giuridiche con le quali si progredisce nel perfezionamento del sistema delle imprese e si dotano le imprese di maggiore autonomia.
Le norme giuridiche (un Decreto Legge e tre Decreti) sono il risultato del processo graduale di trasformazioni nel sistema cubano delle imprese, che è iniziato nel 2011 dopo che il 6º Congresso del Partito Comunista di Cuba ha approvato le linee 6, 7 e 15 che si riferiscono soprattutto alla separazione delle funzioni statali da quelle imprenditoriali, mediante un processo lento e adeguato; per far sì che il sistema delle imprese del paese sia costituito da imprese efficienti, ben organizzate ed efficaci, oltre a inserire il perfezionamento imprenditoriale nelle politiche del Modello Economico.
Nel 2016 il 7º Congresso ha definito nella Linea 9 la necessità di "avanzare nel perfezionamento del sistema imprenditoriale, assegnando gradualmente alle direzioni delle entità nuove facoltà, definendo con precisione i loro limiti (…)".
In questo senso, le nuove norme sono state elaborate secondo le politiche approvate per l’attualizzazione del modello economico e sociale cubano per cui è stato necessario, in questa occasione, la deroga di un Decreto e un Accordo del Comitato Esecutivo del Consiglio dei Ministri, dove si stabilivano il Regolamento Generale delle imprese statali e le Norme sull’Unione e sull’Impresa statale che datavano dagli anni 1979 e 1988 rispettivamente.
In questo modo, si elimina la dispersione legislativa esistente e si generalizzano concetti, funzioni e facoltà per tutto il sistema delle imprese.
In Relazione al Sistema di Direzione e Gestione delle Imprese Cubane, noto come Perfezionamento delle imprese, si aggiornano il Decreto Legge Nº 252 e il suo Regolamento, adattandoli alle condizioni attuali di generalizzazione delle facoltà che erano proprie dei dirigenti, dove si applicava questo sistema al resto delle imprese del paese e si precisa, inoltre, il procedere delle imprese perfezionate di fronte ai movimenti organizzativi.
Come si spiega nel Decreto No. 335 il sistema delle imprese del paese è formato, fondamentalmente, da organizzazioni superiori di direzione imprenditoriale (OSDE), da imprese e unità imprenditoriali di base, i cui concetti e le funzioni, così come le facoltà dei direttori in ogni caso sono state definite con precisione.
Come elemento importante si segnala che le OSDE si organizzano in gruppi o unioni , secondo le caratteristiche organizzative e tecnologiche delle entità che le formano e mantengono , rispetto a queste, funzioni di direzione e controllo, ma senza intervenire nella gestione e sotto uno stretto rispetto della loro autonomia.
Inoltre, si puntualizza che la gestione di direzione delle OSDE è centrata in questioni strategiche come il compimento degli obiettivi, la valutazione, l’approvazione dei piani, i sistemi di lavoro con i quadri,l’osservanza dell’oggetto sociale, così come le attività di ricerca e sviluppo, per ottenere nuovi prodotti e servizi.
Ugualmente, si precisa che il controllo si esercita, prioritariamente, sui risultati integrali di tutta l’organizzazione e sull’uso delle risorse assegnate dal Governo.
Nel Decreto No. 336 si definiscono le questioni come le relazioni delle organizzazioni superiori di direzione delle imprese con il Consiglio dei Ministri, gli organi statali nazionali, gli organismi dell’amministrazione centrale dello Stato e altre istituzioni.
Questo regolamento specifica anche che queste organizzazioni siano seguite come norma da un membro del Consiglio dei Ministri designato a tale scopo, che è personale e non delegabile; a lui spettano i compiti di orientamento, coordinamento e controllo, senza soppiantare il presidente della OSDE nelle sue funzioni di direzione.
A partire dall’entrata in vigore di queste normative, le OSDE create o quelle nelle quali è stato realizzato il processo del perfezionamento istituzionale restano subordinate al Consiglio dei Ministri e si assegna un periodo di 90 giorni ai capi degli organismi, degli organi statali nazionali e delle istituzioni statali per modificare o derogare le disposizioni che contraddicono quanto è regolato.
LE NUOVE NORME GIURIDICHE
- Decreto-Legge No. 334: Modificativo del Decreto Legge 252/2007 «Sulla continuità e il rafforzamento del Sistema di Direzione e Gestione Impresariale Cubano».
Decreto No. 334: Modifiativo del Decreto 281/2007 «Regolamento per l’Attuazione e il Consolidamento del Sistema di Direzione e Gestione Impresariale Statale».
- Decreto No. 335: «Del Sistema Cubano Impresariale Statale».
- Decreto No. 336: «Del sistema delle relazioni delle organizzazioni superiori di direzione delle impresariale ».
DELLE LINEE
Linea 9: Avanzare nel perfezionamento del sistema delle imprese, assegnando gradualmente alle direzioni delle entità nuove facoltà, definendo con precisione i loro limiti, con la finalità di ottenere imprese con una maggior autonomia, efficacia, competitività, sulla base del rigore nel disegno, e applicazione del loro sistema di controllo interno; mostrando nella loro gestione amministrativa ordine, disciplina ed esigenza. Valutare in maniera sistematica i risultati dell’applicazione e del suo impatto.
Elaborare il regime giuridico che regoli integralmente l’attività del imprese.
tratto da Granma Int. - Traduzione GM
http://it.granma.cu/cuba/2017-12-13/in-vigore-nuove-norme-giuridiche-sul-sistema-delle-imprese-cubane