italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@italia-cuba.it

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertą per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Organismi dirigenti nazionali
Lo statuto
I circoli
Iniziative dei circoli
Documento Politico Conclusivo Congresso Parma 11.3.2018

I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Costituzione 2019

Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualitą
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

Gli Stati Uniti rimproverano Guaidó per il fallimento nella politica golpista in Venezuela

Caracas, 28 febbraio 2019 - La sconfitta militare dell’autoproclamato presidente ad interim del Venezuela, Juan Guaidó, per non aver finora ottenuto l’adesione delle Forze Armate Nazionali Bolivariane (FANB) č stata criticata dal vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence.
L'autoritą di Washington ha recriminato con il presidente dell'Assemblea nazionale (AN) per lo sprezzo dei fallimenti subiti dopo il suo riconoscimento il 23 gennaio, azioni che non hanno permesso di giustificare l'intervento militare progettato dalla Casa Bianca.
La rivelazione č stata fatta mercoledģ dal portale argentino di notizie La Polķtica Online, dove ha descritto che la rimostranza ha avuto luogo nella riunione del sedicente Grupo de Lima, lunedģ scorso a Bogotį, in Colombia.
Secondo questo portale, "Pence ha tracciato al presidente "incaricato" Juan Guaidó, una dura diagnosi di tutto ciņ che stava fallendo nell'offensiva contro il regime chavista. La pił forte reclamo č stato per la continuitą dell'adesione delle FANB al presidente legittimo, Nicolįs Maduro.
Guaidó, secondo l'analisi della piattaforma digitale, aveva promesso al governo degli Stati Uniti che se la maggior parte dei leader mondiali lo avesse riconosciuto come presunto presidente del Venezuela, almeno la metą degli ufficiali delle FANB avrebbe disertato, fatto che non č accaduto.
D'altra parte, anche il membro del partito di opposizione Voluntad Popular non ha ottenuto il sostegno del 50% dei 194 paesi che compongono le Nazioni Unite (ONU).
Un'altra delle false affermazioni del parlamentare consisteva nell’assicurare che la base sociale che segue il sistema socialista guidato da Maduro fosse "disintegrata", un’affermazione anche questa non vera.
Nella capitale della Nueva Granada, il funzionario americano ha anche messo in dubbio l'atteggiamento poco impegnato dei milionari venezuelani che vivono all'estero. Si sperava in un apporto di denaro pił consistente per finanziare il passaggio di polizia, militari e politici nella sfera di Guaidó. Finora non č successo ", commenta La Polķtica Online.
Di fronte a questi fatti, importanti centri di decisione internazionale alleati con la presidenza di Donald Trump hanno cominciato ad avvertire che l'opposizione venezuelana "potrebbe perdere il momento" che presumibilmente aveva guadagnato con l'irruzione di Guaidó.
Da parte sua, il Governo bolivariano ha dichiarato come uno dei principali fallimenti del membro dell'AN insieme agli Stati Uniti l'impossibilitą di far entrare nel paese sudamericano il 23 febbraio scorso i presunti aiuti umanitari –come li hanno annunciati- meccanismo impiegato per giustificare l'intervento
Dopo quella sconfitta, Guaidó ha detto che gli avvenimenti di quel giorno "mi costringono a prendere una decisione: proporre alla comunitą internazionale in modo formale che dobbiamo tenere aperte tutte le opzioni disponibili per ottenere la liberazione di questa Patria".
Tuttavia, la proposta č stata respinta dallo stesso Grupo de Lima, che in un comunicato ha insistito sulla permanenza degli attacchi contro il Governo costituzionale e sulla necessitą di "distaccarsi" dal capo di Stato venezuelano, solo "senza l'uso della forza".

Traduzione: mac
https://www.prensa-latina.cu/index.php?o=rn&id=256851&SEO=ee.uu.-reprocha-a-guaido-fracaso-en-politica-golpista-en-venezuela