italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@italia-cuba.it

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertà per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Organismi dirigenti nazionali
Lo statuto
I circoli
Iniziative dei circoli
Documento Politico Conclusivo Congresso Parma 11.3.2018

I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Costituzione 2019

Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualità
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

L’Unione Europea esorta ad evitare un intervento armato in Venezuela
Lo ha dichiarato la portavoce comunitaria per i Temi Esteri e la Politica di sicurezza, Maja Kocijancic

27 febbraio 2019 - La Commissione Europea (CE) ha segnalato lunedì 25 che «si deve evitare un intervento militare in Venezuela, dopo le dichiarazioni nelle quali il deputato all’opposizione Juan Guaidó si è mostrato a favore di mantenere aperte tutte le opzioni ».
La portavoce comunitaria per i Temi Esteri e la Politica di Sicurezza Maja Kocijancic, ha assicurato in una conferenza stampa che «la posizione della UE in questo contesto è molto chiara: si deve evitare l’intervento militare».
Era previsto che il vicepresidente degli USA, Mike Pence, annunciasse «passi concreti» e «azioni chiare» per far fronte alla crisi in Venezuela, durante la riunione dei leaders regionali dell’America Latina che fanno parte del denominato Gruppo di Lima, dov’è andato Guaidó.
Lo ha affermato un funzionario di governo d’alto rango della Colombia, che non ha voluto entrare in dettagli sulle nuove misure , come ha informato Reuters confermato da Russia Today.
La possibilità di un intervento militare nel paese sudamericano è aumentata dopo il tentativo fallito di forzare l’entrata in Venezuela degli «aiuti umanitari» provenienti dagli Stati Uniti, avvenuto sabato 23, con l’avallo della Colombia.
Guaidó ha reiterato pochi giorni fa il suo richiamo alle Forza Armata Nazionale Bolivariana (FANB) perché non riconosca più l’autorità del presidente Nicolás Maduro e permettesse l’ingresso dei veicoli.
L’Esecutivo venezuelano ha espresso il suo rifiuto a far entrare le 300 tonnellate di materiali provenienti dagli Stati Uniti, con l’argomento che si tratterebbe di un primo passo verso un intervento nel paese. Non è la prima volta che il blocco europeo si esprime contro un possibile intervento.
Al principio di questo stesso mese di febbraio, l’alta rappresentante della UE per la Politica Estera, Federica Mogherini, aveva cominciato le riunioni del Gruppo di Contatto Internazionale riunito in Uruguay, segnalando che «è fondamentale evitare la violenza interna e l’intervento esterno in Venezuela e si deve aprire un cammino per un processo politico credibile che conduca ad elezioni anticipate nel paese», aveva sostenuto.
(GM – Granma Int.)

http://it.granma.cu/mundo/2019-02-27/lunione-europea-esorta-ad-evitare-un-intervento-armato-in-venezuela