italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@tiscali.it 

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertà per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Lo statuto
I circoli
I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualità
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

LAUREATI ALL'ELAM QUASI 29.000 GIOVANI DI 90 PAESI

La Habana, 25 dicembre 2017 - La Scuola Latinoamericana di Medicina (ELAM), fondata dal Comandante en Jefe Fidel Castro, nelle sue 14 sessioni di laurea ha formato quasi 29.000 medici di 90 paesi, ha informato uno specialista di quell’istituzione.
In una conversazione con l'ACN, Luis Estruch, professore Emerito dell'ELAM, ha sottolineato che questo costituisce uno dei grandi risultati della Rivoluzione cubana e del pensiero di Fidel Castro, perché questo centro docente è sorto il 15 novembre 1999, dopo il passaggio di due uragani nell'America Centrale e nei Caraibi.
Cuba doveva inviare da due a tremila medici in quei paesi a prestare aiuto, e il leader della Rivoluzione disse: "perché non prepariamo i medici di quelle nazioni? che loro inviino i giovani dei luoghi più reconditi e si formino qui", ha ricordato l'esperto.
All'inizio furono concesse 500 borse di studio per l'America Centrale, poi mille, successivamente cinquemila e diecimila, e quindi divenne un grande progetto; questa è l'opera di Fidel Castro, l'unica scuola di questo tipo nel mondo per formare medici di altri paesi in modo completamente gratuito è l'ELAM, ha sottolineato l'intervistato.
Secondo Estruch, i due terzi dei laureati hanno il titolo convalidato nelle loro nazioni dove esercitano, tra loro ci sono due ministri della Salute Pubblica: quella della Bolivia e quella del Costa Rica. Ci sono anche viceministri, direttori provinciali della salute e scienziati.
Ha precisato che tra tutti i laureati, un terzo ha fatto la specialità negli ambulatori medici di Cuba, e in altre istituzioni sanitarie, e poi ritornano nei loro paesi con il titolo di medico e quello di specialista.
Il professore Emerito dell'ELAM ha affermato che si sta realizzando il sogno di Fidel di preparare giovani poveri per le nazioni sottosviluppate e attualmente ci sono circa duemila studenti non solo della regione, ma di tutti i continenti, per cui si è trasformata in una scuola mondiale.
Si continua a sviluppare il suo pensiero di formarli nei valori umani, nella solidarietà, in contatto con la comunità, ha detto.
Cuba ha preparato1.100 medici ad Haiti, 800 a Timor Leste, e 172 giovani nordamericani, la maggior parte di essi convalidati negli Stati Uniti dove esercitano in quartieri poveri e promuovono programmi comunitari; sono cose straordinarie e di impatto per il futuro di quegli Stati, ha sottolineato.
Questo nessuno l'avrebbe pensato, il giorno che Fidel offrì borse di studio per gli Stati Uniti e attualmente si preparano a Cuba più di 80 giovani di quel paese, ha precisato.
Cuba ha creato anche nove facoltà di Medicina in Africa, con i professori e il metodo cubano; mentre il programma di maggior successo è quello del Venezuela, dove si sono laureati 22.000 Medici Integrali Comunitari e circa 20.000 si stanno formando.
Autore Iris de Armas Padrino - Foto archivio

Traduzione: Redazione di El Moncada

http://www.acn.cu/salud/31087-graduados-en-la-elam-casi-29-mil-jovenes-de-90-paises