italcuba.jpg (27434 byte)

Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Segreteria: Via Pietro Borsieri, 4  - 20159 MILANO - tel. 02-680862  
 www.italia-cuba.it
30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)30_px.gif (66 byte)amicuba@italia-cuba.it

Cuba l'Associazione i circoli dell'Associazione iscriviti all'Associazione in rete Informazione

cerca

Notizie da Prensa Latina Viaggi di conoscenza Campi di lavoro volontario Iniziative dei circoli Corsi di spagnolo e altro

 

antiterr.gif (3602 byte)
Libertà per i cinque

stop1.gif (1692 byte)
Lotta al Blocco
interventi e votazioni alle Nazioni Unite

Cuba contro il terrorismo





Associazione
Chi siamo
Organismi dirigenti nazionali
Lo statuto
I circoli
Iniziative dei circoli
Documento Politico Conclusivo Congresso Parma 11.3.2018

I gemellaggi
Mostre
Viaggi di conoscenza

Cuba
I simboli
Popolazione
Geografia
Storia
Politica
Lotta al blocco U.S.A.
Il terrorismo degli U.S.A.
Discorsi di Fidel Castro
Personaggi di Cuba
Immagini di Cuba
Ambasciata di Cuba

Informazione
Notizie da Prensa Latina
Archivio "notizie da P.L."

Attualità
Granma diario
Granma Internacional
Juventud Rebelde
Trabajadores
Prensa Latina
CUBAnews
Agencia Informativa Nacional

CubaWeb
 

PERCHÈ IL VENEZUELA?

23 gennaio 2019 - Il Venezuela ha subito oggi il peggiore attacco nella storia della Rivoluzione Bolivariana.
Gli Stati Uniti sono decisi a far cadere il governo di Nicolás Maduro e, con altri governi oligarchici della regione e la OSA hanno violato tutte le norme del Diritto Internazionale che esistono, e hanno riconosciuto un oppositore che si è proclamato «presidente» in un miting con alcuni nottambuli della destra più reazionaria che cercano quote di potere in un’ipotetica spartizione della torta, se si elimina l’attuale amministrazione legittima, democratica e rivoluzionaria.
Gli Stati Uniti, che hanno fretta di incentivare il possibile scoppio di scontri che possono costare morti e feriti, non si abituano a che un governo della regione non accetti i loro ordini e non applichi il modello neoliberale capitalista che vogliono imporre.
Del Venezuela pretendono di abolire, prima di tutto, il suo esempio, la sua resistenza, la sua permanente solidarietà con altri popoli, la costruzione di un modello di socialità che ha portato sino alla cima la realizzazione di programmi sociali inclusivi, che ha portato i servizi di salute, di qualità e gratuiti, a tutta la popolazione, che ha innalzato la bandiera di zero analfabetismo e prepara decine di migliaia dei suoi figli come professionisti universitari impegnati nella costruzione di un presente e un futuro migliori.
L’impero sa molto bene che nella geopolitica delle amministrazioni nordamericane, la Repubblica Bolivariana è come un sassolino nella scarpa, un esempio da ripetere, un modello per l’azione rivoluzionaria e quindi un progetto che va distrutto.
L’appetito statunitense per impadronirsi del Venezuela ha gli occhi puntati sulle risorse di questa nazione, sul suo petrolio, che è la maggiore riserva del mondo, sul suo oro e altri metalli che ne fanno una preda preziosa.
Ieri, quando un oppositore della destra reazionaria, ignorando completamente la Costituzione del paese e il Diritto Internazionale si è auto proclamato «presidente», tutto era pronto perché da Washington gli desse via libera e dietro al padrone i governanti di Argentina, Paraguay, Brasile, Colombia, Canada, Perù, Costa Rica e l’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) hanno appoggiato l’impostore.
Perché non restino dubbi su qual è il proposito degli USA, il presidente Donald Trump ha espresso nel suo account di Twitter che «i cittadini del Venezuela hanno sofferto per troppo tempo per colpa del regime illegittimo di Maduro. Oggi ho riconosciuto ufficialmente il presidente dell’Assemblea Nazionale venezuelana, Juan Guaidó, come Presidente ad interim del Venezuela», ha aggiunto Trump.
Immagino che in questa scena mediatica con la quale si vuole avvelenare il mondo, le multinazionali petrolifere nordamericane stiano aspettando il loro turno per sfoderare i loro artigli e impadronirsi del petrolio.
Il Dipartimento di Stato e il Pentagono devono essere tra i primi a ricevere ordini per occupare questo paese, con l’ambizione di stabilire un dominio quasi completo in quello che dalla Dottrina Monroe, è stato sempre considerato il cortile posteriore degli Stati Uniti .

Tratto da: GM – Granma Int. - Autore: Elson Concepción Pérez – Foto: Stampa Presidenziale