italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@tiscali.it 

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertà per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Lo statuto
I circoli
I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualità
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

QUANDO CUBA HA DETTO BASTA

Le azioni del 26 Luglio 1953 hanno segnato dentro la storia cubana quel ri-inizio definitivo del processo indipendentista che è incominciato con le gloriose gesta mambisas del secolo XIX e continuarono i valorosi universitari del decennio del 1930.
Vent’anni dopo, un gruppo di giovani guidati da Fidel Castro si è posto all'avanguardia della lotta e, in occasione del centenario dell'Apostolo [José Martí] hanno deciso di assaltare le caserme Moncada e Carlos Manuel de Céspedes.
Ma, da dove è venuta fuori quella generazione che, con il sogno di fondare una patria nuova ha raggiunto la gloria quella mattina di Sant’Anna? Il tiranno Fulgencio Batista ha semplicemente sottovalutato una gioventù temeraria e impegnata nel destino del suo popolo.
CORAGGIOSI E SACRIFICATI, COSÌ ERANO QUELLI DEL CENTENARIO
Gli sbirri hanno cercato di minimizzare la grandezza di quei figli della Patria, ascrivendoli a partiti politici.
Non capivano che i giovani del centenario non volevano legarsi ai loschi traffici dell'epoca, quelli che hanno sommerso Cuba nella corruzione e nella più assoluta dipendenza.
Dopo il colpo di Stato perpetrato da Fulgencio Batista sorse dal più profondo dell'anima della nazione un esercito di uomini e donne disposti a finire con quell'obbrobrio.
Coraggio e alto senso del sacrificio erano i valori che segnavano gli 1500 giovani che si erano preparati per combattere, tuttavia solo poco più di 150 hanno partecipato agli assalti, per mancanza di armi.
Quella era la Generazione del Centenario, quella che ha acceso nuovamente la fiamma libertaria per non spegnerla mai più.
Traduzione: Redazione di El Moncada
http://www.radioreloj.cu/…/75-…/24413-cuando-cuba-dijo-basta